Intervista a Max Righi (Silver Seal, Whiskyantique)

Nel nostro “pensarne mille e farne mezza”, da tempo progettavamo una sezione di interviste ai protagonisti del whisky in Italia, siano essi imbottigliatori, collezionisti, importatori, per dare ulteriore voce a un movimento ampio e con radici storiche ben salde nel terreno. Siccome, si sa, inaugurare una sezione significa anche costringersi a tenerla viva, rompiamo gli indugi e partiamo col botto: qualche mese fa abbiamo intervistato Max Righi, proprietario di Silver Seal, di Whiskyantique e di Whisky&Co (dunque imbottigliatore, collezionista e commerciante), e gli abbiamo chiesto di raccontarci quel che pensa del momento attuale del whisky, di com’è svolgere il lavoro del selezionatore… È stata una lunga chiacchierata molto interessante, soprattutto piacevole e conviviale; tagli sono stati necessari, ma speriamo possa essere una lettura gradevole anche per voi.

1470230_10201851397718703_1892519040_n

Qual è stato il tuo primo approccio al whisky, anche dal punto di vista del collezionismo, e come è diventato il tuo lavoro?

Già all’università mi piaceva assaggiare cose diverse, con la curiosità di capire cosa c’era dietro all’etichetta. A memoria le prime bottiglie sono state il Glenmorangie 10 anni e il Glenfiddich over 8 years; le finanze erano quelle di uno studente e si faceva un po’ quel che si poteva. Poi ho iniziato un percorso lavorativo completamente differente, in banca, ma durante un master a Edinburgo a metà anni ’80 ebbi la fortuna di conoscere un sommelier con cui la sera giravamo i whisky bar. A quel punto scoprii quanto i whisky potessero essere buoni ma soprattutto diversi; il fascino fu enorme e la curiosità prese il sopravvento: in quei pochi giorni di master cominciai a visitare da solo il maggior numero di distillerie nei paraggi. Devo molto però anche a mio padre, collezionista di vino e liquori italiani; probabilmente nel sangue abbiamo questa sorta di problema genetico che ti porta ad apprezzare il bello, a farti ricordare un prodotto… e a collezionarlo.

1899877_10202539080910353_501035760_nE così sei partito anche tu…

Già, una bottiglia era da bere e un’altra uguale per la collezione. A un certo punto, forte di una discreta cultura dal punto di vista degustativo e di una discreta collezione, mi son detto “facciamo il passo”: negli anni ’90 ho fondato una società, prima Malt Max e poi Whiskyantique, e solo poi ho cominciato a comprare delle collezioni in tutto il mondo – anche perché sono dell’opinione che le cose le fai in maniera legale o non le fai. Dal 2007 è partita la collaborazione con l’imbottigliatore italiano Silver Seal, marchio che poi ho rilevato dal 2009. Così ho cominciato anche a comprare barili, sempre con l’idea che il business è una cosa seria, ma va fatto divertendosi. Non siamo una multinazionale, che deve avere grandi volumi, quindi le cose le facciamo solo se è un piacere. In questo senso Silver Seal è un po’ come un bambino che hai in casa e con cui giochi; i guadagni invece arrivano da tutto quello che è Whiskyantique, cioè vendita di bottiglie nuove o da collezione e la distribuzione in Italia dei marchi degli imbottigliatori indipendenti con cui nel corso di tutti questi anni di viaggi ho stretto rapporti di amicizia, da Whisky Agency a Malt of Scotland, Jack Wiebers, Rattray o Sansibar.

1472093_10201851369237991_1764408261_nParliamo del momento attuale del whisky, che forse non ha mai visto un boom tale nei prezzi e nei volumi.

Anzitutto lasciatemi dire che bisogna preservare la razza in estinzione degli imbottigliatori indipendenti. Col mercato che va a mille le distillerie negli ultimi anni si sono arroccate e fanno fatica a cedere le botti, destinandole a imbottigliamenti ufficiali di distilleria, magari single cask. Però bisogna sempre ricordare che le distillerie sono diventate marchi famosi proprio grazie agli indipendenti: la distilleria ha sempre lavorato per un mercato di massa, che produce fatturato, ma è il mercato di nicchia che ti porta riconoscimenti sulla qualità. Penso che tutto funzionerebbe meglio se si tornasse a una logica per cui gli imbottigliatori indipendenti con prodotti di altissima qualità tirano la volata alle distillerie, che poi arrivano a vendere il loro prodotto base, su cui alla fine si concentra il guadagno vero. Forse però dall’inizio di quest’anno qualcosina è cambiato: le distillerie cominciano a riproporre dei barili, quando fino all’anno scorso le porte erano chiuse. Forse hanno capito di essersi focalizzati troppo sul mercato asiatico – che, per carità, è uno dei miei sbocchi commerciali più importanti – puntando molto sulla forma e a volte meno sulla sostanza. Io amo le confezioni stravaganti, ma deve esserci per forza anche il contenuto: il fatto è che anche gli asiatici stanno diventando sempre più competenti e quindi anche più esigenti. C’è poi anche il problema di aver spostato la distribuzione brutalmente a Oriente. Per fare un esempio, il Macallan 12 anni in sherry in Europa nemmeno ci arriva, io l’ho comprato in Giappone; alla lunga quando tu tratti male il cliente che negli ultimi 30 anni è stato la tua banca, questo ti volta le spalle. Per me il non aver rispettato il mercato nella sua interezza è stato molto grave.

Come scegli le tue botti?

Francamente quando seleziono guardo anzitutto se una cosa piace a me, senza seguire per forza le mode del momento: come dicevo, il divertimento e la soddisfazione personale vengono sempre per primi. Tecnicamente, la prima cosa che guardo è la predominanza dell’alcol: se copre gli altri profumi e gli altri odori, quella botte non fa per me. Poi viene il difficile, ovvero capire quale sarà l’evoluzione dalla botte alla bottiglia, cercando di prevedere quale sarà anche l’evoluzione dei difetti. Ad esempio un po’ di tannicità col riposo in bottiglia si può anche perdere, ma bisogna fare delle scommesse. Vinci o perdi, sta lì la bravura. Spesso si commette l’errore, per esigenze di mercato, di non far riposare sufficientemente il distillato in bottiglia; lo si porta ai festival e sugli scaffali poco dopo il travaso dalla botte, mentre bisognerebbe far passare anche un anno. Comunque il rischio ma anche il bello del nostro lavoro è che non ci sono certezze, su nulla, e a un certo punto subentra anche l’istinto. Di questi tempi in giro vedo un po’ troppa saccenza, mentre frequentando i grandi appassionati sparsi per il mondo, i Malt Maniacs, oppure importanti selezionatori, si capisce che la loro grandezza sta proprio nella leggerezza, nella semplicità e nella capacità di rimettere continuamente in discussione le convinzioni. Ho sentito persone dire ‘io bevo solo whisky, il rum no grazie’ e invece la curiosità è tutto. È il tratto che accomuna le menti più brillanti.

385206_2379990271259_1813957296_nQuella dell’invecchiamento in bottiglia è una questione molto dibattuta. Qual è la tua opinione?

C’è un unico modo per saperlo: recuperare una degustazione fatta dieci anni fa, ricomprare la stessa bottiglia e rifare le note di degustazione. Infine si comparano le due degustazioni. L’ho proposto di recente proprio a Serge Valentin, utilizzando una sua vecchia recensione. Nei primi due anni in bottiglia i cambiamenti sono evidenti, ma dopo chi ne ha le prove?

Quale sono le selezioni a cui sei più affezionato?

In generale quelle delle distillerie meno importanti. Le botti che più mi hanno entusiasmato in assoluto sono state il Littlemill 19 anni e il Dailuaine 37 anni; il Littlemill nessuno lo considerava qualche anno fa e gli scozzesi facevano a gara per vendertene una botte. È molto facile selezionare un buon Macallan, o Laphroaig o Ardbeg. Sono spesso ottimi e si vendono facilmente anche a prezzi importanti; invece scovare le distillerie dà un piacere particolare. Ricordo ancora quando agli inizi un amico in Scozia mi fece scoprire in un pub il Dailuaine e il Mortlach della serie Flora & Fauna: erano ottimi e costavano nulla, ma fino a poco tempo fa non avevano reputazione.

E invece in questi ultimi dieci anni di boom abbiamo visto tante distillerie costruirsi un nome, magari proprio grazie a tanti single cask di indipendenti, come dicevi tu. Per il tuo lavoro di selezionatore è cambiato qualcosa in questi anni di crescita continua?

È diventato più difficile trovare barili buoni, però questo è anche il bello del mestiere. Se la sfida diventa più dura, significa che assaggerai quaranta campioni pessimi in più, che faticherai maggiormente per avvicinarti alla botte che potrebbe regalarti delle sorprese positive. Nessuno può combattere il mercato di oggi, l’unica cosa che si può fare è cercare di far capire a chi ha i barili, distillerie e broker, che anche loro si devono accontentare, che non si può alzare il prezzo all’infinito, perché comunque un tetto esiste. E tra l’altro secondo me al tetto ci siamo arrivati, o poco ci manca. Bisognerebbe realizzare un po’ tutti assieme che la gente non può rovinarsi per comprare una bottiglia di whisky.

10258171_871634929562882_6201542512046520511_oInsomma, vedi la bolla pronta a fare puff…?

Una volta chiesi a una grande azienda se avessero venduto tutte le bottiglie di un imbottigliamento esclusivo che si aggirava sui 2-3 mila euro a pezzo. Mi risposero di sì, ma non avevano capito la domanda. Io non volevo sapere se avessero venduto tutte le bottiglie alle varie enoteche o negozi, ma se fossero state effettivamente comprate dai clienti. Perché se le bottiglie sono sugli scaffali dei negozi, la distilleria ha sì già sistemato il bilancio dell’anno, ma se poi il cliente non compera, l’anno venturo quegli scaffali sono ancora pieni. Ecco, lì iniziano i problemi. È un meccanismo delicato e – ripeto – i prezzi non possono essere alzati all’infinito per tutte le fasce di mercato. Conosco collezionisti, anche molto facoltosi, magari di Taiwan, che di fronte ai prezzi di alcune nuove release hanno deciso di smettere di collezionare quella distilleria. Sembra che i produttori vogliano imitare i processi di mitizzazione tipici del mercato secondario, ma non è un meccanismo sostenibile. Un conto è se una bottiglia dopo anni assume una valenza collezionistica e decuplica il suo valore, ma io, come Silver Seal o come distilleria, non posso far uscire sul mercato imbottigliamenti già a quei prezzi. Si dimentica che i prezzi delle aste decollano anche perché la maggior parte delle bottiglie di quel determinato imbottigliamento limitato – facciamo come esempio 1000 esemplari – sono già state bevute. Ci sono due persone che sono disposte a pagare una follia le poche rimaste e alzano il prezzo, ma le altre 998 non le avrebbero mai acquistate a quei prezzi. E così ho visto un imbottigliamento Silver Seal andare in asta a 2000 euro, ma io non ho 300 clienti a cui vendere il contenuto della botte a quei prezzi, loro vogliono pagare 200-300 euro. Non possiamo essere noi a determinare a priori il prezzo che la Storia darà a un whisky…

Bowmore 12 yo ‘Travel to Mars’ (2003/2015, Liquid Treasures, 49,6%)

Torniamo sull’imbottigliatore tedesco Liquid Treasures, che tempo fa ha avuto la bella (e, se vogliamo, mai troppo imitata) idea di inviarci alcuni campioni dei loro imbottigliamenti per sottoporli alla nostra inadeguata attenzione: oggi ci ha punto vaghezza d’assaggiare un Bowmore dodicenne ex-bourbon, e siccome siamo uomini del fare e non del ciarlare eccoci qui. Mentre la ghiera di metallo che richiude ermeticamente il tappo del sample si frantuma al gesto sicuro del blogger attento, con pronto il suo taccuino, l’asticella dell’occhiale severamente compressa tra i denti, pronta a sorreggere l’attenzione che sola può condurre alla serenità del giudizio, quell’unico rumore (cri-cric) richiama alla mente ogni altro sample stappato, e un catalogo infinito del passato e del possibile si squaderna. Sì, oggi non avevamo idee.

schermata-2016-09-23-alle-20-03-55N: atto primo, la torba, che in un whisky guidato dal distillato si staglia con brutale fierezza, invero inusuale per il delicato stile di Bowmore. È una torba ‘pesante’, sia con marcati accenti di terra ed erba macerata che con qualcosa di inorganico, da smog; e pur non essendo tra i Bowmore più marini, sarebbe da stolti non riconoscergli una certa brezza salina e iodata di fondo. E noi non siamo stolti. Acute note ‘acide’, di limoni e pompelmi. I 12 anni lo lasciano sospeso tra questi sentori di whisky isolano, giovane, con anche robuste note di malto (diremmo: di distilleria), e una personalità già più riccamente fruttata. E come trascurare la proverbiale tropicalità di Bowmore? Spiccano note di alchechengi, kiwi, maracuja.

P: rispetto al naso, invertiamo la narrazione (pardon, ristrutturiamo il paradigma dello storytelling): predomina una bella freschezza d’agrumi gialli (limone e pompelmo) e di frutta matura, ancora tendenzialmente tropicale. Un pizzico di vaniglia? La torba, ancora vegetale (erba bruciata) colpisce soprattutto in ingresso, mentre la marinità resta costante, fresca e ‘frizzantina’, spumosa.

F: lungo e persistente, torna la torba smoggosa e perdura il distillato, dolce e con le sue note agrumate e vagamente maltose.

Buono, relativamente semplice ma perfetto nel suo incarnare quanto ci si aspetta da Bowmore: malto, acqua di mare, fumo di torba, frutta tropicale e note agrumate. L’esperienza conferma che difficilmente si cade male acquistando un Bowmore del nuovo millennio: 86/100.

Sottofondo musicale consigliato: The Mars Volta – Intertiatic.

Glen Grant

85452330_whisky_140838c

Su Whiskyclub.it tutte le specifiche della distilleria, qui sotto tutte le espressioni che abbiamo bevuto:

OB

Glen Grant 5 yo (2013, OB, 40%) – 75/100

Glen Grant 10 yo (fine ’90, OB, 40%) – 86/100

Glen Grant 12 yo (anni ’70, OB, 43%) – 85/100

Glen Grant 25 yo (2011, OB, Rare collection, 43%) – 87/100

Glen Grant ‘Five Decades’ (2013, OB, 46%) – 77/100

IB

Glen Grant 13 yo (2009, Duthies, 46%) – 77/100

Glen Grant 21 yo (1992/2013, Douglas Laing, 51,5%) – 77/100

Glen Grant 25 yo (1990/2015, Valinch & Mallet, 57,5%) – 87/100

Glen Grant 1970 (2001, Samaroli, cask #1043, 45%) – 91/100

Glen Grant 52 yo (1956/2008, Gordon&MacPhail, 40%) – 93/100

Aberlour Antique (circa 2000, OB, 43%)

Ormai chi ci legge sa che Aberlour è una delle distillerie dello Speyside che maggiormente apprezziamo per la sua costanza nel tempo, per la qualità media, sempre alta, dei suoi imbottigliamenti, per la generale solidità del distillato – e cortesemente non veniteci a dire che questa è una sinestesia, eh! Ad ogni modo: Pino Perrone, indiscusso guru del whisky ed enciclopedia ambulante, sacerdote del tempio romano di Whisky & Co, grande appassionato di musica, collezionista bibliofilo e amministratore delegato del suo cane Octomore, dicevamo: Pino Perrone ci ha omaggiato, ormai più d’un anno fa, di un sample di Aberlour “Antique”, un NAS messo sul mercato dei duty free a inizio 2000. Noi, ringraziando Pino, mettiamo naso e fauci sul bicchiere.

ablob-non4N: un dram double face, che unisce un bel lato sfacciatamente beverino e succoso a qualcosa di più profondo ed elegante. Spieghiamoci: da una parte infatti abbiamo invitanti pesche mature, marmellata alle fragole, mele rosse e più in generale una sensazione di zucchero e noccioline caramellate che avercene; e ancora confetto, miele, pasta di mandorle. D’altra parte tuttavia sembra tener fede al suo nome – Antique – regalando note di fichi e datteri secchi, vecchia carta (ma senza un briciolo di senso di umidità), spezie profumate (avete mai annusato la carta aromatica d’Eritrea?). Levigato e classy.

P: dopo un naso così carico, le aspettative sono alte. Da subito si ripropone quella sensazione fruttata molto facile a base di pesche, mele e frutta rossa unitamente a una bella nota di cereale. Rispetto al naso però emergono nuove suggestioni, con tanto legno tostato, cioccolato fondente e frutta secca. Tè in infusione.

P: ancora tanto legno e quei mieli un po’ amari. Abbastanza lungo.

Partiamo dal voto, 86/100, per un whisky magnificamente ‘normale’ (di quelli che, come diciamo noi, “sanno di whisky”), mai tentato dalle chimere dell’avanguardia più sperticata, privo di guizzi ma soprattutto privo di difetti: insomma, un whisky ben radicato nella tradizione di casa, un malto fatto come solo Aberlour sa forgiarli, oggi come ieri. Sapevamo già con la serie degli a’bunadh che la distilleria ci sa fare anche con i NAS, ma ci piace averne ulteriore conferma con questo imbottigliamento di una quindicina d’anni fa. Daje.

Sottofondo musicale consigliato: Marijata – I walk alone.

Glenglassaugh 30 yo (2015, OB, 44,8%)

La simpatica storia di Glenglassaugh racconta di una piccola distilleria nel Banffshire, chiusa nel 1986 per la celebre crisi del whisky di inizio anni ’80 (pare impossibile: c’è stato un momento in cui il whisky prodotto era troppo!, ragion per cui ci viene da dire: generazioni passate, ve la menate tanto, ci avete tolto il futuro per godere le vostre pensioni d’oro e non eravate manco in grado di bere!, siete delle pippe) e riaperta la bellezza di 22 anni dopo, nel 2008, “grazie al provvido intervento che operò quel sacramento” (cit.) del gruppo Scaent. Altri tre anni ed è il gruppo BenRiach a mettere le mani sulla distilleria: l’operazione resta negli annali perché la proprietà decide contro ogni pronostico di non piazzare una maiuscola “alla cazzo di cane nel mezzo del nome” (altra cit. coltissima), come invece accade con GlenDronach e BenRiach, appunto. Ma stiamo divagando, perdonateci: quel che conta è che, con ogni evidenza, gli stock presenti in distilleria o sono molto vecchi, di prima del 1986, o molto giovani. Noi assaggiamo la versione più anziana del core range, un trentenne che giunge all’acquirente in bottiglia con bizzarra foggia periforme.

ggsob-30yov1N: leggermente pungente e con un concetto ben spiattellato fin da subito: sherry cask. Evidenti sono infatti le note di frutta rossa, uvetta e frutta cotta (prugne e mele). Frutta di marzapane. Oltre a tutte queste delizie però c’è anche un lato più sobrio, dal cioccolato amaro al miele anch’esso amaro. Concordiamo alla grande con IBR sul legno di sandalo, che dà conto di un dram bello profumato e complesso. Infine, note legnose ed erbacee, con puntine balsamiche. Senape?

P: Si sente la mancata diluizione, con un corpo bello presente. L’atmosfera è molto scura, con legno tostato e macerato, prugne e ancora uvetta sotto spirito. A rendere ancora meno scontato il contesto ci si mettono anche inattese note amaricanti di fave di cacao, caffè, the molto infuso e persino cenere di sigaro. Pepe nero abbondante.

F: il legno e le sue spezie si prendono tutto per tanto tempo. Uvetta, sigaro e fave di cacao.

Davvero molto piacevole, anche se l’avevamo assaggiato pure ai festival in passato e non ci aveva impressionato: evidentemente è un whisky che richiede altri contesti per essere apprezzato al meglio, vuole attenzione, calma e raccoglimento. Per una volta, mette d’accordo tutti sia nel voto che – ed è quel che conta di più – nella descrizione: 90/100 come Serge e Ibr.

Sottofondo musicale consigliato: Elio e le storie tese – Supergiovane.

Classic of Islay (2015, Jack Wiebers, 55%)

Talvolta il nostro amico Ghido, emigrato in Germania ormai da tanti, troppi anni, ci scrive per chiederci consigli per gli acquisti maltati, e noi siamo ben felici di dargli le nostre opinioni; qualche mese fa l’abbiamo spinto all’acquisto di questa bottiglia, “Classic of Islay” dell’imbottigliatore tedesco Jack Wiebers, perché avevamo scoperto che si trattava di un Lagavulin, presumibilmente ex-sherry (i feticisti potranno approfondire sapendo che si tratta del cask #2888, anche se non sappiamo l’anno di distillazione) – e si sa, con Lagavulin si cade sempre in piedi. Lo stesso Ghido ci ha omaggiato di un grasso sample, che andiamo ora a svuotare senza pietà; gli avremo dato un buon suggerimento?

schermata-2016-09-19-alle-12-39-10N: a 55% l’alcol sembra rimasto a Berlino, insieme ai neuroni di tante delle migliori menti della nostra generazione. A proposito: andiamo a Berlino, Beppe! Da subito si percepisce la ricchezza dei grandi imbottigliamenti: c’è tutto il mare di Islay, c’è la spuma del mare, c’è l’aria sferzante e salata; ci sono note terrose, minerali che si spingono oltre al limite del medicinale, tra la garza e la canfora (sfodera anche punticine balsamiche), c’è un bacon invitante. Come se non fosse abbastanza ‘organico’, ha anche un lato gradevolmente sulfureo (al limite della carne di maiale), che pare sfociare nell’arancia troppo matura. Verosimilmente si tratta di un single cask ex-sherry, e questo lato si manifesta con note di maron glacée, di sciroppo d’acero.

P: un attacco deciso, molto scuro e con le palle quadrate. La triade d’ingresso è caffè / caramello / arancia quasi andata e sulfurea: l’effetto, incredibilmente punchy, è di un paradossale e incantevole dolceamaro salato, con ancora fortissima la presenza dell’acqua di mare, qui perfino del pesce, dei molluschi; c’è anche una dolcezza ‘zuccherina’ e scura, forse di arancia rossa (marmellata di), poi di uvetta e marron glacée. Il fumo è definitivo, acre, profondo e massacrante: ci si ritrova la bocca impastata di cenere di sigaro, di smog. Perfetto.

F: incredibilmente intenso e persistente: un po’ come addormentarsi a fine serata, sul molo, ubriachi, con la faccia in un posacenere.

Con Lagavulin si cade sempre in piedi, si diceva, e spesso – volendo a tutti i costi seguire la metafora – si cade in piedi in un prato morbido pieno di donne nude, banconote, champagne e crudi di pesce. Questo è appunto il caso: complesso, intenso, equilibrato e violento al contempo, questo Classic of Islay è già un instant classic. Costava circa 55/60€, ci teniamo a dirlo: che sia di ispirazione a tanti imbottigliatori più esosi. 92/100, avanti un altro, se ha il coraggio. Ghido: grazie, ti abbiamo riservato un paio di sample che attendono il tuo ritorno nella madrepatria.

Sottofondo musicale consigliato: Paul Kalkbrenner – Bengang.