Glenfarclas 40 yo (2010, OB, 46%)

Abbiamo bramato a lungo questo momento; ora, finalmente, senza troppi fronzoli preliminari, ecco la recensione di un Glenfarclas 40 anni, messo sul mercato nel 2010. Il colore è ramato, molto scuro.

N: dopo aver atteso quarant’anni, bisogna avere la pazienza di aspettare ancora qualche minuto, per godere appieno dell’evoluzione di questo sherry monster. All’inizio infatti ci sono note di gomma molto intense, che dopo un poco di contatto con l’aria svaniscono pian piano. Percepiamo subito la grande complessità: ci sono note liquorose (di vermouth, tipo), ci sono note erbacee e speziate (rabarbaro), frutti rossi (ciliegie, anche sotto spirito, sempre più intense col tempo! Che tripudio! Buccia di mela, punte agrumate, scorzetta d’arancia…), ma anche un profondissimo tabacco da pipa. In generale, man mano si definisce sempre più l’immagine di una crostata ai frutti di bosco, perché sale una dolcezza quasi vanigliata, biscottata, croccante. Note di legno umido, quasi di stantio, ma in sottofondo. Mon cheri. Qualche screziatura di solvente per unghie e di eucalipto. Per ora, è bello deep: un naso infinito, che mette quasi soggezione. Dopo un po’ si fa sempre più “profondo”, e quasi affumicato; splendido cioccolato.

P: grandi bombe di ciliegia e di spezie (noce moscata). Come da copione, c’è da un lato un’impressionante mole di frutta rossa (che spettacolo!), la cui dolcezza, dall’altro lato, è controbilanciata da quell’umido legno amarognolo. Note di fumo di sigaro, di foglie di tabacco: è anche un po’ pepatino. Cioccolato amaro. Col tempo, la dolcezza fruttata esplode, letteralmente, ma il legno non cede di un millimetro: comunque non troppo amaro, ma perfettamente integrato, riportando quelle note di erbe aromatiche e quasi mentolate riscontrate al naso.

F: colpiscono ancora le note quasi ‘affumicate’, proprio da sigaro, assieme a un’impenitente persistenza di ciliegia e frutti rossi. Cioccolato amaro, legna, caffè e tanti bei saluti.

Gli amanti degli invecchiamenti in sherry difficilmente potranno chiedere di più dal proprio bicchiere. Bevendo questo Glenfarclas si prova a tratti una sorta di soggezione, oltre che per la complessità complessiva del liquido, proprio per il peso degli anni, per il lavorio del tempo; in fin dei conti ci si sente più vivi e in pace col mondo (che “non s’è fermato mai un momento”, cantava Jimmy Fontana) con un dram di Glenfarclas 40 anni tra le mani. 92/100.

Sottofondo musicale consigliato: B.B. KingHappy birthday blues.

Annunci

3 thoughts on “Glenfarclas 40 yo (2010, OB, 46%)

  1. Pingback: Glenfarclas | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...