Distilleria Puni – The Italian Single Malt

puni 1Sabato abbiamo partecipato, insieme a molti amici del forum di singlemaltwhisky, alla visita guidata alla prima distilleria italiana di whisky, Puni, a Glorenza, in Alto Adige. Il pomeriggio è stato molto piacevole: la piccola distilleria è davvero molto bella, il tour è stato molto approfondito e le informazioni affatto accurate (informazioni che, peraltro, vengono in gran parte riportate anche sull’ottimo sito web di Puni). Certamente gli amici blogger presenti (Davide di Angelshare, Claudio di I Love Laphroaig, Andrea di Whiskynews e Francesco de Lo Spirito dei Tempi: siamo sempre di più!) sapranno fornire

bigino di Puni - infografica, come si dice oggidì

infografica, come si dice oggidì, di Puni

approfonditi resoconti del tour: noi ci limitiamo a dire che siamo rimasti molto colpiti dalla passione e dall’entusiasmo con cui i proprietari hanno affrontato il progetto, e se sul piano ‘esteriore’ (cura dei dettagli, attenzione anche al lato ‘estetico’, alla presentazione, all’architettura della distilleria – abbiamo pubblicato qualche foto sulla nostra pagina facebook) di certo il lavoro fin qui è stato impeccabile, dobbiamo ammettere che il distillato, se pur giovane, ci ha fatto una buona impressione.

wash e spirit still, fabbricati da Forsyths (Rothes) sul modello degli alambicchi di Glenmorangie

wash e spirit still, fabbricati da Forsyths (Rothes) sul modello degli alambicchi di Glenmorangie

Chi si è fermato anche alla sera ha potuto assaggiare un primo sample di un piccolo invecchiamento in bourbon (11 mesi); noi purtroppo ci siamo limitati a quanto è già stato imbottigliato e commercializzato, ovvero il Puni White, distillato puro, senza maturazione in botti ma solo tre mesi in acciaio, e il Puni Red, sei mesi in botti di Marsala. Naturalmente una maturazione così limitata impone cautela nei giudizi: bisognerà mettere il distillato (e la stessa distilleria con lui) alla prova del tempo, ma certamente entrambe le espressioni paiono promettenti. Il Red è più dolce e rotondo del White, con delle note vinose piuttosto marcate e un profilo complessivamente più accessibile; noi però abbiamo deciso di stendere delle tasting notes per il White, incuriositi proprio dal profilo ‘nudo’ di quello che, di fatto, è un new make ridotto a 40%.

Puni – The Italian Single Malt WHITE (2012, OB, 40%)

Schermata 2013-01-21 a 16.06.24N: beh sì, sa di new make! Ci sono note fruttate (pera candita, soprattutto; mele, forse per suggestione, forse qualche nota lieve tipo di prugne secche…); forte impressione di “maltosio”, ma soprattutto di distilleria (quindi proprio di washback, di cereali e lievito) e di zucchero. Canditi, in generale. Note ‘vegetali’, tipo radici di zenzero. Un naso da new make dunque, ricorda per certi versi una grappa; è piuttosto dolce, rotondo e molto zuccherino: la riduzione a 40% qualche effetto ce l’ha…

P: il distillato di cereale si rivela appieno, con le sue note leggermente amare (con timide suggestioni di scorza di limone); il corpo è vellutato, ma come prevedibile manca un po’ la dolcezza promessa dal naso. Si sente, in fin dei conti, quello che è il vero protagonista: il malto…

F: non lunghissimo né troppo persistente ma di certo intenso; molto ‘birroso’, in fin dei conti ricorda certe birre, sa proprio di malto.

Schermata 2013-01-21 a 16.10.53Un amico che non ama il whisky ma adora la birra e la grappa è rimasto favorevolmente colpito da questo Puni White, esclamando “ma praticamente è una birra a 40%, o una grappa di birra”: sì, queste affermazioni le ha fatte da ubriaco. Comunque: non è ancora whisky, naturalmente, ma come ha detto il grande Nadi Fiori in distilleria, di certo è ‘promising’. Abbiamo assaggiato anche una versione full proof, non molto diversa ma certamente con un po’ più di grip al palato. Sarà interessante tenere questo in mente quando assaggeremo versioni più mature, è sempre didattico assaggiare un new make. Niente voti questa volta, ma un grande applauso di sicuro.

Sottofondo musicale consigliato: The RaveonettesLove in a Trashcan.

Annunci

2 thoughts on “Distilleria Puni – The Italian Single Malt

  1. Pingback: [Storia e Geografia][4] Puni, The Italian Single Malt | Angel's Share

  2. Pingback: Puni Opus 1 (2014, OB, 53,7%) | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...