Ben Nevis 22 yo (1990/2012, Silver Seal, 60,4%)

Una delle interpretazioni del nome “Ben Nevis” (dal gaelico beinn nibheis) è “montagna velenosa”; così è chiamata la vetta più alta di Gran Bretagna, e così è chiamata pure una distilleria, situata nei pressi di Fort William – quindi, Highlands occidentali. Una botte ex-sherry con whisky distillato nel 1990 è stata acquistata da Silver Seal, che ne ha deciso l’imbottigliamento lo scorso novembre: gli angeli non si sono presi tanto, a giudicare dalla gradazione; o meglio, probabilmente alcune botti della distilleria sono riempite da distillato non ridotto, dato che proprio venerdì scorso assaggiavamo da Alcoliche Alchimie un Ben Nevis di 14 anni, sempre del 1990, dall’impressionante gradazione di 66,1%… Il colore è ambrato.

40761N: nonostante i 60 e passa gradi, è sorprendentemente aperto: uno sherry ‘sporco’, che a tratti ricorda certi Mortlach, con lievi note ‘sulfuree’, a tratti di dado; tracce di cuoio, di buccia d’arancia.  Nonostante questo profilo possa non incontrare ogni favore, dobbiamo ammettere che questo lato si mantiene nel gradevole, restando in armonia con un contesto avvolgente e ‘scuro’, molto ricco di frutti rossi (fantastici invero, tra mon cheri, ciliegie sotto spirito e fragoline). Arance mature, poi tamarindo, frutta disidratata (fichi e albicocche); ancora, legno speziato e forse una leggera nota minerale, qua e là. Buono, complesso, mutevole. L’aggiunta di acqua, comunque non immediatamente necessaria, attenua un po’ le note più morbide e fruttate (passion fruit), accentuando la zona-cuoio.

P: anche qui un ingresso morbido, a dispetto della gradazione; coerente col naso, con uno sherry un po’ ‘zolfanello’ (?), ma comunque cremoso e con una gragnuola di sherry bombs (soprattutto frutti rossi, ma anche note di cioccolato fondente con scorzette d’arancia). Non troppo dolce, molto equilibrato e di grande intensità: lievi note quasi di rum, poi banana e ancora passion fruit, legno amaro. Qualche suggestione di tè; con acqua si fa amaro, e il lato erbaceo prende un po’ il sopravvento. Liquirizia. Anche un po’ pepatino.

F: bello lungo, dolceamaro; liquirizia infinita, foglie di tè, poi ancora frutti rossi, cioccolato. Quasi affumicato!

Molto divertente da bere: non si può dire abbia un profilo usuale, resta sempre lì lì per farsi dominare dal lato erbaceo ma la morbida dolcezza dello sherry riesce a fare bene da contrappeso, e il complesso è senza dubbio soddisfacente e – di nuovo – particolare. Il nostro giudizio è di 87/100. Grazie – infinite! – a Max e alla Betty per questo e per tanti altri samples

Sottofondo musicale consigliato: Spite Extreme WingIl tempio ad est, e vediamo chi “metterà il like”, su facebook…

Annunci

One thought on “Ben Nevis 22 yo (1990/2012, Silver Seal, 60,4%)

  1. Pingback: Ben Nevis | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...