Teaninich 1982 (2012, The Golden Cask, 51,1%)

Per la serie “distillerie che non si trovano in giro manco per errore”, dopo Inchgower passiamo a Teaninich, che con la prima condivide una sorte assai simile: pochissimi imbottigliamenti ufficiali, giusto il Flora & Fauna, un paio di Rare Malts, un Manager’s Choice… La (breve) lista completa la trovate qui. Assaggiamo dunque una versione di circa trent’anni, un single cask (CM175) imbottigliato da John MacDougall nel 2012 nella serie The Golden Cask.

The-Golden-Cask-Teaninich-1982-29-ansN: l’alcol colpisce un poco; molto ‘nudo’ e maltoso, comunque. Ci sono note di cartone bagnato, superate le quali si possono apprezzare tracce di malto, di cereali inzuppati, di porridge, perfino di olio di lino. Sullo sfondo, ci sono suggestioni fruttate un po’ astratte (albicocche mature, diciamo, mele rosse) e un miele che pian piano prende intensità. Molto ‘primaverile’, floreale, erboso, ricorda tanto un prato in fiore. Mandorle. Note ‘balsamiche’ (eucalipto).

P: anche al palato, sembra tanto un lowlander! La triade è ancora malto / fiori / miele (vero protagonista). Poco fruttato (al massimo, ci pare di scorgere qua e là una nota di albicocca…), non molto dolce e, a dirla tutta, neppure molto intenso. Ci sono forti note di miele alle erbe (quali? boh), una bella vaniglia; in fondo domina però il cereale (ancora porridge), con zaffatine erbacee un po’ amare. Camomilla.

F. non lungo né intenso; astrattamente dolcino (miele) e cerealoso. Forse un po’ di mandorle amare…

Certamente coerente tra le varie fasi; per la nostra esperienza, sembra piuttosto un malto delle Lowlands che non delle Highlands (per quanto, quelle note di miele…); ma si sa, queste son considerazioni che lasciano il tempo che trovano. Il profilo erbaceo e floreale a noi non dispiace affatto, e non possiamo che apprezzare la messa sul mercato di uno spirito ‘nudo’, anche dopo trent’anni. A essere onesti, però, la poca complessità generale che abbiamo riscontrato e l’intensità non molto marcata non ci fanno strappare i capelli dall’entusiasmo: l’abbiamo servito allo Spirit Of Scotland, però, e in molti l’hanno apprezzato (come anche gli utenti di whiskybase, tra cui anche un esperto amico del forum…) – quindi, dategli una chance! La nostra valutazione, detto ciò, sarà di 81/100.

Sottofondo musicale consigliato: Jimi HendrixIf 6 was 9.

Published by

Una risposta a "Teaninich 1982 (2012, The Golden Cask, 51,1%)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...