Tamdhu 10 yo (2013, OB, 40%)

Quando nel 2011 la distilleria Tamdhu è stata acquistata da Ian MacLeod Distillers, gridolini di giubilo sono stati avvertiti nelle zone a più alta densità di appassionati di whisky: si tratta infatti dei medesimi proprietari di Glengoyne – distilleria che sotto questa direzione si è assai rilanciata e ha visto la messa sul mercato di imbottigliamenti ufficiali di alta qualità. Accadrà lo stesso con Tamdhu? Noi, approfittando dell’amicizia del baffuto importatore italiano, abbiamo messo le mani sul primo nuovo imbottigliamento, presentato allo Spirit of Speyside lo scorso 3 maggio: si tratta di un 10 anni maturato in sherry, e sta in una bottiglia (possiamo dirlo?) molto bella. Noi abbiamo assaggiato la versione a 40%, per il mercato inglese; in Europa arriverà a 43%.

aa1.jpeg15N: l’alcol non è respingente, ma di certo alcune punte alcoliche restano un po’ pungenti. C’è, nitido (ma va attenuandosi col tempo), un che di Mortlach-oso, qualcosa di ‘sporco’ e umido (note di ‘rancido’, qualche sentore di aceto balsamico); ma anche una suggestione metallica, come di ruggine. Insomma, non privo di spigoli: ma poi c’è un malto fresco e zuccherino (zucchero di canna), che prelude a un lato ‘dolce’ e fruttato tipicamente sherried (uvetta, mele rosse, lievissime tracce di frutti di bosco). Un naso non travolgente, ma di certo con personalità.

P: il corpo è molto easy, ma resta abbastanza sorprendente; scomparse le note più ‘controverse’ del naso (a eccezione di qualche richiamo ‘ferroso’ e alcolico) a tutto vantaggio di una dolcezza maltata e caramellosa (zucchero di canna, fette biscottate, creme caramel), si fanno largo suggestioni godibilissime di frutta rossa. Uvetta (zuppa inglese?); cioccolato fondente.

F: forse la parte più intensa e più pienamente gradevole; molto lungo, su frutta secca (nocciola), frutti rossi, cioccolato e malto.

Quelle note un po’ ‘carnose’ che al naso ci avevano lasciati un po’ perplessi scompaiono senz’altro al palato, che – se pure in un clima complessivo piuttosto ‘depotenziato’ dalla gradazione – appare del tutto convincente, semplice ma con una bella influenza delle botti e con un buon sapore di malto; il finale, poi, colpisce per intensità e persistenza. Insomma, se il primo imbottigliamento, quello di fascia più ‘bassa’ del core range che sarà, è di questa qualità, non possiamo che sperare in bene per il futuro della distilleria. Il nostro giudizio sarà dunque di 82/100.

Sottofondo musicale consigliato: Eagles of Death MetalI only want you.

Annunci

One thought on “Tamdhu 10 yo (2013, OB, 40%)

  1. Pingback: Tamdhu | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...