Deanston 12 yo (2012, OB, 46,3%)

Schermata 2013-12-06 alle 20.34.27Quell’anno, dopo l’ultima notte scozzese passata a Sterling, muovevamo verso Glasgow belli paciarotti, felici di fare un’ultima sosta alla nostra amata Glengoyne prima di prendere l’aereo che ci avrebbe riportati in Italia… Quand’ecco, appena finita la colazione, davanti a noi appariva un’inattesa illuminazione: “Deanston Distillery, 10 minutes”. E che è, vuoi non fare un saltino, non foss’altro per un welcome dram rapido rapido prima di ripartire verso Glengoyne? A giudicare dalla foto qui a fianco, dobbiamo averne bevuti più d’uno, di welcome dram… In ogni caso, ogni torniamo sul luogo del delitto e assaggiamo la versione base del core range di Deanston (che peraltro è distilleria oggettivamente bruttina da fuori, ma da dentro è bellissima, tant’è che ci hanno girato alcune scene di Angel’s Share – se volete cenni sulla sua storia, e non solo autobiografia etilica, guardate qui), ovvero il 12 anni.

deanston-12-photo2N: ci ricordavamo un malto gentile, dolcino e fruttato, e invece ci sono anche un paio di sorprese… Ma andiamo con ordine: innanzitutto, c’è del miele, c’è della frutta secca, c’è un po’ di frutta candita, ma tutto molto gentile, appunto. Però poi non sono affatto irrilevanti (e anzi, connotano al massimo questo naso) profonde note minerali, quasi ‘sporche’, e soprattutto un malto assai scoperto. – sa proprio di porridge, di lievito, di mash tun. In definitiva, sembra dimostrare meno anni di quelli che ha – ma forse questa sfrontatezza maltosa un po’ screziata è la cifra stessa del distillare a Deanston. Agrumi vari (arancia? limone?), e una nota curiosa di tabacco da sigaro. Albicocca?

P: non smette di stupire: non ci aspettavamo questa solida intensità di sapori, e in più di rado un naso trattenuto, non eccessivamente dolce e fruttato, cambia strada al palato. Qui invece accade: dolci caramelle al miele, albicocche disidratate riempiono il palato con decisa armonia. Poi, c’è ancora una frutta secca gentile (mandorla), fiori di camomilla zuccherati (?); infine, ma in sottofondo dall’inizio, una frizzante maltosa mineralità. Un lieve pepe. Caramella mou (toffee).

F: lungo e di personalità, tra miele, albicocche disidratate, cioccolato.

Un naso particolare ma non entusiasmante, a tratti perfino disturbante, certo non da daily-dram; poi però si riscatta alla grande con un palato intenso e altrettanto (ma diversamente) particolare e con un finale ottimo. Come entry-level, lo troviamo eccellente: un whisky più da bere che da annusare? Forse sì, nel dubbio lo premiamo con un convinto 84/100.

Sottofondo musicale consigliato: James BlakeRetrograde.

Annunci

3 thoughts on “Deanston 12 yo (2012, OB, 46,3%)

    • Ciao, grazie per aver commentato. Dunque, da un lato non sempre ci ricordiamo di inserire il prezzo, dall’altro non sempre è facile indicarlo, soprattutto per i whisky di fascia “intermedia” che sono quelli su cui l’oscillazione imposta dai venditori è generalmente più ampia, in proporzione… Comunque in futuro cercheremo di farci più attenzione!

  1. Pingback: Deanston | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...