Springbank 21 yo ‘Archibald Mitchell’ (bott. 1985, OB, 46%)

E insomma, dopo quasi due anni e mezzo di duro lavoro e di sbronze colossali, arriviamo a pubblicare la nostra trecentesima recensione di un whisky: siccome siamo già belli e bravi, non abbiamo bisogno di celebrarci ulteriormente, ma ne approfittiamo per assaggiare qualcosa di davvero spettacolare, per coccolarci un po’. Cosa meglio di uno Springbank 21, uscito nel 1985? Si tratta della bottiglia ‘tozza’ (dumpy) con la scritta Archibald Mitchell, ed è quella stessa bottiglia che abbiamo aperto al Tasting Facile dello scorso ottobre. Il colore è rubino intenso.

Schermata 2014-03-05 alle 15.33.19N: tanto per cominciare, nel bicchiere c’è un profilo da sherry monster fatto e finito: ci sono ciliegie sotto spirito, tabacco da pipa, frutti rossi profondissimi, cioccolato fondente, tarte tatin ‘bruciacchiata’, marmellata d’arancia in cottura, prugne secche, uvetta… Man mano si fa più ‘dolce’, con frutta cotta (mele, pere), fichi secchi, frutta secca (nocciola). Ma se ci fosse ‘solo’ questo, sarebbe banalmente un whisky da sogno: il vero asso nella manica (che questo ventunenne gioca in prima mano, sia chiaro) è una teoria di aromi ‘sporchi’ da farti strappare i capelli dal giubilo: ci sono suggestioni di vecchi libri, di biblioteca, di noce, di cera… Una idea ci colpisce e un po’ unifica, è il senso di ‘chiesa’, di umido, di incenso, di fiori secchi… Top del top del top.

P: non è che uno, per quanto arditamente blasfemo, si possa mangiare una chiesa… ma quelle splendide suggestioni setose, tra l’amaro e lo ‘sporco’, l’antico, lo stantio, in qualche modo rimangono, sotto forma di noce (nocino?), di vecchio tabacco da pipa, di rabarbaro (erbe amare, in generale; genziana, ma anche chiodi di garofano), di liquirizia… Hey, però non stiamo parlando di un profilo sbilanciato, anzi!, non risulta mai legnoso né astringente; inoltre, è presentissimo un maestoso profluvio di note maltate, e di nuovo tutta la più attesa componente sherried: tarte tatin, marmellata d’arancia, cioccolato, frutti rossi…

F: erbaceo e legnosetto, con punte di cioccolato, di creme caramel. Fantastico, infinito. Che standing.

Quando nel 1572 Torquato Tasso tornava da un viaggio in Francia, in una lettera scriveva di preferire, nei vini, “un non so che, che morde e lusinga il palato e la lingua […] È l’imperfezione del mio gusto, ma io amo i vini dolci e raspanti, soprattutto quando questi sapori sono insieme”. Questo Springbank probabilmente al Tasso sarebbe piaciuto: perché è sì dolce e raspante (nel ‘500 così si definivano i passiti), ma al contempo esibisce delle caratteristiche eterodosse, certo amplificate dai trent’anni passati in bottiglia, sì che davvero “morde e lusinga” non solo il palato, ma anche il naso, e ti resta continuamente attorno; ed anche a bicchiere ormai vuoto, si potrebbe continuare ad annusare all’infinito… Uno dei whisky più buoni che abbiamo mai assaggiato, semplicemente. 95/100 è il voto che si merita; un buon modo per festeggiare i 300 whisky, no?

Sottofondo musicale consigliato: Bob DylanThunder on the Mountain.

Annunci

6 thoughts on “Springbank 21 yo ‘Archibald Mitchell’ (bott. 1985, OB, 46%)

  1. Pingback: Talisker 35 yo (1947/1982, Gordon&MacPhail, 40%) | whiskyfacile

  2. Pingback: Springbank | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...