Ardbeg ‘Auriverdes’ (2014, NAS, OB, 49,9%)

Abbiamo atteso anche troppo. A dieci giorni dal lancio ufficiale, affrontiamo la bottiglia più attesa dell’estate (?), ovvero la release annuale di Ardbeg. Questa volta quei volponi dell’ufficio marketing di Louis Vuitton (che noi, a questo punto, ci immaginiamo un po’ come gli sceneggiatori di Boris) ci hanno pensato su a lungo, e siccome ci sono i Mondiali evidentemente ogni cosa, di questi tempi, verrà forzosamente legata al Brasile. Tralasciando per pudore ogni ulteriore considerazione, facciamo il nostro dovere e ricordiamo che la nazionale brasiliana è verdeoro (Auriverdes…), che il whisky è color dorato (Auri…) e che la bottiglia di Ardbeg è verde (…verdes). Come al solito, da quando l’alchimista Bill Lumdsen è distillery manager, si tratta di un whisky ‘costruito’ a tavolino: “volevo cioccolato, vaniglia e caffè”, dice lui, “e l’ho fatto”. Si tratta di botti di quercia americana ‘tostate’, alcune più, altre meno (come ci ricorda anche Ruben). Il colore, beh, è auri.

foto-35N: dopo le delusioni delle ultime releases speciali e (pseudo-)limitate, finalmente all’Ardbeg hanno deciso di fare un Ardbeg che sembra un Ardbeg. È senz’altro marino e iodato (meno) e medicinale (più), con un’affumicatura cesellata, decisa ma non onnipotente; con una bella nota agrumata asprina (lime alla grande) e una dolcezza da bourbon bella aperta (pastafrolla calda, un po’ di cocco, anche cioccolato, non troppo fondente). Poi, qualche suggestione di caramella Valda (leggermente mentolato); perfino di talco.

P: solo in parte coerente col naso. Quello che su pareva un whisky isolano fatto di più parti, qui rivela maggiormente la sua caratteristica di ‘manufatto’ costruito. C’è infatti una dolcezza legnosa molto pronunciata, in primo piano; certo gradevole, pare però poggiare su gambe ancora malferme. Il medicinale e il marino si perdono, resta la suggestione di lime, mentre appunto cresce la dolcezza, e dunque: vaniglia, liquirizia, cioccolato, zucchero di canna. Verso il finale, una punta pepata. In chiusura, un cenno alla torba, lieve e morbida ma bella tosta.

F: lungo e persistente, anche qui però il fumo non prende il sopravvento come in tanti altri Ardbeg, ma resiste ancora quella dolcezza… oltre a un che di bacon che sbuca fuori solo ora.

Beh, è un buon whisky; non c’è paragone con gli ultimi Ardbeg Day, Galileo o Ardbog: la sensazione complessiva è di un dignitosissimo whisky entry-level, ben strutturato, in fondo ben costruito, meglio bilanciato dei predecessori anche se – come detto – il palato rivela con noncuranza e ingenuità quasi ‘adolescenziali’ l’apporto fin troppo studiato del legno. Ma non ci si può lamentare troppo, o no? Il nostro giudizio è di 86/100, l’esperimento in fondo è riuscito; diciamo che costa il doppio (95/100 euro) di quello che saremmo disposti a pagarlo, ma tant’è. Una postilla: ci lamentiamo sempre tutti delle discutibilissime scelte di marketing, ma non possiamo non riconoscere ad Ardbeg di aver organizzato per il lancio un evento molto divertente, in un luogo splendido (Museo Diocesano di Milano), con tanto merchandising a disposizione (da sciarpe a magliette a bicchieri a palloni da calcio… ehm, forse i bicchieri non si potevano portare a casa? ops!), open bar gratuito per il centinaio di persone presenti. Un “grazie” ogni tanto lo possiamo pure spendere, no? (siccome siamo dei rompipalle, però, una piccola reprimenda: era il lancio dell’Auriverdes, ma il whisky non è stato minimamente protagonista: bastavano due parole di presentazione, un volantino…)

Sottofondo musicale consigliato: Guns N RosesWelcome to the jungle.

Annunci

2 thoughts on “Ardbeg ‘Auriverdes’ (2014, NAS, OB, 49,9%)

  1. Pingback: Ardbeg ‘Perpetuum’ (2015, OB, 47,4%) | whiskyfacile

  2. Pingback: Ardbeg | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...