Tre Laphroaig a confronto

Che ne dite di seguirci in un piccolo percorso di degustazione di tre malti – sulla carta – abbastanza simili, ovvero tre Laphroaig più meno di età simile, distillati più o meno negli stessi anni (1997-99) imbottigliati a grado ridotto? Se, come dice Serge, ‘reason is in comparison’, questo potrebbe essere un esperimento fruttuoso e istruttivo; noi, quando il nostro parco sample ce lo consente, cerchiamo sempre di bere whisky della stessa distilleria assieme – in questo caso, data la somiglianza della tipologia di bottiglie, pubblichiamo tutti e tre le recensioni nello stesso post. Iniziamo da un Laphroaig Highrove, su cui potete leggere tutto qui: dodici anni e uno stemma reale bene in evidenza, dato che si tratta quasi di un imbottigliamento ‘privato’ di quel giocherellone del principe Carlo. Proseguiamo con un 14 anni selezionato da Le Bon Bock, storico pub/whiskeria della Capitale (a proposito, auguri!) e chiudiamo con il Laffy di Whiskyclub.it – e d’altro non si tratta se non de La Pala, imbottigliata a grado ridotto. Sotto a chi tocca.

Laphroaig Highrove 1997/2009 (cask #156, OB, 46%)

110228_highgrove_01N: bello aperto e aromatico: alcuni capisaldi di Laphroaig sono presenti (limone, liquirizia, molto marino); poi note di borotalco, emmenthal, marshmellows, e anche originali note tropicali (cocco, ananas maturo). Tutto sommato, più dolce che torbato. Affumicatura media, per gli standard di Laphroaig. P: iter inaspettato: subito legno e liquirizia, gradevoli ma imponenti; il corpo, oleoso, regala un colpo di coda di dolcezza fruttata (ancora bombette tropicali) e di zucchero di canna a seguire un tappeto ceneroso. F: tutto su cenere, gomma bruciata; ancora liquirizia e zucchero di canna.

Sorprende il cambio di marcia tra naso e palato; comunque è un malto di grande intensità, molto Laphroaig in tal senso, che ci ha fatto divertire. 88/100. Grazie a Claudio per il sample.

Laphroaig 14 yo (1999/2013, Le Bon Bock, 46%)

foto-36N: i classici qui si declinano su torba e catrame, con una marinità esplosiva (acqua di mare, pesciosa) e limonata fresca. Minerale ed austero, con un’affumicatura più spiccata. Col tempo, torna la dolcezza discreta e vanigliosa (comunque due gradini sotto rispetto all’esplosione dell’Highrove). E che dire del medicinale? P: qui si esibisce in un grande show proprio medicinale (corsia di ospedale: che c’è, voi non girate per gli ospedali leccando per terra? Non sarete mai dei veri degustatori!) e di marinità. Ancora tanto limone, ancora una torba acre; leggero richiamo di caramelle Valda (nota mentolata e dolce). Continua ad essere austero, ma è anche davvero intenso. F: molto medicinale, ancora, e affumicato – ricorda proprio la scamorza affumicata…

Il naso parte un po’ lentamente, il palato poi esplode in un tripudio dei lati più spigolosi e meno affabili del distillato, che a noi piacciono tanto tanto: un po’ più di grip al naso ci avrebbe fatto salire anche sopra a 84/100. Grazie a Tiziana e Stefano per il sample.

Laphroaig 14 yo (1999/2013, Whiskyclub.it, 46%)

foto-37N: a suo modo, pare prendere in prestito gli elementi distintivi degli altri due: del coetaneo LBB si prende l’austerità vegetale e iodata, senza però riuscire a pareggiarne gli eccessi; e infatti del cugino di sangue blu riprende i tratti più dolci e invitanti. Inoltre, un bel limone con una grattugiata di pepe. Se ripensiamo alla Pala, questo ci pare più equilibrato, meno contundente. P: decisamente il più vaniglioso dei tre e, decisamente, il meno torbato. Spiccano note molto zuccherine e di agrume (cedro, lime); emmenthal, forse un pit. F: rimane uno zucchero indistinto ma senza supporto isolano. Un che di mentolato.

Molto equilibrato al naso, mentre al palato (come già per la Pala) rileviamo un lieve sbilanciamento verso la dolcezza, con le anime più brutali di Laphroaig che restano in disparte, come addomesticate – per questo, 86/100. Grazie a Claudio e Davide per il sample.

Un breve commento: Laphroaig è senz’altro molto solida, e che si tratti della stessa distilleria è sempre evidente. Anzi, la vera lezione è che è difficile degustare tre whisky in fondo così simili, perché le differenze stanno tutte nelle sfumature, nelle diverse proporzioni dei medesimi ‘ingredienti’: è stata senz’altro una delle sessioni di tasting più faticose degli ultimi tempi…

Sottofondo musicale consigliato: Apocalyptica – Creeping death.

Annunci

2 thoughts on “Tre Laphroaig a confronto

  1. Pingback: Laphroaig | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...