Ledaig 1998/2011 (Malts of Scotland, 61,2%)

La distilleria Tobermory, l’unica situata sull’isola di Mull, ha avuto dall’anno della sua fondazione, nel 1798, una lunga serie di peripezie, tra chiusure, riaperture e cambi di proprietà. Oggi la dizione ‘Ledaig’ è riservata ai malti torbati prodotti in questa distilleria dalla capacità di circa un milione di litri l’anno, ma si tratta in realtà del nome originale della compagnia. Un aneddoto simpatico: il distillato Tobermory ama tenersi in forma e fa un sacco di movimento; una volta creato infatti viene mandato alla Deanstone, in pieno Speyside, è messo in botti e poi se ne riparte con meta finale Bunnahabhain per invecchiare su Islay. Oggi assaggiamo un single cask di 13 anni invecchiato in un sherry butt.

ledaig_MOSN: alcol non molto presente, considerando la gradazione monster. Da subito veramente imponente. Atmosfera inquinata, smog, diesel, lucido da scarpe; un po’ di iodato, impressioni di sale e liquirizia amara (legno veramente massiccio, che dà anche suggestioni di chiodi di garofano e noce moscata, ma anche di eucalipto, e borotalco… wow). Torba acre a pacchi, anche un po’ sotto forma del solito organico / vegetale riscontrato negli altri Ledaig, qui però ben più armonioso e gradevole. La dolcezza sherry resiste sotto le macerie di questo terremoto isolano e lotta, emergendo a tratti alla grande: arancia matura e succosa, uvetta, caramello. Sciroppo d’acero? Con acqua si apre una liquorosità sherry da sborata. Farmy notes!!!

P: alcol ancora abbastanza in sordina. Gran whisky, forse solo un filo troppo legnoso (ma senza allappare). Ha un corpo compattissimo e non sembra avere fasi: è un monolite dall’inzio alla fine del palato, configurato come una lingua di sapore unica conficcata nella bocca e in grande coerenza col naso: quindi bello marino/iodato e brutalmente torbato/inquinato/cuoioso (affumicatura monster) ma – incredibile dictu – nello stesso istante dolce e arrotondato; non è propriamente “beverino”, ma certo è più godibile di quanto ci saremmo attesi. Arance sopra tutto, ma anche zucchero bruciacchiato e cola. Le zollette di toffee salate. Meno complesso che al palato, ma proprio buono come sapore complessivo. Piccantino. Ottimo anche con acqua.

F: pur in vortici perpetui di copertone bruciato cosparsi di sale, si ricompone una nota vegetale e maltosa niente male e pulita. Tonnellate di liquirizia, ancora caramello.

Questi tedeschi, oltre a saper vincere i Mondiali, sanno pure scegliere le botti di whisky: hanno selezionato una botte di violenza inaudita, che dopo 13 anni ha invaso tutto ma senza stuprare completamente il distillato, ed anzi lasciandogli l’isolanità intatta e un ‘nervosismo’ veramente apprezzabili. Whisky da sboroni, certo, ma godurioso: 92/100.

Sottofondo musicale consigliato: Carlot-taBoth with thee.

Published by

3 risposte a "Ledaig 1998/2011 (Malts of Scotland, 61,2%)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...