Glen Keith 21 yo (1992/2013, Silver Seal, 52,1%)

All’ultimo Milano Whisky Festival (a proposito, sono stati annunciati i nuovi imbottigliamenti della kermesse novembrina e l’attesa comincia a montare sul serio) nel furore della raccolta samples fummo baciati da una qualche dea benevola, pure lei evidentemente alticcia tra le mura del Marriott: tornati a casa infatti realizzammo di aver riempito due samples di Glen Keith indipendenti praticamente coetanei ed entrambi cask strength con gradazioni vicinissime. Che fortuna sfacciata e che occasione ghiotta per un confronto! Uno era di Adelphi, l’altro invece selezionato da Silver Seal e Lion’s Whisky (leggi Diego Sandrin), vero tempio del whisky in terra veneta.

glen-keith-20140108131226_im229173N: molto, molto agli antipodi rispetto al cask di Adelphi. La botte di bourbon qui è straripante e davvero marcante; mentre quello si faceva pregare e ti conquistava piano piano, questo ti avvolge e ti porta via, senza attese. Dominano note davvero intense di confetto; poi vanillina, mandorla, cocco, frutta matura e sciroppata (pesche). Gelato alla banana. E poi ancora: crema pasticcera, torta paradiso con una spruzzata di limone, fico d’india. Tutto molto ricco e non manca una puntina minerale che guizza a tratti.

P: alcol inesistente, come di rado accade. A differenza dell’altro imbottigliamento non esplode in un secondo momento, ma da subito mantiene costante un’intensità di sapori alta, altissima. Come riferimenti si confermano cocco e pesche sciroppate, ma in primo piano irrompe anche una frutta tropicale super (mango e maracuja). Sono presenti sia una bella cremosità pasticcera che una pronunciata acidità e per rendere l’idea in un’unica realtà si potrebbe richiamare l’immagine di una bella torta di frutta. Ma c’è pure dell’altro: mandorla dolce e il ritorno sontuoso del confetto.

F: lungo, intenso e con rigogliosi innesti di frutta secca.

Ancora una volta il gioco del confronto si conferma come una delle attività più stimolanti ed educative da compiere mentre si maneggiano compulsivamente bicchieri di whisky. Questi due Glen Keith, distilleria che non avevamo ancora provato ma che ci ha colpito in positivo, hanno anime in contrapposizione e approcciano il bevitore in maniera diversa sia al naso che al palato; alla fine però si ricongiungono sotto il tetto comune della qualità, dell’intensità e della spiccata personalità, che a ben vedere sono gli aspetti essenziali di questo vagabondare per le distillerie di Scozia. Al single cask di Silver Seal, recensito anche da whiskysucks, attribuiamo comunque qualche punto in più, seguendo il nostro gusto personale: 88/100.

Sottofondo musicale consigliato: JestofunkJestofunk, jestofunk

 

Annunci

One thought on “Glen Keith 21 yo (1992/2013, Silver Seal, 52,1%)

  1. Pingback: Glen Keith | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...