Kilkerran ‘work in progress 6’ bourbon (2014, OB, 46%)

Manca oramai una manciata di giorni al Milano Whisky Festival e stiamo assaggiando qualche whisky che proporremo nelle mini degustazioni al banchetto di Monica e Beija Flor. Oggi è il turno di Kilkerran, nome dietro cui si cela il malto distillato alla Glengyle, in quel di Campbeltown. Dal 2004, grazie al supporto fondamentale della vicina Springbank, si è voluto infatti ridar vita a una delle storiche distillerie della Regione, chiusa dal 1925. Ogni anno escono due imbottigliamenti ‘work in progress’, uno ex bourbon e l’altro ex sherry, a testimonianza dei miracoli prodotti dal semplice scorrere del tempo, e nel 2014 dovremmo essere oramai arrivati a 10 anni d’invecchiamento. Il primo tassello del futuro core range pare oramai alle porte…

kilkerran-wip-6-bourbonN: molto particolare, sviluppa con grande complessità un lato vegetale e minerale e anzi lo innalza ad attore principale, cosa che non capita così spesso… Di certo: erba fresca, odore di foglie e terra umide, salamoia; il tutto subito incalzato da una torba un poco fumosa (ma solo un poco, ricorda il bacon crudo) e da belle note agrumate. Scorza di limone (nocciolo di limone, canarino) e cedro candito. Non si pensi a un profilo dagli aromi trattenuti però, piuttosto sono austeri, minerali e taglienti, con solo una suggestione, qua e là, di vaniglia. Punte di fiori profumati.

P: anche qui è minerale e saporito, ma senza esplosioni di pronunciata dolcezza. Possiede un’ottima intensità, con ancora un bel muro agrumato (limone). Insieme vegetale ed oleoso, maltoso e torbato: su quest’ultimo punto segnaliamo un’affumicatura subdola ma crescente e affascinante; è tutto fuorché dolce ma non è neppure amaro, botte e legno sembrano assenti. Forse una punta salata? Salamoia? Una vaniglia appena allusa lega il tutto senza disturbare.

F: delicato, pur se insistito, a parte un’affumicatura molto decisa. Camomilla zuccherata e un pit di sale.

Ragazzi, che gradevole sorpresa questo imbottigliamento! Avevamo seguito distrattamente e con una certa supponenza l’evoluzione di Glengyle, ci siamo trovati quindi spiazzati di fronte a un malto di carattere e nello specifico di un carattere tipicamente Spingbank. E dunque ‘sporco’ e graffiante ma elegante, riconoscibile ma non chiassoso. Chi apprezza questo stile per la verità molto particolare, difficilmente si stancherà di sorseggiare questo Kilkerran, in ciò aiutato anche da un rapporto qualità/prezzo davvero interessante. Noi lo premiamo con un sontuoso 88/100.

Sottofondo musicale consigliato: Gérard LenormanMichèle

 

 

Published by

4 risposte a "Kilkerran ‘work in progress 6’ bourbon (2014, OB, 46%)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...