Glen Scotia 22 yo (1992/2014, Silver Seal, 57,6%)

Campbeltown un tempo si chiamava Kinlochkilkerran; poi per fortuna qualcuno (il signor Campbell, nello specifico) si è reso conto e ha pensato bene di rendere pronunciabile il toponimo anche da persone con moderata propensione verso i suoni gutturali. Ma perché tutto ciò? Perché oggi assaggiamo un whisky prodotto in una delle tre distillerie della città: non è Springbank, non è Glengyle, è… (rullo di tamburi) Glen Scotia! Scegliamo dunque uno degli ultimi imbottigliamenti di Silver Seal, un single cask di 22 anni che Max Righi ci ha caldamente consigliato, avvertendoci che sarebbe stata un’esperienza particolare… E in effetti noi sappiamo che con Glen Scotia non si scherza, minerali ruggine e zolfo sono sempre dietro l’angolo. Il colore ramato scuro ci fa subito capire che la maturazione è first-fill sherry.

m19190_1N: a 57,6% inizialmente è un po’ chiuso… Poi però quando inizia ad aprirsi non perde una caratteristica evidente fin dal primo approccio: la compattezza. Le varie anime, dispiegandosi, si annodano a vicenda in un tessuto olfattivo a maglie molto strette: c’è una botta ‘dolce’ sherried di caramello bruciato, arancia, confettura di frutti di bosco (molto molto succoso, clamorosamente succoso, diremmo); poi affianco una nota minerale e vagamente ‘sulphury’ con un accenno di torba fumé (o di sigaro? tanto tabacco da sigaro, in ogni caso). Poi, una liquirizia enorme e delle note di mentolo complicano ulteriormente un profilo già di per sé intricato. Bergamotto?

P: succoso e saporito, e del naso va a confermare la grande compattezza. Troviamo una teoria di marmellate d’agrumi (arance rosse, chinotto); poi una grande liquirizia, ancora caramello; fichi secchi; tutto molto ‘mixato’ assieme. Rispetto al naso, il lato più gloomy (?) trova più spazio, e se tornano le note minerali-sigarose, stupisce un muro di funghi cotti, veramente imponente. Mentolato, appena prima del finale.

F: si porta dietro la massiccia dose di liquirizia / funghi / zuccheri / sciroppo del palato. Intenso e di media durata.

Abbiamo aggiunto un po’ d’acqua, ma le note più sulfuree e potenzialmente sgradevoli si sono amplificate, facendo perdere un po’ di equilibrio a questo whisky… che comunque equilibrato non è affatto, ed è il suo pregio: eccessivo in tutto, ci ha dato l’impressione di un whisky perfetto per accompagnare un sigaro per le intense note sherried del naso e per un palato veramente hardcore. La prima fase ci ha fatto impazzire, la seconda meno: complessivamente, 87/100 è il voto che daremmo a questo sherry monster di Kinlochkilkerran… ehm, pardon, di Campbeltown.

Sottofondo musicale consigliato: Saint Vitus – Dying inside.

Published by

2 risposte a "Glen Scotia 22 yo (1992/2014, Silver Seal, 57,6%)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...