Littlemill 21 yo (1992/2013, High Spirits for Gluglu, 46%)

All’ultimo Milano Whisky Festival– a proposito, anche quest’anno il lieto evento s’approssima ad ampie falcate- questo Littlemill imbottigliato dallo storico whisky club comasco Gluglu aveva vinto a mani basse il premio “malto particolare”. Certo, nel putiferio organolettico del festival non si può e non si dovrebbe mai dire l’ultima parola, e infatti ci permettiamo di riaffacciarci su questo dram con molta più calma ora. Per dovere di cronaca, ricordiamo che Littlemill ha chiuso i battenti oramai venti anni fa ed è da molti indicata come una prossima distilleria di culto, vista la piacevolezza dimostrata da molti single cask con invecchiamenti consistenti imbottigliati in questi ultimi anni.

Schermata 2015-08-19 alle 11.32.15N: è delicato ma non timido, si lascia annusare con lascivia. Si conferma molto particolare, con uno stile Lowland: non ci sono orpelli cremosi o altre diavolerie, si distingue invece un’interazione educata tra distillato e botte; ne esce così un profilo raramente così erbaceo e vegetale, con tutto un tripudio di campi di grano, fiori di camomilla, infusi d’erbe; alloro e artemisia, ma anche olio d’oliva, erba limoncina, insalata verde. Una spruzzatina di biscotti ai cereali e miele arriva a conferire una qualche forma di dolcezza.

P: si conferma un whisky dal carattere raro, tutto spostato su una vegetale austerità. L’attacco, in particolare, è talmente erbaceo da parere quasi amaro. Poi tanti biscotti ai cereali, tanto mais e tanto miele ai fiori. Non è esplosivo ma si lascia bere con facilità. Erbe infuse e nocciolo di limone.

F: abbastanza lungo e pulito; anche qui c’è una dimensione erbacea e amara molto particolare e piacevole.

E dunque, che dire? Ricordavamo bene, dal momento che questo Littlemill uscito dalla bisaccia ricolma di delizie di Nadi Fiori e sapientemente colto da Mauro Leoni, alias Glen Maur, è sicuramente di uno dei malti più bizzarri assaggiati in questi anni di whiskyfacile. Il che ci ricorda anche perché dopo quasi un lustro non ci siamo ancora stancati di tenere un diario delle recensioni: lo spettro di odori e sapori offerto da un dram è incredibilmente ampio ed è popolato da una miriade di sfumature ed è così che anche di fronte al particolarissimo Littlemill di oggi possiamo dire: “Ehi, ma questo è Scotch, e che Scotch!”: 86/100.

Sottofondo musicale consigliato: The Police So lonely

Annunci

2 thoughts on “Littlemill 21 yo (1992/2013, High Spirits for Gluglu, 46%)

  1. Pingback: Littlemill 22 yo (1992/2014, Cadenhead’s, 53,7%) | whiskyfacile

  2. Pingback: Littlemill | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...