Miltonduff 24 yo (1989/2013, Silver Seal, 51,3%)

Dopo questi ultimi due Ardbeg, eccellenti ed estremi nella loro torbosa isolanità, cerchiamo rifugio nei più morbidi territori dello Speyside: nelle nostre peregrinazioni continuiamo però ad affidarci alla guida di Max Righi, novello Virgilio, che ci consegna questo Miltonduff, una botte ex-sherry (o una parte, per lo meno: solo 120 bottiglie messe in commercio) di 24 anni.

0000000018172N: un classico naso da Speysider, quel che cercavamo! Si apre su un tripudio di pasticceria e frutta, in ogni forma: domina sulle prime la pasta di mandorla (i dolcetti di marzapane, che buoni!), ma anche qualcosa che ricorda il pandoro, o la torta paradiso; ci sono note cremose, ma non ruffiane, ed anzi lievemente mosse da punte agrumate (essenza di buccia d’arancia; limone, ma forse perfino pompelmo?); la frutta è sia fresca e matura (pesche, mele; anche una bella nota di melone) che disidratata (ancora mele, albicocche); uva bianca e fragole sono frutto della nostra immaginazione? Col tempo si fa più complesso, lasciando emergere note di malto, di legno impregnato; evolve anche verso un lato più ‘scuro’ (miele, sciroppo d’acero), al limite del minerale.

P: bisogna ripararsi in un rifugio per resistere al bombardamento di sapore; inizia con intense note dolci, molto piacevole (confettura di albicocca, molta; zucchero di canna, tuorlo d’uovo; pesche sciroppate, e mele), e pian piano lascia spazio ad un malto che si rivela più ‘sporco’ rispetto alle nostre attese: c’è una venatura minerale che, abbinata ad un progressivo aumento delle note più ‘legnose’, richiude il profilo di sapori ancora su miele e su una cremosità tostata (e con questa suggestione agghiacciante pensiamo alla creme brulee).

F: si divide tra un lato ‘frizzantino’, maltoso e fruttato, e alcune note, francamente inaspettate, di cacao amaro e pepe.

Siamo di fronte ad un whisky molto buono, che abbina le più rotonde note della frutta cremosa tipica dei malti dello Speyside ad alcune venature minerali, maltose e amaricanti inattese che donano complessità al profilo; uno di noi ha però trovato queste venature non troppo integrate nel contesto, e dopo un lavoro diplomatico degno della migliore prima repubblica, giungiamo al compromesso storico di un 86/100.

Sottofondo musicale consigliato: Gianni Morandi – Banane e lampone.

Annunci

One thought on “Miltonduff 24 yo (1989/2013, Silver Seal, 51,3%)

  1. Pingback: Miltonduff | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...