North British 52 yo (1962/2014, The Sovereign, Hunter Laing, 40,8%)

Gli appassionati più attenti avranno notato che i single grain whisky stanno acquistando visibilità… La ragione è ovvia, si cerca un’alternativa più economica agli ormai sempre più costosi single malt: oltretutto, i grain reggono bene / hanno bisogno di invecchiamenti lunghi per acquistare complessità: e quindi oggi assaggiamo un 52 anni!, un single cask della distilleria North British (proprietà condivisa tra Diageo ed Edrington, il suo whisky finisce in un sacco di blended famosi, dal Famous Grouse al Chivas al Cutty Sark – e ragazzi, produce 64 milioni di litri all’anno!) imbottigliato da Hunter Laing nella serie ‘The Sovereign’. Daje.

grain_nor1962v4N: i 52 anni di invecchiamento hanno inciso, donando complessità ed eleganza alla classica prepotente ‘dolcezza’ dei grain. Domina un senso forte di cereale e frutta, tra biscotti al burro, toffee, barrette di cereali con mela e miele; pere caramellate. Una punta di cuoio, ed anche di legni ‘dolci’ profumati (sandalo o cedro); tamarindo e cola. Col tempo vien fuori una nota di scorza d’arancia deliziosa, a donare ulteriori sfaccettature. Un cioccolatino al cocco?

P: molto beverino, poco alcolico e raffinato: la gradazione bassa non penalizza l’intensità e il corpo masticabile. Sulle prime forte è il sentore di burro, fresco e in biscotto (proprio i Walker’s); pian piano si allarga al toffee, ancora alle dolci barrette ai cereali e frutta, ancora alla frutta caramellata. Più netto è l’agrume (arancia rossa), sempre in salita la cola; prugne secche, e verso la fine segnali di caffè (ma si ferma appena prima dell’amaro vero e proprio).

F:  lungo e intenso, tutto su biscotti burrosissimi, cereali, miele, prugne secche.

Un pezzo di storia, è nato nell’anno di Tom Cruise e Demi Moore, di Flea e Jodie Foster, e voi direte, chi se ne frega? Giusto, avete ragione. Passiamo ail giudizio: 90/100 per premiare la complessità e la struttura di un whisky davvero, davvero buono. Complimenti, abbiamo l’impressione che ci piacerà continuare a seguire i grain… Magari già da mercoledì?

Sottofondo musicale consigliato: obbligato, quest’oggi, è lo splendido testamento di David Bowie – Blackstar.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...