Mackmyra ‘Vintertradgard’ (2014, OB, 51,1%)

Con sgomento ci rendiamo conto di non aver ancora mai recensito nessun Mackmyra; ed è colpa grave, perché tra tutte le distillerie europee dislocate in altri lidi rispetto ai consueti scozzesi, Mackmyra, situata in terra svedese, è tra le più quotate e le più apprezzate dagli appassionati (leggasi il rigoroso pamphlet informativo del buon Terziotti). Ci piacerebbe dar conto di versioni ‘regolari’, per far apprezzare le qualità del core range, ma il nostro parco sample racchiude solo questa versione limitata (1550 bottiglie circa messe sul mercato a inizio 2014) – e che dobbiamo fare, ci accontentiamo, no? Questa edizione, pressoché impronunciabile per chi non abbia un’adolescenza trascorsa a base di death metal melodico della scuola di Goteborg (quindi noi la sappiamo pronunciare, tiè), ha una composizione particolare: si tratta di una miscela di botti di sette anni ‘finita’ in “ex wild raspberry wine casks, ex loganberry & blueberry wine casks, Swedish Oak & Bordeaux wine casks“. Di che si tratta? Non ci è chiaro, ma noi di questi dettagli mica ci curiamo, badiamo al sodo.

s14682N: qualsiasi cosa siano le botti usate per i finishing, tendono a mascherare i soli sette anni e lo rendono molto autorevole e maturo, senza però farlo scadere nel ridicolo, anzi. Il primo impatto è proprio di frutti rossi e neri (more, mirtilli, confettura di frutti di bosco); poi c’è una bella cremosità, tra la zuppa inglese, il cioccolato bianco. Frutta secca (nocciola) e tabacco aromatizzato contribuiscono a creare complessivamente un’atmosfera da tavola natalizia alle battute finali. Fresco e con una bella intensità.

P: molto coerente con il naso, ha un ottimo corpo, fresco e masticabile, e l’alcol è pressoché assente. Si rivelano ciliegie sotto spirito, zuppa inglese; ancora confettura ai frutti rossi, ancora un che di tabaccoso. Emerge un po’ di più il cereale, ricordandoci le barrette ai frutti rossi (senza citare marche, ci siamo intesi). Cioccolato e vaniglia leggera, anche un qualcosa di frutta cotta. Dopo un po’ fa capolino un senso di legno fresco.

F: lungo, evolve da un primo assalto di confettura di frutti di bosco e cereali dolci ad una retroguardia di legno evidente, lievemente amaricante.

Un’ottima espressione: è il primo Mackmyra che recensiamo, e ci convince appieno. La promozione avviene dunque a pieni voti, dato che l’intensità della frutta rossa e nera (i frutti di bosco sono assoluti protagonisti, ma restando ‘freschi’ e zuccherini, senza avere quella pesantezza di certi sherried) è eccellente e al contempo non nasconde un distillato presente e molto pulito. Solo quel legno del finale ‘rovina’ (per modo di dire) un poco l’idillio, che si ferma (per modo di dire) a 87/100. Complimenti alla bravissima distillery manager Angela D’Orazio, svedese ma di chiare origini italiane (qui una sua bella intervista ‘al femminile’) per la scelta di invecchiamento e miscela!

Sottofondo musicale consigliato: In Flames – Acoustic medley.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...