Laphroaig ‘Select’ (2015, OB, 40%)

Allora, sentite un po’ questa. C’è una distilleria tra le più blasonate di Scozia, sia perchè è in attività da 200 anni sia perchè imbottiglia un whisky di malto davvero speciale. Oltre a molti apprezzabili imbottigliamenti ufficiali e decine di single cask indimenticabili, questa distilleria produce una versione che distribuisce in tutto il mondo. Una versione che è invecchiata (almeno) dieci anni, che piace anche se magari è peggiore del suo omologo di venti anni fa; insomma, è semplice ma con un concetto, quello del whisky torbato e iodato, molto spinto. E quindi piace. Poi, improvvisamente, si decide che questa non basta più: affianco a questa espressione da domani bisognerà miscelare assieme un distillato senza più età d’invecchiamento dichiarata (quindi inferiore ai dieci anni, si presume) e affinato in barili ex Oloroso, ex Pedro Ximenez, ex Bourbon first fill, american virgin cask e quarter cask. La fine della storia è qui sotto…

lrgob.non8N: molto aromatico, certo molto aperto: e certo, a prima impressione, qualcuna delle innumerevoli botti usate doveva avere un legno mooolto pieno di sé (sarà il virgin american oak? scommetteremmo di sì). La sensazione di trucioli, di legna tagliata è subito evidente: poi rileviamo un pesante tocco di limone, una dolcezza molto monolitica di vaniglia, di formaggio dolce (emmenthal); un po’ di torba marina, acre e fumosa, c’è anche se in versione delicata rispetto agli standard di casa, mentre manca del tutto il medicinale; sopra tutto, però, svetta e fodera il naso una nota pungente di distillato e di cereale giovane, ancora da ‘sgrezzare’. Da annusare in fretta, perché dopo un po’ che sta nel bicchiere tende a sfarinare.

P: il corpo è debole, e non mancano le velleità un poco alcoliche. Qui il lato fumoso è molto più presente, con note di sigaretta spenta, di fumo acre, anche un po’ di terra bagnata; ma il mare non c’è (riemergerà al finale), e soprattutto domina la scena una dolcezza greve, di legno, di liquirizia intensa, di cereale (tipo corn flakes glassati). Passabile, ma estremamente semplice.

F: liquirizia, fumo di sigaretta, braci spente; un che di salato e marino.

Un Laphroaig privo dei caratteri della sua anima più tipica (ma abbiamo capito che certe cose le dobbiamo cercare negli indipendenti, ormai); semplice, e come già notammo per il Blasda, è senz’altro un torbato che potrà folgorare chi non ne abbia mai assaggiati esemplari e attirarlo dentro la rete del whisky: ma la previsione è che dopo poco passerà ad altro. Ottimo per la miscelazione, probabilmente, con i sapori così semplici, netti e forti al palato. 75/100

Sottofondo musicale consigliato: Aaron Neville – Hercules

Annunci

3 thoughts on “Laphroaig ‘Select’ (2015, OB, 40%)

  1. Pingback: Laphroaig 18 yo (2015, OB, 48%) | whiskyfacile

  2. Pingback: Laphroaig | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...