Kilkerran ‘Work in Progress 7’ bourbon (2015, OB, 54, 1%)

Dopo la doppietta di Laphroaig e quello Springbank da panico, replichiamo con un altro doblete: ci trasferiamo non molto lontano, avevamo infatti preso il ferry da Islay, siamo sbarcati a Campeltown sul versante Springbank e ora ci limitiamo ad attraversare la strada… Vi abbiamo già raccontato la storia di Kilkerran, il malto prodotto nella distilleria Glengyle, di proprietà Springbank; come sapete, ogni anno escono due soli imbottigliamenti a edizione limitata, l’uno in sherry, l’altro in bourbon: quest’anno quello in bourbon era a grado pieno, e adesso lo assaggiamo, alla faccia di tutto e tutti. Mercoledì replichiamo, non con quello ex-sherry ma con una chicca particolare…

klkob.non11N: tocca ripetersi, ma paragonando quest’edizione a quella dell’anno passato, le note minerali e vegetali restano in primissimo piano: e quindi vai con maestose zaffate di torba, terra, rocce bagnate (avete presente l’aria che si respira attraversando i ruscelli in montagna?), sabbia di mare (ricorda proprio la battigia…), salamoia, alghe… ma anche erbe, fiori recisi. Amido di lavanderia. L’intensità si rivela anche in un lato più fruttato, austero ma non solo: c’è il limone, certo, un agrume bello acido, susine gialle anch’esse acidine; ma anche della frutta gialla matura (pesche) e un che di una vaniglia molto elegante.

P: in bocca da subito esibisce una presenza davvero importante: sapido e torbato, squaderna un ventaglio di sapori minerali ed austeri: i ciottoli di fiume (la suggestione è comune a quella degli amici di Dolcemente Whisky, e neanche noi siamo mai stati scout), acqua di mare di rara intensità; si sente proprio la torba, acre; forse un che di lagna bagnata? Solo in un secondo momento, verso il finale, si scatena anche una bella dolcezza: un velo di crema alla vaniglia con scorzetta di limone (limone comunque diffuso), frutta gialla, e una certa dolcezza maltosa da corn flakes glassati.

F: lungo, con tanta torba e tanto sale; emerge perfino un filo di fumo, ma solo dopo che la dolcezza di cui sopra ha smesso di pulsare…

Tra poco il “work in progress” non sarà più in progress, o per lo meno: tra poco uscirà il primo imbottigliamento stabile del core range di casa Kilkerran, sarà un 12 anni a 46%, e se queste sono le premesse… L’impressione è che questi malti, con uno stile così riconoscibile, siano in costante miglioramento – anche solo per il breve periodo in cui li abbiamo saputi seguire. Se son rose fioriranno, insomma, e intanto vicino a questo germoglio pianteremo la bandierina di 90/100.

Sottofondo musicale consigliato: Kyuss – Space cadet.

Annunci

3 thoughts on “Kilkerran ‘Work in Progress 7’ bourbon (2015, OB, 54, 1%)

  1. Pingback: Kilkerran 10 yo ‘Chateau Lafitte’ (2015, OB for Beija-Flor, 55,1%) | whiskyfacile

  2. Pingback: Kilkerran ‘Work in Progress 7’ sherry (2015, OB, ) | whiskyfacile

  3. Pingback: Kilkerran | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...