Oban ‘Little Bay’ (2016, OB, 43%)

unnamed-4Domani sera verrà presentato ufficialmente “Little Bay”, il nuovo imbottigliamento del core range di Oban: nuovo solo per il mercato italiano, per la verità, dato che negli anni scorsi ne circolava prima una versione per duty free, poi un’altra ‘normale’, ma riservata ad alcuni paesi. L’evento sarà nell’elegante cornice del 1930, celebre speakeasy milanese, in cui verrà inaugurata una formula di food pairing tra quattro malti di casa Diageo, quattro cocktail di Marco Russo e altrettante creazioni culinarie dello chef Diego Rossi: domani sera ci sarà l’anteprima, ma – non temete – il format sarà ripetuto, aperto al pubblico, nelle prossime settimane. Ne parleremo più diffusamente mercoledì, quando proporremo un piccolo report della serata. Intanto, assaggiamo oggi questo Oban in anteprima (per cui dobbiamo un grande grazie a Silvia e Fabrizio di Diageo), e vediamo se il NAS sarà in grado di competere con l’edizione classica di casa Oban, il 14 anni. Poche indicazioni in etichetta, se non che l’invecchiamento è avvenuto in ‘botti piccole’.

obnob.non1N: molto aperto e accogliente, non paga dazio all’alcol. L’imbottigliamento si chiama ‘Little Bay’, e in effetti colpisce molto il carattere di whisky ‘costiero’, con belle suggestioni di aria di mare, iodio e salamoia. Su queste solide basi si innesta quello che forse è l’apporto più evidente delle botti piccole: note agrumate (arancia amara, marmellata di), frutta cotta (mele e prugne, uvetta), miele… C’è però anche dell’altro, ovverosia tutto un lato più ‘setoso’ e ‘vegetale’ che ricorda erbe lasciate a macerare, e quindi foglie di tè, infusi, rabarbaro; un velo di tabacco. Leggermente mentolato.

P: da subito si presenta con un buon corpo masticabile; del naso riprende, in attacco, una lievissima marinità ‘spumosa’, molto più delicata degli Islay. Poi, ha tutta una sua profondità ‘scura’, riprendendo e amplificando quelle note erbacee, di rabarbaro… Un poco di tabacco leggero. Una punta di rosmarino? L’effetto ricorda un miele aromatizzato con aghi di pino: perché sì, c’è anche una dimensione compiutamente dolce, ancora con note agrumate / marmellatose, miele, frutta cotta.

F: lungo e persistente; frutta secca, arancia rossa e tabacco. Resta una piacevole nota torbata e minerale.

Partiamo dalla fine, cioè da quel grande e beffardo gioco che chiamiamo voto: 86/100. Questa versione ci convince appieno, mostrando tutta l’identità della distilleria e sviluppando un lato ‘profondo’ e piuttosto complesso. Rispetto al 14 anni, ci è parso decisamente più costiero, ma anche più dolce ed erbaceo; sostanzialmente, più strutturato, più buono. Poco da dire ragazzi, ci piace molto: fossero tutti così, i NAS…

Sottofondo musicale consigliato: Radiohead – Jigsaw Falling into Place.

Published by

3 risposte a "Oban ‘Little Bay’ (2016, OB, 43%)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...