Highland Park 8 yo (2014, Gordon & MacPhail, 43%)

È da qualche anno che Gordon & MacPhail (uno dei maggiori imbottigliatori indipendenti scozzesi) mantiene alcuni imbottigliamenti ‘fissi’, stabili, rilasciati a cadenza annuale, nella serie The MacPhail’s Collection. A Roma ne abbiamo portati via alcuni, e oggi affrontiamo una versione relativamente giovane di una delle nostre distillerie del cuore, Highland Park. Il colore, paglierino, è un bel colore.

Schermata 2016-05-05 alle 20.03.47N: un po’ pungente, sulle prime, l’alcol. Un whisky che vive di contrasti, come ci ha abituato la distilleria nelle sue espressioni più pure: unisce un lato salmastro (aria di mare nitida, salamoia) e torbato (nel senso di minerale, non di affumicato: ricorda proprio la terra umida, dopo la pioggia) ad un lato fruttatino e vanigliato che rimanda al marzapane e alla pera. Il tutto è scavato in una dimensione ‘erbacea’ (proprio erbe, foglie fresche) e di esibita gioventù che va dai lieviti, dall’aroma di mash tun, di cereale in infusione, ad un lato agrumato e limonoso molto seducente nella sua austerità.

P: ha un andamento curioso: attacca austero e abbastanza timido, riproponendo note di cereale acerbo e minerali – manca però all’appello quella splendida marinità del naso: e mentre uno si attarda a ricercarla, ecco che esplode inaspettata una dolcezza ‘grassa’, ancora sul marzapane, sui corn flakes, sui biscotti al burro (shortbread), magari quelli con lo zucchero sopra… Anche qualcosa di agrumato, probabilmente arancia (candita?).

F: bello lungo, grasso e torbato, con un fil di fumo e tanto bel cereale mineralizzato (eh?).

Un malto davvero godibile, come spesso capita quando si analizzano espressioni di Highland Park: il fascino della distilleria sta – tradizionalmente – nella splendida armonia che coinvolge anime assai distanti, dalla torba alla dolcezza, dal cereale alla marinità. Non ce n’è, a noi questo whisky piace molto: non vuole essere ruffiano, esibisce la sua giovane età come una collegiale consapevole e vive di una paradossale “semplice complessità”. Su whiskybase il prezzo è segnato attorno ai 40€, dunque più o meno quanto il 12 anni ufficiale: a parità di danaro, questo imbottigliamento ci pare una scelta molto più accattivante, e infatti il voto sarà proporzionato: 86/100.

Sottofondo musicale consigliato: Cullen Omori – Cinnamon.

Annunci

4 thoughts on “Highland Park 8 yo (2014, Gordon & MacPhail, 43%)

    • Ciao Stefano!, no, non l’abbiamo assaggiato… Ma per esperienza i giovani Bunna torbati sono sempre molto buoni, diretti e concreti: facci sapere com’è, così magari al prossimo festival ne cerchiamo un sample! 😉

      • Ok! Ottime notizie allora! Appena mi arriva vi do un feedback! Grazie e buon lavoro!

  1. Pingback: Highland Park | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...