Mortlach 18 yo (2016, OB, 43,4%)

Nel 2014 Diageo ha preso una delle sue distillerie meno conosciute e ha deciso di farne “la nuova Macallan”, ovvero di farne un marchio super-premium, così, dal nulla. Inizialmente le perplessità sono state tante: un whisky ‘sporco’, molto amato dagli appassionati duri e puri (non saremo duri e puri, ma piace anche a noi: è il primo whisky che abbiamo recensito sul sito!) che hanno imparato ad amarlo grazie al lavoro degli imbottigliatori indipendenti, viene improvvisamente proiettato in una diversa dimensione, bottiglie fighe, finiture argentate, mezzi litri che costano tanto, insomma… Un’operazione commerciale, a tavolino, che però – pare – stia dando i suoi frutti. Come avrebbe detto Silvio Berlusconi, ci abbiamo preso gusto ad assaggiare diciottenni, e dopo la settimana #barelylegal ci concediamo una coda: proprio il Mortlach 18 anni ufficiale, gradazione bizzarra a 43,4%. Grazie ad Andrea per il sample!

N: il naso sembra subito molto compatto e solido, si percepisce una grande integrazione tra distillato e botti. Proviamo a sezionare: una ‘dolcezza’ molto carica e matura, fatta di una frutta delicata ma esuberante, tra pesche sciroppate e un che di frutta rossa matura e succosa; poi tanto caramello e creme caramel, anche una bella vaniglia. Anche una dimensione speziata e balsamica, con un qualcosa di propoli e sciroppo per la tosse, ed un che di lievemente minerale, appena accennato, a ricordarci quel che era Mortlach nella nostra testa prima di vedere il nuovo core range.

P: il corpo è buono e ha una buona intensità, anche se sogneremmo di poterlo bere a grado pieno. Ancora c’è una frutta fatta di mele (buccia?), pesche mature, caramello e un po’ di vaniglia. Questa dolcezza rimane stranamente sottile e tende anzi al secco, grazie ad una dolcezza leggermente legnosa, con note di tè infuso, frutta secca (noce e nocciola). Ancora una lievissima mineralità, quasi con polvere da sparo.

F: lungo e persistente, abbastanza secco, tutto giocato su frutta secca (tutta noce) e una lieve mineralità.

È buono e ci è piaciuto, per chiarirci subito: 86/100. Rimane sospeso a metà tra una dolcezza immediata, compatta e molto gradevole, ed una complessità di legni e mineralità che però non diventa mai pienamente tale. Non faremo le vedove della Mortlach che fu, dato che fortunatamente gli indipendenti continuano a spacciare imbottigliamenti, anche se ovviamente del brodo di carne non c’è più traccia. D’altro canto, è una bottiglia da consumare dopo una sfiancante partita su un campo da golf, in compagnia di una modella annoiata: hai voglia a convincerla che quel Mortlach che sa di coda di bue è un ottima ragione per venire a letto con te, mentre se sfoderi questa boccia mezza dorata e con sapori più suadenti, beh, allora sì che sei in pole position. [Avevamo evocato Silvio, pare opportuno chiudere su note a lui care.]

Sottofondo musicale consigliato: Die Antwoord – Rich Bitch.

Annunci

One thought on “Mortlach 18 yo (2016, OB, 43,4%)

  1. Pingback: Mortlach | whiskyfacile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...