Gillon’s Real Mountain Dew (inizio ‘900, 45,3%)

l’abbiamo preso veramente!

Al Milano Whisky Festival del 2017, Franco Dilillo ha aperto una bottiglia molto particolare: un blended databile tra il 1890 e il 1910. Tremano i polsi solo a scriverlo, figurarsi a berlo… Real Mountain Dew era il nome di un blend imbottigliato da Gillon’s, una compagnia allora proprietaria della distilleria Glenury Royal (anch’essa oggi una sorta di mito, avendo chiuso nel 1985), che poi si è fusa intorno al 1910 con Ainslie & Heilbron Distillers, proprietari per un certo periodo di Clynelish. Nel mare incerto e burrascoso dell’Internet c’è qua e là chi sussurra che questo blended possa contenere del whisky distillato nella mitica distilleria di Brora, ma davvero la certezza non è cosa che ci sentiamo di esigere quando parliamo di un reperto archeologico come questo Real Mountain Dew. Ci accostiamo con le orecchie basse basse al bicchiere, sperando che il tempo non abbia messo a tacere per sempre le qualità del distillato.

gillon_mountain_dew_1890sN: sicuramente non si lascia più di tanto ammaestrare, anche a distanza di un secolo. Prevalgono note sporche e spigolose, di terra, petrolio, materiale plastico (tipo cellophane) – diremmo note da impianto chimico. E signori, questa è la torba! Anche una nota iodata, a perfezionare un profilo sottile, affilato. Per il resto, evidente una nota di erba fresca, e pare quasi di scorgere un po’ di orzo nudo e crudo. Biscotti al burro e zucchero liquido. Si dimostra anche un po’ ‘stracciato’ dagli anni con un sentore di dopobarba.

P: dopo l’ultima impressione del naso, temevamo il peggio. E invece è sorprendemente solido: semplice, ma ancora ben strutturato e di buona persistenza. È tutto basato su una leggera zuccherosità da cereale (ricorda proprio il chicco d’orzo maltato che si addenta in distilleria) e un senso evidente di torbatura: si va dalla terra a un filo di fumo (a dire il vero anche più d’un filo).

F: molto vegetale: insalata iceberg, cereale, fumoso e iper-minerale (un senso di ciottolo).

Non si sente tanto la quota di grano, e di certo troviamo un sacco di torba, cosa che rende questo blended molto istruttivo, oltre che terribilmente affascinante. Sicuramente è giovane e ‘semplice’, e per gli standard produttivi di adesso può apparire fin troppo ingenuo e spigoloso, fin troppo franco, se vogliamo. Niente frutta, infatti, e con un apporto apparentemente minimo dei barili. Ha il grande merito di essersi conservato ancora abbastanza vivo in oltre cent’anni di permanenza in vetro, per dare a noi la possibilità di sfogliare questo rarissimo bigino di storia – dando sostanza a quel che spesso si legge sulle caratteristiche dello Scotch che fu. 82/100 tecnici, 95 emozionali.

Sottofondo musicale consigliato: Chet BakerAlmost blue

Annunci

Published by

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...