[Dal nostro inviato ai Caraibi] Clément Très Vieux 1952 (1991, OB, 44%)

Il nostro inviato ai Caraibi

[Siccome siamo gente un po’ così e ci piace darci un tono, ci è sembrato irresistibile approfittare della trasferta di lavoro a Saint-Barthelemy dell’amico Luca Perego, maestro di similitudini e di tante altre cose innominabili, per affidargli una rubrica: così anche noi possiamo dire “dal nostro inviato ai Caraibi, ecco una recensione di rum!”]

Quando Jacopo e Giacomo, nella morbidità della lobby bar de Il Sereno, l’hotel di lusso dove sono venuti a trovarmi sul lago di Como, mi proposero di scrivere su Whiskyfacile, probabilmente avevano già aperto abbastanza sample da dimenticarsi la mia spiccata passione per i Serial Killer, per i gerarchi nazisti e per la musica opinabile. Eppure eccomi qui, in qualità di inviato speciale dai Caraibi, dove sono in task force per la compagnia per la quale lavoro per aiutare la “riapertura” della Lounge Bar, dopo che Irma due anni fa ha fatto più disastri di Jar Jar Blinks per Star Wars. Sarà che ho le frasi di Buscaglione tatuate sul braccio, sarà che mi piacciono i gattini, sarà che quando scrivo riesco a trattenermi dal bestemmiare, tant’è…

L’ospite di oggi, stappato mentre a Milano ci si gode il Whisky Festival, arriva direttamente dalla celeberrima distilleria Clément, nella Martinica, e nasce nel lontano 1952, anno che ci ha regalato alcuni tra i più grandi filosofi e pensatori dell’epoca moderna (Vittorio Sgarbi e Steven Seagal, per dirne due). Clément 1952 Très Vieux fa botte fino al 1991 (c’entra qualcosa l’oscar a Sophia Loren? secondo me sì); fino al 1991 vuol dire fino al 1991, 39 anni veri, non come quelli che diceva di avere la tipa che avete conosciuto in discoteca e poi il giorno dopo aveva la verifica a scuola. 39 cazzo di anni in un posto dove ci sono, di media 29 cazzo di gradi. Qualcuno ha detto Angel’s Share? Esatto. Solo per questa cosa mi sono sentito come la prima volta che ho visto Heather Brooke.

Dura la vita a Saint Barthelemy

Al naso serve un attimo per capirlo, come quando provi a parlare con la persona allo sportello delle poste che comunica solo in pugliese. Inizia immediatamente una nota che sembra fiori d’arancio insieme allo zucchero di canna bruciato, il tutto chiuso in quel cassetto di legno dove nonna teneva i cioccolatini. Il primo assaggio è prezioso, ti aspetti una texture cremosa che non arriva; è dry, ma con un bilanciamento da far invidia alla disposizione delle truppe di Rommel. Il legno fa da padrone, insieme a tutto ciò che è frutta scura. C’è sicuramente cannella, c’è sicuramente la fava di cacao, io ci sento anche molto velatamente della Fava Tonka. Il finale è lungo come la sofferenza per l’ex che ti ha spezzato il cuore, il bicchiere dove l’hai bevuto puoi rivenderlo come profumo per ambienti al gusto di “zio ubriaco alla cresima”. È davvero interminabile; torna prepotente

Gattino caraibico molto impegnato

lo zucchero di canna, resinoso e denso come non mai, sembra di respirare anche l’odore della pelle di chi la lavora, quella canna. Sparisce ogni nota balsamica, la dolcezza ti manda in estasi tanto è profonda ed avvolgente. Solo il finale vale il prezzo del biglietto, dico davvero.

Questo primo assaggio di livello mi ha creato la stessa aspettativa che ha ogni tifoso dell’Inter durante l’estate, spero che la stagione non possa che migliorare. Nel mentre, un saluto da Saint-Barthélemy.

Published by

Una risposta a "[Dal nostro inviato ai Caraibi] Clément Très Vieux 1952 (1991, OB, 44%)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...