Clynelish 12 yo (G&M, anni ’80, 57%)

Va in scena oggi l’ultima recensione di questo 2019, un anno che nella caotica redazione di whiskyfacile (incredibile quanto caos riescano a produrre sole due persone!) sarà ricordato con affetto. Anzitutto per l’ottavo anno consecutivo abbiamo aumentato il numero di visite totali sul blog, sfondando per la prima volta quota 100 mila utenti. Sono soddisfazioni. E poi la fine del 2019 porterà con sè novità significative per questo virtuale

IMG-20191229-WA0016
Belle facce per il Tasting Facile 2019

spazio alcolico; vi chiediamo solo un po’ di pazienza prima di scoprire le carte di quella che per noi è una piccola grande rivoluzione. Per celebrare in pieno la fine del decennio ci sembrava giusto concludere pescando da una distilleria a noi molto cara come Clynelish, con un imbottigliamento aperto durante un evento che è ormai un classico senza tempo e che ci ha fatto compagnia in tutti questi anni come il Tasting Facile. Per chi non conosce la storia della distilleria, sappia che è una delle più confuse e paradossali nel panorama del whisky: Clynelish, storica distilleria del nord delle Highlands, chiuse nel 1969 dopo che una nuova e più moderna Clynelish fu costruita proprio affianco. Tuttavia DCL, antesignana di Diageo, ebbe proprio in quel periodo un accresciuto bisogno di whisky torbato per la ricetta del Johnnie Walker. Siccome i whisky di Islay non bastavano- il 1968 fu un anno particolarmente secco su Islay e la produzione ne risentì- si pensò di

IMG-20191229-WA0010
Parterre de rois

riaprire la vecchia Clynelish, cambiandone lo stile in heavely peated e il nome in Brora, il villaggio adiacente al mare dove sorge la distilleria. Oggi beviamo un 12 yo imbottigliato nell’84, anno in cui G&M rileva, facendone una licensed label, l’etichetta storica del Clynelish 12 yo che era stato prodotto per tutti gli anni ’70 dalla vecchia Clynelish. Questo invece è con ogni probabilità un Clynelish prodotto dalla nuova distilleria nei primi anni di vita, più o meno nel 72, quando sfornarono alcune delle bottiglie più acclamate dagli appassionati di Clynelish. Insomma ci sembrava un modo decoroso per fare gli auguri di buon anno!

IMG-20191229-WA0015N: odora di vecchio, di emeroteca, carta logora e ingiallita. Ci sono nuances molto difficili, di grasso del prosciutto, lana bagnata, moquette, fieno umido. Sì, abbiamo esagerato, ma già questo delirio basterebbe per gridare al capolavoro. Poi ci sono altre dimensioni, da quella fruttata (mela gialla appena tagliata e limone) a un’altra grassa e ingolosente, tipo pasta frolla cruda, cioccolato al latte. Cereale umido da panico, il tutto inserito in un contesto polveroso, una patina che tutto ricopre e tutto nobilita.

P: l’alcol si sente più che al naso. In generale ci muoviamo nell’ambito di un whisky secco. A sorpresa ha una spiccata nota agrumata amara (nocciolo e scorza di limone). Ancora tanto vivo, con una bella acidità che fa salivare. Tanto malto semplice, molto presente e che richiama una mineralità e una sapidità d’antan. Si sente un filo di torba leggermente affumicata.  Liquirizia pura e mirtilli. L’acqua gli giova e lo rende meno tagliente, facendo uscire tanta frutta (mela gialla, ananas).

F: polvere, sale, limone, chicco d’orzo, fumo sottile. E ancora mirtilli, per lo stupore dei più. Ma ancora più stupefacente è la suggestione di mele conservate per l’inverno in un vecchio mobile.

Questo Clynelish è un whisky ostico e sfidante, difficile, ma davvero vale la pena di sfidarlo, cadere sconfitti, rialzarsi e affrontarlo altre mille volte. Resta un’esperienza memorabile, una testimonianza irripetibile del whisky che fu e non possiamo davvero dargli meno di 93/100. Noi ci rivediamo a gennaio per continuare a bere malti incredibili come questo, malti imbarazzanti, malti introvabili, i malti del supermercato che la zia vi ha regalato a Natale. Insomma tutto quello che avrà la sfortuna di ritrovarsi nei nostri Glen Cairn… Buon anno!

Sottofondo musicale consigliato: R.E.M.It’s The End Of The World As We Know It (And I Feel Fine)

Annunci

Published by

One thought on “Clynelish 12 yo (G&M, anni ’80, 57%)

Rispondi