Aberfeldy 21 yo (2015, OB, 40%)

dewar-s-world-of-whisky

quanta amenità

Aberfeldy è distilleria delle Highlands centrali di proprietà di Dewar’s (ovvero: Bacardi), generalmente poco conosciuta: questo 21 anni però, a dispetto delle nostre scarse competenze, si è vinto il premio 2014 ai World Whiskies Awards come miglior malto della regione… Da poco tempo il core range ha subito una bella riverniciata di novità (le bottiglie e le etichette sono molto belle, nello stile che oggi è più di moda), e anche in Italia iniziano a vedersi diverse espressioni ai festival e nelle enoteche; la cosa ci fa piacere, certo, ma mai quanto ci fa piacere bere un dram… Tutto ‘sto pippone per annunciare con trombe squillanti che oggi assaggiamo l’espressione più matura del lotto. Dàghene (forma veneta per il più celebre daje).

Schermata 2016-06-08 alle 21.55.35N: fin da subito sembra un whisky ‘classico’, con un’accezione positiva dell’aggettivo: molto profondo, maturo e aperto, privo di note alcoliche (d’altro canto, è solo a 40%), tutto giocato tra note di brioche appena sfornata, di fette biscottate calde, di cioccolato al latte e vaniglia… Ma non si pensi a una monodimensionalità dolciaria: la quota di botti ex-sherry dev’essere stata bella importante, con suggestioni chiare di frutti rossi (ciliegie, lamponi), un velo di tabacco da pipa (molto dolce); uvetta, in grande quantità (e le prugne secche?), ed anche un po’ di frutta secca tostata (arachidi). C’è anche un cicinin di erbaceo e mentolato (ma proprio un cicinin, eh). Molto piacevole, davvero un naso rotondo e… classico.

P: se tanti, online, criticano la scelta di imbottigliare a 40% (e, intendiamoci: anche noi preferiremmo sempre una gradazione più alta, ma siamo dei rompiballe, si sa), onestamente a noi non pare particolarmente scarico, e il corpo ci sembra certo non esplosivo ma nel complesso accettabile. Siamo subito piacevolmente colpiti da una nota molto nitida di cera, in avvio: proprio cera d’api, ma anche miele, di quelli non troppo dolci… Ci stupisce proprio che sia così compostamente ‘amaro’, con perfino una suggestione episodica di propoli. Sullo sfondo si agitano ancora il cioccolato, la frutta secca tostata, un velo ancora di frutta rossa (molto meno evidente che al naso, però), di uvetta. Che bella sorpresa!, mostra una complessità inattesa e resta molto piacevole da bere. Verso il finale mostra anche una venatura affumicata…

F: il finale non è lunghissimo, pagando forse dazio – qui sì – alla gradazione bassa: tutto su miele, uvetta ed un velo di fumo.

Come abbiamo già scritto, avevamo basse aspettative (non sapremmo dire perché) e siamo stati smentiti dall’evidenza di fatti: è un buon whisky, piacevole, di una certa complessità, con quelle note che tanto ci fanno impazzire (leggi: cera) e che lo rendono tanto “Highlands”. Certo, se la gradazione bassa può essere in assoluto un limite, in questo caso soprattutto rende il whisky pericolosamente beverino. Il giudizio sarà dunque di 87/100, con uno sguardo per una volta anche al prezzo: circa 90€ per un ventunenne, al giorno d’oggi, è cosa rara.

Sottofondo musicale consigliato: Aberfeldy – Whatever turns you on.

Annunci