Glen Moray 1992/2009 (Samaroli ‘Glen Cawdor’, 45%)

Abbiamo ancora nel naso il profumo di quell’ottimo Mortlach selezionato da Samaroli… Assaggiamo allora un altro imbottigliamento del medesimo storico marchio italiano: dalla serie Glen Cawdor (lodevolissima scelta: bottiglie da 50cl, per contenere i costi: lo fa anche il tedesco Malts of Scotland, chissà che non seguano altri…) ecco un Glen Moray di 17 anni e messo in vetro alla gradazione ridotta di 45%, comme d’habitude per Samaroli.

glen-moray-samaroliN: al primo affondo, l’alcol è pungente e il profilo aromatico sembra molto delicato. Trasmette un senso di fresca gioventù: note di malto, di fieno, di legno, di fiori freschi, di susine acerbe… Esce però anche un lato più ‘adulto’ e zuccherino, con belle note fruttate di pere, mele rosse e con crescenti suggestioni di miele (solo dopo un po’, un accenno di vaniglia). Leggeta nota di liquore agli agrumi (mandarino, ci pare).

P: bel corpo, buona presenza in bocca. Il sapore è molto uniforme, ma piuttosto intenso: un bel malto pulito, mieloso e agrumato, ‘sporcato’ solo da una tenue nota amarognola di erba e legno (frutta secca delicata). Beverino assai, con anche una spruzzata di mandarino e un pizzicore piccantino, ma un pelo troppo alcolico, vista la delicatezza del tutto; e semplice, certo.

F: asciutto e vegetale, vira presto su un malto amaro, erbaceo e sulla frutta secca. Ancora pepatino.

Il naso è molto godibile, non un mostro di complessità ma piacevole e promettente: gli ammiccamenti cedono però al palato e al finale, rivelando un whisky francamente un po’ troppo ‘normale’. Altre bottiglie della selezione Samaroli di questi anni hanno caratteristiche simili, probabilmente siamo noi che non sappiamo sintonizzarci su quello che in fondo è uno stile, una scelta precisa: nel merito, però, non sappiamo salire sopra a 80/100.

Sottofondo musicale consigliato: SiaChandelier

Annunci