Botti da orbi – recensioni dal Whisky revolution festival

Torna la rubrica di recensioni di Marco Zucchetti, che ritroviamo ispirato come un trequartista brasiliano nelle giornate di grazia. Questa settimana lui e la sua folta barba tornano a Castelfranco Veneto, per la seconda parte del florilegio dal Whisky Revolution Festival (qui la prima, per chi se la fosse persa).

Clynelish 12 yo (2005/2018, Gordon&MacPhail, 55,1%)

Così come ti aspetti di finire con la bocca incendiata a pietire acqua e pane quando assaggi il chili messicano, ormai ti aspetti di immergerti nella cera appena ti avvicini a un Clynelish. Ma qui no, i refill sherry butt e l’alta gradazione funzionano da carta da regalo. Bisogna scartarlo. Senz’acqua al naso se la giocano note di miele d’erica e burro, con noce moscata e vaniglia. C’è della frutta (mango?) e dell’agrume, più arancia che limone. Forse un tocco acidino, non si sa bene se fruttato (mela renetta) o il burro che si fa rancidino. In bocca è dolce, malto fruttato, ananas, nocciole e di nuovo miele, ma stavolta biscotto al miele. Cioccolato al latte e un retrogusto di arancia amara. Bon, adesso però dato che per il 70% siamo fatti d’acqua, mettiamone una goccia. Sortilegio. Al naso ecco la cera, aromatica, con fiori di campo e una suggestione zuccherina di uva bianca. E in bocca, che miglioramento. Anche qui fiori, propoli, arancia e pepe bianco. Si rilassa, diventa confortevole e si lascia andare a un finale dolce, di mou, con zenzero e una frutta gialla matura. Senz’acqua è dignitoso, con acqua diventa un gran bel dram primaverile.

Trasformista. 86/100

Kilkerran 11 yo (2007/2018, Cadenhead’s, 58,1%)

In ogni videogioco c’è il mostro che non riesci a battere perché non trovi il punto dove colpirlo. Questo Kilkerran è un po’ così, il rompicapo del festival. Grado alto, sherry pesante, torba, marinità: mancano solo prosciutto e funghi per farlo diventare la pizza Capricciosa degli scotch. Intimiditi da tanta varietà di stimoli, ci si butta il naso. Olive nere arrostite, torba sporca ma piuttosto evidente. È umido, ti porta in un luogo tra la stalla (fieno umido) e la cantina. C’è del tabacco, i chicchi di caffè emergono nitidi insieme al caramello bruciato. La frutta è scura, prugne di ogni tipo e noci. Curioso tocco acido, come di vomito. Mi pare di sentire mia madre che si indigna: “Bleah, che schifo!”. Ok, allora bucce di prugne aspre. Con l’acqua la salamoia (marchio di fabbrica) si fa più netta, l’acidità diventa di vino. E anche divina. In bocca lo sherry è appiccicoso, caramello e caffè. Tantissima dolcezza, cioccolato (il caro vecchio Mars). È sciroppato, ma anche grasso. Pesce grasso affumicato, tannino sottoforma di chiodi di garofano. Sapori XXXL, pesi massimi che si confrontano fra dolcezza e bruciato. Vince la prima, con frutti rossi sciroppati, cioccolato al latte e un fumo che rimane a rassettare il campo di battaglia. Bella sfida, un gran bel casino sensoriale, come se Yin e Yang si prendessero a testate. L’acqua non gli cambia volto, rimane piuttosto omogeneo. La prepotenza con cui si impone la dolcezza non è bellissima, ma è uno di quei whisky che ti tengono compagnia per ore dopo averlo finito. Certo, devono piacere i rompicapi, i gusti estremi, i piercing, i formaggi puzzoni, il grunge, il calcio del West Ham. Se non volete regole e giornate facili, è fatto per voi.

Taglia forte. 87/100

Old Perth 2004 13 yo (Macallan and Highland Park, 43,8%)

Alla prima occhiata pensi di avere un problema di cataratta o daltonismo selettivo, probabilmente non vedi bene i colori, ma solo i liquidi. Ha 13 anni ma è scurissimo, di un mogano scuro che ben sta su rum e Armagnac. Appurato che la tua vista è ancora buona e che il colore è solo colpa di quel birbante dello sherry, dai una snasata. E pensi di avere un problema spaziotemporale: meglio controllare di essere ancora nel XXI secolo, perché dal bicchiere ti arrivano suggestioni ottocentesche di vecchia biblioteca, poltrone di cuoio, tabacco da pipa, un che di cantina. Quanta è bella giovinezza lasciatelo dire ai poeti rinascimentali, noi si preferisce la vecchiezza. Il naso non vuole staccarsi, ci pesca ancora more, uvetta, cioccolato fondente, chiodi di garofano, perfino un filo di torba e dei frutti scuri, tipo more. Sembra Benjamin Button, ha 13 anni ma dimostra i secoli. E cambia parecchio, in dieci minuti le note stantie si dissolvono e resta una dolcezza di panettone e amarena sciroppata. Forzandosi (il naso è tiranno, vorrebbe tenerselo tutto per lui), gli dai un sorso. Severo come la signorina Rottermeier, secco come la nota di una maestra. Lo sherry è sovrano, il legno impera. Ci sono le note amare dei Macallan (noci, caramello bruciato), il lato fruttato è limitato a un tocco di fragola, si gonfiano le spezie con pepe nero e cannella. La dolcezza è limitata al malto, ma anche se in secondo piano si avverte. Il fumo di Highland Park cuce insieme l’arazzo. E quando pensi di averlo capito, nel finale assai lungo ecco il sorprendente ritorno delle more (come le vecchie e care Big Fruit), un tocco di cola, uvetta a piene mani. Ecco, ci sarebbe da prendere un aereo, andare a suonare alla porta di Morrison&Mackay e implorarli di ritrovare quella botte, se ancora c’è. Buttare via il Billy dell’Ikea, la pianta che tanto viene l’inverno e di sicuro muore. Farle spazio e metterla in casa, come l’opera d’arte che è stata.

Storiografico. 90/100

Feis Ile 2018 Tasting #1 – Whisky Club Italia

IMG_4818Venerdì scorso abbiamo partecipato ad una degustazione davvero imperdibile: grazie a Whisky Club Italia e a Claudio Riva, giunto ormai al suo quindicesimo Feis Ile, abbiamo assaggiato sette imbottigliamenti proprio dal Feis Ile 2018, appena concluso. Qui il resoconto dei primi quattro dram, a domani per gli ultimi tre.

35051311_1924071064277876_1023718125155123200_nIl primo whisky assaggiato, in realtà, era questo Kilkerran di 8 anni, 1020 bottiglie da un paio di Recharred Sherry casks, imbottigliato per l’open day di Glengyle, a Campbeltown – l’evento che precede il festival di Islay.

Kilkerran 8 yo ‘Open Day’ (2018, OB, 58,4%)

Spettacolare. Nonostante un barile così attivo, lo sherry resta delicato, con note fruttate (fragola/lampone e mela rossa), e soprattutto perfettamente integrato con l’anima minerale e costiera (grafite, aria di mare, odore di porto) in evidenza. Eccezionale. Con acqua si apre e si scalda (accanto alla festa di frutta, sviluppa anche note di stalla, di pecora, secondo alcuni). 90/100

Seconda bottiglia aperta: un pezzo grosso del lotto di imbottigliamenti speciali, sua maestà Lagavulin! 18 anni, invecchiato in barili ex-bourbon a primo e secondo riempimento ed ex-sherry, solo 6000 bottiglie e prezzo in asta già alle stelle.

35247235_1925225954162387_8466141973693071360_nLagavulin 18yo Feis Ile (2018, OB, 53,9%)

Ottimo: naso straripante, grasso (grasso di maiale, ma anche arachidi), piccoli frutti rossi, mela gialla, ostriche molluschi e fumo smoggoso. Borotalco. Il palato è molto più bruciato, se vogliamo più ‘banale’ rispetto al naso. Biscotti al burro. Toffee. Dolcezza marcata, poco mare. Finale bruciatissimo e poco altro. Con acqua esplode l’agrume (arancia), complessivamente migliora un po’, si apre al mentolato, diventa sempre più medicinale. Il solito, eccellente Laga. 89/100

Terzo tempo? No, terzo dram! Ecco l’Eretico: Port Charlotte, il torbato di casa Bruichladdich. Miscela degli ultimi 5 barili rimasti dalle distillazioni del 2001, tra cui ex-bourbon ed “ex-french wine” (sic), di fatto è il più vecchio PC mai messo in commercio.

35198999_1926494890702160_6546022525564878848_nPort Charlotte ‘The Heretic’ (2001/2018, OB, 55,9%)

L’apporto delle botti ex-vino è abbastanza evidente (legno, frutti rossi, mirtilli). Torba ‘alta’ e pungente, salamoia, olive nere, una punta cremosa. Note mentolate. Agrume (lime/kumquat). Al palato il legno si sente tanto, poi inchiostro, agrumi e una cremosità veramente hardcore. Sale (ma non mare). A nostro gusto c’è un po’ troppo legno per essere un campionissimo, e pure è un dram molto godibile. 86/100

Non c’è tre senza quattro, si suol dire, no? Stavolta non è l’imbottigliamento per il festival, ritenuto non all’altezza, ma lo splendido 10 anni Cask Strength di Laphroaig. E Claudio se ne intende di Laphroaig, dunque…

35240548_1927903090561340_2836673315999842304_nLaphroaig 10 Cask Strength #10 (2018, OB, 58%)

Un Laph da manuale. Fumo, medicinale, lime, si sente tanto il profumo del cereale torbato dopo il giretto nel kiln. Tanta marinità: alga marcescente, suggerisce Claudio. Il palato esplode sulle stesse note, con una torba intensa e pneumatica (nel senso che sa di copertone!) infinita. Zenzero candito. Si chiude sulla liquirizia. Fumo aggressivo, molto persistente. Delizioso, semplice magari ma quintessenziale. 88/100

Sottofondo musicale consigliato: Iron Maiden – The Number of The Beast.

 

Kilkerran 8 yo (2017, OB, 56,2%)

37. barili kilkerranEsattamente un anno fa, poco prima del Milano Whisky Festival, ci trovavamo a presentare il Kilkerran 12 anni, prima espressione stabile del core range della sorellina di Springbank – ad oggi, quella recensione è risultata la più vista sul sito nel corso degli ultimi mesi, e quell’imbottigliamento si è affermato a livello globale come una dellemigliori sorprese del 2016, un whisky dalla complessità straordinaria se si considera la fascia di prezzo in cui si posiziona. Per quest’anno Glengyle non offre nuove release autunnali, ma – attenzione attenzione – al nostro consueto banchetto avremo aperta una chicca, una bottiglia ormai oggetto delle mire dei collezionisti, che giunge dai tempi (non così lontani, in effetti) in cui Kilkerran era un marchio come un altro, con tutto da dimostrare. Su questo sveleremo di più domani, ma intanto ‘accontentiamoci’ di recensire l’edizione limitata primaverile, un 8 anni a grado pieno maturato in barili ex-bourbon, abbondantemente esaurita nel giro di poche settimane.

aa4167N: come da copione, troviamo un profilo unico: tanto minerale, tanta cera, tanta marinità. Simile al 12 anni ma più tagliente, più acuto, con una quota di ‘umidità’ in meno, se vogliamo. Note di shortbread (i biscotti al burro scozzesi, bestie ignoranti!) a condensare in un’immagine la parte più ‘dolcina’, e un pelo di burro fresco. Mela verde. Il lato vegetale ed erbaceo è molto raffinato, con anche una punta balsamica, di eucaliptolo o di menta piperita. Ha in evidenza una piacevole nota di lievito, o meglio, diciamo, di impasto per pane. Con acqua, trionfa l’hallmark (?) della mela verde.

P: di corpo agile, c’è una dolcezza semplice e immediata (vaniglia, zucchero a velo), ma certo non pacchiana, anzi contrappuntata da cereale, da una torba in netta crescita (qui diventa non solo terra umida, ma proprio fumo) e un senso sottile di cereali e lieviti. Poi certo ancora mela verde e zesta di limone. Il lato minerale si fa facilmente marino, sapido e fumigoso, con note di alghe. L’acqua spalanca le porte ancora alla mela verde e poi, soprattutto, a un sapore di mare veramente impressionante.

F: lungo e persisitente, incredibilmente pulito pur se pulito, chiaramente, non è: braci spente, cera, semino di limone.

Come sempre davanti a Kilkerran, non si possono non apprezzare l’unicità del profilo, certamente, e la solidità con cui questo profilo aromatico è perseguito: ci siamo innamorati dello scotch whisky per le sue imperfezioni, per i suoi spigoli, e qui ne troviamo in quantità. Apparente incoerenza sulla carta, straordinaria coerenza nel bicchiere… per un whisky di soli 8 anni! Detto ciò, a nostro giudizio il 12 anni a 46% resta imbattibile (o per lo meno imbattuto) per complessità e per la paradossale, sfumata delicatezza delle sue ruvide screziature, qui tutte presenti ma meno elegantemente bilanciate. Resta la qualità, e non si scenda numericamente sotto a 87/100.

Sottofondo musicale consigliato: Tom Waits – How it Gonna End.

Kilkerran 12 yo (2016, OB, 46%)

img_9364
alambicchi di Glengyle

Finalmente, è giunta l’ora: l’abbiamo sbevazzato fugacemente prima di partire, l’abbiamo ribevuto a Campbeltown, l’abbiamo appena riassaggiato con calma e con tutti i crismi della degustazione: Kilkerran 12 anni, il primo imbottigliamento stabile nel core range di casa Glengyle dopo la gloriosa serie Work in progress. 70% botti ex-bourbon e 30% ex-sherry, si tratta del primo grande traguardo raggiunto dalla minuscola distilleria satellite di Springbank, aperta nel 2004 con la supervisione assoluta del leggendario Frank McHardy. L’etichetta, senza fronzoli come piace lassù, è finalmente bianca, senza quelle tonalità pastello che in passato qualche ironia hanno sollevato nei maliziosi. Ritroveremo quelle note ‘sporche’, costiere e minerali che tanta gioia ci avevano dato? Oppure il primo traguardo coincide con caratteri più ruffiani? Ai posteri l’ardua sentenza, anzi, che diciamo: siamo qui per questo, a noi l’ardua sentenza!

klkob-12yoN: nasone! Fin dai primi attimi si capisce che gli aromi tenderanno ad avvicendarsi spesso e volentieri. Troviamo sicuramente le screziature della casa: dalla salamoia al bacon, da un’aria di mare davvero potente a una leggera cenere, con anche una nota sulfurea di fiammifero. Torbato e minerale (pare sia a 15 ppm), e quindi ricorda la terra bagnata. Olii essenziali di limone ed erbaceo (Serge parla di timo, ci sta). Orgasmico. E aggiungeteci pure delle zaffatine convinte ma non eccessive di pasta di mandorle, vaniglia, pesche e un che di uvetta.

P: masticabile e oleoso, di certo non difetta in intensità di sapori. Di nuovo spicca tutto ciò che graffia: sale, mare, burro e una nota accennata di zolfo. Che torba avvolgente, ragazzi. Sa poi molto di cereali, di corn flakes con qualche goccia di miele. Zenzero. La dolcezza comunque sta sempre un gradino sotto, a far da sottofondo a un malto di sfaccettata eleganza: tanti spigoli, tanto onore.

F: malto pulito e un po’ di frutta rossa essiccata. Un senso di cenere, di ritorno alla terra. Perchè cenere siamo…

Eravamo ansiosi di recensire questo imbottigliamento, almeno da quando quattro anni fa abbiamo assaggiato il nostro primo Work in Progress: questo 12 anni rappresenta esattamente la nostra tipologia di daily dram ideale, ha una complessità del tutto inconsueta per gli imbottigliamenti di questa fascia di prezzo (costa meno di 50€!) e tiene in primissimo piano tutti gli spigoli che caratterizzano i malti di Cambeltown. La dimostrazione che l’artigianalità è una strada che paga? Senz’altro, la nostra valutazione sarà direttamente proporzionale alla nostra goduria: 90/100.

Sottofondo musicale consigliato: Feeder – Eskimo.

Kilkerran ‘Work in Progress 7’ sherry (2015, OB, 46%)

Ogni volta che introduciamo un Kilkerran dobbiamo fare il pippone di presentazione: questa volta, per pigrizia, vi rimandiamo direttamente qui, dove vi ricordiamo chi c’è dietro Kilkerran, quali le ragioni, eccetera. Oggi assaggiamo la versione 2015 in sherry della serie ‘di assestamento’ Work in progress – quella maturata in bourbon ci era piaciuta molto, così come quella in sherry dell’anno precedente, d’altro canto. Sì, ci piacciono tanto i Kilkerran, ma che ci volete fare?! Scusate taaaanto… se abbiamo il whisky facile!

Schermata 2016-05-05 alle 20.31.38N: il primo impatto è clamorosamente simile all’edizione dell’anno precedente: e quindi note al limite del sulfureo, tra cerini spenti, arancia rossa quasi marcia, salamoia, olive e note minerali molto spiccate, con anche qualche suggestione vagamente ruginosa e una torba al limite del fumoso in crescita dopo un po’. Questi gli attori che, ancora, dominano il parterre, assieme ad un che di erbaceo (che giunge fino a note di nocino): e fin qui, la solita ottima impressione. Poi però ci pare di notare un apporto dello sherry molto più vivo, più ingombrante (sempre rispetto alla frutta cotta di cui scrivevamo sull’edizione 2014) – qui piuttosto diventa prepotente la frutta rossa in marmellata (fragola), poi marron glacee e magari una caramella al rabarbaro.

P: come già per la WIP6, anche qui il palato esibisce una dolcezza più accentuata che non al naso: qui però partiamo da un naso decisamente più zuccherino, e l’effetto è quello di uno sherry davvero avvolgente. Se il primissimo impatto pare ancora minerale e leggermente sulfureo (ancora cerino), subito si prende la scena il legno, con note di marmellata d’arancia, frutti rossi, castagne, toffee; qualcosa di carruba dolce e una forte nota proprio di cola, dolceamara. Chiodi di garofano, a testimoniare una speziatura molto evidente. Un che di liquore di mandarino…

F: labbra salate; c’è un fil di fumo che perdura sulla liquorosità (ancora all’arancia), poi ancora cerini e frutta macerata. Torba mineralissima. Ancora chiodi di garofano.

Poche parole: più ‘ruffiano’ del WIP6 ex-sherry ma senza perdere la mineralità. Sostanzialmente, resta Kilkerran ma la dimensione sherried è più evidente, più liquorosa, anche se non riesce a far retrocedere l’imponente mineralità: un curioso effetto amaricante è dato dall’apporto delle spezie, che riescono a mitigare la dolcezza e a legare mineralità e sherry. Non un everyday dram, senz’altro è un malto difficile e riottoso, ma al momento giusto sa dare soddisfazioni infinite: 88/100. Un ultimo cenno al portafoglio: clamoroso rapporto qualità-prezzo (costava circa 50€, prima di andare esaurito).

Sottofondo musicale consigliato: è uscito ieri il loro primo disco, in attesa dei nuovi video peschiamo dall’ep dell’anno scorso: La Suerte – L’origine del mondo.

Kilkerran 10 yo ‘Chateau Lafitte’ (2015, OB for Beija-Flor, 55,1%)

Si dice un gran bene di questa neonata distilleria di Campbeltown, la Glengyle, figlia degli sforzi profusi da Springbank per rivitalizzare l’industria del whisky nella regione. In realtà quando nel 2004 si iniziò a distillare si trattò di un ritorno più che di una fondazione: i più accorti sapranno infatti che in loco una distilleria chiamata proprio Glengyle produsse il suo whisky fino agli anni ’20. Ma non stiamo a formalizzarci, è passato quasi un secolo da allora; ben più interessante invece è il percorso di questi ultimi dodici anni (a proposito, pare che tra qualche mese uscirà il primo 12 yo ufficiale), con due imbottigliamenti (un ex sherry e un ex bourbon) sfornati di anno in anno e con una qualità andata via via impennandosi. Rarissimi sono stati invece i single cask, ma oggi assaggiamo proprio una di questa chicche: si tratta di distillato che ha passato 8 anni in ex bourbon e gli ultimi due in una botte del prestigioso vino francese Chateau Lafite. Il privilegio di imbottigliare single cask, comunque con l’etichetta originale della distilleria, è stato concesso solo ad alcuni fidati importatori, tra cui, guarda un po’, c’era anche l’italiana Beija Flor.

SKD_BFCL_54701N: è una sorta di Kilkerran WiP7 in versione bodybuilding: l’ossatura è infatti la medesima, con note marine, di brezza salata, e ancora minerali (torna in mente l’amido, la lavanderia; e una punta di cera). Resta evidente l’apporto della torba, anche se risulta in parte ‘mascherata’ appunto da una massiccia muscolatura di note più rotonde e da pasticceria. Miele all’eucalipto, mele rosse; fiocchi di cereali; su tutto una sensazione di brioche all’albicocca.

P: il ring vede all’angolo il distillato, che mostra le cinture di campione di mineralità, sapidità e torba, con belle zaffate proprio di sale, acqua di mare e cera; e all’altro angolo la botte del finish, con note legnose, speziate, dolci (ancora mele e miele e confettura d’albicocca) e finalmente ‘vinose’. Alla fine, ad andare ko (anche se all’ultimo round) è proprio il primo contendente.

F: lungo e persistente, ha ancora in prima fila dolcezza (di pasta di mandorle e confetti) e legno speziato; più in disparte (ma vengono fuori alla distanza) la torba e il sale.

Voci di corridoio dicono che a Glengyle di botti non convenzionali nelle warehouse ce ne siano un po’ e che nei prossimi anni ci sarà da divertirsi ad assaggiare le interazioni che si svilupperanno con questo distillato molto particolare e che ricorda da vicino tutti gli aspetti più affascinanti di Springbank, a partire da una torba bella spigolosa. Da parte sua, questo Kilkerran è buono e complesso, anche se a nostro gusto patisce leggermente gli influssi importanti del Chateau Lafite. Noi ci attestiamo su 85/100.

Sottofondo musicale consigliato: Jula De Palma – Pennies from Heaven

Kilkerran ‘Work in Progress 7’ bourbon (2015, OB, 54, 1%)

Dopo la doppietta di Laphroaig e quello Springbank da panico, replichiamo con un altro doblete: ci trasferiamo non molto lontano, avevamo infatti preso il ferry da Islay, siamo sbarcati a Campeltown sul versante Springbank e ora ci limitiamo ad attraversare la strada… Vi abbiamo già raccontato la storia di Kilkerran, il malto prodotto nella distilleria Glengyle, di proprietà Springbank; come sapete, ogni anno escono due soli imbottigliamenti a edizione limitata, l’uno in sherry, l’altro in bourbon: quest’anno quello in bourbon era a grado pieno, e adesso lo assaggiamo, alla faccia di tutto e tutti. Mercoledì replichiamo, non con quello ex-sherry ma con una chicca particolare…

klkob.non11N: tocca ripetersi, ma paragonando quest’edizione a quella dell’anno passato, le note minerali e vegetali restano in primissimo piano: e quindi vai con maestose zaffate di torba, terra, rocce bagnate (avete presente l’aria che si respira attraversando i ruscelli in montagna?), sabbia di mare (ricorda proprio la battigia…), salamoia, alghe… ma anche erbe, fiori recisi. Amido di lavanderia. L’intensità si rivela anche in un lato più fruttato, austero ma non solo: c’è il limone, certo, un agrume bello acido, susine gialle anch’esse acidine; ma anche della frutta gialla matura (pesche) e un che di una vaniglia molto elegante.

P: in bocca da subito esibisce una presenza davvero importante: sapido e torbato, squaderna un ventaglio di sapori minerali ed austeri: i ciottoli di fiume (la suggestione è comune a quella degli amici di Dolcemente Whisky, e neanche noi siamo mai stati scout), acqua di mare di rara intensità; si sente proprio la torba, acre; forse un che di lagna bagnata? Solo in un secondo momento, verso il finale, si scatena anche una bella dolcezza: un velo di crema alla vaniglia con scorzetta di limone (limone comunque diffuso), frutta gialla, e una certa dolcezza maltosa da corn flakes glassati.

F: lungo, con tanta torba e tanto sale; emerge perfino un filo di fumo, ma solo dopo che la dolcezza di cui sopra ha smesso di pulsare…

Tra poco il “work in progress” non sarà più in progress, o per lo meno: tra poco uscirà il primo imbottigliamento stabile del core range di casa Kilkerran, sarà un 12 anni a 46%, e se queste sono le premesse… L’impressione è che questi malti, con uno stile così riconoscibile, siano in costante miglioramento – anche solo per il breve periodo in cui li abbiamo saputi seguire. Se son rose fioriranno, insomma, e intanto vicino a questo germoglio pianteremo la bandierina di 90/100.

Sottofondo musicale consigliato: Kyuss – Space cadet.

Kilkerran ‘work in progress 6’ sherry (2014, OB, 46%)

Ripensando ai malti bevuti negli ultimi mesi, senz’altro una grande sorpresa è per noi stata Kilkerran, whisky distillato presso la Glengyle Distillery, Cambeltown, dai ragazzi di Springbank: siamo ancora nella fase “work in progress”, e tempo fa avevamo recensito la sesta release, nella versione invecchiata in bourbon. Oggi è tempo di assaggiare la sorella, ovvero quella a maturazione ex-sherry: vediamo se la folgorazione sarà la medesima.

klkob.non9N: siamo nelle austere terre di Campeltown, quindi non aspettiamoci mani di vernice sherried… Ma dello sherry c’è traccia, eccome: abbinato al minerale hallmark di distilleria, c’è un effetto ‘sulphury’ (tipo di fiammifero sfregato, ma che non si accende…) che non a tutti piacerà; poi, sempre sul lato austero, c’è salamoia, poi olive, qualche punta di solvente; arance rosse quasi andate. Questo in primo piano: poi, ai lati e con il tempo, emerge un che di frutta cotta, ma fredda (prugne, mele) – niente di caldo e accogliente, comunque. Dattero? Anche un po’ di fumo acre e pungente vien fuori dopo un po’. Molto coraggioso e personale, senz’altro, aromi forti che probabilmente spaccheranno il pubblico. Un filo di grasso di pancetta?

P: tutto sommato coerente, solo il dolce pare prendersi più spazio: ed è una dolcezza sherried, tra amarene sciroppate, prugne secche, marmellata d’arancia e arance maturissime… Poi, comunque, botte (con o aperta, attenzione) di salamoia, di torba acre, vegetale, pepata (proprio pepe nero); acqua di mare; perfino cappero. Note maltose; chips di mele. Ancora, è un profilo complessivamente naked ma dotato di una dolcezza solforosa difficile da descrivere.

F: persistente, dopo una prima illusione di dolcezza (arancia) ecco che torba, sale, spezie prendono il sopravvento; ancora qualcosa di sulfureo; anche cera, qui e là.

Buono, senz’altro, e come già per la versione ex-bourbon non si può dire che abbiano puntato sulla ruffianeria… Anzi: abbiamo a che fare con un profilo molto sharp, sulfureo, minerale, torbato (ma non affumicato) che non concede nulla a facili ammiccamenti commerciali; dovendo scegliere, propenderemmo per il bourbon, ma comunque anche questo si guadagna il suo giusto 86/100.

Sottofondo musicale consigliato: CCCP – Aghia Sophia.

Kilkerran ‘work in progress 6’ bourbon (2014, OB, 46%)

Manca oramai una manciata di giorni al Milano Whisky Festival e stiamo assaggiando qualche whisky che proporremo nelle mini degustazioni al banchetto di Monica e Beija Flor. Oggi è il turno di Kilkerran, nome dietro cui si cela il malto distillato alla Glengyle, in quel di Campbeltown. Dal 2004, grazie al supporto fondamentale della vicina Springbank, si è voluto infatti ridar vita a una delle storiche distillerie della Regione, chiusa dal 1925. Ogni anno escono due imbottigliamenti ‘work in progress’, uno ex bourbon e l’altro ex sherry, a testimonianza dei miracoli prodotti dal semplice scorrere del tempo, e nel 2014 dovremmo essere oramai arrivati a 10 anni d’invecchiamento. Il primo tassello del futuro core range pare oramai alle porte…

kilkerran-wip-6-bourbonN: molto particolare, sviluppa con grande complessità un lato vegetale e minerale e anzi lo innalza ad attore principale, cosa che non capita così spesso… Di certo: erba fresca, odore di foglie e terra umide, salamoia; il tutto subito incalzato da una torba un poco fumosa (ma solo un poco, ricorda il bacon crudo) e da belle note agrumate. Scorza di limone (nocciolo di limone, canarino) e cedro candito. Non si pensi a un profilo dagli aromi trattenuti però, piuttosto sono austeri, minerali e taglienti, con solo una suggestione, qua e là, di vaniglia. Punte di fiori profumati.

P: anche qui è minerale e saporito, ma senza esplosioni di pronunciata dolcezza. Possiede un’ottima intensità, con ancora un bel muro agrumato (limone). Insieme vegetale ed oleoso, maltoso e torbato: su quest’ultimo punto segnaliamo un’affumicatura subdola ma crescente e affascinante; è tutto fuorché dolce ma non è neppure amaro, botte e legno sembrano assenti. Forse una punta salata? Salamoia? Una vaniglia appena allusa lega il tutto senza disturbare.

F: delicato, pur se insistito, a parte un’affumicatura molto decisa. Camomilla zuccherata e un pit di sale.

Ragazzi, che gradevole sorpresa questo imbottigliamento! Avevamo seguito distrattamente e con una certa supponenza l’evoluzione di Glengyle, ci siamo trovati quindi spiazzati di fronte a un malto di carattere e nello specifico di un carattere tipicamente Spingbank. E dunque ‘sporco’ e graffiante ma elegante, riconoscibile ma non chiassoso. Chi apprezza questo stile per la verità molto particolare, difficilmente si stancherà di sorseggiare questo Kilkerran, in ciò aiutato anche da un rapporto qualità/prezzo davvero interessante. Noi lo premiamo con un sontuoso 88/100.

Sottofondo musicale consigliato: Gérard LenormanMichèle