Botti da orbi – “La degustazione del secolo” pt. 2

Ecco la seconda parte del reportage di Marco Zucchetti (che potete vedere qui sotto, sfocato e straordinariamente lucido al contempo, come solo lui sa essere) sulla “Degustazione del secolo”, evento straordinario tenutosi a Londra due settimane fa in occasione del lancio di Hampden da parte di Velier e La Maison Du Whisky. Che capolavoro…

BALLY 1924 (Martinica, 45°)

Altro pezzo storico: il primo millesimato in assoluto della casa. Il rum talking fra gli esperti a fine degustazione gli assegna la palma di più enigmatico della serata. Vediamo perché.

Di un mogano tenue, è delicato anche nei profumi. Fresco, con pesca e susine, ha il profilo più dolce e sensuale. Cioccolato al latte, quasi floreale. Col tempo emerge una distinta nota di ciliegia e bon bon alla fragola. È un’eccentrica vecchietta assai profumata, e anche al palato rimane sulla fantasia floreale: violetta e lavanda. Ma sotto le vesti graziose e leggiadre si coglie comunque un bel corpo secco e austero, con chiodi di garofano e noci pecan tostate.

Il finale è speziato (chili), con crostatine bruciacchiate alla marmellata di frutti neri (più more che mirtillo). Ma al di là della ruota della fortuna delle suggestioni retrolfattive, resta un rum che parla molte lingue, lancia segnali e poi si nasconde, senza mai farsi capire del tutto. Intendiamoci, è di una eleganza rara, ma chi indovina dove va a parare è bravo. D’altronde lo avevamo detto che era femmina…

Criptico: 88/100

SKELDON 1978 (Guyana, 60.4°, imbottigliato 2005)

Ecco, lui la vecchietta di cui si parlava prima potrebbe difenderla dai malintenzionati a forza di schiaffi tipo Bud Spencer. Trattasi di rum mastodontico dal cuore d’oro, una cascata di muscoli e un altruismo con cui regala sensazioni a piene mani. Usciamo un attimo dalle metafore antropomorfe: blend di tre barili provenienti da una distilleria chiusa negli anni ’50, è uno dei primi imbottigliamenti fatti da Luca Gargano, e forse il suo preferito. C’è da capirlo: tutto comunica potenza in questo bicchiere dove i riflessi rossi accendono già la fantasia. Poi non devi far altro che lasciarti trasportare dalle folate impetuose di aromi: smalto, arancia, un che di barbecue, melassa spessa, un’aria di foglie umide e sottobosco e perfino un’idea di balsamico invadono il naso.

In bocca ti viene in mente il climax di qualche sonata di Beethoven, dove tutto congiura per spingerti a invadere la Polonia in un delirio di onnipotenza. Secco e impegnativo, unisce legno, polvere, amarena sciroppata e una impressionante liquirizia pura. Imbottigliato nel 2005, ha passato 26 anni nei barili ai Tropici, il che lo rende denso e infinito. Muscoli e cuore, ma anche attributi e una saggezza coraggiosa, da eroe che molte ne ha viste, molte ne ha vinte e molte ne sa raccontare.

Epico: 93/100

HAMPDEN 2011 (Jamaica, 60°, imbottigliato 2018)

L’ultima tappa della degustazione, ultimo frazionista della staffetta 5xRum. Insieme alla versione base a 46°, è il primo imbottigliamento ufficiale di rum invecchiati da parte della distilleria giamaicana diventata mito per via del suo profilo aromatico da record: di fatto, è il rum con la maggior concentrazione di esteri al mondo. E dato che la serata è un po’ da Guinness, le credenziali con cui si parte sono quelle giuste.

In effetti già alla prima sniffata si capisce che l’ordinario non fa per Hampden. Qui la definizione potrebbe essere “rum corazzato”. Nel senso che l’alcol vigoroso e soprattutto una coltre acre di trementina e smalto (il Crystal Ball, per i ragazzi degli anni Ottanta…) possono scoraggiare i bevitori amatoriali. Ma l’attesa del piacere non è essa stessa il piacere? E dunque chi ha la pazienza e l’ardore di non lasciarsi respingere, viene premiato. Dopo poco gli esteri abbassano la guardia e si può entrare timorosi in un mondo di mela cotta e arachidi. Avanzando e sorseggiando, poi, arrivano caramello, pesche all’amaretto. E accanto a una dolcezza imprevedibile, compare anche un lato salato, quasi di pop corn e mandorla tostata, che tiene le redini del lungo finale.

La fermentazione di 15 giorni, l’uso esclusivo di lieviti selvaggi e gli alambicchi pot still di sicuro fanno una gran differenza. Dicono che il clima di Trelawny – il grand cru del rum giamaicano – e l’acqua di sorgente siano altrettanto determinanti. Noi che non siamo indigeni come le 23 specie di uccelli tropicali che popolano le foreste intorno alle piantagioni non lo possiamo sapere e ci fidiamo. Ma capiamo che il risultato è comunque uno spirito fiero, che può dividere sul gusto (soggettivo, si sa) ma non sulla qualità.

Sfrontato: 88/100

“Mi diede una strana sensazione, e il resto di quella notte non parlai molto. Mi limitai a starmene seduto e a bere, cercando di decidere se stessi diventando più anziano e saggio o semplicemente più vecchio”.

Le cronache del rum, Hunter S. Thompson, 1998

Botti da orbi – “La degustazione del secolo”, pt. 1

Da oggi nasce una nuova rubrica sul blog, “Botti da orbi“, e una penna prestigiosa si aggiunge a whiskyfacile: come Serge Valentin ospita le recensioni di Angus MacRaild sul suo sito, noi siamo onorati di ospitare il sommo Marco Zucchetti, corrispondente italiano di scotchwhisky.com e vicedirettore di un importante quotidiano nazionale. Avrà spazio completamente libero, scriverà di whisky ma non solo, con recensioni e reportage… E per farvi capire di che pasta è fatto, oggi esordisce sulle pagine virtuali di whiskyfacile con un Rum di Barbados del 1780 ed un Saint James di fine ‘800. Grazie Zuc, da volare viaaaaaa!

Eravamo una trentina alla Degustazione del secolo. Che detto così fa un po’ ritrovo massonico e un po’ club Bilderberg, ma molto più divertente. Era giovedì 13 settembre ed eravamo a Londra. Che per l’occasione era perfino assolata per festeggiare l’evento. Giornalisti, esperti, distributori e blogger da una parte. Cinque rum dall’altra, a coprire quattro secoli, dal 1780 al 2018. Ad arbitrare Luca Gargano, lo stregone genovese di Velier. Che per lanciare i primi rum invecchiati prodotti da Hampden Estate e distribuiti appunto da Velier e Maison du Whisky ha pensato (bene) di aprire qualche bottigliuccia da nulla della sua collezione. Noi si era lì, nel posto giusto al momento giusto, per una di quelle congiunture astrali che ti farebbero quasi credere all’oroscopo. Questo è il resoconto più o meno puntuale di che cosa abbiamo assaggiato quella sera in cui avevamo tutti Saturno in congiunzione coi Caraibi, a partire dall’Harewood, il rum più vecchio al mondo.

tutte le foto sono di Velier

HAREWOOD 1780 (Barbados, 69°)

Ci sono rum da spiaggia, da discoteca, da caminetto. E poi ci sono rarissimi rum da museo, come questo. Al mondo non ne esistono di più vecchi, è la Stele di Rosetta dei distillati di canna. E come ogni reperto archeologico è prezioso (secondo Sukhinder Singh di whiskyexchange.com oggi vale almeno 50mila sterline a bottiglia) e va maneggiato con cura. Quindi prima di cominciare a flirtare col bicchiere, è buona creanza fare almeno le presentazioni. Il rum fu distillato nelle Barbados nel 1780, l’anno in cui il grande uragano nei Caraibi fece 22mila morti. Nel frattempo, con grande pragmatismo, Henry Lascelles, conte di Harewood, spediva i suoi barili in Inghilterra. Le oltre duecento bottiglie ottenute finirono nelle cantine della Harewood House, vicino a Leeds. Fra una caccia alla volpe e una partita di schiavi da rivendere, il tempo per sorseggiarlo era poco e i nobili non si avventarono su quelle bottiglie con troppa foga. Poi, il rum passò di moda e pian piano tutti le dimenticarono. Fino al 2011, quando l’ultimo erede le ritrovò durante un inventario un po’ come quando sul fondo dei cassetti rispuntano quelle t-shirt che pensavamo di aver perso in vacanza. Erano totalmente incrostate di ragnatele e polvere, ma i registri (e le analisi di Christie’s) non mentono mai: erano rum (alcuni light e alcuni dark) del 1780. Scoperto il tesoro, i conti hanno messo all’asta le 28 bottiglie superstiti e destinato il ricavato a una fondazione di Charity caraibica, riequilibrando il karma di secoli di colonialismo. Bel gesto. L’ultimo lotto di 16 pezzi è stato venduto nel 2014 a 8.482 sterline la bottiglia, penny più penny meno. Quattro sono finite nella ciclopica collezione di Luca Gargano. Una di queste, di rum chiaro, è la venerabile signora di cui si sta parlando. Che ci perdonerà per averne indelicatamente rivelato l’età.

Ora, con gli spiriti così nobili si è sempre in soggezione. Ogni gesto è ponderato, il bicchiere sembra fragile come un Uovo Fabergé e anche sul panel di degustatori più caciarone cala un silenzio irreale. Ci si prepara come penitenti a sniffare la polvere dei secoli, la sacra aria stantia delle cripte e delle biblioteche. Poi arriva il rum. Ed è come se il defunto arrivasse al suo funerale per dire a tutti di star su col morale, che non è mica morto nessuno.

Di uno scintillante color oro, non ha per nulla l’aria del rudere liquido plurisecolare. A pensarci bene è naturale: quel rum ha passato 236 anni in bottiglia, ma non più di 18-24 mesi in botte. Logico dunque che sia ancora chiaro. Quel che sfida la fisica e la chimica è invece la freschezza, che ti soffia in faccia dal bicchiere. Al naso si apre con esteri fini ma vibranti, succo di ananas, banana, una suggestione di aceto di mele. E cambia, si sgranchisce, riprende dimestichezza con l’atmosfera per troppo tempo proibita dalla gabbia di vetro e sughero. La parte vegetale, come di fieno, è inebriante. È la canna da zucchero al suo più alto grado di purezza, prima della modernità. Note che si trovano ormai solo in certi Clairin atavici di Haiti. Poi gli esteri si assopiscono, fa capolino della noce moscata, un’equilibrata frizzantezza come di gazzosa e dopo un’ora dal bicchiere montano volute di fiori, cera d’api e albicocca. Il fatto è che tutta questa complessità è quasi del tutto primaria: il legno è stato praticamente a guardare mentre il distillato di canna faceva il lavoro. In bocca seconda sorpresa: la potenza. I quasi 70 gradi ci sono ancora e sono magnificamente integrati in un sorso vellutato. Più secco che dolce, la noce moscata è di nuovo la testa di ponte, la polena del vascello pirata. Dietro, a remare, sensazioni di frutta secca (noccioli di pesca) e un curioso tocco sapido che lascia poi la scena a un finale non lunghissimo ma piacevole, “spiritoso” in ogni possibile senso. Di fatto, è come se un adolescente fosse entrato in una camera di crioconservazione. Nulla è cambiato, non una ruga è spuntata da prima della Rivoluzione francese. Non è un rum, è un documento da consultare. Di sicuro la lezione di Storia più piacevole della storia. Leggenda. 95/100

SAINT JAMES 1885 (Martinica, 47°, imbottigliato 1952)

Gargano lo ha scoperto in fondo ai magazzini nel 1991. Prodotto curiosamente da succo di canna “cotto” (una specie di riduzione per renderlo più denso), ha anche rischiato di finire distrutto. Ma per fortuna si è salvato e possiamo raccontarlo.

Mostruosamente oscuro, di un mogano spesso, più caffè turco che Coca Cola. Il caffè è il filo conduttore anche all’olfatto. Polvere di caffè per la precisione. Non c’è certezza su quanto sia stato in botte, pare comunque la bellezza di 67. Forse qualcuno meno, ma il legno ha conquistato senza pietà il suo spazio vitale come nemmeno a Risiko con la Kamchatka.

È tostato, note di prugne secche e cacao amaro, a cui si affianca un evidente tocco più acido, fra il rancio e l’aceto balsamico. Col passare dei minuti anche tamarindo. Ecco, qui si sente il tempo, che ne smussa anche il grado alcolico. In bocca l’antichità ti si appiccica alle gengive: liquirizia, cioccolato fondente, tannini piccanti e retrogusto amaro di caramello bruciato. Rimane il guizzo acidulo, che però viene trascinato via da un finale coerente di fondi di caffè, cioccolato al peperoncino e spezie.

Nessuno chiede a Sean Connery di recitare la parte del bimbominkia, quindi non chiedete la beverinità a questo ponderoso colosso oscuro. Vetusto. 90/100

Foursquare ‘Triptych’ (2016, Velier, 56%)

Sei mesi fa abbiamo compiuto quello che è senz’altro un passo piccolo per l’umanità, ma per whiskyfacile è grandissimo: organizzando il Freak Show abbiamo aperto al mondo del sottoprodotto caraibico (citazione da attribuirsi rigorosamente al sommo Terziotti), cioè al rum. Il punto di partenza è stata la constatazione di come l’assenza di un disciplinare per il rum sia un problema per la percezione dell’intera categoria: facendola più semplice di come è, se è tutto permesso chi lavora bene non ha modo di distinguersi da chi lavora male, perché in etichetta è rum il primo ed è rum il secondo – per intenderci, proprio la rigidità del disciplinare dello scotch whisky ne ha permesso la crescita e l’affermazione. Consci del problema, alcuni distillatori di rum hanno deciso di provare a cambiare le cose: in particolare, Luca Gargano di Velier (proprietario di Rhum Rhum a Marie Galante, oltreché ovviamente importatore in Italia) e Richard Seale di Foursquare Distillery, su Barbados,  hanno deciso di lanciare una nuova proposta per un disciplinare del rum modellata proprio su quello del whisky scozzese, su cui potete leggere qualche impressione qui, qui e qui. Ora, stimolati dalla riflessione abbiamo voluto aprire proprio un Foursquare “Triptych”, un single blended rum (cioè un rum di singola distilleria ma frutto di miscela di distillato da pot still e da column still), miscela di barili di tre annate (2004, 2005, 2007) e di tre tipologie diverse (bourbon, madeira, quercia americana vergine) selezionato e imbottigliato da Velier due anni fa. Ah, non dimentichiamo che la maturazione è avvenuta alle Barbados. Presenta diffusamente distilleria e imbottigliamento il buon Steven.

N: incredibilmente aperto e accogliente pur se a 56%, da subito – da profani quali siamo – ci sembra predominante l’apporto dei legni rispetto al distillato in sé. Al di là di una nota vinilica, molto evidente e frequente in questo tipo di distillato, il bouquet aromatico si dipana poi su note di caramello, di miele; c’è una componente molto fruttata, che ci regala l’epifania delle pesche sciroppate. Biscotti cannella e zenzero, a dimostrare la presenza di spezie molto strutturate. Non si dimentichi la scorza d’arancia (o l’arancia candita). Un che di chimico, insondabile e sfuggente alla nostra parola, che forse definiremmo Coccoina.

P: anche qui i 56% sono in sordina, e lasciano spazio a un rum davvero pieno e soddisfacente: esplode in bombe di sapore ‘appiccicose’, dal caramello alla frutta sciroppata. Forse un che di barretta con caramello e arachidi? Burroso, grasso. Ciliegie sotto spirito. Si fa ancora più evidente un lato tostato e speziato di grande complessità: abbiamo ancora cannella (dolcetti alla cannella, o i chewing-gum alla cannella che c’erano in commercio anni fa…) e chiodi di garofano. Come dimenticare però l’agrume?, soprattutto chinotto, arancia rossa. Tende all’amarino, dopo un po’.

F: si riverbera a lungo, tra una dolcezza intensa e un che di amaricante, con tante spezie. Nel finale del finale, a sorpresa, un che di curiosamente catramoso e di cherosene, tipo – ma solo “tipo”.

Non vogliamo dare voti numerici ai rum, lo sapete, perché siamo gente di straordinaria umiltà e ineguagliata coscienza: ma se volete la nostra opinione, e se siete su questo sito forse vi interessa, beh: ci piace veramente tanto tanto. Molto buono, complesso, con molti strati aromatici portati dai barili, certamente attivi, ma anche con piacevolissime emersioni del distillato, uno dei più interessanti attualmente prodotti. Insomma, trattasi di un rum sicuramente costruito, ma costruito bene bene. Bravo Richard, bravo Luca. Qui le opinioni di Serge, che un voto lo dà e ci trova d’accordo, e del grasso pirata, il nostro punto di riferimento in materia di distillato caraibico. Esaurito dovunque, aspettatevi di comprarlo in asta a un prezzo decisamente più alto di quello d’uscita.

Sottofondo musicale consigliato: Kamasi Washington – Street Fighter Mas.

Ghibinet 8 yo (2016, Gluglu 2000, 51,7%)

Mauro Leoni, animatore dello storico club Gluglu 2000, una ne fa e cento ne pensa. Ad esempio è già da qualche mese che la Single Malt Whisky Society è tornata in italia, manco a dirlo grazie al suo impegno; quasi due anni fa, invece, vedeva la luce quello che lo stesso Glen Maur definì “il primo single malt italiano”: distillato a partire da orzo maltato inglese e tedesco nella distilleria bormiese Peloni (la stessa che produce il Braulio, per interderci), il Ghibinet ha trascorso otto anni in una botte che aveva contenuto in precedenza Caol Ila. E poi, e poi… eccolo sbucare come se nulla fosse da un banchetto del Milano Whisky Festival, quasi a voler richiamare la genesi del nome che porta: Ghibinet, la notte dei doni, dal tedesco “gaben nacht”. In Alta Valtellina, nelle vigilie di Natale, Capodanno ed Epifania, i bambini passano nottetempo casa per casa chiedendo doni, secondo un’antica usanza. E noi ci siamo sentiti tanto dei pargoli a ricevere inaspettatamente un campione omaggio di questa strana creatura…
Ne esistono 180 bottiglie da 70 cl e 200 da 20 cl, se vi venisse voglia di un assaggio.

Ghibinet_2008_V1aN: molto aromatico: spiccano sulle prime note profondamente erbacee, con rabarbaro, eucalipto, erbe di montagna… ci ricorda le caramelle svizzere tanto celebri di questi tempi. Il legno, impregnato di fumo di Caol Ila, ha effettivamente ceduto molto del carattere del distillato originale al nipotino italico: note di posacenere, per la verità più robuste del consueto stile di Caol Ila, e un’accennata marinità (salamoia, olive nere). Per il resto, oltre ad una leggera vaniglia, troviamo non tanto una dolcezza fruttata, ma nitidi sentori di cereale zuccherino (porridge).

P: l’impatto è massiccio, anche se a tratti l’alcol pare emergere fin troppo, restando un po’ slegato. Il distillato si sente molto, anche se non nell’accezione di molti new make scozzesi, che pur se erbacei riportano alla mente canditi e lieviti; piuttosto si sente nitido il sapore del cereale dolcino, molto secco. Ancora iper-erbaceo, con infinite note di eucalipto, infusi di erbe… Glen Maur parla di un velo di vaniglia, poi pare proprio di addentare un chicco di grano. Per il resto, domina la scena il fumo, ancora molto intenso, forte e ‘sigarettoso’, con note marine (ancora sale e salamoia). 

F: erba fresca e fumo, lungo, lunghissimo e persistente; ricorda decisamente certi mezcal, erbacei e fumosissimi.

Per certi versi il Ghininet sa essere più scozzese di uno scozzese, super secco e nitido. Ci è sembrato di bere un malternative, a dir la verità, a metà tra un mezcal, un whisky isolano e una grappa nostrana secchissima. Esperimento approvato, ma per dargli solidità bisognerebbe continuare a distillare, sperimentare. Noi attendiamo fiduciosi e incoraggiamo con un 78/100.

Sottofondo editoriale consigliato: non potevamo non rilanciare un’intervista a Telemonteve Livigno di Mauro Leoni, che tra tante cose spiega da dove viene il nome del club Gluglu, che richiama il “rumore tipico di una Samsonite rigida con dieci bottiglie di whisky all’interno”. Beh, capolavoro!

Rum

Rum distillery 19th centuary-M

Di tanto in tanto ci spingiamo anche in territori poco esplorati, alla ricerca di qualche nettare a base di canna da zucchero distillata:

Demerara 12 yo Guyana Diamond (2003/2016, Silver Seal, 46%)

Demerara 23 yo Uitvlugt (1992/2016, Silver Seal, 50%)

Port Morant – Demerara Rum 37 yo (1975/2013, Silver Seal, 51,7%)

Clairin ‘Michel Sajous’ 2nd release (Haiti, 53,5%)

Clairin ‘Casimir’ 2nd release (Haiti, 54%)

Caroni 19 yo (1997/2016, Valinch & Mallet, 51,8%)

Enmore 2002 (2014, Silver Seal, 55%)

Foursquare ‘Triptych’ (2016, Velier, 56%)

Bally 1924 (Martinica, 45%) – 88/100

Skeldon 1978 (Guyana, 60.4%, imbottigliato 2005) – 93/100

Hampden 2011 (Jamaica, 60%, imbottigliato 2018) – 88/100

Harewood 1780 (Barbados, 69%) – 95/100

Saint James 1885 (Martinica, 47%, imbottigliato 1952) – 90/100

 

Milano Sakè Festival

Sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre si è tenuto nella suggestiva cornice della Cascina Cuccagna un evento cui mai avremmo pensato di prender parte, un po’ per pigrizia e un po’ per l’oggettiva novità qui sul suolo italico rappresentata dal misterioso fermentato di riso. E invece, abboccando alla deliziosa esca propinataci da Marco Callegari di Velier, eccoci a varcare le porte di un festival interamente dedicato al Sakè. O meglio, quasi interamente, perché lo storico importatore genovese, presente coi suoi sakè e shochu, si è apparecchiato anche un angolino tutto addobbato di whisky giapponesi e ha infilato nella due giorni milanese anche due degustazioni di whisky, a una delle quali ha ben pensato di invitarci.
Ma andiamo con ordine. Appena arrivati in Cascina Cuccagna ci gettiamo curiosi come bambini sulla birra di riso, riempiendoci la testa di informazioni: scopriamo tra le altre cose che il sakè può contenere alcol aggiunto, che può essere pastorizzato e diluito con acqua e che buona parte della qualità dipende da quanta parte del chicco di riso viene usata.

20171001_184505-1-44272364.jpg

Le cantine sono diverse centinaia e quindi non le abbiamo assaggiate tutte, ma la palma di sakè più convincente va al Katori 90, delicato e floreale, con sentori di lievito di birra e mela verde. Ci sorprende una bella acidità al palato e ci llumina la suggestione della fava di cacao, mentre il chicco di riso è bello presente e nel finale la bocca rimane molto morbida, con un senso di pulizia che invita a bere e a mangiare. Un inno ai piaceri della tavola, insomma. In generale i vari assaggi fatti durante la giornata ci hanno a più riprese emozionato, anche se l’impressione è che in Italia il sakè ne debba fare ancora di strada prima di poter essere capito e apprezzato, complice anche un prezzo delle bottiglie spesso simile a quello dei nostri vini di livello medio-alto.

Ma torniamo da dove siamo venuti, al nostro distillato d’orzo. La degustazione a cui abbiamo partecipato è stata tenuta a due teste, due nasi e due bocche da Marco e Alessandro Coggi, esperto di Giappone e di malti giapponesi, oltre che collezionista di whisky e amante dei piaceri della vita. Il contesto era quindi ideale e la degustazione peraltro piacevolmente informale (con la pericolosissima tecnica dell’automescita!). Tra i presenti segnaliamo il vincitore del Nikka Perfect Serve del 2016, il bartender Niccolò Avanzi dell’Hotel Gallia, anche lui attestato a livelli di esaltazione massima sul whisky del Sol Levante. Noi eravamo con Andrea del The Monkey Whisky Club (il nome del club dice già tutto ma se volete scoprire cosa fanno a Milano questi matti, andate sul loro sito), il quale è rimasto positivamente colpito dal The Chita: img-20171001-wa0003-537700552.jpgun single grain di casa Suntory senza età dichiarata. A 43 gradi risulta comunque bello consistente, con ricche note cremose di banana e vaniglia. I sentori di mais sono nitidi. La particolarità sta nella sua freschezza di giovincello e nel suo essere gradevolmente mentolato ed erbaceo. Lo promuoviamo con un 83/100. Per ora, da veri maestri della suspense abituati a vivere sempre sul filo di lana, vi rimandiamo a un futuro indefinito per le recensioni più approfondite degli altri whisky, che per la cronaca erano un giovane Mars Maltage Combo, un sorprendente Ichiro’s blended e lo Yoichi 10 yo.

 

img-20171002-wa0000-436132623.jpg
Foto di The Monkey Whisky Club

E ancora grazie a Marco Callegari per la consueta gentilezza e ad Ale Coggi per il solito buon umore dispensato a piene mani. Kanpai!

Enmore 2002 (2014, Silver Seal, 55%)

Continuiamo il ciclo sugli indie con un secondo imbottigliamento di Silver Seal. Da qualche anno il rum sta incontrando un interesse sempre maggiore, anche a livello collezionistico, e di tanto in tanto ci sembra doveroso, oltre che interessante e per noi didattico, andare un po’ off topic. Senza contare che il caldo agostano di questi giorni ispira facilmente una gita dalle parti delle Americhe. Ci viene dunque magistralmente in soccorso Silver Seal. che imbottiglia spesso e volentieri rum invecchiati sul suolo scozzese, e questo Enmore, non fa eccezione. Si tratta di una distilleria della Guyana mitica e oramai chiusa dal 1993, ma il cui alambicco Coffey in legno (!) è ancora in funzione presso la Diamond Distillery. Quella della Diamond e dei suoi alambicchi storici recuperati qua e là lungo il fiume Demerara è una storia molto affascinante, che vi racconta molto bene qui Francesco Mattonetti de Lo Spirito dei Tempi. Noi intanto soppesiamo il bicchiere di rum.

ob_ea3445_dsc-7718N: molto, molto fruttato: melone maturo alla grande, uvetta, banana matura e spappolata, cocco. C’è poi un lato zuccherino anch’esso molto intenso, tra toffee, melassa… Una lieve nota chimico-plasticosa, vinilica, che identifichiamo con il “sacchetto di plastica” che ormai non è più. L’effetto, come spesso ci accade di rilevare con questi Demerara, è di una frutta ‘fermentata’, troppo matura ma non ancora completamente andata. Accenni speziati (cannella).

P: una calda esplosione di cioccolato fondente, anzi: di frutta rossa (tantissima!, amarene e uvetta) pucciata nel cioccolato fondente. Poi una nota intensa di rabarbaro, o forse di caramella al rabarbaro, con una suggestione speziata ed erbacea (al limite del mentolato). Zucchero bruciato. Regge splendidamenta l’acqua, liberando note dolci-acide che ci ricordano i dolcetti giapponesi di riso, i Mochi (quelli al fagiolo rosso?).

F: prosegue quel senso di rabarbaro, molto vegetale ed erbaceo anche qui; poi uvetta e melassa. Non ci sono storiei: spesso i rum al finale… sanno di rum!

Spesso quando beviamo rum cerchiamo la particolarità in modo da ampliare il nostro spettro degustativo; qui la nostra esigenza resta forse in parte frustrata, perché siamo di fronte a un distillato per molti versi standard, ma di certo la qualità è quella di un ottimo Demerara dall’invecchiamento ultradecennale, con ricche note dolci che non sfumano nello stucchevole, con un eccellente equilibrio tra canna da zucchero e legni. Nel mare magnum del web c’è chi, come il puntualissimo sito thefatrumpirate.com, mette in dubbio che si tratti di un single cask, ma questa per noi turisti del rum è davvero questione di lana caprina, che lasciamo volentieri sbrogliare a ben altre eminenze. Come sempre, per riguardo verso la nostra ignoranza in materia, non diamo voto, ma l’assaggio ci è piaciuto e consigliamo caldamente di provarlo.

Sottofondo musicale consigliato: Vinicio Capossela – L’oceano Oilalà

Caroni 19 yo (1997/2016, Valinch & Mallet, 51,8%)

Non facciamo outing solo oggi: il rum ormai ci piace davvero, e nel nostro orizzonte degustativo (?) inizia davvero ad essere una Malternativa… Una delle distillerie più in voga è Caroni, di Trinidad & Tobago, chiusa nel 2003 e riscoperta grazie al lavoro archeologico di Luca Gargano, mastermind di Velier (qui qualche cenno storico). La classica distilleria abbandonata, i classici barili dimenticati in un magazzino… ed è subito mito. Oggi assaggiamo un single cask (n. 100 del 1997) di sole 300 bottiglie selezionate e imbottigliate da Valinch&Mallet, marchio giovane e italianissimo che abbiamo imparato essere molto, molto affidabile.

N: fa subito intendere di essere molto strutturato. Nello specifico ci pare di intuire una doppia anima: da una parte tutta una serie di note sporche molto particolari, come pellicola di plastica, gomma, canfora, succo di pomodoro; dall’altra una bella squadernata di dolcezza cremosa, dalla frutta molto matura (banana, melone, mango) alla noce di pecan, fino a tabacco da pipa aromatizzato e albicocche disidratate. Un pizzico di cannella. Che naso ricco!

P: la violenza alcolica è notevole, sicuramente da gestire. In generale ripropone la stessa esuberante dolcezza del naso (ancora tanto melone maturo e noce di pecan), accompagnata da una sottile nota inquinata, tipo gasolio (quasi a ricordare certa torba di Islay!). Le mitiche cicche Brooklin alla cannella. Il tutto è qui però come ricompreso in un’aura più ampia, che definiremo stentoriamente con una parola: propoli.

F: lascia la bocca piacevolmente secca, anche se a lungo assalita da ritorni fruttati davvero gradevoli.

Come potete immaginare la nostra esperienza di degustatori di Caroni è molto limitata. Possiamo però dire che il naso ci è parso perfetto, intrigante ed equilibrato, ed anche il palato, esplosivo e molto espressivo, ha il solo limite di non incontrare il nostro gusto fino in fondo; e peccato non avere un altro Caroni da bergli affianco perché si sa, “reason is in comparison”. Alla fine per noi ha l’unico difetto di non essere un whisky… Insomma, eccellente selezione di Fabio e Davide!

Sottofondo musicale consigliato: Natalie Merchant – Carnival.

Demerara 23 yo Uitvlugt (1992/2016, Silver Seal, 50%)

A dispetto del disinteresse che nel nostro pubblico suscita il rum, noi da bravi satanisti perseveriamo nell’errore e restiamo nell’area del Demerara con l’alambicco di Uitvlugt, nella Guyana, conservato anch’esso presso la Diamond (se non andiamo errati: con ‘sti alambicchi della Guyana non si capisce nulla); forti dell’ubiquità concessaci dalla lingua italiana, restiamo pure nel modenese con la selezione del sempre ottimo Max Righi, aka Mr Silver Seal. 23 anni di riposo per finire in vetro l’anno scorso. Alla grande.

silver-seal-uitvlugt-demerara-rum-23-years-old-1992-gb-50-vol-07-l-jpgN: se può aver senso paragonarlo al Diamond appena bevuto, rispetto a quello qui l’invecchiamento quasi doppio certo non passa inosservato. C’è infatti una forte impronta del legno a dare struttura e una ‘dolcezza’ più profonda e calda, anche se simile come descrittori: frutta gialla (pesche sciroppate), burro, brioche all’albicocca, vaniglia. Di tanto in tanto riaffiora la canna da zucchero, assieme ad un lato balsamico ben integrato (un velo di sciroppo d’eucalipto), con in coda delle emersioni minerali veramente dense (Serge arriva a parlare di ostriche e catrame, noi ci fermiamo prima).

P: rispetto al naso si attua una piccolissima rivoluzione, soprattutto come proporzioni: emerge infatti con ancor maggiore chiarezza quella mineralità davvero stuzzicante, con suggestioni sparse di paraffina, chiodi di garofano, olive nere, liquirizia salata e aghi di pino. Una punta pepata. Il lato più dolce è invece denso e grasso, con frutta secca burrosa (noce di Pecan, di brutto) e ancora un mix di vaniglia e pesche sciroppate. Ancora buccia di lime.

F: ancora noce di Pecan, olive nere, liquirizia salata. Lungo e persistente.

Se ci era piaciuto il primo Demerara, quest’altro impronunciabile non può che piacerci ancor di più: stupefacente è quel lato minerale, appena presente al naso e invece esplosivo al palato, che letteralmente ci sconfinfera. Di nuovo: promosso a pienissimi voti, molto vicino al nostro gusto: Serge e Giuseppe danno entrambi 91/100, hanno senz’altro le loro buone ragioni.

Sottofondo musicale consigliato: Black Sabbath – Killing yourself to live.

Demerara 12 yo Guyana Diamond (2003/2016, Silver Seal, 46%)

Torniamo a bere rum dopo un bel po’, perché bisogna conoscere il proprio nemico, no? Attingiamo dal bacino dei Demerara e ci abbandoniamo all’alambicco di Diamond, distilleria della Guyana: qui sono conservati gli alambicchi di Enmore, Port Mourant e Versailles, ma quello cui facciamo riferimento per il rum di oggi è un Coffey Still a due colonne originario proprio di Diamond. Per informazioni decisamente più accurate, date pure un’occhiata a questo bel reportage. La selezione è del grande Max Righi, che nel tempo ci ha abituato a imbottigliamenti di livello sempre alto: questo è un 12 anni messo in vetro l’anno scorso a grado ridotto a 46%.

demerara-diamond-12-y-o-1993-2016-silver-seal-e1470911913305N: abbastanza alcolico a dispetto del grado ridotto; ha un lato ‘dolce’ molto grasso, di caramella mou, pesca sciroppata, vaniglia, impasto della pastafrolla, un po’ di burro… Accanto a questo lato golosone, c’è tutta una dimensione più spigolosa, tra la vinavil, la gomma, il sedano e potenti influssi balsamici (diremmo eucalipto, o un anice zucceratoo). Suggestioni astratte di agrume e di qualcosa di floreale (sembriamo dei maniaci se citiamo il profumo delle pastiglie Leone miste? forse sì).

P: rispetto al naso, si fa più fruttato, con note di pesca bianca molto matura e – qui paghiamo dazio al caro Bevitore Raffinato – di melone. Ancora abbastanza giovane da ricordare il rum ‘bianco’, si sente ancora molto la materia prima, la canna da zucchero, assieme ad una bella agrumatura da lime (proprio la buccia masticata…). Resta un tappeto di eucalipto e anice, con in più qualche suggestione vegetal-vinilica, per quel che può significare.

F: buono, lungo e persistente, pare un mix di melone e lime balsamici. Eh?

Beh, 12 anni di botte ma il distillato si sente ancora tanto… Complessivamente ci è piaciuto molto, è delicato ma con una sua bella personalità – noi di rum ne capiamo poco ovviamente e lo sapete, ma nel nostro piccolo dobbiamo dichiarare la nostra piena approvazione. Non diamo voti, ma da pedanti maestrini ci limitiamo a un promosso/rimandato/bocciato, e in questo caso la promozione è strameritata.

Sottofondo musicale consigliato: Caraibi e diamanti, cosa se non Rihanna – Diamonds?