Kinahan’s 10 yo (2018, OB, 46%)

Questi sono tempi strani, per mille ragioni, tempi che appaiono la caricatura di loro stessi, come uno di quei meme che ricevi su whatsapp e non riesci a capire se siano davvero meme o se siano realtà, e tipicamente si rivelano realtà quanto più sono paradossali. Ah, i layers. È l’era del marketing spinto, lo sappiamo, e sta iniziando a saperlo anche il mondo del whiskey irlandese, in fermento e in conclamata rinascita: come sapete senz’altro, le distillerie effettivamente attive si contano sulle dita di un uomo non mutilato (per intenderci, Jaime Lannister non ce la fa a contarle tutte: siamo a 17, pare, di cui solo 5 attive da prima del 2013), mentre i marchi sono ormai una quantità invereconda, e ciascuno cerca di rifarsi una verginità esibendo supposte antiche tradizioni. Talora si leggono cose buffe, supercazzole da neolaureato in marketing, con numeri che mimano anni di fondazione di non si capisce bene che cosa. Oggi affrontiamo Kinahan’s 10 anni, un single malt whiskey prodotto non sappiamo dove (Midleton o Cooley, scommettiamo) e invecchiato in barili ex-bourbon, che intende celebrare la propria lunghissima tradizione, invero certo reale e nobile ma curiosamente interrotta per soli 94 anni tra il 1920 e il 2014, con in mezzo dettagli quali l’indipendenza irlandese e una guerra mondiale. Ah, per non farsi mancare nulla, il sito ufficiale comprende lo Zeitgeist e definisce Kinahan’s “il whiskey preferito da Jerry Thomas”, nientemeno. Oggi ci siamo svegliati polemici, lasciamo perdere e vediamo se nel bicchiere c’è ciccia. La bottiglia, bisogna dire, è molto bella.

N: lasciando da parte una nota alcolica sulle prime un po’ troppo pungente, ecco un naso tutto bananoso: banana bread, gelato alla banana… Poi molto fruttato: mela gialla e pasticcino all’ananas. Legno fresco, con sentori di spacchettamento di mobile ikea. Caramelle zuccherinissime alla violetta.

P: Angelo ci sbalordisce con l’illuminante calembour: latte compensato. E in effetti è di una cremosità lattiginosa affiancata da un legnosità da… compensato. Resta un po’ alcolico, paradossalmente carico ma un po’ ‘vuoto’, se vogliamo. Aspartame.

F: hai l’amaro in bocca: chiude fruttato per un istante, lasciando poi spazio al legno amaro.

74/100, naso anche, a suo modo, promettente ma palato francamente disastroso. Una nota di merito che bisogna riconoscere a questo whiskey però c’è: ha stuzzicato la fantasia di Angelo e gli ha permesso di regalarci la formula “latte compensato” che, ne siamo certi, gli regalerà l’immortalità nell’Olimpo dei degustatori di distillati. A onor del vero, e per velare con un’ombra di aleatorietà ogni azione umana, ad altri è piaciuto di più. Speriamo fortemente che a questa sbornia di marchi segua presto una stabilizzazione, altrimenti il futuro del whiskey irlandese lo vediamo un po’ sfocato.

Sottofondo musicale consigliato: The Rumjacks – An Irish Pub Song.

Annunci

Teeling Trois Rivieres (OB, 46%, 2018)

L’Irlanda si contende con la Scozia il primato dell’invenzione del whisky e vive assieme a questa un periodo di grande ascesa nell’800. Ma è un fatto che oggi in Scozia abbiamo più di 100 distillerie attive, mentre in Irlanda arriviamo a una decina; insomma qualcosa deve essere andato storto a partire dall’inizio del 1900, no? Ora non saremo certo noi ad annoiare voi con un estenuante racconto su quali furono le cause di questa decadenza, sia esterne al mondo del whiskey (leggasi la Storia) che interne (leggasi la prevalenza del modo scozzese di fare blended whisky); vi basti sapere che nel secondo dopoguerra, proprio mentre la Scozia attraversava una seconda età dell’oro (ripresa dei consumi, magazzini pieni dopo le Guerre, sostanziale nascita del fenomeno dei single malt), in Irlanda si viveva il momento più difficile: le ultime distillerie rimaste unirono le forze e si fusero creando Irish Distillers, e nel 1975 si arrivò praticamente a un monopolio. Da questo momento però, toccato il fondo in quanto a numero di realtà attive, le cose lentamente sono cambiate fino al momento attuale: ogni anno nascono nuove distillerie, anche artigianali, e le vendite cresono a doppia cifra. Avvicinandoci al dram di oggi, ad esempio, la Teeling distillery è stata (ri)fondata a Dublino nel 2015, dopo 125 anni che nessuno apriva più distillerie nella città che un tempo era una delle capitali mondiali del nostro caro distillato. Quel che assaggiamo oggi è un single malt invecchiato per 6 anni (dunque un whiskey acquistato da un’altra distilleria, visto che Teeling distilla solo da 4 anni) in botti ex bourbon e per 6 mesi in barili che hanno contenuto rhum Trois Rivieres, storica distilleria della Martinica. I finish in rum oggi non sono più così esotici come un tempo, ma davvero particolare è il fatto che in etichetta campeggi ben visibile il nome di Trois Rivieres, in quella che sembra essere a tutti gli effetti un’operazione di comarketing, se ci permettete il tecnicismo.

teeling-trois-rivieres-rhum-agricole-finish-whiskyN: il naso è a sopresa abbastanza educato, con una certa freschezza, note erbacee e qualche fiore di campo. Poi arrivano suggestioni ben più attese di pera e pasticceria (crema e vaniglia). Brioches.

P: l’alcol si sente un po’ troppo e in più il finish tende a passare all’incasso, appesantendo il tutto con tanto tanto zucchero. Ancora pera e poi yogurt alla banana. Non è legatissimo e qualcuno si butta e sentenzia: sughero.

F: e questo poco prima che il retrogusto si riveli come la parte meno riuscita di questo ardito esperimento. Slegato, dolce e succo di canna.

Se avete un amico con tante bottiglie di whisky e dovete fargli un regalo questo sicuramente non ce l’avrà. Lo stupore è garantito. Inoltre rimane un’esperienza particolare e gli amanti di Trois Rivieres non mancheranno di diventare paonazzi per l’eccitazione. Noi ci fermiamo a un corposo assaggio, reso possibile dall’estro dell’esimio Zucchetti, che una sera si è presentato come se nulla fosse addirittura con una bottiglia intera al seguito: 77/100.

Sottofondo musicale consigliato: Billie EilishIlomilo

Jefferson’s Ocean ‘Aged at Sea’ (2018, OB, 45%)

I’m Trey Zoeller, bitch!

Trey Zoeller è un decisamente un personaggio vulcanico, e con spirito tipicamente americano non disdegna le sperimentazioni, anche quelle apparentemente più ardite. Pensate: questo signore, nipote della prima donna d’America condannata per contrabbando di whiskey (i geni son quelli, insomma), ha deciso di prendere dei barili di bourbon distillato nel Kentucky (con miscela di cereali 60% mais, 30% segale, 10% orzo) e già invecchiato per 6-8 anni e di metterli… in barca!, di portarseli in giro per il mondo e di vedere alla fine “l’effetto che fa”. C’è un che di filologico in questa operazione, dato che nelle intenzioni vorrebbe replicare il carattere del bourbon ottocentesco, trasportato appunto in barili sui corsi d’acqua del vecchio West, così che indiani e cowoby potessero sfondarsi di acqua di fuoco prima di prendersi a fucilate. Beh, a differenza di altri suoi esperimenti (come usare botti che prima contenevano tabasco, oppure pucciare tabacco e grasso di manzo nei barili) questo è andato decisamente a buon fine, ed è ora disponibile stabilmente sul mercato in batch differenti. Questo è il batch 8, imbottigliato a 45%, e ringraziamo Diego di Whisky Italy per averci fatto conoscere questo bourbon (e per il sample, naturalmente).

N: molto profumato e floreale. Sicuramente un bourbon atipico, anche se un naso ‘dolce’ ce l’ha. Ricorda i polaretti alla cola e all’arancia, avete presente? Poi note più convenzionali di caramello (caramello salato, se proprio dobbiamo dirlo), noce di noce di pecan e alpenliebe (proprio quelle caramelle lì). Liquirizia. Sorprende comunque questo lato floreale davvero inedito, tra la violetta e la menta.

P: ancora una sorpresa: l’atmosfera è incredibilmente erbacea, vegetale, con foglie di tè e fieno, ma anche viole e timo. In generale è piuttosto secco, con poco spazio per burri e caramelli àmmerigani, e invece si impongono ancora sentori affilati come limone e grafite. Molto piacevole.

F: si secca ancora, forse troppo. Erba secca, quasi seccante, se ci consentite la battuta. Infuso d’erbe.

Il mondo del bourbon sicuramente sta crescendo e ovviamente (e finalmente) la diversità aumenta. Qui abbiamo un profilo decisamente più secco del previsto, un profilo che mai avremmo pensato: la negazione del concetto stesso di bourbon, se vogliamo (ma forse non vogliamo), che però sparigliando le carte finisce per non dispiacerci: 84/100. Bravo Trey, avanti così.

Sottofondo musicale consigliato: Litfiba – Tex.

Omar ‘Bourbon Type’ (2017, OB, 46%)

Oggi abbiamo voglia di volare via, lontano lontano, ai confini del vasto mondo del whisky. Da anni oramai la produzione di questo nettare non è più appannaggio dei soli “big five” (Scozia, Irlanda, Giappone, Usa, Canada), ma si è mondializzata e ha determinato la nascita di alcune realtà di assoluto livello, soprattutto nel Nord Europa e in Estremo Oriente. La taiwanese Kavalan è un fulgido esempio di questa (a volte) trionfale corsa al whisky, ma noi oggi vogliamo proprio esagerare e beviamo un malto prodotto da una distilleria molto meno quotata, sempre dell’ex isola di Formosa. Incredibilmente la Omar TTL è un’azienda di Stato, che provvede a produrre e distribuire qualsiasi tipo di vizio, visto che  “TTL” sta per Taiwan Tobacco & Liquor, per la gioia dei sovranisti di tutto il mondo. Alla Omar sfornano da tempo sigarette, birra, liquori e vari distillati. Dal 2009, all’urlo di “più whisky per tutti!”, hanno iniziato a produrre anche single malt presso la distilleria Nantou Omar. Questo imbottigliamento, per la cronaca, è un full bourbon maturation e noi con spropositata curiosità accostiamo il naso al bicchiere.

39017N: piacevole! Le prime sensazioni rimandano a un whisky giovincello ma non troppo: troviamo canditi (pere candite soprattutto), purea di pere, foglie di tè, punte floreali. Qui e là, lieviti, ma solo a sprazzi. Sentori ‘dolci’ un po’ tabaccosi, diciamo, che ci fanno pensare a un narghilè con tabacco alla mela. Si sente legno di sandalo, poi profumi di legno caldo. Un po’ di fieno. Biscotti, diremo: Plasmon.

P: corpo avvolgente, piacevole e senza emersioni alcoliche contundenti (cosa che coi giovincelli, sapete, talvolta accade). Abbiate pazienza: i sentori che riconosciamo sono liquirizia (artificiale: Morositas), poi curry giallo, a testimoniare una speziatura in costante crescita. Poco fruttato (una prugna gialla, al massimo), vegetale e caramelloso però.

F: medio-lungo, una bella persistenza, note di curry, noce moscata, un poco di agrume (arancia, secca forse). Un cenno di sapidità.

L’invecchiamento di questo whisky deve essersi consumato in legni molto attivi su un distillato che, fatalmente, ancora maturo non è. Il risultato è però assai piacevole, sfaccettato e piuttosto complesso. Insomma non urliamo al miracolo ma la sorpresa è tanta con questo Omar, al punto che assegniamo un convinto: 85/100! Tra l’altro il rapporto qualità/prezzo è ancora sensato, visto che una bottiglia costa attorno ai intorno ai 70€.

Sottofondo musicale consigliato: Billie EilishBad Guy

 

The Quiet Man 8 yo (2018, OB, 40%)

Il mondo del whiskey irlandese vive oggi un momento di grande ripresa e non sono pochi gli investimenti in nuove distillerie e nuovi marchi messi in campo sia dalle multinazionali che da piccoli produttori o aspiranti tali. E così in questi ultimi anni sono state tante le novità e molti sono stati anche i marchi resuscitati dal glorioso passato del mondo Irish. Il copione è ormai consolidato: si annuncia la nascita di una nuova distilleria e si mettono sul mercato fin da subito ‘sourced whiskey’, ovverosia miscele di barili acquistati da altre distillerie già operanti. The Quiet Man, di proprietà di Niche Drinks, non fa eccezione, riscuotendo un discreto successo coi “suoi” primi whiskey (vinsero tra gli altri un premio col 12 yo al Festival di Roma!) e annunciando nel frattempo l’apertura nel 2020 di una distilleria a Londonderry, nell’Irlanda del Nord. C’è chi dice (la Bbc per essere precisi) che alla fine del 1800 questa cittadina detenesse il record mondiale di whiskey prodotto; e chi siamo noi per smentire anche un tale sproposito? Purtroppo però pare che i fasti del passato non torneranno tanto facilmente, visto che pochi mesi è stato annunciato il passo indietro sulla costruzione della distilleria, poco dopo che la statunitense Luxco ha acquistato la maggioranza delle azioni di Niche Drinks. Verrà mantenuto almeno il marchio The Quiet Man oppure calerà il sipario? Per ora è mistero insonsabile ma noi, gente semplice e facile alla bevuta, non ci angosciamo più di tanto e assaggiamo questo 8 anni distillato in pot still, invecchiato in soli barili ex-bourbon a primo riempimento.

the-quiet-man-8-years-old_1N: un naso verde come i prati d’Irlanda, e al contempo timido come le giovani contadine d’Irlanda (che poi però sarebbe Irlanda del Nord, e vai a sapere quanto e se sono timide quelle altre, di contadine). Basico, tutto su frutta mista e (soprattutto) caramelle miste alla frutta. Molto ingenuo, diciamo. Ci sono lime, cedro, mela verde, una pera piena e aromatica. C’è poi, pian piano, un che di lievito, di birra cruda. Semplice, piacevole, con un cenno minerale che promette bene (uno di noi dice ‘riesling’, non temete, è stato già ricoperto di insulti).

P: scalda un po’ l’alcol, cosa che non convince appieno. C’è su questo versante un che di cartone bagnato, misto a una dolcezza dozzinale e floreale, da caramella alla violetta. Davvero non sentiamo nient’altro.

F: breve, poco espressivo, vagamente erbaceo.

Un whiskey a due teste questo ottenne. Da una parte, un naso più che decente, franco e molto identitariamente Irish. D’altra, il palato si fa invece disastroso, ben lontano da quella piacevolezza spensierata e beverina che spesso cerchiamo in questo tipo di whiskey. Per noi la media fa 75/100, ma assaggiatelo anche voi, non fidatevi delle nostre menti malferme, anche perché si trova abbastanza facilmente nel Belpaese, qui ad esempio.

Sottofondo musicale consigliato: CLAVDIOCuore

 

 

Botti da orbi – Sanremo, le polemiche: Redbreast 21 yo Single pot still (2015, OB, 46°)

[Il festival è finito, ma la sorpresa è che adesso ci aspetta pure una polemica infinita capace di ridurre all’alcolismo anche un salmone selvaggio. Zucchetti ha l’antidoto per voi.]

 

redbreast-21yoÈ inevitabile per ragioni statistiche. Si chiama teorema della scimmia instancabile: una scimmia che picchiettasse a caso all’infinito sulla tastiera prima o poi comporrebbe la Divina Commedia. Ecco, vale anche per il festival: fai salire sul palco cantanti a caso e prima o poi salterà fuori qualche canzone piacevole. Un Rino Gaetano, un Elio e le Storie tese, un Max Gazzè. Quando accade (e ovviamente non vincono mai…), gioia e tripudio. Come quelli che accompagnano questo single pot still irlandese, così atipico da far gridare al miracolo più di Pippo Baudo senza parrucchino. Il naso è paradisiaco. Sul serio, c’è un’intensità così vivida di profumi da sbalordire. Succo multifrutta, tanto tropicale (guava, cocco essiccato, mango) e marmellata di pesca. Ma non si ferma qui. Ci sono olio essenziale di arancia e olio di lino, una patina elegante di rame, eucalipto e anche un che di grasso dolce di prosciutto. Noce moscata e strudel con frutti rossi a indicare una benedetta influenza delle botti di sherry. Più lo si ascolta più lo si ascolterebbe, è un tormentone.

In bocca ha una freschezza vibrante. Qui il cocco emerge alla grande, noci brasiliane e banana bread fanno da contorno. Si fa cremosissimo, la mou e la vaniglia sono un velluto caldo. L’oleosità non manca, ma non pregiudica una facilità di beva disarmante. Il finale è coerente: cocco, tamarindo e uno zenzero pimpante che chiude la sarabanda.

Niente da fare, si possono avere tutti i pregiudizi possibili su Sanremo e sugli Irish whiskey, ma quando c’è il colpo di genio allora giù il cappello. Per avere 21 anni ha un fisico atletico ed eccezionalmente scattante, il legno cesella e arrotonda ma non mette la sua firma ingombrante se non con quella spezia che prolunga il finale. Applausometro impazzito, bene, bravi e bis: 90/100.

 

Sottofondo musicale consigliato: StatutoAbbiamo vinto il festival di Sanremo

 

Botti da orbi – Colonial Whisky Tour

è quasi Zucchetti

Dall’alto il bicchiere di whisky, con quella sezione rotonda così perfetta, sembra un delizioso pianeta ambrato, una via di mezzo fra Venere e Marte. Prima di invocare la neuro – o un alcol test per chi scrive -, pensateci un attimo. Il whisky è davvero un mondo tutto da scoprire. Ha una faccia che conosciamo bene e ci ispira ogni sera, la Scozia. Ha dei bordi che stiamo imparando a distinguere (gli Stati Uniti, l’Irlanda, il Giappone). E poi ha un lato oscuro di Paesi dai metodi di distillazione incerti e dalla tradizione variabile: the dark side of the malt. Girovagare alla scoperta di queste terre che portano scritto sulla mappa HIC SUNT LEONES, è un’esperienza da fare almeno una volta. Perché vagabondare per il pianeta whisky è come andare in vacanza. Puoi essere turista o viaggiatore, pellegrino o esploratore. Ci sono momenti per tutto. A volte vuoi solo essere coccolato in un ambiente accogliente e te ne vai in un resort a 5 stelle pacchetto all inclusive, dove scorrono fiumi di malto e torba, la Scozia. Altre invece ti prende il rovello di attraversare la taiga o il deserto in pullman di terza classe senza aver prenotato prima neanche una stamberga. Qui ci è presa una nostalgia politically uncorrect per i vaghi ed avventurosi tempi coloniali, per le sahariane e i completi di lino, per il Commonwealth e i viceré che mandavano dispacci e barili a Sua Maestà. E dunque partiamo su un bastimento per i mari del Sud. Nella seconda puntata si partirà invece in Interrail in giro per l’Europa. D’altronde girovagare col naso fra le bottiglie più inconsuete nel dark side of the malt è questo: zaino e narici in spalla, si parte alla conquista pronti alla chicca come al disgusto. Ché la prima classe costa mille lire, la seconda cento e la terza dolore e spavento. E preghiamo san Ciccio De Gregori che nessun dram puzzi di sudore dal boccaporto e odore di mare morto…

Hellyers Road Slightly Peated 10 yo (2018, OB, 46.2%)

[Tasmania, Australia]

Tutti abbiamo un amico che prima o poi si sposa. Tanti ne abbiamo uno che in viaggio di nozze va dall’altro capo del mondo. Qualcuno ne ha di generosi che si offrono di portargli un whisky australe. Io vado oltre e ne ho uno che aveva il compito di portarmi il pluripremiato Sullivan’s Cove e invece si è presentato con un boomerang e questa bottiglia qui, un po’ come quando l’ultimo Galliani prometteva Tevez e arrivava Ricardo Oliveira… Essendo suo testimone di nozze e curioso come un babbuino che lavora in una rivista di gossip, alla fine ero pure contento di provarlo e gli sono grato comunque. Anche perché la bottiglia si presenta bene: single malt dalla Tasmania, invecchiato 10 anni in barili tostati, non filtrato, “leggermente torbato” e con una gradazione quasi alla Bunnahabhain. Curioso il tappo a vite, che va bene sui riesling della Mosella ma sul whisky ancora un po’ lascia perplessi. Sull’etichetta sta un crepuscolare signore, in cammino su una lunga strada verso “quota 100” con accanto un gatto. Ecco, la speranza di tutti gli animalisti è che quel gatto sia stato il più possibile lontano dal whisky. Non tanto per l’olfatto, che curiosamente parla gaelico, ovvero la lingua delicata fatta di pera, rosa e cioccolato bianco che spesso è il marchio di fabbrica degli Irish whiskeys (difatti è distillato “due volte e mezza”, il che spiega la lievità delle suggestioni). No, se il naso tutto sommato si salva, tra vaghi sentori di cocco, marzapane all’arancia e narghilè che spuntano da una coltre di alcol piuttosto spessa, è il palato ad essere travolto. Perché il nostro spirito della vecchia Van Diemen’s Land è devastante come il suo conterraneo Taz quando diventa un piccolo uragano. L’alcol è aggressivo, prevaricatore. Bullizza le timide note amare di pompelmo, schiaffeggia i sentori di legno tostato e impone un retrogusto di acquavite sgradevole che supera in intensità la leggera torbatura minerale (a proposito, il malto torbato arriva dalla Scozia). Paradossalmente, la tempesta si quieta nel finale, dove spuntano mele e biscotti e un che di noce moscata.

Ora, vero che l’Australia è stata terra di galeotti; vero anche che l’etichetta ricorda “l’aspra e feroce vita selvaggia” di queste parti; vero anche che “Mr. Crocodile Dundee” era un film fichissimo che ti prendeva la voglia di giocare a wrestling con gli alligatori. Però, perché abbrutire tutto con uno spirito così sgraziato che non permette di apprezzare – se ci sono, e probabilmente ci sono – le qualità della distilleria? Non se lo meritano gli australiani, non se lo merita James Cook, non se lo merita la Regina. Forse l’unico che se lo meritava ero proprio io, che dopo sei mesi ancora non ho fatto il regalo di nozze. Alberto, mandami l’Iban e chiudiamola qui… 70/100

Three Ships ‘Vintage 2005’ PX finish (2015, OB, 46.2%)

[Sudafrica]

Se c’è una cosa che ti si pianta in testa dopo un viaggio in Sudafrica è che il pregiudizio è una bestia astuta. Paragoni fra Mandela e gli alambicchi anche no, grazie, ma probabilmente un giro fra il museo dell’apartheid e Soweto rende tutti un po’ più disposti a fare tabula rasa di ogni preconcetto. Sicché, sentendosi in cuor suo illuminato e progressista e fieramente multiculturale, il rabdomante di spiriti si tuffa a capofitto sul Duty Free per sperimentare il Three Ships, orgoglio sudafricano. Evitato come la peste il 5 anni, che costa più o meno quanto una confezione grande di M&M’s e lascia perplesso l’europeo abituato a svenarsi per ogni bottiglia, la scelta cade su un vintage 2005. Dieci anni di invecchiamento curiosamente divisi fra “106 mesi in botti di quercia americana e 14 in barili ex Pedro Ximenez”. Livello di aspettativa: bassino. Sempre per il fatto che crediamo di essere privi di pregiudizi ma alla fin fine inconsciamente ci aspettiamo di trovare manioca e elefantini nelle bottiglie. E dunque già ci prepariamo a un whisky eccentrico, magari un po’ approssimativo e con note pesanti, esotiche e speziate. E invece… Invece ovviamente non c’è nulla che richiami il bush o il Kruger Park in questo whisky. Stolto uomo europeo, che ti aspettavi? Beh, di sicuro non la abbacinante florealità che si sprigiona dal bicchiere. Peonie, sorbetto all’uva fragola, Ice wine. C’è un’aromaticità intensa che va a lambire l’olio essenziale di arancia. Poi, a dire il vero fuori sincrono, anche un lato più umido e scuro tra cantina, note nocciolate e matita temperata. In bocca invece i fiori lasciano spazio alla frutta. Indefinita e un po’ sintetica, come di caramella all’arancia. Esplode quindi una spezia sicura di sé. Zenzero, pepe e peperoncino fanno quasi pensare ai rye e giocano a rimpiattino con una base dolce di zucchero a velo e ananas. Il finale è così così, tra gommose al limone, chili e gomma bruciata, con un che di bagnoschiuma nel retrogusto.

Spiazzante, contrastante. Ecco in cosa somiglia al Paese da cui proviene. È un tetris di ossimori, una delicatezza ponderosa, una naturalezza artificiale, una dolcezza piccante. Non un capolavoro, diciamo che nel rugby i sudafricani se la cavano meglio. Però qualcosa che si lascia sorseggiare e sa anche divertire chi non cerca né la perfezione né la razionalità. Fosse vivo Beckett, sarebbe il suo malto dell’assurdo. 80/100

Kornog 2013 single cask (OB for The Auld Alliance, 58.7%)

[Francia (via Singapore)]

Cosa c’entri la Bretagna, dove fra una galette e un sidro fermier viene distillato il Kornog, con il mondo affascinante e fiabesco delle antiche terre coloniali, non si sa. Anzi, si sa benissimo: nulla. Però se la storia è fatta di incroci e influenze, questa bottiglia sta a testimoniare che anche il whisky oggi è un melting-pot. Quanto meno in materia di imbottigliamenti… Poco interessa al lettore come chi scrive sia finito a Singapore su un “party bus” privato ascoltando i Queen remixati da due bartender greci. Ma sappia il lettore che a un certo punto della gita sullo stretto di Malacca, lo scrivente è finito all’Auld Alliance, il raffinato whisky bar di Emmanuel Dron conosciuto in tutto il mondo. Lì, fra poltrone in pelle umana e collezioni di bottiglie da ringraziare dio per avere un rigido plafond sulla carta di credito, lo scrivente ha ordinato una degustazione di quattro imbottigliamenti firmati appunto Auld Alliance. Fra questi un Kornog a grado pieno. Capite che l’idea di sorseggiare un torbato bretone in una città-Stato avviluppata in una monsonica umidità del 95% è un inno al post-colonialismo. Al naso compare subito un fumo lieve, che tutto cuce insieme come una Penelope con la passione per lo svapo. Le note grasse di olio di mandorla, quelle dolci di torta di pere, i deliziosi sentori marini: un olfatto minerale e fine, arioso e quasi floreale nonostante l’oleosità evidente. In bocca i quasi 60 gradi non si nascondono, ma l’alcol non sferza. Anzi, costruisce una dolcezza piacevole di mandorle glassate, zucchero di canna e biscotti (tipo i Galletti del Mulino Bianco). Che ovviamente va a braccetto con la torba ora più solida, tutta incentrata fra la fuliggine e le olive verdi, a testimoniare il dna costiero. Torba che si intreccia a un tocco quasi agro (limone e zenzero fresco) e a una fresca amarezza di pompelmo. Curiosa la nota di marron glacees che si fa strada in un lungo finale secco e piccante.

Sarà che averlo assaggiato in un Paese dove se sgarri qualcuna delle tantissime e severissime leggi rischi due nerbate con uno scudiscio di rattan bagnato, ma la morigeratezza di questo whisky è sembrata un valore aggiunto. Né la torba, né la marinità impongono la loro dittatura su un malto che ben nasconde la sua estrema gioventù sotto un savoir faire molto europeo. 85/100

The Glover 18yo (2018, Adelphi, 49,2%)

roger-murtaugh-lethal-weapon-danny-glover
un altro Glover, che non c’entra niente con questo whisky

Inauguriamo l’anno, dopo giorni e giorni di postumi da Calendario Avventato, con un imbottigliamento speciale, dotato anche di un suo valore politico, se vogliamo. Assaggiamo “The Glover”, un blended malt di 18 anni di Adelphi, imbottigliatore che ci ha abituato a grandi cose in passato… Dedicata al baffuto Thomas Blake Glover, soprannominato “il Samurai Scozzese”, pioniere del multiculturalismo alcolico e degli scambi anglo-giapponesi, questa serie prevede miscele tra whisky di malto scozzesi e asiatici (niente di nuovo, vero?, ma almeno qui hanno la decenza di scriverlo in etichetta). In questo caso, le aspettative sono particolarmente alte perché si tratta di un blend di Longmorn, Glen Garioch e… Hanyu!, storico produttore giapponese ormai chiuso, dalle cui ceneri è nata la magnifica Chichibu – ma questa è un’altra storia. Beviamo affiancati dai prodi Corrado e Angelo.

adelphi-the-glover-18yoN: la gradazione non passa inavvertita, con l’alcol che qui e là tira degli schiaffetti. Molto aperto e aromatico, con un lato morbido, diciamo “dolce”, con brioche, frutta secca (nocciola, anacardi?), anche un senso di panettone; poi tanta mela rossa, uvetta… C’è poi un lato speziato, tra il sandalo e un che di legno vecchio e crema di marroni. Pout pourri. Dopo un po’ con acqua diventa più grasso…

P: molto piacevole, anche qui l’alcol tende un poco a emergere di primo acchito. Saporito, con un corpo non esplosivo. C’è un che di profumoso, di scoordinato (non inteso negativamente), con un che di legno di sandalo. Poi si sente la quota che diremmo di sherry, tra frutta secca, una timida ciliegia, ancora mela, panettone… Un che di granatina, non dolce però (Angelo assicura che esiste e noi ci crediamo). Con acqua, anche il palato diventa più armonico, molto più fruttato, a ingrossare il profilo di cui sopra.

F: non intensissimo ma lungo, soprattutto su uvetta, buccia di mela rossa e frutta secca.

schermata 2019-01-04 alle 11.49.32Siccome il buon baffuto Glover ha contribuito alla fondazione di Mitsubishi, non possiamo non commentare così: Mitsubishi, mi stupisci! Magari, a voler proprio trovare un limite, non te lo tracanni ‘come se niente fosse’: è molto complesso ed è un vero e proprio malto da degustazione. Consigliamo acqua, ne abbiamo aggiunta non poca e questo ha regalato un’evoluzione strepitosa, nei risultati e nel percorso: il nostro suggerimento, se riuscite a mettere le mani su una di queste bottiglie, è di prendervi del tempo, di godervelo piano piano, perché merita di essere trattato con riguardo. Solo così potrà dispiegare tutta la sua magia: 89/100. Grazie al nostro micino pelosino Samuel per il campione!

Sottofondo musicale consigliato: Television – Mars.

Whisky Revolution “calendario avventato” – Day 21

Il “calendario avventato” oggi ci fa bere Tyrconnell 10 yo ‘Madeira Finish’. Tenete conto che l’abbiamo assaggiato blind, alla cieca, e la sua identità ci è stata rivelata solo stamattina. Il rischio di farsi male è dietro l’angolo: vediamo.

img_0911Difficile da interpretare, con una nota pesante da officina meccanica, cuoio e cuoio. Sotto questa coltre si agitano però demoni a forma di agrume e di una bella frutta (pesca noce, succo d’arancia). Viene il dubbio che sia un finish. Ogni tanto nella vita succede di farsi domande del genere. Al palato la dolcezza si prende tutto, con sentori di rum, frutta fermentata tropicale, agrumi. C’è una sensazione floreale.

Il tutto offre una sensazione abbastanza ‘artificiale’, per così dire, ma interessante – e tutto sommato gradevole. Non avevamo ipotizzato un irlandese (chi se ne aspettava quattro?!?), ma il finish l’avevamo beccato, quindi bravi Giacomo e Jacopo! Naso e palato non sono molto coerenti tra loro, ma neppure noi, e dunque andiamo di 84/100.

Whisky Revolution “calendario avventato” – Day 19

Il “Calendario Avventato” oggi ci fa bere Hammerhead 23 yo (vintage 1989), un single malt della Repubblica Ceca, anche se tecnicamente questo dev’essere stato distillato ancora in Cecoslovacchia… Tenete conto che l’abbiamo assaggiato blind, alla cieca, e la sua identità ci è stata rivelata solo stamattina. Il rischio di farsi male è dietro l’angolo: vediamo.

Whisky #19

Che gran concerto di frutta, tutto teso verso mele e pere cotte, albicocca, tart tatin, frutta tropicale essiccata natalizia, carambola. Troviamo anche una ricchezza burrosa e un po’ di agrumi. Al palato ci sembra basso di gradazione, ai limiti dell’esile. Si ripropone la frutta, con arancia, albicocca secca, fichi secchi. Si fa più pesante rispetto al naso e in un secondo momento arrivano pure frutta secca, miele e toffee.

Gradevole, cangiante e molto natalizio, diremmo, così su due piedi, un tranquillo Speysider abbastanza complesso (abbiamo scritto originariamente: in realtà, sappiamo che non è così) – anche se il palato patisce un po’ il probabile basso grado (che in effetti è di 40,7%). Da meditazione, certo: ma attenzione a non sprofondare nel divano dopo l’abbuffata natalizia. 85/100.