Ledaig 11 yo (2005/2017, Signatory Vintage ‘CSC’, 57%)

Durante lo scorso Freak Show dicembrino abbiamo aperto questo single cask di Ledaig, versione torbata di Torbermory, distilleria dell’isola di Mull. Negli ultimi tempi si trovano in giro sempre più barili di Ledaig, soprattutto delle distillazioni di inizio / metà anni 2000, e gli appassionati stanno iniziando a celebrare la qualità di un produttore che fino a qualche tempo fa era relegato al contenitore delle cose bizzarre: in questo caso è Signatory Vintage ad aver messo in vetro un barile ex-sherry invecchiato 11 anni. Nessuna colorazione artificiale, gradazione piena a 57%.

N: impressionante. Ha note di peperoncino Chipotle (o di Habanero Chocolate), a testimoniare la compresenza di una nota di peperone, vegetale e acida, e di una torbatura intensa. Salsa barbecue e pancetta fresca. La cosa pazzesca e davvero spiazzante è che insieme a tutto ciò c’è anche un massiccio apporto della botte sherry, con uvetta, ciliegia macerata sotto spirito; anche un panettone artigianale, stracolmo di burro. Scorza di arancia?, o forse rende meglio l’idea dell’insieme la suggestione del panforte. Ha in generale una ‘grassezza’ davvero potente, di cioccolato, di toffee, di butterscotch. Ad aggiungere complessità, una nota di mix di erbe aromatiche per arrosti (timo? rosmarino?), e pure un po’ di pepe nero. Eccellente. Ah, cavolo, dimenticavamo: la torba è marina, è catramosa, profonda, aggressiva. L’acqua apre ulteriormente sulla carne: stecchette di maiale secco. Carruba, ulteriore, e anche una tonalità medicinale, torbata, da antisettico, da pasta per dentista.

P: esplosivo, deflagrante, complessissimo. Ha una nota iniziale, evidentissima, che ci ricorda una grigliata, col grasso di maiale che cola sulle braci e la salsa barbecue (o la Worchestershire, oppure ancora indiscutibile è un sentore di Tabasco Chipotle) vicina ad addolcire… E tabasco, e ancora peperoncino. Stando sulla dolcezza, rileviamo ancora una dolcezza in crescita, con frutta rossa (ciliegia e uvetta) ancora molto pesante, macerata, sotto spirito. Ancora erbe aromatiche, ancora il peperone: e l’acqua acuisce questa dimensione, con un peperone mai così evidente in un bicchiere di whisky. L’alcol diminuisce in aggressività ma non si perde neppure una dimensione di sapore.

F: in evidenza l’anima più wild, con tanta cenere, tanto peperone, una carne infinita… E un fumo devastante

Equilibrato nella sua sfrontatezza, nel saper coniugare sentori apparentemente incoerenti. Trovano un’inaspettata sintesi note piccanti e vegetal-torbate e la dolcezza liquorosa della frutta rossa di botte, e la dimensione più greve è sempre bilanciata da una freschezza di fondo. Semplicemente: molto buono. 91/100.

Sottofondo musicale consigliato: New Order – Shellshock.

Springbank 11 yo ‘Local Barley’ (2017, OB, 53,1%)

Dopo aver assaggiato il Local Barley di Springbank dell’anno scorso, il livello di impazienza per l’attesa dell’edizione 2017 era francamente ben oltre i livelli di guardia. Grazie a Claudio Riva, che ha deciso di aprire e condividere la sua bottiglia, il Clan di Como di Whisky Club Italia ha organizzato una serata a tema Springbank in quel di Cantù, nella serie di degustazioni monografiche “Distillerie Svelate” e ne ha approfittato per mettere sul tavolo proprio il Local Barley 2017 – noi non potevamo mancare, anche perché il resto del parterre era di tutto rispetto (Hazelburn 10, Springbank 18 e 12 Cask Strength, Longrow 18!). Il “Local Barley” è un 11 anni, questa volta prodotto solo con orzo Bere (la varietà d’orzo più antica da noi conosciuta, ed oggi poco usata dall’industria del whisky perché meno efficiente a livello quantitativo) coltivato a pochi chilometri dalla distilleria, nella Amos Farm di Campbeltown – naturalmente l’orzo è maltato in distilleria, dato che come sapete Springbank è l’unica a completare quest’operazione nella sua interezza in casa, ed è maturato in soli barili ex-bourbon.

N: è a grado pieno, ma l’impatto dell’alcol è praticamente inesistente. L’orzo, chiave del concept dietro questo whisky, è ovviamente in primo piano: si sente tanto il cereale, note di pane appena sfornato; ma anche di biscotti ai cereali, di campi di fieno al sole… Ha perfino note di banana verde; limonoso e agrumato (anche cose di arancia). Foglia di limone, e in generale evidenti note erbacee. La torba si sente nel lato costiero e minerale: salamoia e ciottoli, fantastico. Col tempo cresce un lato fruttato e zuccherino che ci ricorda – per farla breve – un delicato sentore di marshmellow.

P: decisamente più ‘dolce’ come primo impatto, mostra un corpo bello pieno e dà rassicuranti sensazioni di calore (?). Di nuovo, la dolcezza non è della botte ma del distillato (e dunque non vaniglia ma pera dolce, di nuovo tanto cereale – fiocchi Kellogs). Frutta secca lieve, nocciole e mandorle. Bello acidino, con ancora limonata zuccherata in evidenza. Pasta di cacao (bella ‘grassa’), perfino delle note di cera. Si sente il fumo, la torba è più carica e più evidente.

F: cioccolato fondente, cera e tanto limone. Ancora labbra salate.

Veramente buono, buonissimo anzi: il cereale è ovviamente il grande protagonista, ma supportato da tutta l’unicità dello stile inconfondibile di Springbank. Quel che affascina è come sempre la complessità del distillato, che regala sfumature e sapori che coprono praticamente l’intero arco parlamentare degli aromi: dal minerale al fruttato al costiero all’erbaceo, dalla frutta secca al ciottolo di fiume, dal cioccolato al pane sfornato al bananoso. Siccome reason is in comparison, rispetto al Local Barley 2016 (più vecchio di cinque anni e con una quota di botti ex-sherry) questo ci pare solo un gradino sotto per una dolcezza più evidente, ma che questo non infici l’eccellenza di quanto abbiamo davanti: 89/100, prendetene pure una bottiglia, se ancora la trovate… Grazie a Claudio e Serenella per l’ospitalità e la bellissima serata, e complimenti ad Andrea per la location Vini e Più: una splendida realtà nel cuore della Brianza, bravo!

Sottofondo musicale consigliato: Ulver – Solitude.

Glenrothes 11 yo (2004/2015, Hepburn’s Choice, 46%)

Quando Matteo Zampini ci ha proposto questo Glenrothes allo scorso Milano Whisky Festival, l’abbiamo guardato perplessi: sei troppo entusiasta, non ci caschiamo, stai cercando di rifilarci un pacco. Dopo qualche mese, scopriamo se di pacco trattasi o no: single cask ex-sherry, come rivela il colore senza lasciar dubbi, di Glenrothes, distilleria del cuore dello Speyside molto amata da grandi e piccini, celebre per le note di frutta secca che caratterizzano gli imbottigliamenti ufficiali. Selezione e imbottigliamento a cura di Hepburn’s Choice, marchio di Hunter Laing.

glenrothes-11-year-old-2004-bottled-2015-hepburns-choice-langside-whiskyN: molto carico, molto aperto, molto odoroso: l’apporto dello sherry è totalizzante, ma per fortuna la copertura è di ottima qualità. Si tratta di uno sherried pesante ma fresco, se la cosa ha un senso per altri oltre che per noi: ha note intensamente fruttate (di uvetta e ciliegia sotto spirito, soprattutto), abbinate a intensissime zaffate di cola e chinotto. Un pit di cioccolato, forse di vaniglia; fichi secchi, grassi e oleosi. Un po’ di ‘legno intriso’, da warehouse; liquirizia. Quei mix di caramelle gommose alla liquirizia ripiene… Un filo di noce moscata, lieve ma costante, chiude un seducente profilo da sherry iper-ruffiano.

P: poco alcolico e, come prevedibile dato il naso, veramente straripante in intensità. È senz’altro più ‘scuro’ qui, con note di tabacco, di cioccolato amaro; la frutta resta molto pesante e fresca al contempo, frutti rossi macerati nell’alcol (una ciliegia devastante); anche la crema malaga emerge… Suggestioni di frutta secca (nocciola). Ancora cola e chinotto, mentre le spezie del legno retrocedono un po’.

F: lungo ma non lunghissimo, è tutto giocato su un balletto di ciliegia, chinotto e cioccolato.

Ottima botte: molto buono, davvero, grande intensità, bevuta piacevole, discreta complessità. Una lezione di sherry cask, oltretutto tenuta ad un prezzo più che ragionevole, circa 55€ (tant’è che ne abbiamo comprate due bottiglie, nel frattempo). Insomma, Matteo: non stavi cercando di truffarci, dobbiamo esserti riconoscenti… 88/100 è il giudizio trasposto in cifra. Bene bene.

Sottofondo musicale consigliato: Velvet revolver – Slither.

Glendronach 1990/2001 (Cadenhead’s, 57,9%)

Il primo malto del Tasting Facile di sabato pomeriggio era un single cask di Glendronach, imbottigliato nel 2001, quando la distilleria era chiusa (è rimasta silent tra il 1998 e il 2005). Si tratta di una singola botte refill-sherry, e – lo anticipiamo già – è stata la bottiglia meno apprezzata dai presenti: facile da prevedere, forse, vista la qualità del parterre…!

a0ni1iNiCFK6zgs1V-LOZnjy8bvkMT9wDHc7wvwFiVgN: nonostante la gradazione, non si nasconde, restando bello aromatico e svelando una certa maturità: il grande accordo tra botte e distillato trova un primo risultato in una pienezza più matura del previsto. Questo connubio unisce tante diverse sfumature di frutta, mai ruffiane: da note di frutta cotta (mela/prugna) a suggestioni eteree di frutti rossi (anzi: more, confettura di fragole); perfino arancia candita. Il malto, zuccherino e brioscioso, si accompagna a piacevolissime note di warehouse, di legno di botte, che ci pare a tratti dare note leggermente sporchine e tabaccose.

P: semplice ma intenso, ha la peculiarità di colpire in modo regolare, compatto, senza fiammate di sapore. Come al naso, attacca sullo zuccherino deciso e pesante, ma non eccessivo: qui le suggestioni sono di pesca sciroppata, zucchero di canna e caramello; ci pare di sentire frutta rossa un po’ in disparte, e invece ancora note di malto e legno, che ci rappresentiamo con una bella frutta secca (nocciola). Purtroppo sono presenti, avulsi da tutto ciò, anche pesanti ritorni alcolici che rovinano un quadretto altrimenti piacevole. L’acqua, da sconsigliarsi, sembra accentuare l’alcol e qualche sua connotazione vagamente metallica.

F: buccettina della mandorla. Amaro e maltosissimo.

Diciamolo senza scrupoli di sorta: il problema di questo Glendronach è il palato, lì l’alcol resta slegato dal resto, si sente molto più che al naso e l’acqua, invece di migliorare la situazione, la peggiora. Detto ciò, siamo di fronte a un whisky discreto, didattico, con un distillato più maturo della sua età grazie all’educato apporto di una botte per niente eccessiva, certo di buona qualità. Da annusare, soprattutto: 80/100.

Sottofondo musicale consigliato: Mogwai – Hardcore will never die, but you will.

Glendronach 11 yo (1990/2001, Dun Eideann, 46%)

All’ultimo Spirit of Scotland abbiamo assaggiato un Glendronach indipendente messo in bottiglia quattordici anni fa; siccome quattordici è il doppio di sette, e sette è il doppio di tre e mezzo, oggi lo beviamo qui, davanti a voi. Non cogliete la logica stringente? Neanche noi: questo è il bello. Si tratta di una botte ex-bourbon che ha lasciato maturare nel suo ventre il distillato per 11 anni, prima di espellerlo in bottiglia al grado ridotto di 46 gradi, non centigradi.

Schermata 2015-10-02 alle 17.39.44N: siamo di fronte a un tripudio di nudità, e a parte una tenue sensazione di vaniglia e zucchero bianco, risulta poi tutto spostato in una dimensione erbacea: mandorle amare, erba fresca e umida, erba limonosa. Una susina gialla, asprina; note di distillato giovane, pulito, qualche timida suggestione di aceto di mele. E come trascurare il limone, vero mattatore? Solvente. Floreale. Il primo non era un aggettivo.

P: al palato è ancora più naked: resta un vago senso di dolcezza pulita, ma nemmeno più fruttata (zucchero?). È la dolcezza del malto! Dominano invece note ancora erbacee (proprio fieno, infusi; anche verdura cruda a foglie verdi) e limonose (semini e buccia). La nota maltosa porta con sé quella che ad alcuni parrà un’off-note di stoppino, ma che a noi non dispiace affatto, anzi.

F: pulito molto, abbastanza breve, vagamente mandorlato e molto erbaceo.

La nudità più nuda che c’è: un whisky ‘didattico’, perché spiega perfettamente cosa sia il whisky di per sé, privo di legni attivi e con un fianco lasciato aperto ai colpi delle erbe e del malto più pulito e vegetale. Detto ciò, e riconosciuta al distillato una parola sicura e priva di screziature negative, forse in questo caso la nudità è per il nostro gusto un po’ eccessiva, e nel complesso ci fermeremo a un 79/100, ma sappiate che la community di whiskybase è più indulgente. Grazie a Davide per il sample.

Sottofondo musicale consigliato: Naked eyes – When the lights go out.

Longrow ‘Red’ (2012, OB, 52,1%)

Dopo un tripudio di Glendronach, decidiamo che vogliamo bere ancora qualcosa di buono… Scegliamo dunque una distilleria che amiamo, ovvero Springbank, e nello specifico optiamo per la versione torbata, vale a dire Longrow: eccoci con davanti il Longrow ‘Red’, undici anni di invecchiamento di cui 7 in botti refill-sherry e 4 in Cabernet-Sauvignon… Sì, suona strano, lo sappiamo, ma con il Longrow finito in Barolo ci era andata davvero bene! Il colore è ambrato.

lgrob.11yoN: oggi, niente verbi: anima Longrow (torba tipo ‘tubo di scappamento’, pepe), anima dolce (poca vaniglia), chiodi di garofano, mirtillo (un sacco: vino rosso!), inchiostro, liquirizia. Infine, anima dannata, e tornino i verbi per l’occasione: nitidi sentori di vino rosso che ci paiono davvero poco integrati. Un che di mentolato, in crescita. Un merito? L’alcol si sente poco. Dopo un po’ ci si abitua alla stranezza del naso, comunque.

P: brutto, brutto, brutto. Ha un sacco di personalità, e proprio questo è il problema: speravamo in anima Longrow + ‘sporcatura’ del vino, ma qui – ahinoi – i fattori si ribaltano per una tragica fatalità. Tannini inutilmente esuberanti stringono il palato fin da subito, con un alcol che in più è qui ben presente. Il vino rosso si distingue nitidamente, assieme a un che di plasticoso a tratti inquietante. Della distilleria rimane l’agrumato e una intensa, inquinata affumicatura.

F: amaro; paraffina, pepe, formaggio. Lungo, intenso e persistente. Purtroppo.

Totale ripugnanza reciproca tra vino e whisky. Il naso ancora ancora era accettabile, palato e finale sono – a nostro gusto – davvero discutibili; avevamo in mente, chissà perché, una recensione positiva di Serge, che invece, rileggendolo dopo la nostra degustazione, era molto critico, avvertendo però che altri avrebbero potuto apprezzare di più una tipologia di whisky certamente molto intensa e particolare. Beh, quegli altri non siamo noi, ma vi invitiamo comunque a cercare di provarlo: piaccia o no, è un’esperienza… cui noi daremo comunque il voto di 72/100.

Sottofondo musicale consigliato: violenza senza quartiere con i Dark Funeral e la loro My Funeral. Che titolo originale, eh?

Laphroaig 11 yo (1998, Signatory for La Maison du Whisky Collector’s Edition, 60,7%)

Noi qui si pubblica poco ma si continua a bere, eh?, che vi credete? E per dimostrarvi che è vero (la lingua in bocca – chi coglie la citazione?), ecco a voi le tasting notes di questo giovane Laphroaig, imbottigliato da Signatory per La Maison du Whisky e portato da Claudio Riva all’ultimo festival romano. Si tratta di un invecchiamento in un refill-sherry butt, come già si intuisce dal colore, ambrato…

Schermata 2013-07-15 alle 21.18.45N: a dispetto della gradazione si mantiene sfacciatamente aperto, con una gran gamma di aromi, sia torbati (anzi, torbatissimi) che più tipici di maturazione in sherry. Legna fresca, appena tagliata; acetone (beh, sì, l’alcol…); torba acre, toffee, perfino del cioccolato al latte. Una nota di emmenthal? C’è poi un che di marino e ‘pescioso’ (ci viene in mente la suggestione di una zuppa di gamberi… avremo esagerato???), oltre alle ‘solite’ note di agrume candito (ma anche arancia fresca) e borotalco. Liquirizia. Con acqua, si apre una nota profumata/medicinale, che non riusciamo a mettere bene a fuoco (ci vengono in mente l’erica, alcune tisane balsamiche, ma anche infusi ai frutti rossi); ma soprattutto esplode una nota di fragola davvero da capogiro.

P: che esplosione. Attacca sulla dolcezza, man mano si ‘asciuga’ e, come d’altro canto accadrà a tutti noi, resta solo la cenere. Inizia con schiaffi di liquirizia, calci volanti di fumo di pipa, di tabacco aromatizzato, pugni di marmellata di fragola e agrumi… Poi un godimento torbato, con note di fumo acre intensissimo e un tripudio medicinale (sciroppo per la tosse). Datteri, che intensità! Ci sono poi suggestioni marine, di pesce sotto sale… L’acqua aumenta il dolce, ed è ottimo, ancora più agrumato, cremoso e intenso. C’è una fragola crescente, sempre più esuberante; poi, riconosciamo anche suggestioni mentolate! Top.

F: liquirizia infinita, fumo di sigaro, infinito. Una torba roboante con un che di salato e marino; va seccando, verso ottime note di legno.

Semplicemente, uno dei migliori Laphroaig che abbiamo mai bevuto; sherry e torba, si sa, non sempre si gradiscono a vicenda, ma quando ciò accade spesso il risultato è magia: e questa è magia. Buonissimo, davvero, di grande complessità e clamorosa intensità: il naso con acqua è da orgasmi multipli… L’aggiunta di acqua è accessoria, nel senso che a dispetto della gradazione è eccellente anche neat: ma la traiettoria evolutiva che si può apprezzare aggiungendo goccia dopo goccia è davvero impagabile. Claudio, grazie per il sample, davvero: il nostro giudizio sarà di 92/100.

Sottofondo musicale consigliato: un capolavoro appropriato, ovvero Lucio DallaMambo.