Bowmore 19 yo (1997/2017, Adelphi, 56,8%)

La gente che sa cosa fare della propria esistenza in questi giorni non è in Italia (e incredibilmente non vogliamo fare allusioni politiche), ma in Scozia; e non in un angolo qualsiasi della terra di Alex Ferguson e Sean Connery, vicino a un castello qualsiasi, accanto a un Loch qualsiasi, sorseggiando una birra qualsiasi e sgagnando un panino al bacon qualsiasi. No: la gente che sa cosa fare della propria esistenza in questi giorni è su Islay, perché c’è il Feis Ile! In mancanza dell’originale, noi che notoriamente siamo delle banderuole al vento del destino e che dunque decisamente non siamo su Islay, proviamo a sentirci vicini agli amici che fanno bagordi lassù: e dunque oggi ci beviamo un bel single cask di Bowmore, un barile ex-sherry a secondo riempimento (cask #2412) – il colore è molto scuro, se non l’avessimo saputo avremmo scommesso su un first-fill. Ringraziamo Samuel Cesana, gattone di Pellegrini, per il campione.

N: urca, com’è carico! La prima cosa che ci suggestiona sono le costine glassate all’americana, oltre a un senso di barbecue, di carne affumicata con salsa barbecue. C’è anche quella nota fruttata ‘alta’, da Bowmore in sherry, con more e mirtilli molto dolci e freschi. Viene in mente un che di pasticceria turca, da gelatina al melograno… Cuoio. La torba si sente molto, mescolandosi con questo legno così carico: l’effetto è di un legno bruciacchiato. L’acqua aumenta la quota di barbecue. Foglia di tabacco, ci illumina Zucchetti.

P: l’imbocco è punchy, ma è soprattutto molto dolce: marmellata di mora. Poi liquirizia pura, tanta liquirizia, legno, molto tanto troppo tannino. Resta molto bruciato, molto intenso, molto appiccicoso. Attimi fruttati, ma è questione di istanti. Zucchero bruciato, marmellata bruciata ai lati della torta dimenticata in forno. Vegetale e bruciatissimo, con una nota di inchiostro anche, forse tempera, dice Angelo. Tende pesantemente verso l’amaricante man mano che ci si avvia al finale (caffè, astringente, rabarbaro). Caldarrosta. Con acqua, è meno contratto e migliora, diventando più dolce, più morbido.

F: molto lungo, persistente, con note di fogliame (foglia di tabacco). Resta amaro e umido, con una vaga frutta nera molto lunga.

Bevuto a grado pieno appare piuttosto ostico: il naso è molto ‘sporco’, con sensazioni di barbecue che non troviamo spesso nei Bowmore in sherry, mentre il palato è molto poco fruttato e dominano note amare e bruciate. Con acqua diventa un’altra cosa, decisamente, e guadagna in piacevolezza soprattutto al palato: nel complesso, assegnamo un 87/100 ‘con riserva’, sperando di trovare un altro campione e di poterlo riassaggiare con più acqua. Capito?, Samuel, stiamo parlando con te.

Sottofondo musicale consigliato: In Flames – Behind Space ’99.

Annunci

Blair Athol 21 yo (1995/2016, Valinch & Mallet, 56,8%)

Ancora indipendenti, questa volta dall’Italia: Fabio Ermoli & Davide Romano sono Valinch & Mallet, e stanno in questi giorni annunciando le nuove release autunnali. Noi oggi ci soffermiamo su quelle ‘vecchie’, per così dire, e partiamo da un Blair Athol di ventun anni maturato in un barile ex-sherry. Single cask, a grado pieno, non filtrato e freddo e non colorato, ovviamente: ma non è anche per questo che amiamo gli indipendenti? Le premesse per un grande spettacolo ci sono tutte…

N: molto intenso, compatto e, se ha un senso, ‘cupo’. C’è una sensazione di frutta scaldata, appena uscita da un forno, come una crostata alle arance; oppure, proprio la marmellata (di arancia, ca va sans dire) in via di preparazione che ribolle nella pentola. Mela rossa, anche un che di pesca, sempre in versione ‘calda’. C’è poi un graffio minerale, sottile, come di legno umido (sa un po’ di warehouse) o forse di tabacco da sigaro; c’è la frutta secca (noce, nocciola), forse una polvere di caffè. Col tempo si scurisce, con anche cioccolato e una cola in crescita costante. Pane dolce all’uvetta.

P: anche qui si conferma compatto, difficile da sezionare; e però c’è una grande sovrastruttura che si coglie immediatamente, ed è un agrume pervasivo: arancia in marmellata, buccia di arancia, ma anche un liquore all’arancia. Abbiamo già scritto “arancia”, per caso? Ci sovviene, quindi, un’epifania di Fiesta: appunto agrumata, con pan di Spagna saporito e cioccolato. Poi c’è un sostrato di caramello, infinito, impastato con la frutta secca. C’è un senso di legno infuso, umido; carruba, e un velo di caffè, con uno sherry torbido, appena al qua del limite del sulfureo...

F: lungo e persistente, c’è una sensazione di pan di Spagna, frutta secca, ancora un sacco di arancia variamente declinata.

87/100: molto buono, intensissimo, piuttosto composito e impreziosito da quelle sfumature minerali che tanto ci piacciono. È uno stile di sherry cask ‘greve’, denso, aggressivo, pur senza essere il classico sherry monster – e il colore ce lo dimostra già alla perfezione. Ci piace rilevare come il nostro voto sia lo stesso di Serge e Sebastiano e Davide, e soprattutto – molto più importante – l’interpretazione complessiva e la descrizione siano assai simili.

Sottofondo musicale consigliato: Parcels – Overnight.

Lagavulin 12 yo (2015, OB, 56,8%)

Sparring partner perfetto del nuovo, attesissimo 8 anni ci è parso essere il fratellone 12, a grado pieno, rilasciato nello scorso autunno nell’ambito delle Special Release di Diageo. Poche ciance, via alla degustazione.

lagavulin-12-year-old-special-release-2015-whiskyN: complice la gradazione, si concede con fatica; estremamente compatto e trattenuto. L’alcol non respinge, ma sono evidenti note di acetone, di solvente. L’effetto, a prima snasata, è di solvente per lo smalto per le unghie, che ricorda un po’ l’olio di mandorle; contribuisce poi a un profilo austero e nudo una marinità veramente imponente. Togliersi lo smalto su una scogliera, è questa l’immagine che le nostre menti malate hanno prodotto? Davvero? Molto poco sexy (non solo l’immagine, adesso intendiamo il whisky): c’è lana bagnata, c’è una torba minerale e fumigante (sa proprio di cenere), c’è un cereale caldo e pieno, ma c’è anche un qualcosa di fruttato (pera, diremmo) e un bello zenzero candito. Spiegato così non vi attira? Beh, invece fidatevi, è splendido.

P: paragonandolo al nuovo ottenne, questo ci appare più torbato, più fumoso, più agrumato, meno dolce e meno marino. Si muove tutto su bombette di sapore, una diversa dall’altra: domina ancora un’austera nudità, con note molto evidenti di cenere, di fumo di torba, di legno bruciato (ne assaggiate spesso, di legno incandescente, no?). Fa capolino anche un lato medicinale, a dimostrare l’intensità della torba. C’è una forte dimensione di agrume dolce (limonata zuccherata?, ma anche frutta tropicale tipo la carambola, per i pochi sventurati che la conoscono), e anche di fieno caldo, di malto dolce.

F: lungo e persistente, inizia sulla dolcezza (ancora maltosa, erbacea) e poi perdura un senso di acqua di mare, di erba bruciata, di cenere che vi perseguiterà fino all’indomani, almeno.

Partiamo proseguendo il paragone con il nuovo 8 anni: rispetto a quello, è un po’ più complesso, è meno marino ma è anche meno ‘sexy’ (e già quello era ammiccante come una giovane educanda). Anche a questo dobbiamo riconoscere il merito di puntare sulla qualità del distillato – francamente indiscutibile – e sulla sua dolcezza naturale, priva di sverniciate di vaniglia. 91/100, avanti un altro.

Sottofondo musicale consigliato: Iron Maiden – Twilight zone / Wrathchild.

Highland Park 18 yo (1996/2015, Malts of Scotland per Spirit of Scotland, 56,8%)

Oggi torniamo indietro nel tempo, ma solo di qualche settimana: magicamente ci ritroviamo all’Eur, nelle sale dello Spirit of Scotland… Assaggiamo due tra gli imbottigliamenti ‘nuovi’ più apprezzati dal pubblico durante la kermesse romana, entrambi due Highland Park: per primato d’ospitalità, si inizia con il ‘padrone di casa’, ovvero un single cask (#MoS 15004) imbottigliato dall’imbottigliatore tedesco Malts of Scotland (di cui già avevamo conosciuto qualche chicca) per lo stesso festival romano. Sospettiamo ci sia lo zampino di Max Righi, dato che è lui che importa per l’Italia i prodotti di MoS e che, grazie al tempio Whisky&Co, ha messo più d’una radice nell’Urbe…

Schermata 2015-04-27 alle 14.48.05N: mostruosamente ben strutturato e con un’evoluzione che ne rivela a poco a poco la complessità. Il primo impatto è magnificamente costiero, con note di salamoia, di arbusti verdi, di erica; poi di torba vegetale, con un velo di fumo, crescente col tempo; e soprattutto rimane costante una nota incantevole di burro fresco. Pian piano, poi, si abbatte sui nostri sensi un’altrettanto poderosa ondata zuccherina, dal marzapane (e che marzapane!) alla confettura d’agrume, fino all’albicocca e al miele, il tutto integratissimo col resto e perfettamente bilanciato. Vaniglia, cioccolato bianco. Top. Ma a riannusarlo ancora c’è banana verde, poi una cosa tropicale, poi quasi zucchero filato…

P: boom! All’inizio l’attacco esplosivo – ma elegante al contempo – pare sancire la prevalenza di un carattere orgogliosamente orientato al distillato, con una torba dura, un’indomita brezza costiera e minerale, con anche un pit di cera; anzi, notiamo anche un fil di fumo in aumento. E invece San Gennaro Single Cask fa il miracolo, squadernando pure una batteria di bombette fruttate (c’è chi dice banana, chi cocco, di sicuro albicocca disidratata) A completare lo show, cereali, noce moscata e una spruzzata di pepe. E il limone? Sì, c’è pure lui; solo non si vedono i due liocorni.

F: ancora perfetta armonia tra le complesse identità: cera e torba e fumo (di candela) e marzapane e banana e cereali.

Aspettiamo di assaggiare il secondo HP per fare un commento vagamente strutturato: adesso vogliamo solo annusare il bicchiere vuoto, e nel dramma del rimpianto singhiozziamo un 93/100. Grande Spirit of Scotland, e grande Pino Perrone: quest’anno avete scelto un imbottigliamento con cui ‘vincere facile’!

Sottofondo musicale consigliato: The National – Graceless.