Caol Ila 12 yo (2005/2017, Kik Bar, 50,6%)

Abbiamo già parlato nelle scorse settimane del Kik Bar, istituzione del whisky bolognese, che ha celebrato il 50esimo anniversario con una serie di imbottigliamenti speciali, dedicati proprio alla città di Re Enzo. Questo Caol Ila di 12 anni, invecchiato in un barile ex-sherry refill, è imbottigliato ovviamente a gradazione piena, ed esibisce in etichetta forse il simbolo più celebre di Bologna: no, non la mortadella, ma le Due Torri. Con una lacrimuccia da parte di chi ha passato lì sotto anni universitari, procediamo.

N: molto piacevole e intenso, salsa bbq, tabasco chipotle, formaggio medio stagionato (toma media), senape dolce (ha una sua acidità, anche se al naso ovviamente non si dice. Poi una caponata di frutta (mela, datteri, sticky toffee pudding). Torba molto trattenuta, una torba alimentare, poco bruciato, poca cenere. Un whisky mangiaebevi.

P: delizioso. Si apre su inchiostro e liquirizia, poi caramello bruciato, la parte bruciacchiata della creme brulee, presente?, poi uvetta. Sale. Un senso che definiremmo come umami. Timo. Ancora un che di tabasco chipotle. Crostata di noce pecan. Mela cotta con cannella e chiodi di garofano.

F: erba riarsa, alghe secche, timo e menta. Salato, fa salivare. Dolcezza finita.

Decisamente buono: i torbati in refill sherry hanno spesso questo senso molto ‘gastronomico’, con sentori di cibo salato, di frutta bruciata, erbe aromatiche e frutti rossi… Pienamente promosso, complimenti a Bruno per l’ennesimo colpo! 88/100, valar dohaeris a tutti.

Sottofondo musicale consigliato: Go Dugong – Vidita (El Buho rmx).

Annunci

Laphroaig 16 yo (2001/2017, Kik Bar Bologna, 50,6%)

quando il gioco si fa duro, Benassi scende in campo!

Dopo il Mortlach della scorsa settimana, torniamo a Bologna per bere il quarto imbottigliamento celebrativo dei 50 anni dello storico Kik Bar dell’immenso Bruno Benassi: ma come, diranno i più attenti, non erano solo tre? Bravi!, ma vi sbagliate: ce n’è pure un quarto, ed è il più speciale, perché si può acquistare solo attraverso una donazione benefica di almeno 300€ alla BeNe Onlus (qui è spiegato tutto, ammesso che ne sia rimasto ancora). Si tratta di un Laphroaig di 16 anni, finito per un anno e mezzo in un barile ex-sherry e imbottigliato alla gradazione piena di 50,6%.

N: la prima nota a scendere in campo è quella balsamica, tipica di Laphroaig (aghi di pino): il profilo è certo medicinale, ma non estremo (ci viene in mente lo sciroppo della tosse, non la corsia d’ospedale, se riuscite a dare un senso a queste farneticazioni), poi troviamo poca gomma e una marinità appena accennata, forse coperta un po’ dal finish in sherry… La torba è sotto forma di sigaro, un fumo intenso, molto aggressivo – e però dolce, diciamo cigarillos aromatizzati alla vaniglia.

P: all’imbocco il fumo aumenta esponenzialmente, e ci fa venire in mente… un würstel affumicatissimo. Si, lo sappiamo, siate clementi. Alcol zero: praticamente un würstel analcolico. Lo sherry qui entra in tackle duro, vigoroso come Bruno all’Ardbeg Day del 2014: la vinosità è esplosiva, ma rimane decisamente sul lato dolce, ultradolce, come Garnier (ehm…). Gelée di frutti rossi, miele di castagno. Il fumo, che si citava in apertura, è Laphroaigissimo. Perfino una nota di cannella.

F: lungo, coerente, tornano la salinità e il mare, quasi scomparso al palato. Tutto si attenua un po’: ad libitum sfumando, dice Corrado.

L’impressione è di un whisky, soprattutto al palato, molto dolce, con l’influsso dell’anno e mezzo in sherry certo decisivo: non ci spingiamo a dire che si tratti di un Laphroaig ‘snaturato’, per carità, ma sicuramente della torbatura medicinale e spigolosa della distilleria resiste per lo più il fumo, mentre il resto rimane schiacciato sotto al peso del finish: resta un ottimo dram, che merita l’acquisto non solo per la buona causa cui contribuisce, e gli appiccichiamo sopra un 86/100.

Sottofondo musicale consigliato: Kenny Burrell – Chitlins con Carne.