Macallan Extravaganza – tre assaggi e Macallan ‘Estate’

Ieri pomeriggio due illustri rappresentanti del collettivo qui dedicato alla degustazione compulsiva di molti malti (Jacopo e Zucchetti) hanno partecipato alla presentazione del nuovo Macallan Estate – ci piace chiarire subito che non si tratta della prima bottiglia di una serie dedicata alle Quattro Stagioni di Vivaldi, deponete il sovranismo linguistico e sappiate che Estate in inglese si legge “Istèit” e vuol dire “tenuta”. L’imbottigliamento, dunque, è dedicato alla tenuta in cui sorge Macallan, e nella quale si coltiva anche dell’orzo, tutto destinato alla produzione di questa bottiglia.

Invitati da Velier, che non possiamo che ringraziare per l’ennesima puntata di “alcolismo pomeridiano in contesti esclusivi”, i nostri prodi bevitori hanno partecipato a una sobria degustazione di due drink e quattro malti. I cocktail, d’apertura e chiusura, preparati da Guglielmo Miriello e dallo staff del Ceresio 7, erano – onestamente – eccellenti: in particolar modo il primo, l’Easy Rider, ci ha veramente sedotto.

Nicola Riske, deliziosa Brand Ambassador di Macallan che già in passato avevamo avuto modo di conoscere e ascoltare, era presente a raccontarci alcuni imbottigliamenti della gamma ‘normale’, prima di passare al pezzo grosso, l’Estate (Istèit). Senza perdere altro tempo, ecco le nostre sobrie note di degustazione.

Macallan 12 yo ‘Double cask’ (2019, OB, 40%) 

N: molto dolce e pesante, carico. Caramello e sticky toffee pudding (siamo gente che ha visto il mondo, che credete). Caramelle alla banana. Marmellata di arancia, cioccolato all’arancia – l’agrume è molto presente. Nocciole, poi bordate di noce moscata, sentori chiari di lieviti e distillato (si sente tanto la gioventù, cosa che stupisce vista la presenza netta dei legni). P: oleoso, poi cannella, gianduia… Ancora caramello, ancora buccia d’arancia, poi pepe nero, pane tostato col cioccolato, un tocco di sale e (tremate) salsa di soia, infine legno e caffè. F: breve, dal dolciastro iniziale vira al secco con arancia, spezie e (tremate) angostura.

Nel complesso, ci è parso piuttosto sgraziato: al naso è enfatico, con gioventù esibita e dolcezza gonfiata. Il finale secco stona col resto, e la gradazione contribuisce a dargli una sensazione di anonimato un po’ deludente. Non male, intendiamoci, ma comunque non oltre gli 81/100.

Macallan 15 yo ‘Triple cask’ (2019, OB, 40%)
N: fin da subito molto più elegante, con nocciole a iosa, mandarini, cioccolato bianco (il Ritter sport bianco col ripieno di frutta), crosta di pane… Lo sherry è più evidente ma resta molto pulito ed equilibrato; c’è anche un evidente e assai piacevole tocco floreale di acqua di rose. Solo dopo un po’ emergono le spezie e il legno. Bellissimo naso. P: un po’ deludente rispetto al naso, complice senz’altro una gradazione depotenziante. È piuttosto dolce, con cioccolato al latte e ananas in prima fila. Buccia di pompelmo, a confermare il ruolo che l’agrume ha nella palette aromatica di Macallan, e pepe bianco – ma nel complesso un po’ piatto. Vira al secco verso il finale. F: dolce, frutta mista (ananas) e ancora nocciola.
Ha un carattere differente dagli altri, e certamente dimostra un’eleganza superiore e apprezzabile. Il bilanciamento fra spezie, dolcezza e frutta è buono, soprattutto al naso: peccato, infatti, per la sensazione di un palato un po’ monocorde. Ciononostante, 85/100.
Macallan 18 yo ‘Triple cask’ (2019, OB, 40%)
N: ancora frutta secca molto esibita: la sensazione è di oleosità, poi noci e mandorle. Non manca un lato più compiutamente fruttato, al limite di un tropicale trattenuto ed elegante, con mango, ananas caramellato; poi cannella, tabacco, cioccolato e fichi secchi a go go – lo sherry è con noi. P: molto tropicale anche qui, poi tanta mela. Seguono a ruota le spezie (peperoncino e zenzero, a sottolineare la piccantezza). Cacao amaro e ancora frutta secca (mandorle). Poi il toffee cremoso e una nota di caramello, che richiama il croccante. F: mandarino, toffee, noce moscata e pepe.
Non è affatto un cattivo whisky, è nel complesso molto incentrato sulla frutta secca e il toffee. In franca onestà, ci pare un peccato che manchi di quel quid in grado di farlo emergere sui suoi coetanei 18enni, sempre più agguerriti. Tra le altre cose, anche se nella valutazione noi non teniamo mai conto del prezzo, questa è una boccia da 240€… 84/100.
Macallan ‘Estate’ (2019, OB, 43%)
N: improvvisamente una nota di All Stars sudate, di gomma umida e chiusa: ma non temete, il whisky è stato servito un pelo troppo freddo e occorre aspettare. Pian piano si passa al fieno umido e infine, miracolosamente, si apre. Quando succede, esce subito l’arancia (olio essenziale), poi spezie varie fra cui la cannella e curiosamente… il curry. Poi note più attese, come la banana, il mango, l’arancia matura e un tocco evidente di ciliegia/amarena. P: si apre con liquirizia e caramello, seguite da scorza di arancia e cacao amaro. Curiosa nota distinta di curry, che anche al naso aveva fatto capolino. Mela cotogna cotta, prima di un retrogusto speziato fra zenzero, pepe rosa e noce moscata. F: cacao amaro e cioccolato fondente, cacao amaro, castagna dolce.
Ha bisogno di parecchio tempo per aprirsi, occorrono il giusto distacco e la giusta pazienza. Quando succede, però, si scopre un whisky molto equilibrato e piuttosto energico, con note agrumate spiccate e una coerente cremosità cioccolatosa. 87/100.

716 – Il Sereno, Torno (Como)

IMG-20191004-WA0023.jpg

Qualche giorno fa, colti da un’improvvisa voglia di benessere estremo, siamo andati a trovare l’amico di bevute Luca Perego, che tra i suoi mille pregi annovera anche quello di essere un barman appassionato di whisky. Bravo, bello e simpatico il caro Luca, ma la IMG-20191004-WA0032sua mossa killer ce l’aveva sfoderata solo qualche giorno prima come se niente fosse: “Ehi ragazzi, perché non venite a trovarmi all’hotel 5 stelle dove lavoro sul lago di Como?”. Che imperdonabile leggerezza, e infatti eccoci invadere con la leggiadria che ci contraddistingue quest’oasi di pace, cui è stata giustamente dato il nome Sereno, appoggiata sulle placide sponde del lago in località Torno. La quiete degli ambienti e l’armonia degli arredi interni si intonava alla perfezione con la tiepida giornata di fine estate che ci è toccata in sorte, tanto che per un attimo la nutrita bottigliera del cocktail bar è passata in secondo piano. Ma è stato solo un attimo di sbandamento, poi per fortuna ci siamo ripresi e abbiamo fatto due chiacchiere col giovanissimo barman Stefano Giacomelli, astro nascente della mixologia, già perfettamente a suo agio dietro a un imponente bancone di marmo, che probabilmente si potrebbe barattare con un monolocale, e soprattutto a suo agio nel tenere tra le mani una bottiglia come il Macallan N. 6 (vien via facile con circa 3500 euro). IMG_20191003_175011Sfortunatamente lo staff del Sereno non ha acconsentito alla nostra ragionevole richiesta di un drink preparato con questo Macallan in Lalique, ma non ci siamo persi d’animo, facendoci preparare un signature di casa Sereno. Il suo nome è 716, ovvero sia l’interno telefonico del bar dell’hotel. Colpo di genio!

Stefano, coi suoi 20 anni non ancora compiuti, ha fatto una scelta in apparenza provocatoria, che però a conti fatti ci ha impartito una lezione. Tra tutto il ben di Dio che aveva a disposizione ha pescato un Johnny Walker Red Label, utilizzandolo senza battere ciglio come ingrediente principale del cocktail. Sicuramente un azzardo, soprattutto per IMG-20191004-WA0026un drink on the rocks, dove facilmente un blended senza troppa struttura avrebbe potuto scomparire. Invece, grazie a una mano già esperta, ci siamo trovati ad aggiungere benessere a benessere, in una spirale di edonismo apparentemente senza via d’uscita. Ma abbeveriamoci direttamente dalle vive parole del bartender: “‘L’idea è quella di fare un bizzarro incrocio tra due drink molto famosi: da una parte aromatizzo le pareti del bicchiere con Angostura in stile Sazerac, andando a richiamare anche a livello gustolfattivo questo drink con la tintura di Artemisia; dall’altra però la lavorazione è simile a quella di un Manhattan, anche perché usiamo sia whisky che Angostura e lavoriamo nel mixing glass. L’Americano Cocchi dona un tocco amaricante, mentre lo sciroppo di zucchero effettivamente deve garantire quella struttura che altrimenti mancherebbe”.

Ingredienti

3 cl Johnny Walker Red Label

2 cl Elisir Gambrinus

1 cl Americano Cocchi

2 spoon tintura di Artemisia

1 spoon sciroppo di zucchero

(pareti del bicchiere bagnate con Angostura)

Ci piace quando tutti portano a casa qualcosa da un’esperienza. Noi abbiamo imparato che il lago di Como sa essere un luogo di rara amenità e che, quando si parla di miscelazione, la qualità di un whisky non è l’unico elemento da considerare per creare qualcosa di buono. Lo staff del Sereno invece ha imparato che ricevere due blogger alle tre del pomeriggio può non essere una buona idea per l’integrità della bottigliera, persino se i blogger hanno dimenticato a casa i sample (eh sì, oramai stiamo invecchiando anche noi e ogni tanto commettiamo errori imperdonabili). Un ringraziamento finale va ancora a Luca Perego, che per tutto il pomeriggio ha mescolato magistralmente sacro e profano, regalandoci le suggestioni di una location da panico inframezzate da racconti di gioventù sulle peggiori periferie milanesi. Ora vola Luca, e cerca di divertirti ancora di più a St Barth, l’isoletta caraibica dove con grande umiltà la proprietà del Sereno ha appena aperto un nuovo hotel.

IMG-20191004-WA0022

otivm milano kentucky punch

Kentucky Punch – Otivm, Milano

IMG-20190907-WA0028

Milano di questi tempi non smette di regalare sorprese. A ogni passo si inciampa in un nuovo cocktail bar e spuntano come funghi ristoranti dalle proposte gastronomiche più improbabili. Così, di ritorno dalle meritate vacanze agostane, ci siamo

69449060_2619476404737335_6030563142226935808_n

messi in cerca di qualcosa di insolito, ad alto tasso di irrealtà, dove far forgiare un drink concepito solo per le intelligenti pagine virtuali di whiskyfacile. Il risultato di queste voglie di fine estate è stato Otivm. Il nome è tutto un programma ed effettivamente il locale, a due passi dal Duomo, è un invito ad abbandonarsi a vizi e mollezze di ogni tipo, da una cucina di ricerca con espliciti rimandi nippo-peruviani (sì, siamo capitati nella serata di presentazione del nuovo menù e con grande umiltà abbiamo “interiorizzato” le 400 portate in assaggio) fino alla rutilante proposta artistica che rende la sala una sorta di improbabile parco divertimenti. Tra i tavoli si sono alternati ballerini, cantanti, equilibristi e maghi, per il divertito stupore di chi, come noi, stava semplicemente ingurgitando bollicine e meditando sulle incerte sorti del sistema-Paese. Troppa grazia, davvero. E poi, quasi dimenticavamo, al centro del locale ecco il cocktail bar, che da Otivm è animato da Giuseppe Russo, giovane barman di origini napoletane, e dalla sua recente passione per il bourbon.

IMG-20190907-WA0021

E così Giuseppe ha tirato fuori dal cappello questo Kentucky Punch, presentandolo come un drink “molto fresco e leggero”, nonostante la scelta del bourbon sia caduta su un Wild Turkey 101 (50,5%), bello robusto e con una certa personalità. Le botti utilizzate oscillano dai 6 agli 8 anni di maturazione: “La spiccata dolcezza di Wild Turkey 101 viene equilibrata grazie all’aggiunta di Porto rosso e spremuta di pompelmo, che maschera molto bene la componente alcolica. Ho poi voluto rimandare al mondo dei punch perché in questo drink aggiungo uno spoon di zucchero all’arancia homemade, che porta nel bicchiere sapori simili a quelli di un punch all’arancia che tutti abbiamo bevuto almeno una volta nella vita“.

Dal canto nostro non possiamo che concordare con la descrizione del barman, anche perchè nel corso della serata abbiamo verificato più e più volte la verità delle sue parole, che se ne stava ben nascosta proprio sul fondo del bicchiere. Ecco la ricetta per gli arditi che avranno voglia di replicare il drink e creare da sè un momento di totale otivm:

Ingredienti

4 cl Wild Turkey 101

2 cl spremuta di pompelmo

0,5 cl Porto rosso

1 spoon zucchero all’arancia homemade

otivm milano kentucky punch

“Whisky Revolution Festival” – Castelfranco Veneto, 22-24.09.2018

Il BLEND WhiskyBar di Castelfranco Veneto è stata una delle novità più gradite dell’anno ‘scolastico’ appena trascorso. Dopo l’inaugurazione dello scorso settembre, i ragazzi si sono affermati rapidamente come uno dei punti di riferimento italiani per la miscelazione a base whisky: alla base ci sono concetti molto forti e la chiara volontà di svecchiare l’immagine del single malt, aggiornandola alle esigenze comunicative contemporanee ma senza perdere accuratezza e serietà in fase di divulgazione culturale del prodotto. In un certo senso, sono i principi che ci hanno portato, anni fa, a creare questo blog, e dunque non possiamo che sentirci in profonda sintonia con loro…

Siamo dunque molto felici di poter annunciare il Whisky Revolution Festival, una fiera dedicata – ovviamente – al whisky, organizzata a Castelfranco proprio dagli amici del BLEND tra il 22 e il 24 settembre, presso l’Hotel Fior. Si tratta di una tipologia di fiera del tutto nuova, diversa sia dallo storico Milano Whisky Festival che dalla fiera romana Spirit of Scotland / Roma WF: sarà all’aperto, nell’enorme giardino di un albergo, ci saranno le classiche isole con degustazione dei vari espositori, ci sarà un’area didattica affidata alle sapienti mani e menti di WhiskyClub Italia; poi uno spazio-museo gestito da Max Righi, un’area ‘esclusiva’ con bottiglie di fascia alta in degustazione, abbinamenti con cibo, una zona del whisky bar con miscelazione, after party in loco, musica dal vivo, un’area lounge e un ristorante all’aperto, masterclass prestigiose, dibattiti… Il tutto all’insegna del benessere più sfrenato. Conoscendo il modo in cui lavorano i ragazzi e l’entusiasmo con cui tanti espositori hanno aderito immediatamente, sappiamo che sarà qualcosa di eccezionale.

Anche i blogger italiani saranno protagonisti: insieme agli amici Giuseppe, Federico, Sebastiano e Valentina organizzeremo degustazioni ‘guidate’ e cercheremo di coinvolgere il pubblico con attività “socialmente utili”. Noi avremo anche il piacere di tenere una masterclass davvero eccezionale: una verticale con tutti e 7 le edizioni del Kilchoman 100% Islay e, in anteprima italiana (anzi: mondiale, galattica, universale!), anche con l’ottava release! Un’occasione davvero unica per assaggiare l’espressione più autentica della distilleria più artigianale di Islay.

Naturalmente vi terremo aggiornati sulle evoluzioni, intanto ovviamente vi raccomandiamo di dare un’occhiata al sito, appena messo online, e di seguire il BLEND e il WRF sui vari canali social (a partire dalle loro pagine facebook, qui e qui). Ci vediamo là!