Hazelburn 13 yo ‘Oloroso cask matured’ (2017, OB, 47,1%)

Schermata 2017-09-01 alle 10.56.25

Hazelburn, la distilleria che non c’è più

Hazelburn è il nome di una distilleria di Campbeltown rimasta aperta ed attiva per un centinaio d’anni, tra il 1825 e il 1925, quando fu chiusa dalla proprietà e col tempo smantellata e trasformata in un centro amministrativo (qui di fianco, una nostra foto della fu Hazelburn, da veri reporter d’assalto quali siamo). Springbank, nella sua operazione di valorizzazione del territorio, ha scelto proprio Hazelburn come nome per la sua terza ‘versione’, quella a tripla distillazione e senza torba, prodotta a partire dal 1997 e che occupa il 10% della produzione complessiva di Springbank. Oggi assaggiamo l’ultimo Hazelburn messo sul mercato, in primavera, un’edizione limitata di 12000 bottiglie a sola maturazione in barili ex-Oloroso. Non colorato, non filtrato a freddo e ovviamente a grado pieno (anche se piuttosto basso, bisogna dire).

hazelburn-_springbank_-13-year-old-olorosoN: già dal colore dorato antico si capiva che non è uno sherry monster, e il primo approccio olfattivo lo conferma, e però mostra delle caratteristiche inequivocabili: tanta uvetta e mela rossa, zucchero caramellato, torta alla marmellata di fragola, bella burrosa; créme caramel. Assieme a chiare zaffate di malto – sempre discreto, ma riconoscibile negli Hazelburn assaggiati finora – giunge inaspettata una lieve suggestione ‘sporca’, tra il minerale, il legno umido e un po’ di soffrittino invitante.

P: un bel corpo avvolgente, con una discreta pienezza. Prosegue sulla strada maestra tracciata dal naso, tra una dolcezza burrosa e fruttata e ancora una lieve sfumatura minerale/sulfurea. Riconosciamo note di una marmellata di fragole quasi bruciacchiata, ancora una torta burrosa; zucchero di canna e uvetta, ancora mele rosse (cotte, però). Poi di nuovo una sfumatura tostata, sporchina, qui più vicina al cerino. Una spruzzata di caffè.

F: abbastanza lungo e persistente, tutto giocato su burro, sull’uvetta, su una frutta secca nocciolosa.

Un naso facile, ordinato e gradevole, di una certa personalità pure, con un distillato maltoso ben accolto da un legno certo discreto e non sovrastante – certamente buono, per carità, forse un po’ meno Hazelburn rispetto all’idea, leggermente più ‘eterea’ e più succosa, che ne abbiamo noi. Ma questa vicenda, che accade solo nella nostra testa, non ci impedisce di riconoscere la qualità: 85/100.

Sottofondo musicale consigliato: The Roots – You Got Me.

Annunci

Littlemill 24 yo (1992/2016, Cadenhead’s, 52,2%)

Littlemill, nostra amata, perché mai ti hanno chiuso? Perché quei malvagi della Loch Lomond ti hanno relegato a fantasma, a spettro, in quel lontano 1992 di sicuro tristemente uggioso nelle valli di Scozia? Mentre ci cospargiamo il capo di cenere (manco fosse colpa nostra!), un po’ ci consoliamo pensando che dopo la chiusura della distilleria sono stati rilasciati un buon numero di imbottigliamenti, perlopiù indipendenti e a prezzi tutto sommato accessibili, se si conta che stiamo parlando di una distilleria chiusa e strachiusa, anzi proprio demolita. Considerando anche l’alta qualità media dei single casks in circolazione, non è detto che Littlemill non possa seguire presto sul mercato secondario le orme di Brora e Port Ellen, e veder così decollare le quotazioni assieme a quelle di Rosebank, altra grande defunta delle Lowlands. Intanto, noi continuiamo placidi il tour degli imbottigliatori indipendenti, passando niente meno che a Cadenhead’s, l’indie più antico di Scozia e con le radici ancora saldamente piantate nella penisola del Kintyre, a Campbeltown.

Littlemill-24-y.o.-1992-2016-Cadenheads-e1483440664647N: che spettacolo straordinario! Un affresco complesso, pieno di sfumature, che cambia a ogni snasata… Il primo impatto, devastante!, è su una frutta esuberante: ci sono cenni tropicali, forse maracuja o litchis o mango, poi frutta gialla (pesche sciroppate e mele). Quel che colpisce è che è una frutta venata di spunti minerali, grassi, resinosi: insomma, Littlemill at its best… C’è poi un senso, per nulla greve, di legno lucidato, di cera per legno – ci ricorda proprio la cera d’api. Ha una sua dimensione vegetale, come di resina, di sottobosco. Come se non bastasse, non risparmia certo bordate briosciose, di pasticceria burrosa, perfino di marzapane. Che bontà…

P: mamma mia, compatto come pochi altri, per cui scindere diventa un esercizio retorico che ci saprete perdonare. Esplosioni tropicali accolgono l’impatto palatale, ed è una carneficina di mango; il lato fruttato è ancora intensissimo, sempre di frutta gialla, con in più una dolce spremuta d’arancia e un paio di fette di pompelmo rosa (che nel suo racchiudere assieme dolce, amaro ed acido ci pare forse la suggestione che meglio incasella questo whisky). Poi, la degna austerità delle Lowlands, con note erbacee, vegetali, ancora un burro fresco infinito.

F: lungo, ricco, grasso, tutto giocato su un’infinita endurance tropicale.

Non è un whisky facilissimo, diciamo, ci piace pensare che sia un whisky da intenditori. Ti offre quanto di meglio il whisky delle Lowlands possa offrire, secondo il nostro inutile, modesto parere: leccornie fruttate e sobrie suggestioni di freschezza vegetale. Qui trovate il parere di Ibr, che non fa mistero di apprezzare il nettare. Lo premieremo con 92/100 e lunga vita alla defunta Littlemill!

Sottofondo musicale consigliato: Apparat You don’t know me

Springbank 21 yo ‘The First Editions’ (1995/2016, Edition Spirits, 49,9%)

Sabato scorso c’è stato il Milano Whisky Day, e grazie alla disponibilità di Andrea e Giuseppe abbiamo avuto il piacere di lavorare dietro ai banchetti e di tenere uno zoppicante seminario sulla storia di Campbeltown. Proprio da Campbeltown peschiamo il whisky di oggi: si tratta di un single cask di Springbank, 21 anni, selezionato da Edition Spirits per la serie First Edition – ringraziamo Fabio Ermoli per il campione e ci tuffiamo all’assaggio.

6187-8931springbank1995-201621yearoldthefirsteditionsN: i quasi 50% sono davvero marginali, se non nel suggerire una grande compattezza. In primo piano, tutte le ragioni per cui Springbank è unica: si respira la costa, marina, minerale, con suggestioni di ostriche, di alghe a bordo spiaggia; una leggera cera, a coprire un senso di sale e mare davvero favoloso. C’è la torba, una torba speziata e pepata, con anche un filo di fumo (sembra di passare affianco al kiln, ma senza entrarci). Poi c’è la frutta, molto calda: e anche l’agrume è zuccherino (mandarino succoso, ma pure marmellata d’arancia, e buccia d’agrume); miele; fiocchi di cereale. Tutte le componenti fin qui elencate continuano a mutare i rapporti di forza, talvolta con più enfasi sulla torba, talaltra sul salmastro, poi sulla frutta… Eccellente.

P: splendido; compatto e masticabile, con una grande intensità. L’impatto è sull’austerità, ovvero sulla cera innanzitutto (quanta cera c’è!), poi sul fumo di torba lieve, sul pepe, sull’acqua di mare senza essere ‘salato’; ostriche, e foglia d’ostrica, per gli snob che la conoscono. Poi la dolcezza, fruttata e zuccherina: ancora agrumi succosi, poi miele, un velo di crema pasticciera. Viene in mente il pasticcino alla frutta (quello agli agrumi, a dirla tutta), ma senza la base di pastafrolla. A ogni sorso è diverso, dopo un po’ arriva il cereale, in purezza (o meglio: c’è un senso di pudding, di corn flake…).

F: lungo e persistente, continuamente cangiante: cereali, fumo, mare, frutta (a tratti tropicale, cocco?), cera, agrumi… Splendido, il fumo minerale e costiero dura all’infinito.

92/100, di una bevibilità devastante e di grande complessità. Non è esplosivo, ma si gioca tutte le note tipiche della distilleria tra una sfumatura e l’altra, senza schiaffeggiare ma carezzandoti con dolcezza: ventun anni di barile non hanno levigato però le asperità minerali e costiere, che inseguono la dolcezza come Murray e Smith si inseguono a vicenda nell’assolo di Hallowed be thy name degli Iron Maiden. Similitudine del cazzo, lo sappiamo.

Sottofondo musicale consigliato: Iron Maiden – Hallowed be thy name.

Springbank 12 yo ‘Cask Strength’ #8 (2014, OB, 54,3%)

Questa mattina, mentre leggete le nostre irresistibili parole, noi siamo a Campbeltown e stiamo annusando l’aria costiera della città, i profumi di orzo del malting floor di Springbank, il penetrante odore di fumo di torba che sale dal kiln, e tra poco ci mangeremo il solito, pessimo fish and chips. Dura la vita, eh? Per darvi l’errata illusione di essere con noi, invece che in ufficio, oggi recensiamo l’ottavo batch dello Springbank 12 anni Cask Strength, a grado pieno, a prevalenza di invecchiamento in sherry; è una release del 2014, tenete conto che da quest’anno l’estetica delle etichette è cambiata.

N: molto potente e intenso, parte subito con un forte lato di cuoio, al limite del sulfureo; poi ci sono tutte le note più ‘sporche’ di Springbank, e dunque cantina umida, perfino un poco di muffa; un qualcosa di pirico, che ci ricorda i petardini o i fiammiferi, la polvere da sparo; e come tralasciare la spiccata nota salmastra? Poi, tanto sherry: frutta rossa succosa, ciliegia, more…

P: l’attacco è sulla liquirizia salata, poi cresce in intensità il lato marino, salato, costiero, con note che ricordano proprio le alghe, il pesce. Cioccolato salato, ancora radice di liquirizia. Poi torna la muffa, cresce il legno bagnato (avete mai camminato in montagna sotto la pioggia?). Si chiude ancora con la dolcezza, fatta ancora di frutta rossa, ciliegie, pesche sciroppate.

F: lungo, anzi sterminato; fumo, frutta rossa, sale, spezie…

Eccellente, molto carico e ‘sparato’ a mille in tutto e per tutto: non è un whisky per i deboli di cuore, data l’intensità devastante e la ‘difficoltà’ complessiva del profilo, sporco e rognoso come solo i malti di Campbeltown sanno essere. 88/100, scusate, torniamo in distilleria.

Sottofondo musicale consigliato: Pennywise – Bro Hymn.

Springbank 11 yo ‘Local Barley’ (2017, OB, 53,1%)

Dopo aver assaggiato il Local Barley di Springbank dell’anno scorso, il livello di impazienza per l’attesa dell’edizione 2017 era francamente ben oltre i livelli di guardia. Grazie a Claudio Riva, che ha deciso di aprire e condividere la sua bottiglia, il Clan di Como di Whisky Club Italia ha organizzato una serata a tema Springbank in quel di Cantù, nella serie di degustazioni monografiche “Distillerie Svelate” e ne ha approfittato per mettere sul tavolo proprio il Local Barley 2017 – noi non potevamo mancare, anche perché il resto del parterre era di tutto rispetto (Hazelburn 10, Springbank 18 e 12 Cask Strength, Longrow 18!). Il “Local Barley” è un 11 anni, questa volta prodotto solo con orzo Bere (la varietà d’orzo più antica da noi conosciuta, ed oggi poco usata dall’industria del whisky perché meno efficiente a livello quantitativo) coltivato a pochi chilometri dalla distilleria, nella Amos Farm di Campbeltown – naturalmente l’orzo è maltato in distilleria, dato che come sapete Springbank è l’unica a completare quest’operazione nella sua interezza in casa, ed è maturato in soli barili ex-bourbon.

N: è a grado pieno, ma l’impatto dell’alcol è praticamente inesistente. L’orzo, chiave del concept dietro questo whisky, è ovviamente in primo piano: si sente tanto il cereale, note di pane appena sfornato; ma anche di biscotti ai cereali, di campi di fieno al sole… Ha perfino note di banana verde; limonoso e agrumato (anche cose di arancia). Foglia di limone, e in generale evidenti note erbacee. La torba si sente nel lato costiero e minerale: salamoia e ciottoli, fantastico. Col tempo cresce un lato fruttato e zuccherino che ci ricorda – per farla breve – un delicato sentore di marshmellow.

P: decisamente più ‘dolce’ come primo impatto, mostra un corpo bello pieno e dà rassicuranti sensazioni di calore (?). Di nuovo, la dolcezza non è della botte ma del distillato (e dunque non vaniglia ma pera dolce, di nuovo tanto cereale – fiocchi Kellogs). Frutta secca lieve, nocciole e mandorle. Bello acidino, con ancora limonata zuccherata in evidenza. Pasta di cacao (bella ‘grassa’), perfino delle note di cera. Si sente il fumo, la torba è più carica e più evidente.

F: cioccolato fondente, cera e tanto limone. Ancora labbra salate.

Veramente buono, buonissimo anzi: il cereale è ovviamente il grande protagonista, ma supportato da tutta l’unicità dello stile inconfondibile di Springbank. Quel che affascina è come sempre la complessità del distillato, che regala sfumature e sapori che coprono praticamente l’intero arco parlamentare degli aromi: dal minerale al fruttato al costiero all’erbaceo, dalla frutta secca al ciottolo di fiume, dal cioccolato al pane sfornato al bananoso. Siccome reason is in comparison, rispetto al Local Barley 2016 (più vecchio di cinque anni e con una quota di botti ex-sherry) questo ci pare solo un gradino sotto per una dolcezza più evidente, ma che questo non infici l’eccellenza di quanto abbiamo davanti: 89/100, prendetene pure una bottiglia, se ancora la trovate… Grazie a Claudio e Serenella per l’ospitalità e la bellissima serata, e complimenti ad Andrea per la location Vini e Più: una splendida realtà nel cuore della Brianza, bravo!

Sottofondo musicale consigliato: Ulver – Solitude.

Highland Park 30 yo (1986/2016, Cadenhead’s, 46,5%)

Ancora reduci dai bagordi di un capodanno elegantissimo e di rara sobrietà, in cui abbiamo perfezionato drink visionari come il “Mandela” e il “Mulo di Dufftown” (è certo opportuno stendere il più classico dei pietosi veli), cerchiamo di rimetterci diritti grazie agli sforzi congiunti di Orcadi e Campbeltown: con la bocca ancora impastata assaggiamo un Highland Park di trent’anni (dal 1986 al 2016 in due botti) della serie Small Batch di Cadenhead’s, storico imbottigliatore indipendente da qualche anno guidato da Mark Watt. Solo 176 bottiglie.

schermata-2017-01-02-alle-11-24-52N: a sorpresa, ancora molta torba anche dopo trent’anni, anche senza note di fumo: minerale, erica, miele, elegantissimo. Terra, fiori (fiori dolcini, se ha senso per qualcuno). Biscotti ai cereali e miele – davvero un sacco di cereale, di malto! Va pian piano aprendosi sulla frutta, e poi ancora su un cereale al limite del farmy (…) senza mai perdere in educazione (sempre più fiori). Diventa, ogni minuto che passa, sempre più elegante e persuasivo… Lievissima suggestione di vaniglia e mandorle.

P: alcol inesistente, corpo intenso e masticabile. Mostra subito una cera ‘sporca’ ma riesce ad essere delicatissimo allo stesso momento: fantastico. Attacca austero e poi si apre sul fruttato, mantenendo però una mineralità costante e magnifica. Panna montata? Ha una sua paradossale cremosità (chantilly?), sempre educatissimo mai ruffiano. Ancora miele, superfloreale. “Top top”, come direbbero a Nuova Delhi. Giano bifronte, abbina con inusitato equilibrio una frutta delicata e una ‘sporcizia’ elegantissima.

F: attacca sul cremoso e fruttato, attraverso il fiore galoppa verso una torba minerale lunghissima. E quanto malto pulito e incantevole…

Iniziamo l’anno come meglio non potremmo: Highland Park ci ha abituato a un carattere unico, in grado di mantenere in equilibrio perfetto un lato più selvaggio e rude ad uno più composto e ‘femminile’. Questo imbottigliamento di 30 anni, selezionato da un imbottigliatore  che in questi anni sta facendo sfracelli, non tradisce lo stile di casa ed anzi si erge a suo eccelso rappresentante: 92/100, e il 2017 inizia bene, dai, all’insegna di intensità e complessità. Alla grande.

Sottofondo musicale consigliato: Sixto Rodriguez – Sugar Man.

Springbank 10 yo (2016, OB, 46%)

15036306_1310117275673261_4348286388354192821_nIl Milano Whisky Festival ha premiato Springbank come distilleria dell’anno, in virtù del carattere artigianale tipico di un’azienda che da decenni tira dritto per la sua strada, senza compromessi, continuando a maltare l’orzo in casa (il 100%!), a usare tempi di fermentazione molto lunghi, ad alimentare gli alambicchi a fuoco diretto (ok, solo uno dei tre, ma insomma), a tenere le botti a maturare nelle warehouses in sede. Oggi assaggiamo la versione ‘base’ di Springbank, il 10 anni: è una miscela di botti ex-bourbon ed ex-sherry, e – lo ricordiamo ai più distratti – è leggermente torbato, circa 15 ppm. La distillazione di Springbank è unica in Scozia, dato che è di due volte e mezzo: cosa questo significhi in concreto, lo lasciamo al bellissimo schemino (pardon, all’infografica) che campeggia nella still room e che replichiamo qui sotto.

springbank-10-single-malt-scotch-whiskyN: due anime che si incontrano e si innamorano. Una ha le sembianze dell’aria di mare, della costa inspirata a pieni polmoni, un odore di terra umida e di torba minerale senza fumo; l’altra, vestita d’arancio, unisce gli spigoli degli agrumi (mandarino e arancia) ai piaceri viziosi di pesche e amaretti. Anche un bell’aroma di cereali, diremmo corn flakes. Evolve nel bicchiere, ondeggiando tra il rarefatto e il lussureggiante.

P: grande intensità e che bel corpo. Come al naso riesce a essere sia affilato sia riccamente fruttato. Già dalla prime battute espode una sensazione di pesche e albicocche in pezzi, mature e invitanti. Una spruzzata di arancia e tanto malto di carattere. Accanto, a bilanciare magistralmente, non si può non notare una sensazione di terra salata, di costa. Il distillato prende decisamente e gloriosamente il sopravvento sulle botti.

F: rimane a lungo questa dolcezza fruttata molto piena innervata ancora di residui salini.

yd756q8A rileggere la recensione può forse sembrare relativamente semplice, ma la differenza la fa questa apparentemente improbabile miscela di sapori, questo connubio unico tra il dolce e il salato che noi umani chiamiamo semplicemente Springbank: 90/100. Serge parla di eccezionale spirit driven whisky, e senz’altro – anche se riconosciamo note terziarie – le peculiarità del distillato di casa non sono affatto mascherate, piuttosto restano in primo piano e vengono esaltate dall’interazione con le botti. Quel che cerchiamo nel whisky è la complessità, gli spigoli che irruvidiscono i profili rotondi, a noi piacciono i contrasti, gli ossimori e gli iperbati: qui troviamo tutto ciò, e ne gioiamo. Nota finale: al festival questo whisky è stato molto apprezzato da quanti l’hanno assaggiato, e costando circa 40€ il rapporto qualità prezzo ci pare davvero tra i più competitivi sul mercato.

Sottofondo musicale consigliato: King Crimson – Starless

Kilkerran 12 yo (2016, OB, 46%)

img_9364

alambicchi di Glengyle

Finalmente, è giunta l’ora: l’abbiamo sbevazzato fugacemente prima di partire, l’abbiamo ribevuto a Campbeltown, l’abbiamo appena riassaggiato con calma e con tutti i crismi della degustazione: Kilkerran 12 anni, il primo imbottigliamento stabile nel core range di casa Glengyle dopo la gloriosa serie Work in progress. 70% botti ex-bourbon e 30% ex-sherry, si tratta del primo grande traguardo raggiunto dalla minuscola distilleria satellite di Springbank, aperta nel 2004 con la supervisione assoluta del leggendario Frank McHardy. L’etichetta, senza fronzoli come piace lassù, è finalmente bianca, senza quelle tonalità pastello che in passato qualche ironia hanno sollevato nei maliziosi. Ritroveremo quelle note ‘sporche’, costiere e minerali che tanta gioia ci avevano dato? Oppure il primo traguardo coincide con caratteri più ruffiani? Ai posteri l’ardua sentenza, anzi, che diciamo: siamo qui per questo, a noi l’ardua sentenza!

klkob-12yoN: nasone! Fin dai primi attimi si capisce che gli aromi tenderanno ad avvicendarsi spesso e volentieri. Troviamo sicuramente le screziature della casa: dalla salamoia al bacon, da un’aria di mare davvero potente a una leggera cenere, con anche una nota sulfurea di fiammifero. Torbato e minerale (pare sia a 15 ppm), e quindi ricorda la terra bagnata. Olii essenziali di limone ed erbaceo (Serge parla di timo, ci sta). Orgasmico. E aggiungeteci pure delle zaffatine convinte ma non eccessive di pasta di mandorle, vaniglia, pesche e un che di uvetta.

P: masticabile e oleoso, di certo non difetta in intensità di sapori. Di nuovo spicca tutto ciò che graffia: sale, mare, burro e una nota accennata di zolfo. Che torba avvolgente, ragazzi. Sa poi molto di cereali, di corn flakes con qualche goccia di miele. Zenzero. La dolcezza comunque sta sempre un gradino sotto, a far da sottofondo a un malto di sfaccettata eleganza: tanti spigoli, tanto onore.

F: malto pulito e un po’ di frutta rossa essiccata. Un senso di cenere, di ritorno alla terra. Perchè cenere siamo…

Eravamo ansiosi di recensire questo imbottigliamento, almeno da quando quattro anni fa abbiamo assaggiato il nostro primo Work in Progress: questo 12 anni rappresenta esattamente la nostra tipologia di daily dram ideale, ha una complessità del tutto inconsueta per gli imbottigliamenti di questa fascia di prezzo (costa meno di 50€!) e tiene in primissimo piano tutti gli spigoli che caratterizzano i malti di Cambeltown. La dimostrazione che l’artigianalità è una strada che paga? Senz’altro, la nostra valutazione sarà direttamente proporzionale alla nostra goduria: 90/100.

Sottofondo musicale consigliato: Feeder – Eskimo.

L’alchimia del whisky, il viaggio – un resoconto troppo lungo (pt. 1)

img_9570

botti ad Ardbeg

Lo scorso fine settimana uno di noi (Jacopo) ha avuto il piacere di partecipare ad un viaggio che avevamo annunciato su queste pagine nella scorsa primavera: organizzata da Marco Maltagliati e Marco Russo, questa ‘vacanza-studio’ aveva lo scopo preciso di andare a scoprire alcune delle zone più affascinanti della Scozia per visitare delle realtà particolari nel mondo del whisky, realtà artigianali, decise ad operare ‘in direzione ostinata e contraria’ rispetto ai big players dell’industria dello scotch. Nelle distillerie di Springbank e Kilchoman, inoltre, Marco Russo ha potuto miscelare alcuni whisky di casa nello stile di ricerca del 1930, creando dei drink ad hoc per esaltare le peculiarità dei malti: ed è stata una prima volta assoluta per Islay. In questi giorni pubblicheremo un po’ di foto sulla nostra pagina facebook, per adesso accontentatevi di qualche highlight. Ma andiamo con ordine.

[NdR: siccome l’autore è un grafomane, abbiamo deciso di spezzare il reportage in due parti, una prima di cronaca, questa, ed una seconda di considerazioni. Abbiate pazienza.]

La cronaca

img_9272

Springbank, Campbeltown

Partiti giovedì mattina, arriviamo a Campbeltown nel tardo pomeriggio, appena in tempo per visitare la Kintyre Smokehouse (date un’occhiata al sito: c’è anche una pecora che scoreggia!), in cui abbiamo assistito a un vero e proprio show di sfilettatura del salmone e assaggiato prodotti locali, tra cui spiccavano delle cozze affumicate veramente commoventi. Sulla serata è forse opportuno stendere un velo pietoso, basti sapere che le milf locali hanno trovato un pane fin troppo duro per i loro (pochi) denti e che un pub di Campbeltown ha fatturato più quella sera che nell’intero mese di settembre – ma forse il velo pietoso andava steso meglio, chissà. Parlando di cose serie, il venerdì è stato straordinario: al mattino un accuratissimo tour di Springbank e Glengyle ha mostrato perfettamente quale sia lo stile di casa, assolutamente incentrato sul rispetto delle tradizioni (la distilleria è di

img_9284

proprietà della stessa famiglia che l’ha fondata nel 1828). Tutto il processo di produzione ha sede in loco, dal maltaggio all’imbottigliamento (ed è una cosa che accade solo qui e a Kilchoman); la parola d’ordine è “qualità!”, e se questo vuol dire mantenere tempi lunghi e ‘antieconomici’ (a ogni livello: dalla scelta dell’orzo ai tempi di fermentazione, dal fuoco diretto sotto ad un alambicco fino all’invecchiamento solo in warehouse interne alla distilleria, per arrivare – ovviamente – alla risoluta negazione di ogni piano di espansione per rincorrere maggiori volumi), beh, chi se ne frega. “Abbiamo sempre fatto il nostro whisky in un certo modo e non cambieremo certo adesso”, ci è stato detto. Ovviamente non è paragonabile ad essere lì presenti, ma vi consigliamo questa serie di video del buon Ralfy: replicano il tour e rendono bene l’idea del clima che si respira e dello spirito che anima la distilleria. Il pomeriggio è stato diviso in

img_9355

due: innanzitutto Marco Russo, all’interno di una warehouse di Kilkerran, ha utilizzato alcuni imbottigliamenti per creare dei cocktail tesi ad esaltare il single malt, tenendo di fatto un’accurata masterclass di miscelazione. L’accoglienza è stata ottima anche da parte di Mark Watt e dello staff della distilleria, pure se non abituatissimi a certe bevute: lo stile è ovviamente quello della “miscelazione di ricerca” del 1930, e tutti i drink avevano l’obiettivo chiaro di porre lo scotch in primo piano, con tutti i suoi spigoli, e non di appiattirlo o nasconderlo – memorabile resta un cocktail con Springbank 15, un distillato di bourbon (Maker’s Mark ri-distillato, circa 80%), acqua di mare e granatina. Abbiamo anche assaggiato l’ottimo nuovo Kilkerran 12 anni, di

img_9379

il 1930 a Kilkerran

cui pubblicheremo qui una recensione a breve, ma – vi stupirà – a quest’altezza, dopo quattro whisky e quattro drink, non avevamo ancora iniziato a “fare sul serio”… Mark Watt ci ha portato in una warehouse di Cadenhead’s (una warehouse vera, che puzza di muffa, non quelle ‘ripulite’ e pettinate) e ci ha versato, direttamente dalla botte, queste robette qui: Glentauchers 1989 in bourbon, Mortlach 1987 in bourbon, Caperdonich 1996 finito in Oloroso, Bruichladdich 1992 in bourbon, Springbank 1997 in sherry e Caol Ila 1991 in bourbon. Eh, dai, mica male. Ah, se non erro c’era anche il prossimo Longrow Peated, ancora a grado pieno…

schermata-2016-10-18-alle-12-25-04

Port Ellen Maltings, con pixel

A questo punto, non si capisce bene come e con quali forze, ci ritroviamo il giorno dopo a Port Ellen, scortati dai delfini verso l’attracco su Islay. Per me era la prima volta sull’isola, e in poche ore mi sono reso conto del perché quasi tutti quelli che ci vanno ci lasciano il cuore: i paesaggi sono incantevoli, sia sotto la pioggia che illuminati dalla splendida luce di taglio dei cieli del Nord, la fauna è straordinaria – non so voi, ma io ragazzo di città fatico ad abituarmi a vedere foche, fagiani, cervi, lontre, pecore e alpaca in misura infinitamente superiore a cani e gatti… Giusto il tempo di piantare la bandierina italiana nei campi adiacenti a Laphroaig dopo la colazione con il 10 anni Cask Strength batch #8, dopo un rapido pranzo ad Ardbeg (assaggiando giusto una sciocchezza,

img_0123

Kilchoman, con sole

il nuovo 21 anni) corriamo a Kilchoman, la distilleria più piccola dell’isola e l’unica vera farm distillery di Scozia. Piccola, piccolissima, produce 120000 litri l’anno (Caol Ila ne fa sei milioni, per capirci) e fa proprio tutto in casa: coltiva perfino parte del proprio orzo nella Rockside Farm, lì affianco, e la quota dell’orzo locale che viene distillato finisce tutto nell’imbottigliamento 100% Islay – e peraltro attenzione, il nuovo batch è finalmente e veramente convincente (il malto viene torbato in casa attorno ai 20 ppm, contro i circa 40/50 della quota che viene acquistata dai Port Ellen Maltings). Anche in questo caso, consigliamo ai poveri che non erano con noi di dare un’occhiata a questa bella intervista del 2006 di Charles MacLean a Anthony Wills che chiarisce bene quali fossero, fin dall’inizio, gli obiettivi della distilleria (e poi sì, Ralfy va pure lì) – obiettivi raggiunti pienamente, a giudicare dai lavori di ampliamento attualmente in atto. In una cornice forse ancor più emozionante, ovvero la sala del malting floor di Kilchoman, Marco ha tenuto la seconda parte della masterclass del giorno prima,

img_0133

Ops, scusate

creando drink a base Kilcho e conquistando tutti gli scozzesi presenti – a dimostrazione di come certe diffidenze siano più figlie di sovrastrutture che ci poniamo noi appassionati ‘esterni’, che spesso tendiamo a sacralizzare un prodotto che invece sacro non è e mai deve diventarlo, pena la perdita del divertimento, della curiosità e della voglia di sperimentare. Per pudore tralasciamo la caccia alla pecora (ehm…) e per necessità la luculliana cena di pesce, perché per quel che mi riguarda i ricordi sono sommersi dalle dozzine di chele di granchio che mi sono scofanato.

Il quarto giorno è stato più ‘tradizionale’, diviso tra il tasting del bicentenario di Lagavulin e un approfondito tour di Bunnahabhain. Si inizi da Lagavulin: quello che i direttori del marketing di Diageo impongono di chiamare “il Barolo del whisky” è – ovviamente – un prodotto eccellente, di altissimo livello, e gli assaggi dei vari

img_9774

Alambicchi giganti, Bunnahabhain

imbottigliamenti sono stati fantastici, in un tasting curato alla perfezione (il tasting companion con i cinque assaggi e con le boccette dei vari aromi è davvero notevole). Di certo, dopo il calore dell’artigianalità sperimentato a Springbank e Kilchoman non abbiamo potuto non notare una maggiore freddezza, in qualche modo una maggiore distanza… Detto ciò, come al solito quel che conta è il bicchiere, e un bicchiere pieno di Lagavulin è sempre un bicchiere di cui esser grati. Sorprendente invece il tour di Bunnahabhain, condotto dal bravissimo David Brodie con cui abbiamo potuto apprezzare alcune delle strutture più grandi dell’industria del whisky: il mash tun è immenso, i sei washback in legno lo sono altrettanto, e gli alambicchi sono… giganti! La degustazione è poi avvenuta anch’essa in warehouse, con tre versioni di Bunnahabhain direttamente dalle botti: un 7 anni non torbato in Porto, un 13 anni non torbato in Pedro Ximenez e un 8 anni torbato in sherry Oloroso spaventosamente buono.

img_9472

I tosi

Fin qui, la mera cronaca: prima di fare qualche considerazione da editorialista inadeguato [considerazioni fortunatamente rimandate a domani, NdR], ne approfitto per ringraziare Marco Maltagliati, che è stato una guida impeccabile, sempre pronto a farsi prendere in giro ma in grado di trasmettere, assieme ad un grande entusiasmo, tante accurate informazioni, dirette soprattutto ad un pubblico di professionisti del settore, ancorché neofiti in fatto di acquavite di cereali. Elogiare Marco Russo per i drink sarebbe fin troppo ovvio, ma in un contesto del genere, condividendo per ore la stessa macchina, sono emerse qualità umane e una infinita curiosità verso i prodotti difficili da indovinare stando ‘solo’ al bancone – e soprattutto questo mi ha fatto piacere scoprire. Un enorme abbraccio al resto della cricca: come scrivono nei booklet dei dischi, you know who you are, due pugni sul petto, bravi tutti. Siamo stati un bel gruppo, e imparando tanto ci siamo divertiti, o mi sbaglio?

 

Kilkerran ‘Work in Progress 7’ sherry (2015, OB, 46%)

Ogni volta che introduciamo un Kilkerran dobbiamo fare il pippone di presentazione: questa volta, per pigrizia, vi rimandiamo direttamente qui, dove vi ricordiamo chi c’è dietro Kilkerran, quali le ragioni, eccetera. Oggi assaggiamo la versione 2015 in sherry della serie ‘di assestamento’ Work in progress – quella maturata in bourbon ci era piaciuta molto, così come quella in sherry dell’anno precedente, d’altro canto. Sì, ci piacciono tanto i Kilkerran, ma che ci volete fare?! Scusate taaaanto… se abbiamo il whisky facile!

Schermata 2016-05-05 alle 20.31.38N: il primo impatto è clamorosamente simile all’edizione dell’anno precedente: e quindi note al limite del sulfureo, tra cerini spenti, arancia rossa quasi marcia, salamoia, olive e note minerali molto spiccate, con anche qualche suggestione vagamente ruginosa e una torba al limite del fumoso in crescita dopo un po’. Questi gli attori che, ancora, dominano il parterre, assieme ad un che di erbaceo (che giunge fino a note di nocino): e fin qui, la solita ottima impressione. Poi però ci pare di notare un apporto dello sherry molto più vivo, più ingombrante (sempre rispetto alla frutta cotta di cui scrivevamo sull’edizione 2014) – qui piuttosto diventa prepotente la frutta rossa in marmellata (fragola), poi marron glacee e magari una caramella al rabarbaro.

P: come già per la WIP6, anche qui il palato esibisce una dolcezza più accentuata che non al naso: qui però partiamo da un naso decisamente più zuccherino, e l’effetto è quello di uno sherry davvero avvolgente. Se il primissimo impatto pare ancora minerale e leggermente sulfureo (ancora cerino), subito si prende la scena il legno, con note di marmellata d’arancia, frutti rossi, castagne, toffee; qualcosa di carruba dolce e una forte nota proprio di cola, dolceamara. Chiodi di garofano, a testimoniare una speziatura molto evidente. Un che di liquore di mandarino…

F: labbra salate; c’è un fil di fumo che perdura sulla liquorosità (ancora all’arancia), poi ancora cerini e frutta macerata. Torba mineralissima. Ancora chiodi di garofano.

Poche parole: più ‘ruffiano’ del WIP6 ex-sherry ma senza perdere la mineralità. Sostanzialmente, resta Kilkerran ma la dimensione sherried è più evidente, più liquorosa, anche se non riesce a far retrocedere l’imponente mineralità: un curioso effetto amaricante è dato dall’apporto delle spezie, che riescono a mitigare la dolcezza e a legare mineralità e sherry. Non un everyday dram, senz’altro è un malto difficile e riottoso, ma al momento giusto sa dare soddisfazioni infinite: 88/100. Un ultimo cenno al portafoglio: clamoroso rapporto qualità-prezzo (costava circa 50€, prima di andare esaurito).

Sottofondo musicale consigliato: è uscito ieri il loro primo disco, in attesa dei nuovi video peschiamo dall’ep dell’anno scorso: La Suerte – L’origine del mondo.