Old Perth Cask Strength #1 (2016, Morrison&Mackay, 59,7%)

Dopo il Black Bull ‘Kyloe’ abbiamo voluto mettere alla prova un altro blended di un imbottigliatore indipendente: tocca al primo batch di Old Perth ‘Cask Strength’, selezionato e assemblato da Morrison & Mackay – quelli di Carn Mor, per intenderci. Non sappiamo nulla della composizione, dunque sospendiamo le illazioni prima ancora di formularle e testiamo. L’etichetta, particolarmente brutta, ci piace: di solito, segnala gente che punta alla sostanza.

N: magari appare un po’ chiuso all’inizio, ma presto inizia a dispiegare aromi molto intensi, molto rotondi a dispetto della contundenza iniziale. Miele millefiori (miele Ambrosoli, dice Angelo), biscotti al burro Walker’s, banana e cioccolato bianco (ancora Galak). Scorzetta di limone, un poco di canditi. Frutta bianca.

P: il palato attacca un po’ diverso, sembra più nudo di quanto non lasciasse intendere il naso. Limone, molto limone; poi cereale, proprio il chicco; note di riso soffiato, non troppo dolce. L’aggiunta di acqua lo apre, regala una maggiore dolcezza, con vaniglia compiuta e ancora biscotti al burro.

F: gallette di riso, orzo e limone. Abbastanza lungo e persistente.

Molto buono, equilibrato, resta pulito e piacevole, intenso e non banale, anche se a suo modo resta semplice: ma una semplicità che diremmo honestà. Non smarmellato, non legnoso, molto equilibrato: un whisky che sa di whisky. 85/100.

Sottofondo musicale consigliato: Peter Gabriel – Intruder.

Annunci

Highland Park 1995 (2018, Carn Mor, 54%)

La scorsa settimana si è chiusa con un Highland Park non dichiarato: oggi invece ripartiamo con un HP che non si vergogna della sua identità, perché lui è fatto così, e sono gli altri a doverlo accettare per come è. Noi condividiamo la sua battaglia, e alziamo i calici tra strilli di giubilo. 22 anni in un hogshead ex-sherry, gradazione piena: bene così.

N: questo è un naso da top player, non c’è verso. La prima suggestione è di candela alla fragola appena spenta, e riassume quasi tutto: la torba, leggera, fumosina ma delicatamente austera, con stoppino; la frutta, esuberante ma delicata anch’essa, fragola, mela gialla, albicocca matura. Note di cera, a spandere una patina incantevole su un profilo arricchito anche da note erbacee, di foglie, forse timo? Eccellente.

P: monumentale, un mix perfettamente integrato tra frutta rossa e torba. Lamponi e mirtilli dolci danzano un ballo perfetto con un poco di fumo, una coltre di cera deliziosa… Mamma mia, ne berremmo a secchiate. Ha anche una nota leggermente erbacea, cenni di erbe aromatiche mediterranee. E vi stupiamo se diciamo che riusciamo a sentire il sapore del chicco di cereale dolce?

F: lungo, intenso; lunghissimo, intensissimo anzi. Ancora torba austera, fragola, lamponi… Candela appena spenta. Che delizia.

Semplicemente eccezionale: Highland Park al suo meglio. Quando un whisky leggermente torbato incontra un barile ex-sherry, il risultato può essere disastroso: non in questo caso però, con eleganza, raffinatezza, bilanciamento tra spigoli e amenità, facilità di bevuta e complessità aromatica. Tutto quel che ci piace è qui: 92/100.

Sottofondo musicale consigliato: Depeche Mode – Freelove.

Glen Keith 1988 (2018, Càrn Mòr, 42,5%)

Con l’aiuto dei prodi Morrison & MacKay, proprietari del marchio indipendente Càrn Mòr, torniamo a “celebrare il barile” di whisky con un Glen Keith di quasi 30 anni, maturato in un singolo barile ex-bourbon e imbottigliato quasi al pelo, alla gradazione piena di 42,5%. La serie si chiama appunto “Celebration of the Cask”, ma noi vogliamo dirvi le nostre due stupidaggini sulla distilleria: fondata nel 1957, è sempre stata una vacca da traino per i blended di casa Chivas (Chivas, appunto, 100 Pipers…), e ha visto un solo imbottigliamento ufficiale in passato come single malt. Chiusa per una decina d’anni, ha riaperto nel 2013. Embè?, direte voi a ragione: meglio bere (siamo affiancati dal sommo Marco Zucchetti e da Angelo Corbetta).

N: su due piedi lo definiremmo un mostro d’eleganza. Sicuramente tropicale (ananas maturo) e floreale (gardenia, tuberosa), si distingue poi per una super patina minerale di paraffina che tutto avvolge e ci sconvolge. In aggiunta ha tutto un lato verde fresco, di cereali e sentori balsamici (Zucchetti ha l’ardire di suggerire… la Brooklyn alla clorofilla, a testimoniare la zuccherinità). A margine un cenno di pasticceria e pasta di mandorle.

P: vive di stadi molto diversi e tutti esaltanti. Inizia oleoso, pesante e avvolgente. Sembra di sentire una viscosità da ricotta (eh? ma l’abbiamo scritto davvero? boh…); si passa poi alla fase balsamica, agrumata e fresca; infine, quasi non più attesa, inizia l’età dell’oro della frutta tropicale (maracuja), persistente e ricca.

F: lungo, con tanta frutta, tipo una bavarese e a suo modo pulito, erbaceo e maltoso.

Davvero buono, buono e buono. Ultra-complesso, come si richiede a un trentenne, stupisce anche e soprattutto per l’intensità, che con soli 42,5% poteva restare trattenuta: e invece è un muro di sapore, esplosivo a suo modo. La conferma che Glen Keith, superata una certa età, diventa un tripudio fruttato ed erbaceo, minerale ed oleoso. Ma shhh, non ditelo a Chivas… 91/100.

Sottofondo musicale consigliato: Massive Attack – Spying Glass.

Dailuaine 22 yo (1995/2018, Carn Mor, 56,6%)

Carn Mor, pezzo pregiato del gruppo Morrison & Mackay, è uno degli imbottigliatori che ha stupito di più gli appassionati all’ultimo Milano Whisky Festival, in cui era presente al banchetto di Fabio Ermoli, importatore italiano: anche per questa ragione a inizio maggio abbiamo deciso di partecipare alla Masterclass di Peter Mackay tenuta a Tomintoul, durante lo Spirit of Speyside. Tra i vari assaggi, abbiamo deciso di dedicare una recensione ad hoc a questo Dailuaine, un single cask che, alla vista, avremmo sicuramente ritenuto frutto di una maturazione ex-sherry… E ci saremmo sbagliati: solo 76 bottiglie ottenute da un bourbon cask di secondo riempimento ma sottoposto a un pesante recharring, ovvero una nuova tostatura per ravvivare la vitalità del legno: di qui il colore scuro scuro.

N: aperto, aromatico, molto intenso e ‘scuro’, compatto. Pesche sciroppate, pesche con gli amaretti – insomma pesche iperzuccherine. Tarte tatin, frutta maturissima. Caramello, miele di castagno. Il senso di zuccherinità è devastante! Ma resiste anche una certa maltosità biscottata, insieme a chips di legno – e di mele. Tante mele, rosse soprattutto.

P: idem come sopra, dall’intensità ai descrittori. A voler essere più effusivi, ci sono più evidenti anche note di arancia e burro (biscotti al burro). Basta con le effusioni. Un vago sentore che definiremmo di cera, anzi forse frutta di marzapane con cera edibile. Zuccheri caramellizzati. Cocco.

F: lungo, persistente e ancora incredibilmente intenso. Tutto coerente con quanto scritto su.

Molto compatto e coerente, grandissima intensità, grande frutta, un po’ monotono se vogliamo: ma che bella monotonia. Molto molto carico, certo, e il distillato pare decisamente ancillare alla vivace virulenza del barile; e però è buono, decisamente persuasivo, per cui ci appiccichiamo sopra un 87/100. Costa circa 170€, è quasi esaurito ed era destinato al solo mercato britannico.

Sottofondo musicale consigliato: Gorillaz – Humility.

Imperial 27 yo (1989/2017, Càrn Mòr, 43,9%)

Il primo Imperial della storia di whiskyfacile! Che vergogna, in sei anni manco una recensione… e sì che si tratta di una distilleria fascinosa per la sua cronica sfortuna: la sua storia è infatti un emmenthal, un gruviera, una massa squassata da continui buchi, da decenni di chiusure alternati a decenni di aperture, da cambi di proprietà… E la conclusione della sua storia dovrebbe regalarle ancora più credito, povera Imperial: chiusa da fine anni ’90, di proprietà di Allied / Pernod, nel momento dell’attuale boom del whisky uno si aspetterebbe di vederla riaperta, e invece no, è stata rasa al suolo per fare spazio al gigante Dalmunach. Celebriamo questa vicenda sfigatissima con un single cask di 27 anni, distillato nel 1989, imbottigliato da Càrn Mòr.

N: che naso complesso, aperto e invitante. Innanzitutto c’è una piacevolissima zona aromatica dolcina, tra la brioche, burro, l’albicocca, il miele… Pasta di mandorle. C’è perfino una frutta gialla intensa, diremmo innanzitutto mela gialla (quella molto matura, farinosa), anche una venatura agrumata, forse di limone. Quel che però ci fa girare la testa è una coltre ‘sporca’, quasi farmy, che complica tutto: una patina di formaggio stagionato (viene in mente il parmigiano quando ‘suda’; ha perfino un sentore muffato che fa venire in mente roquefort – vogliamo esagerare!, ci fa venire in mente addirittura l’abbinamento tra Sauternes e roquefort, perché siamo dei viveur, o dei cialtroni, fate voi), poi tanta tanta cera, cera d’api.

P: come al naso il primo impatto era stato devastante, qui paga dazio alla bassa gradazione (che crediamo naturale, non frutto di riduzione, beninteso) con un attacco che non è proprio dei più entusiasmanti, se paragonato alle attese del naso – poi però si riscatta in fretta, e da qui in poi è solo gloria. Ancora tanta cera e sensazioni oleose, un sentore nitido di burro caldo; biscotti ai cereali, miele, pastafrolla; tappetoni esaltanti di frutta tropicale (papaya; ce l’attendevamo, il naso così ‘sudato’ spesso prelude), ancora mela gialla.

F: burro caldo, tantissimo!, base di biscotti per cheesecake; e tropicale. Cioccolato, un sentore anche di cocco.

La masticabilità del corpo, proprio a livello tattile, penalizza parzialmente un whisky che altrimenti avremmo premiato ancora di più: è uno dei profili di whisky che più ci piace, con una burrosità del distillato che dopo tanti anni dentro a una buona botte porta a emersioni tropicali e fruttate di grandissima complessità. Ne berremmo a secchiate: 91/100.

Sottofondo musicale consigliato: Lenny Kravitz – If you can’t say no (Zero 7 remix).

Glen Garioch 1990 (2017, Carn Mor ‘Celebration of the Cask’, 50,6%)

Carn Mor è una linea di single cask creata da Morrison & Mackay, storica realtà dell’imbottigliamento indipendente basata da qualche generazione nel Perthshire, in Scozia. Non contenti di tanto blasone, nel 2007 si sono inventati una serie di soli single cask di fascia alta, con imbottigliamenti ovviamente cask strength, ovviamente non filtrati a freddo. E questo 27 anni invecchiato in un ex bourbon barrel, di cui peraltro esistono solo 170 bottiglie, non fa certo eccezione. Glen Garioch, una delle poche distillerie fondate nel 1700 ancora in attività, regala (si fa per dire, eh) spesso whisky dalla spiccata personalità. Inoltre, per una sparuta claque di maniaci feticisti, è sicuramente di grande interesse il fatto che l’orzo contenuto in questo GG sia stato maltato direttamente sui pavimenti di maltazione della distilleria, che sono rimasti attivi fino al 1994, anno in cui Suntory comprò Bowmore e con essa Glen Garioch, fermando la produzione per un paio d’anni, e dismettendo, ahinoi, pure il maltatoio.

glen-garioch-1990-cask-20251-carn-mor-web_1N: compattissimo, con note di mandorla amara, nocino, torba minerale e senza disdegnare un tocco gentile e raffinato di cera. E altrettanto carezzevoli sono le suggestioni di burro fresco e vaniglia unite a un poco di erba limoncina. Un naso da vero damerino.

P: si presenta a sorpresa come tropicale e acremente torbato, con una stranissima struttura a base di note mentolate e floreali. Davvero un profilo unico, praticamente inafferrabile. Violetta mescolata a maracuja e banana? Incredibile. Le erbe aromatiche sono molto presenti, a creare un effetto setoso. Diciamo timo.

F: rimane una certa grassezza cerosa e torbata. Pulito, vegetale, di media durata.

Non possiamo fingere che questo Glen Garioch non sia un insulto diretto alla ragione sociale del nostro piccolo spazio degustazioni virtuali: è un whisky che di facile ha ben poco, si diverte a disorientare con un naso monolitico e difficile da penetrare, per poi stupire grazie a un palato assolutamente inaspettato e con richiami al limite dei sensi umani. Di certo quello che si percepisce è la pregevole fattura di questo single cask e noi gli daremo non meno di 89/100. E ci sentiamo anche di dire che i circa 200€ necessari per acquistarlo non sono soldi mal spesi, se non altro perché di malti con questo profilo di certo non capitano a tiro tutti i giorni. Grazie a Fabio Ermoli di Lost Drams per il campione.

Sottofondo musicale consigliato: Cypress Hill – Insane In The Brain

Clynelish 1997 (2017, Carn Mor, 57%)

La compagnia Morrison & Mackay è nel business dell’alcol britannico dall’inizio degli anni ’80: dopo liquori, gin e altre amenità, dal 2008 seleziona e imbottiglia single malt scozzese. È nel 2012 che viene lanciata la serie ‘premium’ di single cask con nome “Carn Mor”: e da qualche mese Lost Drams, azienda di importazione e distribuzione di distillati che fa capo al prode Fabio Ermoli, ha portato in Italia queste bottiglie, presentandole in anteprima all’ultimo Milano Whisky Festival. Noi in quell’occasione abbiamo adocchiato alcuni whisky piuttosto solleticanti, e iniziamo ad assaggiarli partendo da un Clynelish maturato in uno sherry puncheon.

N: un profilo sicuramente particolare. Dà l’idea di un whisky pesante, dove gli aromi faticano a uscire dal bicchiere ma che d’altra parte si mostra delicato, assolutamente non alcolico. Piano piano si mostra un profilo levigato, con note di tabacco, tamarindo, cola, una leggera suggestione sulphury di brodo di carne e – perché no? – di cera, in crescita. Soprattutto quest’ultimo rende conto di un distillato bello grasso, capace di dialogare alla pari con la botte. Bontà, ma certo non per i palati (pardon, nasi) in cerca di ruffianeria. Via via si apre, e fa venire in mente le fragole disidratate, o addirittura: certi infusi di frutta essiccata; scorzetta d’arancia secca. Pasticcino con fragola. Ogni istante che passa, diventa più aperto, più profondo, più entusiasmante. Profumo di un sigaro cubano morbido, nuovo, appena uscito dall’humidor. Continuamente cangiante, splendido. Candela di cera aromatizzata alla fragola. Agrumi. Basta, fermati qui!

P: si chiarisca un punto: i 57% non ci sono, non esistono, sono scomparsi, rimasti nella bottiglia, nel sample, chissà. Molto coerente col naso, ha un attacco ‘sporco’ e sulfureo, poi evolve verso una deliziosa cera (di candela, non cera d’api) con innesti di fragole, e man mano va verso un profilo più dolcino, più compiutamente fruttato. Brioche, di quelle tanto, tanto burrose. Esplosiva è la frutta, che appare una frutta ‘cerata’ e cerosa, quasi di marzapane; c’è una bella presenza agrumata, di arancia rossa soprattutto – a tratti appare un’arancia rossa quando è troppo matura, per non dire marcia, che si lega perfettamente al sulfureo. Poi c’è cioccolato al latte, c’è pasta di mandorla.

F: rimane il doppio binario del sulfureo e della delicatezza, in perfetto equilibrio; lascia la bocca deliziosamente impastata di frutta rossa e agrumi sulfurei, senza alcun cenno d’astringenza.

Talvolta, quando abbiamo bevuto qualche dram di troppo e ci sentiamo di poterci sbilanciare su questioni tanto delicate, ci capita di rispondere “Clynelish!” alla domanda “qual’è la tua distilleria preferita?”: e bere whisky come questo non fa altro che rinforzare quella convinzione. Straordinario, un distillato particolarissimo, unico, delicato e grasso al contempo, che si unisce con straordinaria eleganza a un barile – fortunatamente – non troppo marcante se pure certo non passivo. Magnifico. 92/100.

Sottofondo musicale consigliato: Cesare Cremonini – Poetica.