GlenDronach 25 yo (1992/2017, cask #63, OB for Beija-Flor, 57,6%)

Nei mesi scorsi Beija-Flor, importatore di GlenDronach già responsabile di alcuni imbottigliamenti magnifici (qualcuno ha ancora in mente il cask #35, forse?), ha presentato la sua ultima selezione: si tratta di un single cask di 25 anni, maturato in un barile ex-sherry Oloroso ed imbottigliato nel settembre 2017. Noi avevamo già avuto la fortuna di assaggiare il campione della botte a maggio, quando la scelta non era ancora definitiva, e ci era parso molto buono, con tutto quello che uno può attendersi da un single cask di GlenDronach – ora però è tempo di dedicargli un po’ più di attenzione.

N: la gradazione è importante, e ovviamente (pur non lasciando scorie aromatiche) trattiene un po’ il pieno dispiegarsi dei profumi – ma che davanti a noi ci sia un top player, beh, questo è fin troppo evidente. Rivela da subito i suoi tanti anni di invecchiamento con generose note di legno (non di botte: proprio vecchi mobili di legno), una sorta di guscio, di gheriglio. Ascoltandolo meglio, col passare del tempo si palesa un meraviglioso lato succoso, di frutta rossa intensissima dichiaratamente sherried (ciliegia sesquipedale, poi fragole, lamponi e more, ribes nero), poi un cioccolato “fondente ma non troppo” (pare inevitabile pensare al mon cheri, è chiaro). Frutta secca, con nocciola in primo piano (e perfino una crema di nocciola); torta al cioccolato con uvetta, di quelle che talora vendono in distilleria in Scozia. Fondo di caffelatte. Regge molto bene l’acqua, che non cambia le carte in tavola ma, per così dire, armonizza il tutto. Il legno si ‘apre’, diventando più dolce, più aromatico (sandalo?).

P: masticabile e densissimo, senz’acqua resta piuttosto chiuso e un po’ astringente: ci sono note di chicchi di caffè, di fave di cacao, di legno, perfino di polvere, di tabacco di sigaro (molto intenso), di noci. Solo in disparte paiono agitarsi le note più fruttate, che riescono a farsi però pienamente succose: ancora ciliegie e fragole. La struttura è molto solida e complessa, l’acqua taglia decisamente l’astringenza legnosa e rende tutto più morbido: si sprigiona un lato speziato e dolce, tra lo sciroppo d’acero, il tamarindo, un mix di spezie (ci vengono in mente cannella e pepe nero).

F: molto lungo e persistente, tutto sul legno tostato, sul tabacco, e solo dopo un po’ esce quel mix di frutta rossa e frutta secca che tanto ci sconfinfera.

Un whisky certo complesso, in continua evoluzione e di grandissima intensità, che se dovessimo posizionare in un universo di GD bevuti definiremmo come ‘secco e tagliente’, di certo lontano da certe opulenze cremose riscontrate in passato. Soprattutto il palato, con quelle note lievemente astringenti e tabaccose, si fa più difficile, e richiede senz’altro qualche goccia d’acqua per dispiegare appieno il suo potenziale. 90/100, complimenti a GlenDronach per la qualità sempre alta, complimenti a Beija-Flor per l’ennesima selezione riuscita.

Sottofondo musicale consigliato: Royal Blood – You can be so cruel.

Yamazaki 12 yo (circa 2013?, OB, 43%)

Questa è una boccia storica: di fatto è la prima ‘giapponesata’ ad essere stata commercializzata in modo massiccio nel decadente mondo occidentale, e per questo si è guadagnata uno status di tutto rispetto nel panorama del malto. Pioniere insomma, un po’ come Alexi Lalas nel Padova del 1995. Ora – o tempora o mores – anche questo Y12 è stato fagocitato dal mercato matto e disperatissimo, e sostituito da almeno un anno e mezzo da un più snello Yamazaki senza età dichiarata. Ringraziamo Alessandro, il vero brand ambassador del whisky nipponico in Italia, per il copioso sample.

N: un filo pungente, ci stupisce per dei profumi di legno fresco, appena tagliato, molto presenti fin dall’inizio. Al fianco c’è poi un’anima più decisamente fruttata, sulla mela gialla e in generale frutta ‘astratta’, tipo cesto di frutta o macedonia, forse un filino di arancia leggera. Si apre progressivamente su note più cremose, di vaniglia e crema pasticcera. Miele. Confettura di albicocca.

P: c’è un po’ quel profilo fresco e poco impegnativo del naso, tra vaniglia, miele, una frutta fresca in macedonia un po’ indistinta, dell’uvetta, e una sensazione di legno e tanta frutta secca, soprattutto nocciola. C’è anche un che di speziato, magari cannella. C’è tutto, anche abbastanza bilanciato, ma nulla spicca davvero: e l’intensità non propriamente esplosiva non aiuta.

F: abbastanza lungo, giocato soprattutto sulla frutta secca.

Fa il suo, intendiamoci: è un entry-level e come tale si comporta, con tutta la morbidezza che si conviene. Forse avevamo aspettative troppo alte, di certo ci siamo rimasti un po’ male per un profilo certo molto giapponese ma come ‘depotenziato’, con poco grip. Il prodotto c’è, è buono, per carità: non è forse il nostro dram ideale, diciamo. Siamo diventati dei fighetti? Nel dubbio, 81/100.

Sottofondo musicale consigliato: Apparat – Limelight 

 

Macallan 18 yo ‘sherry oak’ 1997 (2015, OB, 43%)

Beh, questa è storia. Macallan lancia la serie di 18 anni in sherry nel 1963, e da allora ogni annata vede un imbottigliamento fisso: le quotazioni in asta di queste bottiglie – fin da subito oggetto da collezione, soprattutto in Italia – hanno subito un’impennata pazzesca, e se fino a qualche anno fa capitava di trovarne in giro in enoteche e ristoranti, oggi i razziatori professionisti hanno incamerato praticamente tutto – e probabilmente anche già rivenduto. Fatta questa premessa, negli ultimi anni l’Italia si è vista di fatto esclusa da una diffusa distribuzione delle release annuali, e gli appassionati devono rivolgersi all’estero: così han fatto Andrea e Giuseppe del Milano Whisky Festival, che in Russia hanno comprato la versione 1997/2015 e l’hanno sbocciata all’ultimo Milano Whisky Day – noi, rapaci, ne abbiamo preso un sample per poterlo bere qui davanti a voi. Ah, tecnicamente non è un vintage, dato che l’etichetta dichiara “distilled in 1997 and earlier years”: svegliaaaa!!!1!1!

N: bello respirabile, la gradazione non c’è. Sulle prime, appena versato, si esalta l’acidità della frutta rossa, diremmo soprattutto ciliegia (dominante) fresca, nocciolino di ciliegia, prugna secca. Dopo un po’ si scalda leggermente, svelando note di fichi secchi, uvetta. Abbastanza semplice, ma impreziosito da una robusta base maltata davvero gradevole e deep. Una leggerissima patina nocciolata. Solo dopo tanto tempo regala note più pesanti, quasi di tabacco da pipa.

P: entra in punta di piedi, l’impressione è che migliori via via. All’inizio pare debole, su una ciliegia quasi sciapa: e però poi migliora molto, oscillando tra la frutta rossa e quella nera in crostata, ma senza essere burroso… Prugne secche, tanto malto (certi biscotti al malto), qualche nota di arancia e miele.

F: lungo e persistente, tutto giocato sull’alternanza di frutta secca e ancora frutta rossa.

Intendiamoci: è un buon whisky, si sente che il distillato ha delle qualità – ovviamente, dirà qualcuno, è pur sempre Macallan! E infatti, da questi imbottigliamenti uno cerca qualcosa di più di un whisky elegante e beverino, ma in fondo un po’ anonimo e “loffio” se paragonato a tanti altri imbottigliamenti contemporanei con simile ‘carta d’identità’ e con prezzi quasi dimezzati (Glengoyne, GlenDronach, tanto per dirne un paio…), per tacere ovviamente dei possibili confronti coi Macallan 18 del passato. 86/100 dunque, un voto intermedio per un malto buono, gradevole, che compiacerà il facoltoso bevitore occasionale ma non potrà che lasciare qualche dubbio all’appassionato – ma lo sappiamo tutti, non è lui il target del brand, facciamocene una ragione.

Sottofondo musicale consigliato: Colour Haze – Did El It.

Chichibu ‘On The Way’ (2013, OB, 58,5%)

Ormai, quando si parla di Giappone e whisky, anche il pubblico meno addestrato sa che si tratta di ‘roba buona’; una delle realtà emergenti del malto made in Japan è senz’altro Chichibu, distilleria giovane (aperta nel 2008) che abbiamo già imparato ad apprezzare attraverso alcuni imbottigliamenti assaggiati in passato. Oggi proviamo una versione del 2013, “On the way”: è un vatting di tre botti, una Mizunara del 2008 e due botti di quercia americana, una del 2009 e l’altra del 2010.

japan_chi9N: aperto e aromatico anche a gradazione così imponente, rivela un carattere e una personalità belli decisi: spiccano, in primissimo piano, note intensissime di frutta, soprattutto gialla (pesche, mele, albicocche), di vaniglia e persino qualche suggestione vagamente tropicale, indefinita. Col tempo cresce un lato erbaceo, sia ‘maltoso’ (cereali, ma anche proprio campi di grano) che più mentolato. Aumenta anche la zona del legno, sia con note proprio di segatura, di mobilificio, sia con qualcosa di speziato (noce moscata).

P: qui l’alcol è più in evidenza, ma bastano un paio di sorsi per ‘acclimatarsi’. Molto dolce, con ancora vaniglia e frutta gialla (qui la pera pare farla da padrona); biscotti ai cereali (proprio i digestive, se avete presente), ma anche biscotti burrosi. Ancora spezie dal legno, soprattutto noce moscata, e ancora un senso di ‘legna fresca’ in evidenza. Forse sorge un qualcosa di tostato, perfino di affumicato?

F: piuttosto lungo, tutto sul cereale, davvero piacevole. Ancora un’impressione, forse fallace, di falò.

Confermiamo l’impressione positiva avuta dai precedenti imbottigliamenti: questo whisky stupisce, come gli altri, per la grande maturità di un malto che di fatto è appena un tre anni. Certo, non chiediamogli troppa complessità: accontentiamoci però di qualità e intensità dei sapori, e aspettiamo in disparte le prove più invecchiate del futuro. 84/100.

Sottofondo musicale consigliato: Scandal – Awanaitsumorino, Genkidene. Un piacere per gli occhi, forse più che per le orecchie…