Heaven Hill 10 yo (2009/2020, Valinch & Mallet, 48,8%)

Concludiamo la nostra rassegna degli ultimi imbottigliamenti di Valinch & Mallet affrontando un single cask di Heaven Hill, cioè un Kentucky Bourbon da poco recensito anche dal Bevitore. Si tratta di un barile fratello (o di una botte sorella, scegliete voi il conflitto di genere che volete affrontare) di un altro Heaven Hill, che avevamo bevuto l’anno scorso, e che avevamo trovato molto inusuale e delicato. Vediamo se i geni sono gli stessi.

Progetto senza titolo (4)

N: molto poco muscolare, molto poco bourbonoso e davvero aromatico e delicato. Subito fiori bianchi e violetta, poi una dolcezza garbata di prugnette gialle, cocco essiccato, alkekengi e un poco di zucchero a velo. Beh, anche vaniglia, certo. Piacevole, anche se gli resta appiccicato qualcosa di artificiale – lascia un po’ un senso di bourbon efebico, se ci intendiamo. Nel suo sister cask avevamo rilevato un Kirsch, e anche qui c’è un certo senso di distillato di frutta.

P: il palato ci pare meno complesso del naso, totalmente dominato da una violetta molto, molto carica. Ci viene in mente la liquirizia alla violetta, se conoscete il prodotto… Resta piuttosto legnoso, con legno fresco e spezie; e poi ci colpisce un sentore di cioccolato di Modica, zuccherino e cioccolatone e acidino. Qualche altro sentore floreale.

F: un po’ più legnosetto e cioccolatoso, con sempre la violetta in evidente evidenza. Noce moscata.

Difficile da valutare, l’abbiamo trovato un po’ monodimensionale – rispetto all’altro HH imbottigliato da Valinch, ci sembra un filo meno complesso, pur sempre molto vicino e coerente. Ha un palato più legnosetto e meno fruttato che ci è parso meno emozionante, ed è la cosa che ce lo fa tenere un punticino sotto all’8 anni: 84/100. Non è il nostro stile di bourbon preferito (preferiamo i bourbon più muscolari, sono gusti), ma è molto delicato e piacevole, sappiamo che avrà molti estimatori.

Sottofondo musicale consigliato: Kim Wilde – Kids in America.

Annunci

Royal Brackla 13 yo (2006/2020, Valinch & Mallet, 51,7%)

Torniamo a mettere il naso sull’ultimo lotto di imbottigliamenti di Valinch & Mallet, e dopo un eccellente Dufftown finito in un barile ex-Oloroso oggi assaggiamo un Royal Brackla di 13 anni, anch’esso finito in uno di quei veri barili vecchissimi di vero sherry, stavolta varietà Pedro Ximenez. Al solito, vi rimandiamo alla chiacchierata che abbiamo fatto insieme a Davide e Fabio, così potrete sentire la storia di questa botte direttamente dalla loro viva voce.

N: che naso particolare… Note di liquirizia molto intensa, fin dall’inizio; c’è un sentore strano di sacco di juta, davvero inedito; pane corso, quello con l’uvetta. Castagne, anzi: farina di castagne. Noci, decisamente – e anche nocino, certo. Resta piuttosto vinoso, ma non ha niente a che vedere con quella dolcezza ruffiana e smaccata dei PX finish ‘moderni’ cui siamo abituati. Una punta sulfurea, diciamo di ‘freschino’ e di arancia un po’ troppo matura.

P: l’attacco è molto dolce e molto esplosivo, ancora molto vinoso (molto? moltissimo, sa proprio di Pedro Ximenez). Si parte da una zuccherinità da uvetta, da vino dolce, liquore all’arancia; ancora biscotti di castagne. Caramello bruciato, marmellata di fragola bruciata… Per nulla fresco. Dalla dolcezza iniziale, si passa a una nota amara molto carica, molto organica, che ci fa venire in mente catalogna cotta e del fegato bovino – amarino e metallico.

F: resta piuttosto piccante, di una piccantezza da gorgonzola stagionato (anzi, dice Zucchetti che sa di cabrales, e noi di fronta a cotanta maestria ci inchiniamo – non c’è il grasso del formaggio), e anche un po’ di cioccolato fondente.

Un profilo francamente unico; dobbiamo essere onesti, pur apprezzando la particolarità non è il nostro whisky ideale, non il nostro profilo perfetto. Ma siamo sicuri che piacerà a moltissimi, e in generale consigliamo caldamente l’assaggio perché un Pedro Ximenez così non l’avete mai assaggiato. Per appassionati di vestiti più che di corpi: 85/100.

Sottofondo musicale consigliato: Nina Simone – Just like a woman.

Dufftown 11 yo (2009/2020, Valinch & Mallet, 51,9%)

Proseguendo con le nuove release di Valinch & Mallet, oggi assaggiamo un Dufftown 11 anni, finito per due anni in un barile ex-Faraon Oloroso. Si tratta di una botte particolare, dato che proviene dalla Bodega Hidalgo La Gitana, e si è fatta 50 anni di Solera, prima di essere acquistata (insieme a tutte le altre della stessa solera) da Fabio e Davide. Dovete sapere, infatti, che i due stanno iniziando a giocare con le botti, per cercare di imprimere nuove qualità a parte del loro stock, e per farlo non si accontentano di botti ‘normali’, ma vanno a cercare dei barili in grado di offrire davvero una differenza. Ci hanno raccontato i loro esperimenti in modo molto approfondito, e vi suggeriamo di dare un’occhiata alla chiacchierata che abbiamo fatto con loro su Facebook qualche giorno fa…

Progetto senza titolo (2)

N: l’apporto dell’Oloroso è impressionante, ma è un Oloroso ‘diverso’, molto profondo. Abbiamo note di croccante al miele, di albicocca secca; tanta nocciola, in generale molta frutta secca. Poi ecco spuntare un po’ di panforte… E poi, beh, tantissima arancia, tantissima e multiforme: molto speziata, ma anche liquore all’arancia, Cointreau. Chinotto. Lucido per legno. E se dicessimo Vetiver?, vi sembreremmo dei matti? Cioccolato e legno, tamarindo – dopo un po’ si fa un po’ più scuro, sempre con quella nota acetica in evidenza. Molto interessante. Durante la degustazione, Fabio ha detto “kumquat umami”: per una volta, non siamo stati noi.

P: super carico, molto vinoso, ma anche molto equilibrato e relativamente ‘chiaro’ – si percepisce molto di più l’ossidato della frutta rossa che siamo soliti collegare all’Oloroso. Cacao amaro e noce (dolci di noce); buccia di pesca. Liquirizia pura, oleosa. Davvero molto buono. Non abbiamo citato l’arancia, che anche al palato resta esuberante. Il sapore del dattero, ma senza quel senso di zucchero rappreso: si capisce? A complicare il profilo (e la coerenza della nostra descrizione), un netto senso di umami, da salsa di soia.

F: arancia, noce e pane di segale. Molto, molto lungo, pressoché infinito. Tabacco da sigaro, piccantino, e uvetta sotto spirito.

Un profilo davvero unico, nel senso che sa tanto di Oloroso, ma effettivamente è un Oloroso inusuale, non quello che siamo abituati a conoscere. Pare davvero un whisky molto vivo, umorale, che continua a cambiare e ad evolvere: è uno di quei malti, saporiti e cangianti, che ti permette di trovare nuovi sentori ad ogni annusata. Veramente ottimo, e molto divertente da bere: 89/100.

Sottofondo musicale consigliato: Anathema – Endless Ways.

Aultmore 9 yo (2010/2020, Valinch & Mallet, 51,4%)

La scorsa settimana abbiamo avuto il piacere di conversare virtualmente con Fabio Ermoli e Davide Romano: ne è uscita une bellissima chiacchierata (ancora disponibile sulla nostra pagina facebook, se vi pungesse vaghezza), in cui i due ci hanno raccontato un po’ i piani per il futuro e qualche dietro-le-quinte del mestiere dell’imbottigliatore. La chiacchierata è stata oliata da quattro nuove release di V&M, che in questi giorni recensiremo: oggi si parte da questo giovane Aultmore in bourbon, invecchiato per 9 anni.

Aultmore_b_9_Valinch_&_Mallet_Single_Malt_Scotch_Whisky

N: molto aperto, molto piacevole, molto Speysider. C’è tutto quello che di buono uno cerca in un giovane ex-bourbon, tutto virato sulla freschezza: frutta gialla / bianca (pesca bianca, ), sorbetto al limone, zucchero a velo e un qualcosa di burroso – burro fresco, shortbread, perfino pandoro. C’è una componente erbacea, diciamo di margarina e fiori freschi, gardenia. Davvero piacevole.

P: sempre pulito e pieno, al limite dell’austero; frutta fresca, mela, mandarino, yogurt all’ananas. Molto fresco e beverino, non troppo dolce, molto equilibrato e delicato. Agrumato ed erbaceo; poi note di zucchero bianco, ancora. Ha proprio un’acidità positiva, che ti pulisce la bocca e fa salivare. Molto buono.

F: pulito, molto erbaceo e cerealoso, ancora pesca bianca e ananas. Nocciolo di pesca.

Davvero molto piacevole: affilato, fruttato, per niente ruffiano. Un esempio perfetto di “whisky che sa di whisky”, con tutta la freschezza di un giovane Speysider in bourbon, in cui la botte si è comportata bene e non ha completamente smarmellato di vaniglia il whisky. 87/100. Tra l’altro, cercando il prezzo online abbiamo visto che su Whiskyitaly costa 50€: un regalo che sarebbe un peccato non accettare.

Sottofondo musicale consigliato: R.E.M. – Shiny Happy People.

Auchroisk 27 yo (1991/2019, Valinch & Mallet, 48,7%)

Abbiamo la sgradevole sensazione di aver già pubblicato questa recensione in passato: ma siccome il sito non ne serba traccia, beh, evidentemente ci sbagliamo. Dunque avviciniamoci a questo ventisettenne Auchroisk di Valinch & Mallet come se non lo conoscessimo già, come se non ne ricordassimo nitidamente le sfumature, il passaggio tra naso e palato, le sensazioni che lascia al finale… In realtà, anche questa è una menzogna: l’abbiamo bevuto tempo fa, la bozza era rimasta in canna e ci sembrava solo di averla già pubblicata. Insomma, che pasticcio, che pasticciotto. Mah.

N: molto, molto interessante. Parte su note maltose, di crosta di pane… Non si dimentichi l’arancia, e neppure la marmellatina di pesche, molto intense. Se dicessimo: pane tostato con marmellata di pesca, vi piacerebbe? Poi una venatura metallica, con punte leggere di rame, di ottone. Ci pare anche piuttosto erbaceo, diremmo con sicumera: artemisia. E questa punta leggermente formaggiosa, da dove viene? Avete presente certe caciottelle al timo? No? Peggio per voi. Dopo un po’, arriva una bella nota vanigliata, che diremmo di pandoro – pandoro impolverato.

P: che bel corpo, masticabile, cremoso, per niente esausto. La prima impressione è di un malto molto più fruttato che non al naso. Pesche e albicocche (secche) colpiscono il palato, poi mela cotta, forse anche un sentore di prugna secca. Non è una frutta fresca, è una frutta processata – dice chi se ne intende. C’è una parte evidente di cioccolato, che combinata con la freschezza erbacea e mentolata ci fa pensare, inevitabilmente, agli After Eight.

F: stupisce una nota salina inattesa; anche qui arrivano sentori erbacei, lievemente amaricanti, che completano un profilo veramente delizioso.

Ci sono sentori che tendono verso la decadenza, ma bisogna riconoscere che i selezionatori sono stati bravi e l’hanno acchiappato per i capelli, prima che scollinasse: e bene hanno fatto, perché questo è davvero un gran bel whisky, molto elegante. Il bottoncino del voto si incastra a 88/100.

Sottofondo musicale consigliato: Prince – Mary Don’t You Weep (Piano version).

Heaven Hill 8 yo (2009/2017, Valinch & Mallet, 48,8%)

Dopo il single malt americano assaggiato ieri, ci è venuta voglia di issare la bandiera sudista sul retro dell’Harley e partire per un viaggio on the road, manco fossimo Peter Fonda e Dennis Hopper in Easy Rider. Purtroppo il viaggio sarà solo immaginario, ma ci condurrà comunque attraverso vari stati dell’Unione per arrivare, finalmente, a Heaven Hill: per merito di Davide e Fabio di Valinch & Mallet, un single cask della storica distilleria del Kentucky si è intrufolato nel mercato italiano ormai un paio d’anni fa. Con il proverbiale tempismo che ci contraddistingue, lo recensiamo oggi, a bordo dei nostri chopper immaginari.

Heaven_Hill_8_descrN: molto piacevole e seducente, non sembra neppure un bourbon a tratti – non che sia un difetto sapere di bourbon se sei un bourbon, eh, ma insomma, ci siamo intesi. Ha una nota di erbe aromatiche molto spiccata, potrebbe essere maggiorana?, e poi resta molto floreale. Kirsch. Molto burroso: proprio burro fresco, ma anche (udite udite) burro di karitè. Vabbè, vaniglia.

P: ok, qui torna a essere un bourbon, anche se di certo molto personale: c’è una coltre di violetta che tutto copre, e che onestamente non ci aspettavamo, oltre poi a sentori di prugnola, albicocche acerbe, delle prugne gialle non troppo dolci. Legno e spezie del legno si fanno sentire.

F: lungo e persistente, molto legnoso e violettoso, ancora prugne gialle. Spezie dal legno sul finale, con zenzero e fiori misti.

La violetta ha un disturbo istrionico della personalità, e tende a prendersi la scena con la stessa sobrietà di Achille Lauro a Sanremo. Stupisce davvero questa componente floreale, qui molto presente (e che spesso abbiamo riscontrato anche nei Michter’s, ad esempio), che finisce per regalare nel bicchiere un bourbon che sa poco di bourbon, tutto sommato… 85/100.

Sottofondo musicale consigliato: Steppenwolf – The Pusher.

Bruichladdich 15 yo (2003/2018, Valinch & Mallet, 54,1%)

Fabio Ermoli e Davide Romano hanno messo le mani su un barile di Bruichladdich, distillato nel 2003, e hanno deciso di imbottigliarlo lo scorso autunno. Non si tratta di un barile qualsiasi, non è il solito ex-bourbon: si tratta invece di una botte che precedentemente aveva contenuto Madeira, e il whisky invecchiato lì dentro c’è rimasto fin dal primo giorno, completando così 15 anni di maturazione tutti in ex-Madeira. Non è un profilo usuale, e dunque non ci aspettiamo di trovare il già visto… Mettiamolo alla prova.

N: mamma mia, che cosa strana!, decisamente no, non è un già visto. Troviamo note di grasso del prosciutto, un sentore netto e sulphury di compost (pare brutto dirlo, ma… c’è come una nota di “bidone dell’umido”, scusateci ragazzi), poi incontrovertibile e inaspettato arriva un sentore di pop corn caldi. Comunque molto strano, pesantemente sulfureo, decisamente inusuale. Ma che cos’è?! A riportare la carrozza nei binari più percorsi, ecco un croccante al miele e una sorta di ciocorì – e se invece fosse cioccolato bianco?

P: molto intenso e saporito, qui resta molto coerente, e ci sentiamo di confermare la definizione del sommo Matteo Zampini, frontman di Valinch nei festival italiani: popcorn liquidi. Ed è vero!, sa proprio di popcorn, caldi, burrosi e con una punta bene evidente di sale. Un poco di uva passa, a testimoniare di una vinosità accaduta e presente.

F: marino e salatino, con grasso di prosciutto e cenni, ancora, di roba lasciata lì a marc… ehm, fermentare – ma curiosamente e a dispetto delle apparenze è un sentore positivo. Molto lungo e persistente.

Quante volte abbiamo usato l’aggettivo “strano”? Di fronte a un profilo del genere, senza dubbio ostico e per niente sexy, si può fare come fa l’utente NiklasBM di whiskybase che assegna un 41/100 (“mai sperimentato così tanto zolfo […] un whisky completamente rovinato, che probabilmente mai avrebbe dovuto essere imbottigliato”), oppure si può, come facciamo noi, apprezzare l’unicità del single cask e pensare che questo è il classico whisky troppo divisivo, in fondo invalutabile… e poi alla fine dargli 85/100. Talmente freak che fa tutto il giro dall’altra parte e diventa piacevole. Caldamente consigliato un assaggio: difficilmente troverete cose simili.

Sottofondo musicale consigliato: Hot butter – Popcorn.

Longmorn 28 yo (1989/2017, Valinch & Mallet, 45,4%)

belli come il sole

Se ricordate, qualche anno fa erano molto comuni i Longmorn indipendenti: se ne trovavano di frequente, e i broker erano pieni di barili da vendere. Di recente la tendenza ha visto una frenata, e ora sono molto più comuni nomi meno noti, di distillerie meno conosciute – che così diventeranno più familiari agli appassionati, e così via. Di fronte a questa grande metafora del ciclo della vita (eh?), noi tiriamo fuori dal cappello proprio un Longmorn del 1989, selezionato e imbottigliato dai prodi Valinch & Mallet nell’ormai preistorico 2017.

N: ha due lati, che si alternano in maniera equa ed equamente schizofrenica: uno, più educato e quasi austero, tra il panino al latte e il limone candito; l’altro, invece, che mostra un’esuberanza di frutta tropicale essiccata dall’alto contenuto zuccherino (papaya e ananas). Una nota di uvetta burrosa e di gelato ci fa pensare al gusto Malaga – pian piano evolve, mostrandosi sempre più pieno.

P: anche qui molto educato, diviso tra la vaniglia, ancora il panino al latte e una frutta gialla che guarda alla tropicalità (qui sul cocco). Certo, nessuna di queste anime prevale, e complessivamente il profilo è abbastanza timido, e sconta forse il fatto di non avere una dimensione cremosa. Molto tagliente, molto thin: va facendosi erbaceo pian piano, con una netta menta verso il finale.

F: frutta secca e cocco, di medie lunghezza e intensità.

Diciamo che mostra i segni di un whisky quasi trentenne, con note tropicali così evolute e, nella nostra esperienza, così tipiche dei Longmorn appena un poco agée. Resta però a metà strada, un po’ troppo magro per le nostre aspettative e un po’ troppo erbaceo per risultare pienamente fruttatone, nonostante un naso assai promettente: siamo incontentabili, l’avremmo preferito più ruffiano, soprattutto al palato – e comunque ce ne berremmo a litrate. 85/100.

Sottofondo musicale consigliato: The Prodigy – Serial thrilla.

Caol Ila 18 yo OB vs Caol Ila 15 V&M

Dal momento in cui abbiamo aperto il blog, sei anni fa (quasi sette, si invecchia anche da queste parti!), abbiamo sempre avuto almeno un Caol Ila a disposizione – ora con un gesto di arbitrio ineguagliabile, beviamo gli ultimi due superstiti e li beviamo insieme, a sfregio. Si inizia da un grande classico della distilleria di Islay, il 18 anni che abbiamo già avuto modo di assaggiare qualche anno fa, per poi passare a un recente single cask già esauritissimo di Valinch & Mallet: mondi lontanissimi, come nell’album di Battiato, che diventano vicini di casa… basta avere un po’ di fantasia (e di sete)!

Caol Ila 18 yo (2017, OB, 43%)

whisky-caol-ila-18-year-43-Al naso, è un Caol Ila fatto e finito, così come ce lo immaginiamo, compatto e solido: quindi una torba gentile, fumosa, poi un lato balsamico, con mentolo e aghi di pino. Tanta parte agrumata, con arancia fresca e pure marmellata d’arancia. C’è una morbida quota di vaniglia. Al palato si conferma di una bella cremosità compatta, davvero beverina e suadente – corroborante, oseremmo dire, se solo avesse un senso. Tanta dolcezza, sì, ma mitigata dagli spigoli di Islay, con marinità in netto aumento, così come il fumo. Liquirizia. Ottimo nella sua banalità. 87/100. Buono, tanto buono, al punto che forse al quinto bicchiere può pure stancare… Viene via con una novantina di euro.

Caol Ila 15 yo (2002/2017, Valinch & Mallet, 52,8%)

Caol_ila_15_Valinch_&_Mallet_Single_Malt_Scotch_WhiskyAl naso, il lato torbato è molto simile al diciottenne, intenso ma non troppo aggressivo né particolarmente orientato al mare, salvo un sentore di pesce secco. Spicca una nota di risotto allo zafferano, e perfino un che di aceto balsamico. Il lato ‘dolce’ è vicino all’OB, anche se più scuro, decisamente più sbilanciato verso il bruciacchiato.  Al palato conferma questo spostamento, molto carico, con cuoio e liquirizia e miele evidentissimi. L’apporto dello sherry non è tanto sulla frutta rossa, quanto su una screziatura speziata (o una speziatura screziata, se preferite). Barbecue, pancetta sulla brace. 86/100. Buono, molto rustico, molto carico, ti deve piacere questo profilo, a tratti un po’ eccessivo forse. Pur nell’eccellenza complessiva, Serge lo definisce ‘impreciso’, e a dirla tutta siamo d’accordo: procede un po’ a strattoni, non ci sembra profondamente armonico; e tuttavia pare svolgere a pieno il compito di mostrarci ancora una volta come i single cask sappiano avere personalità da vendere e siano in molti casi degli abiti sartoriali, ad uno calzano a pennello, altri nemmeno ci entrano… ah lo si trova ancora sull’internet a 120 euro.

Sottofondo musicale consigliato: Led ZeppelinThe Battle of Evermore

Valinch & Mallet goes to… 1930!

Dopo l’eccezionale appuntamento novembrino con Giorgio D’Ambrosio, sabato prossimo al 1930 si torna a parlare di whisky nell’ambito del progetto “L’alchimia del whisky“, di cui già varie volte abbiamo scritto su questo blog. Il 2018 si apre coerentemente con il desiderio di fare un passo avanti rispetto alle degustazioni degli anni passati: dopo aver introdotto la clientela del locale allo scotch whisky, dopo averle offerto degustazioni monografiche su singole distillerie, ora si passa all’affascinante mondo degli imbottigliatori indipendenti. E il primo a varcare la soglia di uno dei locali più esclusivi d’Italia sarà… Valinch & Mallet!

Marco & Marco

Fabio Ermoli e Davide Romano dialogheranno con il sempre attivissimo Marco Maltagliati, raccontando la loro storia, le modalità con cui scelgono i barili, quello che vanno cercando e quel che invece vogliono evitare… Insomma, una chiacchierata a ruota libera per spiegare la concezione che Fabio e Davide hanno del mestiere di imbottigliatore indipendente. Il tutto, come sempre, sarà affiancato da alcuni drink creati ad hoc da Marco Russo, che si sbizzarrirà con il consueto estro e l’abituale competenza. La base, cioè i whisky che verranno aperti, bevuti in purezza e miscelati – almeno alcuni, i dettagli saranno una sorpresa anche per noi – sono questi quattro:

Davide & Fabio

– Caol Ila 6 yo, Four Grain Koval cask, 47,8%.

South Shore Islay Malt 8 yo, 48,8%

Macduff 20 yo, 51,3%

– Heaven Hill 8 yo, 48,8%

Imperdibile, vero? E allora non perdetevelo, diamine! Per informazioni e prenotazione, scrivete a marcomalta34@gmail.com.