Old Ballantruan (2016, OB, 50%)

Tempo fa abbiamo assaggiato Old Ballantruan 10 anni, versione torbata di Tomintoul – the gentle dram dal cuore dello Speyside. Non era andata malissimo, ma a dirla tutta non conserviamo un ricordo indelebile della qualità di quel whisky: rinfreschiamoci dunque la memoria con il fratellino senza età dichiarata. A differenza del decenne, questo Old Ballantruan conserva la ‘vecchia’ grafica, che è infinitamente preferibile alla nuova – ma si sa, de gustibus

N: come già nell’altro Old Ballantruan, la torba è molto chimica, densa, tutta sullo smog. C’è poi, molto caratterizzante, il lato di lieviti e canditi, a dimostrazione della giovane età. Troviamo perfino una nota metallica, quasi di rame. Dobbiamo dire che il degustatore distratto potrebbe facilmente pensare di avere sotto al naso un pacco di Amica Chips alla paprika: quell’amore/odio che tutti abbiamo provato negli aperitivi più disperati. Per il resto, vaniglia e arancia (arancia candita) accompagnano verso l’assaggio. Albicocca disidratata.

P: il corpo è masticabile, con una buona intensità. Qui diventa molto simile al 10 anni, facendosi quasi sovrapponibile. Come quello, ci troviamo una torba greve, da tubo di scappamento, ed una vaniglia agrumata. Un senso astratto di caramello. Il suo dramma però è che troppo si sentono i lieviti, troppo le imperfezioni (non tecniche quanto di ‘opportunità’, se ci intendiamo) per essere davvero convincente.

F: lungo, persistente, cerealoso; perfettamente diviso tra vaniglia e fumo.

Non possiamo certo nascondere una certa idiosincrasia con Tomintoul e i suoi imbottigliamenti ufficiali: ormai ne abbiamo recensiti un po’, e in tutti riscontriamo un sostanziale difetto di personalità. Anche in questo Old Ballantruan non riusciamo a riconoscere un dram pienamente soddisfacente, e anzi – ma si sarà capito leggendo la recensione – proprio non possiamo dircene convinti nonostante qualche guizzo. 77/100 dunque, e speriamo che il prossimo Tomintoul ci sappia far rimangiare le nostre parole.

Sottofondo musicale consigliato: modernariato anni ’90, con L7 – This ain’t the summer of love.

Annunci

Old Ballantruan 10 yo (2016, OB, 50%)

Tomintoul, distilleria di Ballindaloch, dal 2005 ha nel core range un’espressione torbata e senza età dichiarata, imbottigliata a marchio Old Ballantruan; ma solo dal 2012 l’offerta prevede anche un 10 anni, non colorato, non filtrato a freddo e messo in vetro a 50%. Oggi è giunto il momento di assaggiarlo… Una menzione per la bottiglia, di rara bruttezza – non ce ne voglia Angus Dundee.

N: sa di olive nere, salamoia, grasso di motore, olio d’oliva; la torba è poco fumosa ma molto ‘chimica’, smoggosa e minerale. Benzina. Amido da lavanderia, forse meglio lana bagnata. C’è una ‘dolcezza’ astratta da materia prima che riassumeremmo magistralmente con l’immagine dei cornflakes zuccherati. E se ci riconoscessimo del provolone dolce, saremmo da rubricare come dei poveri ubriachi? Forse sì, ma mica ci pagano, #checcefrega. Intendiamoci: non è affatto sgradevole, ha un profilo semplice ma molto particolare, è un gentle dram, ha lo stile timido di Tomintoul con però escursioni pesantemente sporche, torbate; interessante.

P: anche al palato la gradazione è impercettibile, e però così pare comportarsi anche il corpo, esile seppure i sapori siano anche di una certa personalità: l’effetto è che rispetto al naso, apparentemente si normalizza. E dunque vaniglia e cereale, con tanta gioventù; il tutto accompagnato da una torba smoggosa, certo non marina ma senz’altro minerale. Scorzette di agrumi, misti perché non sapremmo scegliere il più adatto.

F: di media durata, si esaurisce in maniera molto pulita, con appena dei cenni di cereale, di cenere esausta.

Tomintoul non ci convince mai appieno, resta sempre fin troppo rinchiusa nella sua dimensione di gentle dram, che talora tende a farsi una prigione – anche se in questo caso la prigione è brutalizzata da una torba intensamente ‘chimica’. 80/100.

Sottofondo musicale consigliato: 883 – Rotta per casa di Dio