Yoichi 10 yo (2017, OB, 45%)

Yoichi – e questo imbottigliamento in particolare – rappresenta una pietra miliare nella storia del whisky. Anzitutto la distilleria ci riporta a un passato antico che coincide con l’approdo del distillato di malto in Giappone: Yoichi, del gruppo Nikka, è infatti la prima distilleria fondata in proprio da Masataka Taketsuru, nel 1934, dopo il suo viaggio ‘di formazione’ in terra scozzese e dopo aver avviato al suo ritorno in patria, dieci anni prima, la distilleria Yamazaki, per conto di quella che sarebbe poi diventata la Suntory. Oggigiorno l’industria giapponese del whisky è dunque già quasi centenaria, per lo stupore dei più: per accorgercene abbiamo dovuto aspettare fino al 2001, anno in cui si compie l’altra storia, quella di questo Yoichi 10 anni, che vince il primo premio assegnato da Whisky Magazine. La giuria assaggia alla cieca e l’Occidente deve ammettere una volta per tutte che i giapponesi ci sanno fare.

N: un bel profilo pieno, abbastanza caldo e pure sempre con quel senso di acidità che spesso arriva dai dram del Giappone. Ci sono deliziose note di brioche all’albicocca (a dirla tutta, c’è un sacco di confettura d’albicocca!), c’è qualcosa di frutta candita (viene in mente la papaya candita, ma anche una più semplice arancia), c’è un appiccicume da miele. Ma non dimenticheremmo delle screziature minerali e leggermente torbate, con una gamma di note che vanno dalla candela spenta alla polvere da sparo, creando un profilo molto, molto interessante.

P: di grande impatto, tiene in primo piano quel lato più sporco, anche se dietro si dipana una dolcezza in costante crescita – sulle prime sembrava delicata, col tempo diventa sempre più intensa. E dunque di nuovo brioche, marmellata d’arancia dolce; c’è una crema catalana sempre più intensa, a proseguire quel senso di dolce-acido veramente degno di nota. E poi cenere, fuliggine, chiodi di garofano ancora…

F: un’infinità di legno speziato, con chiodi di garofano iper persistenti e un che di balsamico-salino che ci fa venire in mente (tenetevi forte) il dentifricio Neo Emoform. Qui la torba dura a lungo, ancora con cenere e braci spente. Ancora marmellata d’albicocca.

Volendo provare a intercettare il pensiero di un giurato qualsiasi di quelli che nel 2001 hanno assegnato il titolo di miglior whisky al mondo a questo Yoichi, beh questo pensiero farebbe più o meno così: “Ehi ma che ricco questo whisky, ha quelle caratteristiche dei whisky ‘di un tempo’, velati e minerali, eppure lo so, lo sento che è un whisky moderno, con quell’assemblaggio di botti così chirurgico e accattivante, guarda com’è speziato d’altronde. Questi non mi fregano, io azzardo: è un Benromach! E poi, e poi… dove avrò messo le chiavi della macchina? E quella hostess che ritira i bicchieri potrebbe essere mia figlia, ma accidenti quanto è debole la carne… ah Benromach, dicevo, non lo so non lo so, è il trentesimo whisky che assaggio! Ad ogni modo se avessi un blog di whisky gli darei un bel 87/100“.

Sottofondo musicale consigliato: Due Lipa – Blow your mind.

Yamazaki ‘Mizunara’ (2013, OB, 48%)

Stavamo cercando un modo brillante per iniziare questa recensione, immaginando modi bizzarri per introdurre lo Yamazaki Mizunara parlando di uomo del Giappone, genitali pixellati, spazi angusti e fiori di loto, ma poi, per fortuna nostra e soprattutto vostra, cari venticinque lettori, abbiamo desistito. Assaggiamo dunque la versione 2013 di un NAS di Yamazaki, invecchiato in botti di legno Mizunara, molto poroso e molto giapponese. Una nota di costume? Non si trova in vendita a meno di 1100 euro.

Schermata 2015-11-03 alle 20.28.22N: il naso si rivela subito particolare, particolarissimo. Chiariamo subito: ci sono due anime, una rotonda, morbida e (se ci concedete la sinestesia) ‘dolce’, l’altra invece molto più pungente, minerale (ma non solo) e quasi ‘salata’. A note piacevolmente maltose, pienamente briosciose (croissant all’albicocca, di quelli artigianali, belli burrosi e appena sfornati) e molto fruttate (frutta gialla su tutto il resto, con escursioni tropicali tra cocco e ananas dolce) si accompagnano suggestioni di salamoia, di sottaceti (?), proprio di sale. Perfino un che di… succo concentrato di Aloe? Ci sono suggestioni legnose (Federico parla di sandalo, e ci convince) e speziate, come spesso accade coi giapponesi; e pian piano si libra in volo una nota tostata, lievemente bruciata (non legna, ma pane, diremmo). Molto particolare!

P: prosegue esattamente sulla stessa linea, forse sbilanciandosi ulteriormente verso le note più inusuali. Ancora salamoia, olio d’oliva, pane e lieviti; ci sembra di riconoscere addirittura delle note di… pane ramerino! Ma non si pensi a un palato del tutto unsexy: queste suggestioni sono infatti accompagnate da un ‘basso continuo’ di dolcezza, apparentemente in disparte ma vivissima (ancora croissant, forse qualcosa che va verso il cioccolato bianco). Curioso abbinamento, ma armonioso e persuasivo.

F: lungo, tornano le note di legno e torna il tostato. Pepe. Burro caldo.

Molto, molto particolare, e molto, molto convincente. Le due anime, apparentemente così lontane, riescono a convivere pacificamente e in splendida armonia; la magia del whisky ancora una volta è avvenuta. Il nostro giudizio numerico sarà di 88/100, e non perderemo tempo a fare ovvie considerazioni sulla bolla, sui prezzi dei whisky giapponesi, sui pixel sui genitali.

Sottofondo musicale consigliato: Aaron Neville – Hercules.

Hakushu 18 yo (2014, OB, 43%)

Siamo ancora in hangover da Whisky Festival; per questo, prima di mettere insieme le idee e, soprattutto, prima di rimettere in ordine i sample che abbiamo raccolto, pubblichiamo un malto giapponese che abbiamo assaggiato qualche settimana fa alla degustazione ‘made in Japan’ tenutasi al Bar Metro di Giorgio D’Ambrosio. Affrontiamo dunque l’Hakushu 18, malto vincitore di diversi premi proveniente da una distilleria i cui tratti più lirici potete trovare descritti qui. 18 anni, dunque, e un bel colore ambrato chiaro.

898_392_hakushu-18N: abbastanza pungente. Dominano note di sherry e ‘di legno’. Un che di agrodolce (tipo worchester sauce, o, dato che siamo in Giappone… salsa di soia?). Uvetta; ci vengono in mente le fragole col Porto, ma forse è solo perché le abbiamo mangiate proprio l’altra sera. In crescita suggestioni di legna tagliata, di ‘segatura’. Zuppa inglese: non è cremoso, piuttosto è… acidino?, ma è una sinestesia e non vorremmo mai. Liquore alle mandorle; spremuta d’arancia; mele e prugne cotte, ma fredde!, come piacciono ‘a mio nonno’. Una suggestione, forse, tra il cioccolato e la scorzetta; mela verde. Letto così può sembrare scombinato e incoerente, ma ha un suo stile molto netto; un buon naso.

P: piacevole, intenso in modo costante, senza fiammate, e al contempo molto beverino. Qualche punta di miele, di chips di mele; ancora un qualcosa di acidino… Solo agrume? Qui pare piuttosto un limone zuccherato. Poi uvetta, ancora zuppa inglese; il tutto percorso da un costante fantasma, ovvero una torbatura lieve ma inconfondibile. Un pit di cera, persino.

F: medio lungo, uvetta, malto, scorzette d’arancia. Una lieve capatina torbata.

Buono, non si può negare. Ha però, a nostro gusto, un costante passo ‘acidino’ che alla lunga ci pare un po’ eccessivo e, soprattutto, un po’ prevaricante le altre sfumature aromatiche, soprattutto in un naso che è senz’altro molto ricco e vario. Detto ciò, e certo non per pregiudizio nei confronti dei giapponesi (di cui anzi ieri Salvatore Mannino ci ha mostrato espressioni notevolissime), il nostro voto non salirà oltre 84/100.

Sottofondo musicale consigliato: Buck Owens – Made in Japan, e la cosa che ci ha convinto è il sottotitolo del video: ‘this is from a less complicated time’.

Chichibu ‘The Peated’ (2009/2012, OB, 50,5%)

E chiudiamo qui il nostro percorso giapponese; con la certezza, però, che su questi lidi torneremo presto, e con piacere – non conoscevamo tanto i whisky dell’estremo Oriente, e non possiamo che ringraziare Salvatore, Giorgio, Davide, Claudio e Pino per aver permesso a tanti appassionati di scoprire (o di conoscere meglio) questi territori. Chiudiamo con un Chichibu ‘the Peated’ che, se siete ragazzi svegli come crediamo, avrete compreso essere la versione torbata del ‘normale’ distillato. Tre anni d’età, come l’altro, e imbottigliato a 50,5%.

295356_392013237580290_310358512_nN: di certo non dimostra solo tre anni… e per fortuna, la personalità di cui questo whisky è già sorprendentemente dotato non pare indotta da un apporto smodato della botte. Un’affumicatura e una torbatura ancora genuine e vegetali non pregiudicano l’intensità del lato ‘dolce’: zucchero filato, canditi (soprattutto cedro – c’è un lato molto gradevole). Nitida una suggestione di castagna bollita, oltre ad abbondanti zaffate di un buon legno di quercia. Pur non essendo la distilleria sul mare, a tratti ci pare salatino e iodato: sarà una suggestione da Islay? Alcuni presenti accennavano a certi vecchi Laphroaig… Semplice ma assai gradevole. Liquirizia, tracce.

P: qui già torniamo sul pianeta dei neonati: inizialmente, un attacco di fumo legnoso e vegetale ancora imbizzarrito e non levigato dal tempo (posacenere, sigaro spento), poi vigorosi influssi agrumati (limone, limonata zuccherata) e vegetali (qui si sente tanto il malto). Anche se ci piace meno, al palato, di certo conferma la sua personalità; ancora note di liquirizia, ancora di arancia.

F: uno show di erba secca, liquirizia e posacenere ricolmo. Molto lungo e persistente; note fruttate (mela gialla).

Molto buono, non c’è che dire; a soli tre anni mostra una sicura personalità che altri pari età scozzesi probabilmente ancora si sognano. Il naso ci pare davvero molto interessante, il palato – a dirla tutta – un po’ meno, ma il complesso è assai persuasivo; rispetto al fratellino non torbato, però, ci sembra leggermente più grezzo e un po’ meno entusiasmante. Dovessimo scegliere tra i due, acchiapperemmo quell’altro, ma a questo – comunque – non possiamo dare meno di 83/100.

Sottofondo musicale consigliato: EditorsFingers in the factories.

Yamazaki 1995/2010 (La Maison du Whisky, ‘Owner’s cask’, 54.9%)

shinjiro-toriiScuro come la notte, questo Yamazaki è stato l’ultimo dei whisky assaggiati sabato scorso, e di certo il più controverso. Questo malto proviene dalla più vecchia distilleria di solo whisky del Giappone, fondata nel 1923 dal Shinjiro Torii (cioè quel signore con la faccia austera che vedete qui a fianco). Abbiamo a che fare con un 15 anni, distillato nel 1995 e imbottigliato nell’anno del Triplete dell’Inter da La Maison du Whisky, nella serie ‘Owner’s Cask’. Affrontiamolo.

Schermata 2013-05-16 a 23.49.41N: non che il colore lasciasse dubbi… è uno sherry monster fatto e finito, anche se non privo di ‘deviazioni’. Tanta buona frutta rossa e pacchi di prugne secche (ma proprio pacchi). Albicocche disidratate, datteri; note di aceto balsamico. Poi, però, c’è anche un lato diverso, speziato, erboso e molto particolare: rabarbaro (Salvatore Mannino parlava di Fernet Branca, e in effetti…), tamarindo. Non molto ‘legnoso’. Tabacco aromatizzato ai frutti rossi (quello del narghilé). Snasata dopo snasata, ricorda prima un infuso d’erbe, poi prende il sopravvento la ‘dolcezza’… Bello cangiante.

P: uno shock. Il corpo, innanzitutto, pare un po’ slegato e ‘acquosino’; al di là di una bella frutta rossa che si riconferma (assieme a tante prugne secche), gli aspetti più particolari del naso si ripresentano sotto forma di incubi… La parte erbacea e legnosa vincit omnia, tannini a go go che donano un amaro ahinoi davvero schiacciante. Un senso di fondo di caffè (proprio quel residuo della moka), poi tè dimenticato in infusione, fave di cacao…

F: coerente col palato, purtroppo, in un primo momento; è però molto lungo, e dopo un po’ tornano suggestioni fruttate (diciamo mon cheri).

Il bifrontismo di questo Yamazaki lascia stupefatti: il naso è davvero molto buono, ma si scontra con un palato francamente deludente, in cui l’apporto della botte è andato decisamente oltre il lecito… E insomma, trasformando le parole in numeri, la media tra naso e palato sarà di 80/100; è comunque un’esperienza molto interessante, e se avete occasione, almeno, annusatelo…

Sottofondo musicale consigliato: Faith No MoreWar Pigs, cover dei Black Sabbath…

Karuizawa 28 yo (1984/2012, La Maison du Whisky, 59,3%)

Karuizawa è una distillera chiusa da qualche anno, ormai; la cosa decisamente dispiace a tutti gli appassionati, dato che – molto banalmente – i suoi alambicchi buttavano fuori un distillato di qualità davvero notevole, e negli ultimi anni anche nel Vecchio Continente ha trovato fama e fortuna più che meritate. Si metta agli atti che l’orzo utilizzato dalla distilleria era il “Golden Promise”, varietà molto in voga in Scozia nei gloriosi anni ’70 (ora, se non andiamo errati, è usata quasi solo da Glengoyne e Benromach… se avete informazioni in proposito, datecele!) ed ora rimpiazzata da versioni più ‘performanti’, ma non necessariamente migliori… Ma insomma, le lodi sperticate nei confronti di Karuizawa le avevamo sempre solo lette e sentite, perché fino a sabato scorso non avevamo mai avuto il piacere di metterci sopra il naso: e quindi, eccoci alle prese con un single cask (#7975) del 1984, botte di sherry, imbottigliamento bellissimo de La Maison di Whisky nella “Cocktail Serie”.

Schermata 2013-05-16 a 21.39.13N: alcolico ma annusabilissimo e molto aperto; nonostante l’età pare relativamente fresco, anche se certo non spensierato…. Vale a dire che l’apporto della botte è importante e il complesso rivela aromi decisi: mele rosse fresche, confetture d’albicocca e frutti rossi, tanta legna ‘secca’ e spezie (cannella, chiodi di garofano). Sentori di aceto balsamico. Molto particolare il fatto che sembri sia secco che cremoso… Maestosa frutta secca (nocciola); fichi secchi; complesso, ma soprattutto molto intenso. Una bella maltosità si svela, assieme a delle suggestioni (sarà vero?) persino floreali. Pian piano, e con l’aggiunta di un goccio d’acqua, spunta una certa affumicatura e il lato cremoso aumenta decisamente.

P: gusto deciso, attacco prorompente e di grande personalità. A tutto legno e spezie (cannella, un sacco!); fichi secchi e prugne secche. Coerente col naso, ne ripete infatti la complessità: ancora un’impressione di confettura (d’albicocche, soprattutto); suggestioni di pasticceria marocchina, o mediorientale, anche se non è affatto stucchevole per dolcezza; emerge infatti a far da contrappeso una nota amarognola (chinotto, rabarbaro, legno). Sul finale, inattesa ecco una discretissima affumicatura (forse un che di polvere pirica bruciata?). Buono, particolare, impegnativo. Con acqua, una marmellata d’arancia emerge.

F: molto lungo e gradevolmente fruttato; l’albicocca torna ad essere la grande protagonista, assieme a una crescente – ma ancora assai discreta – affumicatura.

La fama è davvero meritata: la complessità è notevole, così come l’intensità di tutti gli aromi. Bastano proprio poche parole: molto, molto buono, Consigliatissimo, ma occhio ché le poche bottiglie rimaste sono molto costose… Il nostro giudizio sarà di 90/100.

Sottofondo musicale consigliato: Francoise HardyLa maison ou j’ai grandi (c’est La Maison du Whisky…)

Degustazione “Whisky dal Sol Levante”

max, betty e salvatore
max, betty e salvatore

Sabato, presso il Bar Metro di Giorgio D’Ambrosio a Milano, si è tenuta una degustazione “storica”, e per una volta non è un’iperbole: Salvatore Mannino, straordinario brand ambassador di La Maison du Whisky (tempio del whisky parigino) ha presentato – con sapienza e vibrante passione – al pubblico italiano una selezione di whisky giapponesi (per cui LMDW è principale importatore europeo), che negli ultimi anni hanno visto crescere la propria fama e la propria visibilità ma che in Italia restano ancora poco ‘approfonditi’. Non faremo un resoconto, ci ha già pensato egregiamente Andrea (se volete vedere qualche nostra foto, le abbiamo messe su facebook); vorremmo solo ringraziare chi si è speso per ideare e rendere possibile un simile tasting, ovvero in primis Elisabetta Scrimenti e poi Claudio Riva, Davide Terziotti, Max Righi e – last but definitely not leastGiorgio D’Ambrosio. Il parterre iniziale era certamente di tutto rispetto (Yoichi 1988, OB, 55%; Karuizawa 1984, 28 yo ‘Cocktail series’, LMDW, 58,4%; Chichibu ‘The Peated’, 2009/2012, OB, 50,5%; Hanyu 1986, 22 yo, Part des Anges, 58,4%; Yamazaki 1995/2010 ‘Owner’s Cask’, LMDW, 54,9%), ma grazie allo stesso Salvatore e al prode Pino Perrone di Spirit of Scotland abbiamo potuto assaggiare anche altri due whisky, ovvero un Nikka ‘From the Barrel’ e un Chichibu 2009/2012 ‘Chibidaru Single Cask’. Diamo tempo al tempo, pian piano in questi giorni – impegni di lavoro permettendo – pubblicheremo delle stringate tasting notes (vi pareva che potessimo tornare a casa privi di un sample per ogni malto?); ma iniziamo dall’aperitivo, ovvero il Nikka ‘From the Barrel’, un blended imbottigliato a 51,4%. Salvatore ci ha spiegato che in Francia, scherzando, si dice che un negozio di whisky potrebbe campare vendendo anche solo questa bottiglia… Mettiamola alla prova, dunque!

5Nikka ‘From the Barrel’ (2012, OB, 51,4%)

N: beh, in effetti no, non sembra un blend… E non sembra neppure a 51 gradi! Intense e gradevoli note fruttate, marmellatose; confettura d’albicocca (brioche), marmellata d’arancia. Note di spezie dolci che crescono, man mano (cannella); una sensazione di ‘pasticceria’ (e di crema pasticcera). P: molto coerente col naso, dolce, cremoso. Ancora note di brioche all’albicocca, di confettura di frutta, poi di crema, ancora suggestioni speziate (qui anche pepe), toffee, caramello, vaniglia… Semplice ma bevibilissimo. F: piuttosto lungo, tutto su toffee e brioche.

Se spendere una trentina d’euro per un blend, oltretutto per una bottiglia da 50 cl, può sembrare una follia… beh, onestamente in questo caso non lo è. Un’ottima sorpresa, davvero; non è magari di grande complessità, ma tiene tranquillamente testa a molti single malt scozzesi, e ad assaggiarlo blind chissà quanti scommetterebbero che è un blended giapponese! La mia valutazione è di 83/100, e Ruben ad esempio la pensa così. Ottimo modo di iniziare questo percorso nel mondo del whisky del Sol Levante…

Sottofondo musicale consigliato: Ryuichi Sakamoto e David SylvianForbidden Colours.