Balvenie 12 ‘Single Barrel’ #4775 (2018, OB, 47,8%)

Da qualche anno Balvenie ha ampliato la sua offerta di single casks, allargando la serie ‘Single Barrel‘ anche al 12 anni, generalmente maturato in bourbon, oltre allo storico 15, generalmente maturato in sherry: oggi assaggiamo il frutto del barile #4775, una botte appunto ex-Bourbon che ha ospitato per 12 anni (ma va’!) il distillato di Balvenie (ma va’!). Messo sul mercato nel 2018.

Questa è un altro Single Barrel: la bottiglia vera, di cui google non serba traccia, è nell’altra foto in alto: è più grande, la dovresti trovare facilmente

N: burro e brioche, brioche e burro… Iper aromatico, avvolgente e piacente, ci ricorda pasticceria di vario genere: le Tenerezze al limone, le ricordate?, poi pastafrolla, frollini al burro. Ha un che di “fresco ma caldo”, che definiremmo come fieno. Limone candito, poi la ‘solita’ mela gialla. Ananas disidratato, in cubetti. Piccoli. Zenzero candito, in cubetti. Piccoli. Mandorle tostate?, frutta secca sicuramente.

P: più affilato di quanto promettesse il naso, pur se in un contesto di dolcezza diffusa. Limone, crema al limone, albedo; sa di burro, senza averne la consistenza. Tanto distillato. Ancora ananas disidratato. C’è molto legno, tende a chiudere proprio sulla nota tostata legnosa, leggermente amaricante, e pepe bianco.

F: legno, secco, poi dopo un po’ va verso il cioccolato bianco. Ancora pepatino.

Non è confortevole, dice Zucchetti, e noi gli crediamo: non si può dire che non sia buono, né che gli manchi personalità… È però un po’ più ‘verde’ del solito, con un naso piacione e, con incoerenza, decisamente più affilato e tagliente al palato, ma senza particolare equilibrio. E sempre senza equilibrio abbiamo nel bicchiere note di distillato e note di legno che non si sposano mai appieno e in armonia. Non è una cattiva bevuta, intendiamoci, e non è però neppure il miglior Balvenie di sempre: 83/100.

Sottofondo musicale consigliato: David Riondino – Noi piedi.

Wardhead 21 yo (1997/2019, Valinch & Mallet, 54,8%)

Il mondo della burocrazia e degli Azzeccagarbugli è molto piccolo. E anche in Scozia, terra proverbialmente attenta al denaro dai sesterzi di Adriano in poi, spuntano ovunque leggine e cavilli per tutelare i grandi marchi. Per esempio, da qualche anno è sempre più comune la pratica del “teaspooned” whisky. Letteralmente, significa “whisky con un cucchiaio da tè” e indica generalmente un singolo barile imbottigliato da un marchio indipendente, ma che la distilleria non vuole riporti in etichetta il nome originale. Per evitarlo, come immaginificamente ipotizza Serge, delle vecchiette di Dufftown alle cinque del pomeriggio – invece del loro caro Earl Grey – versano un cucchiaino di un malto di una distilleria gemella nel barile: il single malt diventa tecnicamente blended malt e tocca inventare un nome di fantasia e aggiungere la dicitura “undisclosed distillery”.

woman-knitting-vintage-drawing
Le signore di Dufftown si rilassano prima di assaltare a colpi di cucchiaino il barile di Glenfiddich

La pratica è utilizzata spesso dal gruppo WM Grant, proprietario di Glenfiddich, Balvenie e Kininvie. Nella fattispecie, “Wardhead” indica i barili di Glenfiddich con una piccola aggiunta di Balvenie, mentre il contrario si chiama “Burnside” (anche se recentemente anche questo nome è stato registrato e concesso in utilizzo alla sola Cadenhead’s, per rendere le cose più semplici…).
Noi da bravi anarchici alziamo le spalle davanti a questi vincoli che avrebbero tanto fatto arrabbiare Bakunin e ci limitiamo ad assaggiare questo 21enne bourbon hogshead selezionato da Ermoli e Romano, alias Valinch & Mallet, che ne hanno tirate 339 bottiglie.

 

vatted_war1N: molto elegante e vellutato, in pieno stile Speyside. Esibisce un naso fruttato e fragrante. C’è subito un senso di miele e limone, tanta frutta gialla e bianca: mela golden, arancia, ananas appena acerbo. Vaniglia e burro sciolto. Perfino un qualcosa di fieno caldo, o addirittura più fresco, come di erba falciata? Non sarà un mostro di complessità, ma di certo è una bevuta (pardon, una snasata) gradevolissima. Dopo un po’, sviluppa una nota minerale inattesa e accattivante che ci sorprende, ed è una bella sorpresa.

P: l’impatto qui è esplosivo, con una frutta fresca incredibile, che ci fa venire in mente subito la macedonia d’antan, con qualcosa – quasi – di tropicale. Se dicessimo ‘carambola’?, a dimostrare un frutto tropicale bianco e non troppo dolce, con un sentore acidulo… Comunque delizioso. C’è poi un bell’abito di cereale (torta di mele, biscotti alla crema), sotto il quale guizza una punta d’agrume (arancia), che poi va verso una frizzantezza minerale e polverosa, tipo Citrosodina. Prima di chiamare la neuro, almeno assaggiatelo, no?

F: lungo, si chiude molto pulito e delicato, con una vellutata zuccherina di pera. Una puntina di zenzero?

Quel vecchio Highlander di Giorgio Armani ama dire che “l’eleganza non è farsi notare, ma farsi ricordare”. Glenfiddich (dai, il re è nudo, si può dire) è per dna un malto delicato, ma ahinoi la scelta di diluire l’intero core range a 40% non li rende indimenticabili. Qui invece la gradazione più sostenuta regala incisività. La vivacità dell’anima fruttata è impressionante e stavolta è supportata da un’intensità tale da prolungare il finale. E la sensazione vellutata e pulita che rimane in bocca è francamente un piacere vero. Brave quelle vecchine con il loro cucchiaino da tè: 90/100.

Sottofondo musicale consigliato: Steve’n’Seagulls – Thunderstruck, cover degli AC/DC realizzata suonando incudini e – ça va sans dire – cucchiai…

Monkey Shoulder (2010 circa, OB, 40%)

Eccoci alle prese con il blend di casa Grant’s, ovviamente prodotto a partire dalle distillerie di proprietà del gruppo dello Speyside: Glenfiddich, Balvenie e Kininvie finiscono qui dentro, oltre a una discreta quota di grain whisky. Il rinvenimento di questo campione, una mignon originale da 5 cl, è per noi motivo di ricordi molto cari; ci fu infatti donato al termine del nostro soggiorno a Dufftown dalla vecchina- fiera e combattiva ottuagenaria di casata Macdonald- che ci forniva a buon prezzo letto e una robustissima scottish breakfast proprio nell’amena capitale del whisky. Siccome in quei giorni il succo di malto non mancava, conservammo gelosamente il regalo in attesa di tempi duri, che per fortuna non sono mai arrivati. E così a distanza di qualche annetto tramutiamo i ricordi di quel viaggio in una recensione.

N: un blended che sa di blended. Naso molto facilone e annusabile, senza intrusioni dell’alcol, tutto giocato su una rotondità piacevole: nocciola, banana, porridge, cereali, scorzetta d’arancia, miele. E vaniglia, forse crema pasticciera, certo uvetta…

P: un po’ debole al palato, non sappiamo se il campione ha perso qualcosa per via della lunga permanenza in casa della vecchina di Dufftown o se è solo la gradazione bassa a tradire. C’è una dolcezza davvero molto astratta (e non sempre convincentissima), simile alle caramelle alla violetta; e poi miele, toffee e cereali a piacimento. Ancora un tocco di frutta secca (nocciola).

F: lunghino, tutto tra la frutta secca e un senso erbaceo cerealoso.

Questa spalla di scimmia, nome che deriva dalle robuste spalle degli ormai quasi estinti spalatori di malto del malting floor, è un blend complessivamente dignitoso, forse un po’ costoso (siamo sui 30€) rispetto alla complessità, alla consistenza al palato e ai piaceri che offre. Peccato, diciamo, perché le premesse c’erano tutte, potendo contare su una ricetta che contiene un whisky eccellente come quello prodotto a Balvenie. Noi ci fermiamo a 78/100.

Sottofondo musicale consigliato: Alberto Radius – Giù

un capolavoro del grande Radius con questo incipit:

Al momento giusto
so che la risposta
quasi sempre il whisky me la dà
e c’ho preso gusto
mi ubriaco presto
mando in culo il resto, la realtà

Ailsa Bay (2015, OB, 48,9%)

4319f6b7ede0e2b3b5d16798a6a445d4Ailsa Bay è una distilleria concettuale, se vogliamo: la compagnia Grant’s, proprietaria di Glenfiddich e Balvenie, ha deciso nel 2007 di ampliare Girvan (distilleria di grain whisky) implementando appunto Ailsa Bay, con l’obiettivo di sostituire Balvenie nei blended di scuderia (così da poter mantenere buone scorte dell’aureo Balvenie) e, cosa ancora più interessante, di poter produrre whisky con stili differenti (molto torbato, noccioloso, fruttato…). Questa scelta è giustamente stata dipinta dagli analisti come un case-study, perché letteralmente defeca in testa alla nozione di territorialità e a ciò che questa implica: la scelta, deliberata, vuole infatti porre l’attenzione sullo stile del distillato e rendere così la produzione molto duttile, a seconda dell’obiettivo che il distillery manager ha, di volta in volta, in mente. Questo ci spinge a una considerazione preliminare sullo stato delle cose, fatta un po’ rapidamente, ché è pur sempre agosto e non siamo ancora andati in ferie – perdonateci. Tempo fa si chiacchierava di due possibili direzioni per lo scotch: la grande industria e l'”artigianalità”, i colossi e le craft distilleries, i grandi numeri e le piccole produzioni. In un certo senso, questa opposizione richiama (pur senza esserne perfettamente sovrapponibile) la distanza tra l’attenzione alla materia prima e quella per il risultato finale – è sempre una questione di visione, di concezione del proprio marchio di scotch whisky e del proprio modello di business, e tutto è legittimo, sia chiaro: in questo caso, siamo di fronte a distillerie che guardano alle differenze, alla storia, alla tradizione, alla lentezza (val forse la pena di leggere l’interessante intervista a Olivier Humbrecht, che lavora con il vino ma è grande appassionato di whisky), che cercano di recuperare e lavorare materie prime del territorio, e ad altre che invece guardano all’immediato e piegano il processo produttivo in funzione di un obiettivo, quale appunto la presente Aisla Bay – la cui proprietà è di per sé garanzia di alti livelli. Noi, restando persuasi che è sempre e solo una questione di qualità (o una formalità, non ricordo più bene), di fronte a questo A.B. siamo sospesi tra la distaccata fascinazione e la partecipe disapprovazione, e non possiamo che assaggiare per sciogliere il dubbio: questo imbottigliamento, l’unico ufficiale per ora, ribalta il tavolo del terroir e propone un torbatone delle Lowlands. Ah, il postmoderno, che figata!

Schermata 2016-08-12 alle 18.28.20N: sulle prime è senz’altro la torba a monopolizzare l’attenzione, lanciando zaffate raramente così attigue alla gomma nuova, al catrame, alla plastica bruciata. La dolcezza all’inizio si manifesta anch’essa in maniera inorganica, ricordando la pasta medicale del dentista. C’è della vaniglia, papale papale, senza troppi fronzoli, e dello zucchero liquido; poi, gradevoli sentori sinceri di erba fresca, di prato umido, a cesellare un profilo semplice ma accattivante.

P: presenta le stesse curiose stranezze del naso, con una torbatura molto marcata e intensa, tutta giocata sulla plastica bruciata, il catrame, i copertoni, certi medicinali (siamo folgorati dalla suggestione: tachipirina)… Ha note erbacee ed amare, che accompagnano verso il finale una dolcezza ben bilanciata e fatta di vaniglia e pere.

F: c’è bisogno di dirlo?, fumo fumo fumo, plastica, catrame, gomma brasata…

Non è male, di certo è molto particolare, e non solo perché – come detto – anche solo sulla carta un torbato delle Lowlands mette in crisi tutte le nozioni di territorialità che abbiamo tutti imparato. La nota amara ed inorganica, da plastica bruciata, scatenerà con facilità le suggestioni di ognuno di voi, avventurieri del single malt. Scannatevi poi tra avanguardisti e classicisti, scendete nell’agone della querelle des anciens e des modernes in salsa maltata: nel frattempo, noi beviamo e alziamo la paletta del 84/100.

Sottofondo musicale consigliato: CCCP – Io sto bene.