Arran 21 yo (1996/2018, Claxton’s, 52,1%)

Una decina di giorni fa abbiamo ricevuto un set di campioni con le nuove release di Claxton’s, imbottigliatore indipendente scozzese importato in Italia dai prodi ragazzi di Whiskyitaly (grazie, Diego!). Oggi assaggiamo un single cask ex-refill sherry di Arran, invecchiato per ben 21 anni e imbottigliato a grado pieno; nella nostra percezione, gli Arran danno il loro meglio o quando molto giovani e assertivi (qualcuno ricorda il single cask in sherry per il Milano Whisky Festival?) oppure quando superano i 18 anni, sviluppando una quieta eleganza generalmente deliziosa. Troveremo conferme nel fondo di questo bicchiere? Generalmente domande come queste sono degne dell’alcolista più disperato, sì, lo sappiamo.

N: che piacevolezza! È un whisky “croccante”, per usare un aggettivo tremendo: ha ancora una bella freschezza agrumata, con molta arancia. Poi il cereale, con note di corn flakes e soprattutto di tarte tatin (a rendere conto di aromi fruttati caldi, e quindi tanta, tantissima mela). Col tempo cresce una nota deliziosa di favo di miele, di cera, a dare una splendida patina agée a questo naso. Perfino qualche punta di tabacco dolce, aromatizzato. Elegantissimo. Fiori secchi, dopo un altro po’.

P: conferma le premesse promesse al naso. Molto avvolgente e pieno, esordisce con note ancora mineral-cerose e di miele davvero seducenti… Esplode poi la frutta, ancora divisa tra mele e arance, entrambe variamente declinate (cotte, fresche, mature); anche dell’uvetta. C’è anche qualcosa di cioccolatoso… forse scorzette d’arancia in cioccolato? Un po’ di pepe bianco.

F: intenso e di media persistenza, tutto su miele, arancia e mele rosse. Delizioso.

Beh, il fondo del bicchiere ha confermato quel che speravamo di trovare: un malto elegante, raffinato, delicato e non urlato, ma non per questo privo di una personalità ferma e assertiva. Riesce ad essere complesso e beverino: in attesa che esca il primo 21 anni ufficiale, è questione di settimane, questo resta un benchmark importante e una bevuta davvero godibile, per ogni palato. Caldamente consigliato. 89/100.

Sottofondo musicale consigliato: Eugene McDaniels – The Parasite (For Buffy).

Arran Smuggler’s Serie vol.1 ‘The Illicit Stills’ (2015, OB, 56,4%)

Nell’autunno 2015 Arran ha lanciato Smuggler’s, una serie limitata a tema distillazione illegale, con bottiglie eclettiche e confezioni ambiziose: un falso libro, decorato come un grafico millennial probabilmente si immagina un libro dell’Ottocento, nasconde al suo interno una bottiglia, ta-dà! Pochi giorni fa è uscito in Italia il terzo capitolo, che a quel che ci risulta è già esaurito; noi siamo rimasti indietro, e affrontiamo oggi la prima versione, ‘The Illicit Still’s. Non è data conoscere l’età, ma c’è dell’Arran torbato (a diversi gradi di torbatura, a dirla tutta), c’è dell’Arran invecchiato in Porto, insomma: c’è una ricetta complessa, c’è un concept forte a livello di marketing, vediamo se il teatro regge alla prova del bicchiere.

arran-malt-smugglers-edition-2015-copyN: sia come sia la ricetta, al naso questo alambicco illegale regala note molto fresche di un distillato giovane, con una venatura torbata che proprio non le manda a dire. E quindi notiamo tanto burro fresco, tanto cereale (diremmo: porridge), anche canditi; forse addirittura latte. Tanto, tantissimo limone. Zucchero a velo. Al contempo emerge una nota ‘dolce’ un po’ più calda, diremmo di marmellata, forse confettura d’agrumi? E poi, la torba: un leggero affumicato che ricorda molto, anche se da lontano, la scamorza – affumicata, ovviamente.

P: il primo impatto è tutto sul limone, sembra di addentare un limone leggermente affumicato e con dello zucchero a velo sopra. Agghiacciante? Non come sembra, a dir la verità. Note ancora burrose, o di panna cotta; una piccola vetta fumosa, quasi pirica, risultante dall’abbinamento tra una torba bella vivace e l’eco della dolcezza da Porto. Per il resto, un senso di vaniglia astratto, e tanta gioventù.

F: lungo e persistente, limonoso e fumoso; e poi, ancora panna cotta. Pane.

Il primo capitolo della serie ha una grande potenza agrumata, che esplode in tutta la sua virulenza al palato; e si sente che la torba è tosta, non è un semplice dettaglio verbale, ma vera sostanza. E pure, al di là del mero, sterile elenco di descrittori e al di là di una bevuta piacevole, il profilo complessivo resta un filo esile, senza profondità se vogliamo, e per quel che ci riguarda non rende giustizia a una distilleria che ha dimostrato di avere uno stile preciso e di nostro gusto. Detto ciò, siccome non sapremmo dire se a leggere queste parole si comprende fino in fondo l’emozione che pervade i nostri cuori, diamo i numeri: 82/100. Ciao.

Sottofondo musicale consigliato: Kiasmos – Looped.

Arran 17 yo (2014, OB, 46%)

Nel 2015 Arran ha rilasciato il primo 18 anni ufficiale: ma siccome per quello siamo in ritardo (hey, Facili, vi siete resi conto, vero?, che il 2015 era l’anno scorso, no?), decidiamo di assumere sulle spalle l’intero peso della responsabilità del ritardo: e dunque ci beviamo il 17 anni messo sul mercato l’anno precedente, in edizione limitata a 9000 bottiglie, con malto non torbato invecchiato in sole botti ex-sherry. Il colore dorato ci invita accogliente.

arran-17-year-oldN: la prima sensazione è quella di crema catalana, di zuppa inglese, di uvetta macerata e infilata in una grassa crema dolce… Belle note di marzapane, in crescita costante, e un velo di miele. Non si trascuri la presenza fruttata, piena, profonda e soddisfacente: mele (diremmo: mele cotte), prugne (diremmo: prugne cotte), anche agrumi (e qui no, non diremmo: agrumi cotti, bensì: arancia soprattutto). Resta costante il malto, vera costante di Arran, con note briosciose, di fette biscottate, magari “tutte shpalmate” dimm…armellata all’arancia (citazione colta, quasi: chi la riconosce vince un dram al prossimo Milano Whisky Festival!). Cocco. Molto piacevole.

P: molto coerente, molto buono. L’apporto dello sherry, anche in questa fase, è relativamente discreto: tanta mela rossa, un po’ di cuoio, arancia rossa… Ma poi ancora frutta cotta e marmellata d’arancia; un grande ritorno sulle nostre pagine, lo zenzero candito!, magari pucciato nel cioccolato… Perché sì, c’è pure il cioccolato, al latte. Ancora brioscia maltosa e mielosa. Buono! Frutta cotta (sempre mele e prugne). Un velo di spezie (cannella).

F: piuttosto lungo, molto coerente: frutta cotta, marzapane e arancia rossa multiforme.

Beh, beh: molto buono. Relativamente standard come profilo, mostra le peculiarità di tutti gli Arran che abbiamo assaggiato, ovvero la pulizia estrema e un malto in primo piano. Apprezziamo che lo sherry non sia una sverniciata coprente ma un elegante vestitino corto: nel complesso, stiamo sugli 87/100.

Sottofondo musicale consigliato: Kiasmos – Looped.

Arran 10 yo (2015, OB, 46%)

Pur avendone versato tanto nei bicchieri degli appassionati agli ultimi festival (e tra gli appassionati, ehm, diciamo che anche noi… ehm, cough cough, insomma…), non abbiamo mai recensito la versione entry-level di Arran, distilleria dell’isola di Arran (sorprendente, vero?) che da vent’anni, ormai, distilla single malt scotch whisky per la gioia dei più – si suole dire che nei primi anni il prodotto fosse promettente ma non entusiasmante, e che però negli ultimi sei/otto anni il livello sia salito di molto. Nel dubbio, assaggiamo ‘sto dieci anni, va’, non colorato, non filtrato a freddo, maturato in botti ex-bourbon ed ex-sherry.

arran-10-yearN: inizialmente si sente una dolcezza abbastanza trattenuta di vaniglia e di frutta gialla (albicocche disidratate). C’è anche un’acidità che richiama vagamente il limone o un frutto aspro, come il kiwi. Poi però il vero protagonista si dimostra essere proprio il cereale, perché probabilmente le botti usate non sono così marcanti e perché comunque Arran ha la costante di una maltosità pronunciata. Qui il malto è molto vegetale e ricorda i cereali non zuccherati da mettere nel latte. Qua e là qualche nota di frutta secca (mandorle amare) e leggermente minerali-saline.

P: come al naso si dimostra abbastanza pacato, con un corpo abbastanza esile e senza scaldare troppo la bocca. Qua e là si nota qualche nota alcolica. Qui la dolcezza è tutta sulla frutta: gialla con ancora albicocche e poi mele, ma soprattutto si affermano quelle note tropicali così tipiche di Arran: ananas, kiwi. Melone? Il tutto comunque non è esplosivo ma in un contesto ovattato, che lascia spazio a sentori vegetali e maltosi. Una punta salina, anche qui, lievissima.

F: abbastanza corto e pulito, con ancora malto, limone e un lieve ritorno della frutta secca.

Un tributo pagato al malto, con qualche caratteristica peculiare a dare personalità: ottimo entry-level, se si pensa anche al prezzo contenuto; certo, è un whisky relativamente semplice, da bere in spensieratezza, ma a noi checcefrega, siamo spensierati, noi. 83/100.

Sottofondo musicale consigliato: Ivan Granatino ft. Franco Ricciardi – ‘A storia ‘e Maria.