Booker’s Kentucky Straight Bourbon (2015, OB, 62,7% )

Il Booker’s Kentucky Straight Bourbon è la versione ‘premium’, se ci permettete l’orrenda formula, del bourbon di Jim Beam: il distillery manager Booker Noe, che vedete ritratto qui a destra in tutta la sua americanità, nel 1992 ha deciso di mettere in commercio una versione di Jim Beam a grado pieno, in lotti diversi, versione che fino a quel momento era solo privata, per pochi amici e dipendenti. Gode di un’ottima fama tra appassionati, banconieri, alcolisti anonimi e ladri di bestiame, e dunque ci pare il caso di dargli una chance. Abbiamo tra le mani il batch #2015-02, maturato sei anni e un mese, imbottigliato a grado pieno.

N: la gradazione impatta in due sensi: da un lato pare relativamente ‘chiuso’, trattenuto e inaccessibile, dall’altro quel che arriva ha una compattezza e una profondità davvero notevoli. Proviamo a farci strada: a primo impatto c’è una nota chimico-alcolica, vagamente vinilica, di Crystal Ball; poi ecco la frutta secca, soprattutto noce di Pecan; vaniglia, panna cotta e caramello; un che di liquore all’arancia; poi ecco il lato vegetale, tra il lieve balsamico (eucalipto) e il vegetale. Con un bel po’ d’acqua, diventa molto più affrontabile e aperto, e complessivamente guadagna di brutto: l’alcol si dirada e aumentano le note di legno profumato, di tabacco da pipa, speziato. Ancora tanta arancia.

P: come sopra, la gradazione è insensatamente urticante – d’altra parte, pur nella nostra umile e limitata esperienza di bourbon, proprio la gradazione aiuti questo bourbon dalle secche dei cliché: abbiamo sì vaniglia, noce di Pecan e banana, però il cuore inespugnabile pare essere un continuo riverbero di una resina collosa di caramello e arancia – e, andando per suggestioni, il termine resina arriva forse non a caso, perché preso da un altro capo si conficcano fittissimi in gola aghi di pino, balsamici che manco nei boschi dell’Oregon. L’acqua anche in questo caso aiuta non poco al pieno dispiegamento: aumenta l’evidenza del rye, con note di segale e sedano; si fa ancora più burroso (proprio note di burro fresco).

F: davvero lunghissimo, tutto su un burro impressionante, la noce di Pecan, ancora code speziate e resinose.

Veramente soddisfacente, offre tutto quello che uno si aspetta da un bourbon pieno, compatto, con tanta personalità da vendere. Dolce e resinoso, balsamico e speziato, vanigliato e burroso: perfetto. Come scritto, mostra vantaggi e svantaggi di una gradazione così alta e di una concentrazione di aromi e sapori così densa, e per questo chiudiamo la recensione con una domanda: possiamo considerare questo Booker’s come l’Abunad’h del bourbon? Forse sì, e sedotti da questa affinità elettiva spariamo un 87/100.

Sottofondo musicale consigliato: Metallica – Don’t tread on me.

Annunci

Sunny Brook 4 yo (OB, 43%)

Giovedì prossimo saremo ospiti dell’Harp Pub per una degustazione di whisky dal mondo. Avremo con noi un giapponese, un blended scozzese, un canadese e questo vecchio imbottigliamento della Sunny Brook, storica distilleria di Louisville, nel Kentucky, che ha chiuso i battenti nel 1975. Si tratta di un import per l’Italia, che a questo punto è da collocarsi almeno negli anni ’70, se non prima. Il Sunny Brook, invecchiato 4 anni, faceva parte della famiglia dei Kentucky Straight Bourbon Whiskey, ovverosia distillati ottenuti da una miscela di cereali di cui almeno il 51% sia mais, e poi invecchiati per almeno un anno nel Kentucky, vera e propria patria del Bourbon Whiskey.

20151030_225246-1N: Possiamo dirlo? Lo diciamo: non c’entra niente coi moderni bourbon. Al di là della grande espressività, qui è tutto molto levigato. Certo non si va molto per il sottile, con potenti note di cereale zuccherino ben in evidenza e si visualizzano con facilità i corn flakes glassati; tuttavia l’aroma non risulta eccessivamente connotato in questo senso. Emergono infatti poi note di uva passa davvero ben intonate, c’è una bella liquorosità di fondo, che richiama appunto i vini rinforzati. Prugne ed albicocche secche, con cioccolato al latte e miele. Marron glacè. Davvero invitante.

P: Totale assenza di sensazioni alcoliche e perfettamente coerente con il naso, sia per la ricchezza che per le suggestioni. Esplode quella medesima dolcezza cerealosa, ma il tutto si gioca in un clima liquoroso, che ricorda davvero certi passiti. C’è molta uva passa e frutta disidratata in generale. Scorzetta d’arancia e ancora ritorna un bel marron glacè. L’effetto complessivo è di grande succosità ed è molto, molto beverino.

F: pacchi di uvetta e quella dolcezza un po’ simile allo sciroppo d’acero.

Chi ci conosce sa che non andiamo matti per i whiskey d’oltreoceano, ma qui dobbiamo in effetti mettere da parte tutti i nostri pregiudizi e riconoscere l’assoluta piacevolezza di questo Sunny Brook per così dire ‘d’epoca’. Rimane un vero bourbon, con quella nota di cereale zuccheroso sparata in alto, ma riesce anche a sfumarla, a renderla accettabile con altre, ben più raffinate portate da dessert. Nel bicchiere vuoto rimane un cioccolato da paura. Andiamo con un bel 87/100.

Sottofondo musicale consigliato: Hank Williams III – My drinking problem (davvero non potevamo esimerci…)

Wild Turkey (anni ’90, OB, 43,4%)

1620410_860154254009158_917928229540478603_n

tipico amante del Wild Turkey

Frequentiamo di rado gli Stati Uniti, e senz’altro sbagliamo: soprattutto negli ultimi anni, infatti, la produzione del nostro amato distillato nelle terre d’oltreoceano ha avuto un vero boom, quantitativo (soprattutto grazie al fenomeno delle microdistillerie) e qualitativo (soprattutto grazie al fenomeno delle microdistillerie, ehm…). Oggi non assaggiamo un prodotto d’oggidì, ma facciamo un tuffo all’indietro e diamo le nostre tasting notes di un Wild Turkey Kentucky Straight Bourbon Whiskey (cosa voglia dire lo lasciamo spiegare a Davide, che è più bravo) degli anni ’90, prodotto a Lawrenceburg, Kentucky. L’azienda definisce il suo prodotto “super-premium”, e noi, seppur con qualche dubbio, ci crediamo, anche se la percezione del brand è stata per anni quella di un whiskey da degrado sociale (non lo diciamo noi, lo dice wikipedia: “its prior reputatione for being an inexpensive, highly-alcoholic product had the bourbon showing up in popular culture often, usually to suggest a rough, macho persona; a person who has fallen on hard times; or even a person with “white trash” traits”); abbiamo aperto la bottiglia mercoledì, alla degustazione tenuta all’Harp Pub – a proposito, grazie a tutti i partecipanti, speriamo vi siate divertiti!

Schermata 2015-02-27 alle 12.45.53N: in generale, è apertissimo e per nulla alcolico. Quel che spicca rispetto ai nostri amati scotch è una ‘dolcezza’ molto marcata. Siamo nel regno della banana, molto matura e molto intensa; toffee super-dolce; stecchette di vaniglia e legno fresco; noce di Pecan, per chi la frequenta. Biscotti al miele. Semplice semplice, diretto, in perfetto stile Stati Uniti del Sud.

P: dolce, ma non così tanto come ci saremmo aspettati dal naso. Fa addirittura capolino un che di ‘grafite’, di matita (l’avrete pur masticata una matita, o no?), che con note proprio di legno (e perfino un velino di rabarbaro ed eucalipto) vanno a controbilanciare quei sapori brutalmente zuccherati di miele e di toffee, di banana e di sciroppo d’acero.

F: insistente, più che persistente. La botta di dolcezza evapora in fretta lasciando spazio a fette biscottate e frutta secca (ancora noce di Pecan).

Dobbiamo ammettere che, a dispetto dei pregiudizi nostri e di Wikipedia, non è male; certo è semplice (ma d’altro canto è un bourbon entry-level), ma lascia intravedere guizzi di qualità. Chiaro che mais e segale, abbinati a botti rigorosamente vergini e charred, portano ad una complessità ben diversa da quella cui siamo abituati: ma il 78/100 che si porta a casa non è affatto malvagio, via.

Sottofondo musicale consigliato: ZZ Top – Gimme all your lovin’.