Foursquare ‘Triptych’ (2016, Velier, 56%)

Sei mesi fa abbiamo compiuto quello che è senz’altro un passo piccolo per l’umanità, ma per whiskyfacile è grandissimo: organizzando il Freak Show abbiamo aperto al mondo del sottoprodotto caraibico (citazione da attribuirsi rigorosamente al sommo Terziotti), cioè al rum. Il punto di partenza è stata la constatazione di come l’assenza di un disciplinare per il rum sia un problema per la percezione dell’intera categoria: facendola più semplice di come è, se è tutto permesso chi lavora bene non ha modo di distinguersi da chi lavora male, perché in etichetta è rum il primo ed è rum il secondo – per intenderci, proprio la rigidità del disciplinare dello scotch whisky ne ha permesso la crescita e l’affermazione. Consci del problema, alcuni distillatori di rum hanno deciso di provare a cambiare le cose: in particolare, Luca Gargano di Velier (proprietario di Rhum Rhum a Marie Galante, oltreché ovviamente importatore in Italia) e Richard Seale di Foursquare Distillery, su Barbados,  hanno deciso di lanciare una nuova proposta per un disciplinare del rum modellata proprio su quello del whisky scozzese, su cui potete leggere qualche impressione qui, qui e qui. Ora, stimolati dalla riflessione abbiamo voluto aprire proprio un Foursquare “Triptych”, un single blended rum (cioè un rum di singola distilleria ma frutto di miscela di distillato da pot still e da column still), miscela di barili di tre annate (2004, 2005, 2007) e di tre tipologie diverse (bourbon, madeira, quercia americana vergine) selezionato e imbottigliato da Velier due anni fa. Ah, non dimentichiamo che la maturazione è avvenuta alle Barbados. Presenta diffusamente distilleria e imbottigliamento il buon Steven.

N: incredibilmente aperto e accogliente pur se a 56%, da subito – da profani quali siamo – ci sembra predominante l’apporto dei legni rispetto al distillato in sé. Al di là di una nota vinilica, molto evidente e frequente in questo tipo di distillato, il bouquet aromatico si dipana poi su note di caramello, di miele; c’è una componente molto fruttata, che ci regala l’epifania delle pesche sciroppate. Biscotti cannella e zenzero, a dimostrare la presenza di spezie molto strutturate. Non si dimentichi la scorza d’arancia (o l’arancia candita). Un che di chimico, insondabile e sfuggente alla nostra parola, che forse definiremmo Coccoina.

P: anche qui i 56% sono in sordina, e lasciano spazio a un rum davvero pieno e soddisfacente: esplode in bombe di sapore ‘appiccicose’, dal caramello alla frutta sciroppata. Forse un che di barretta con caramello e arachidi? Burroso, grasso. Ciliegie sotto spirito. Si fa ancora più evidente un lato tostato e speziato di grande complessità: abbiamo ancora cannella (dolcetti alla cannella, o i chewing-gum alla cannella che c’erano in commercio anni fa…) e chiodi di garofano. Come dimenticare però l’agrume?, soprattutto chinotto, arancia rossa. Tende all’amarino, dopo un po’.

F: si riverbera a lungo, tra una dolcezza intensa e un che di amaricante, con tante spezie. Nel finale del finale, a sorpresa, un che di curiosamente catramoso e di cherosene, tipo – ma solo “tipo”.

Non vogliamo dare voti numerici ai rum, lo sapete, perché siamo gente di straordinaria umiltà e ineguagliata coscienza: ma se volete la nostra opinione, e se siete su questo sito forse vi interessa, beh: ci piace veramente tanto tanto. Molto buono, complesso, con molti strati aromatici portati dai barili, certamente attivi, ma anche con piacevolissime emersioni del distillato, uno dei più interessanti attualmente prodotti. Insomma, trattasi di un rum sicuramente costruito, ma costruito bene bene. Bravo Richard, bravo Luca. Qui le opinioni di Serge, che un voto lo dà e ci trova d’accordo, e del grasso pirata, il nostro punto di riferimento in materia di distillato caraibico. Esaurito dovunque, aspettatevi di comprarlo in asta a un prezzo decisamente più alto di quello d’uscita.

Sottofondo musicale consigliato: Kamasi Washington – Street Fighter Mas.

Annunci

Clairin ‘Casimir’ 2nd release (Haiti, 54%)

All’ultimo Rum Day ci siamo portati a casa qualche boccetta di nettare del Nuovo mondo, per divertirci poi ad allargare i nostri orizzonti. Ci siamo fatti segnalare i prodotti più particolari e sicuramente tra questi si devono annoverare i Clairin, la parola con cui gli haitiani indicano il rum, e la cui selezione è il frutto della passione di Luca Gargano, attuale mastermind della storica azienda italiana Velier. Per l’incredibile storia di questi rum locali, vere perle nascoste dei Caraibi, rimandiamo a un’altra nostra recensione, dove ci cimentavamo con l’espressione di Michel Sajous. Questo ‘Casimir’, prodotto con metodo agricole e a doppia distillazione, vede l’aggiunta di zenzero, citronella e anice durante la fermentazione, che viene ottenuta ancora spontaneamente. Forse qualcosa di più che un prodotto “particolare”…

Clairin_casimir-333x700N: estremamente espressivo e odoroso. L’alcol non pizzica. Rispetto al Sajous, quella particolarissima nota minerale si perde un po’, mentre rimane una sensazione acidula di succo di pomodoro, molto decisa e a tratti disturbante. Accanto però c’è tutta una parte vegetale-speziata decisamente accattivante. La citronella, aggiunta in fase di fermentazione, pare sentirsi. Tra la frutta, susine e uvette. E poi sicuramente tanta, tanta canna da zucchero, con un odore di alcol distillato molto duro e per nasi forti. Complessivamente repelle e attira allo stesso tempo. Molto secco.

P: in bocca è esplosivo e saporito, comunque poco alcolico. Ha un sapore molto dolce e compatto, dove la canna da zucchero la fa sicuramente da padrona. In sottofondo, si sentono note speziate ed erbose (sarà la suggestione però c’è ancora la citronella) che stuzzicano il palato; il sapore è semplice, per quanto indefinibile. Particolarissimo.

F: zuccherino e abbastanza lungo.

Rispetto al cuginetto ‘Sajous’, il Casimir ci ha stupito un po’ meno, ma siamo comunque nel campo dello sorpresa emozionante, dello sconcerto sensoriale. Come di consueto, niente voto; semplicemente ci portiamo a casa questa lezione di odori e sapori.

Sottofondo musicale consigliato: Vinicius de Moraes Que maravilha

 

Clairin ‘Michel Sajous’ 2nd release (Haiti, 53,5%)

Domenica e lunedì si è svolta a Milano la prima edizione del Rum Day e noi ci siamo fatti volentieri un giretto. L’organizzazione era in grande stile e non si è badato a spese (ingresso gratuito e assaggi gratuiti!) e inoltre, grazie alla gentilezza dei molti operatori presenti (Velier era il grande mattatore con una buona metà dei banchetti affittati per altrettanti marchi importati), abbiamo potuto imparare tante cose su un distillato dalla storia affascinante e dai metodi di produzione assai variegati. Alla fine ci siamo portati a casa qualche campione e in particolare ci ha colpito questa storia: Clairin (il nome hatiano per ‘rum’) non è propriamente una distilleria ma un brand, la cui creazione è il frutto dei viaggi in avanscoperta del patron di Velier, Luca Gargano. Su Haiti sono presenti infatti ben 532 distillerie, contro le 40 della totalità dei Caraibi, e la stragrande maggioranza sono microrealtà contadine, senza alcuna struttura commerciale. Gargano ha quindi selezionato il rum di tre differenti produttori, studiando poi un’etichetta e un marchio comuni. Insomma, un terreno vergine che nel mondo del whisky è stato totalmente consumato decenni e decenni fa. Qualche cenno: si tratta di un ‘Rum Agricolo’ (utilizzo di succo di canna da zucchero e non melassa, distillatore discontinuo) ottenuto con metodi- ci dicono- unici nel mondo del rum: le canne da zucchero crescono in mezzo ad altri alberi da frutto, assorbendone verosimilmente alcuni caratteri, la fermentazione avviene spontaneamente senza lieviti selezionati e vengono usati alambicchi “artigianali”, evitando infine qualsiasi filtrazione. Buttiamoci anche noi alla scoperta dell’ignoto!

CLairin_sajous-332x700N: davvero particolare rispetto a tutti i rum assaggiati finora. Ha infatti una moltitudine di note che rimandano sorprendentemente al salato: olive in salamoia, concentrato di pomodoro, worcestershire sauce, bottarga. Robe da pazzi, insomma! Più in generale, si presenta minerale e vegetale; ricorda il vapore del ferro da stiro. L’alcol è molto trattenuto e anche il profilo complessivo del naso non è di quelli esplosivi, ultra zuccherini, ma assai composto. Si potrebbe quasi dire austero. C’è comunque una nota di canditi indistinti.

P: molto beverino e con la percezione dell’alcol quasi assente. Al palato la sobrietà di cui sopra risulta accentuata, con un imbocco di grande mineralità che spiazza e molto vegetale (sembra quasi torbato!). Si confermano note salate di oliva e succo di pomodoro. Il sapore di canna da zucchero ovviamente c’e’, ma non aggredisce nè monopolizza. Anche perché dopo un’iniziale fiammata di dolcezza fruttata assieme zuccherosa e aspra- ci ricorda un poco la susina gialla- il palato si ripulisce quasi subito e si torna su delicate suggestioni vegetali.

F: di buona persistenza, ancora tutto nel segno del vegetal-mineral-simil torboso. Olive, salamoia, anice.

Mai e poi mai avremmo pensato di imbatterci in un rum con queste caratteristiche, davvero. E ci piace lasciarci suggestionare da un particolare nella descrizione fattaci al Rum Day, ossia la crescita spontanea delle canne da zucchero in mezzo ad altri alberi da frutto. Ci pare infatti di ritrovare qui i segni di una vegetalità più complessa e indistinta della sola canna da zucchero; sicuramente sbaglieremo ma immaginiamo questo Clairin Sajous come un vero e proprio distillato di foresta. Il voto non lo daremo, perchè siamo troppo inesperti in materia, valutate voi anche perché crediamo proprio che Velier lo proporrà nello spazio dedicato ai Rum di questo Milano Whisky Festival. Un assaggio è assolutamente obbligato, vi aprirà un mondo.

Sottofondo musicale consigliato: Various Artists 25 for HaitiWe are the world (e non sarebbe male se anche il commercio del Rum aiutasse Haiti a lasciarsi alle spalle la sua lunga storia di povertà)