Tomatin 23 yo (1966/1990, Signatory Vintage, 46%)

Oggi, 27 marzo, è il vero International Whisky Day, secondo la volontà del grande Micheal Jackson – no, burloni, non il cantante appassionato di auto-sbiancamento, antidepressivi e infanti, bensì il celebre scrittore di birra e whisky. Ci piace celebrare l’occasione con un sample speciale, donatoci dal magico GPP, ovvero un Tomatin del 1966, imbottigliato da Signatory Vintage ormai 29 anni fa. Non è un single cask, ma sono quattro: i barili 9250 – 9253. Siamo fortunati ad avere amici del genere, o no?!

N: il naso è di quelli suadenti, complessi e delicati che solo i whisky del passato riescono ad avere. E allora ecco una patina intensa di carta vecchia e polverosa, di sala manoscritti in biblioteca (questa è per pochi, andate di più in biblioteca!) e candela spenta (forse un poco di torba, perfino). Da non dimenticare però è anche quel che si agita lì dietro: ricca la frutta nera (ribes e mora), poi prugne secche, melograno e un gran sentore di mele. A fare da collante, una seducente nota di pasticceria turca.

P: con ogni probabilità, nel corso degli anni ha perso qualcosa nella gradazione, e la sensazione tattile al palato ne risente un poco. C’è anche una leggera nota metallica, come di rame, ma resta in onda lo spettacolo di un intero frutteto che si infrange sul palato (buccia di mela rossa, pompelmo rosa, fragola). Molto ‘vecchio stile’, con robuste botte di malto e ancora una sensazione di stoppino. Tè lasciato in infusione a lungo.

F: vien fuori un pizzico di amarino, anche se si mantiene su livelli di piacevolezza importanti. Carruba e farina di castagna.

Elegante e coerente con le sue radici di whisky d’antan, in grado di mostrare tutta l’intensità fruttata di Tomatin e quelle straordinarie note ‘setose’ di cera e cantina polverosa, che – lo sapete bene – per noi sono garanzia di salivazione aumentata e sbrodolamenti vari, e che si trovano solo nei malti del passato. Provate a negare l’evoluzione in bottiglia, provateci, dai! La risolviamo fuori, eh?, con le mani! Se solo avesse avuto un palato un poco più vivo, saremmo volati via ben oltre le soglie di 89/100. Grazie infinite a GPP, promettiamo di ricambiare degnamente appena avremo occasione.

Sottofondo musicale consigliato: The Honeydrippers – Sea of Love.

Glenlivet Alpha (2013, OB, NAS, 50%)

Lo scorso anno Glenlivet ha provato a stupire il pubblico mettendo sul mercato l’edizione limitata “Alpha”, senza rivelarne né età né invecchiamento, tenendolo in una bottiglia nera così che il colore non potesse dare indicazioni – secondo il Master Distiller Alan Winchester, la ragione stava nel desiderio di stimolare il più possibile l’esperienza sensoriale, senza lasciare spazio a pregiudizi. La bottiglia costava tanto (circa 120 euro), per essere un whisky di cui nulla si sapeva, e l’operazione aveva scatenato non poche polemiche, peraltro non del tutto ingiustificate; sta di fatto che in fretta la bottiglia è finita praticamente sold out, anche se per ora non sta guadagnando troppo valore. Qualche mese dopo, è stato svelato l’arcano: whisky invecchiato in botti di whisky, presumibilmente Glenlivet. Noi lo sappiamo, e quindi ci godiamo i nostri nuovi pregiudizi e iniziamo a valutarlo, a partire dal colore: paglierino.

Glenlivet-Alpha-bigN: zuccherino e cremoso, bello fruttato. Suggestione di gelato alla banana, ma anche crema pasticciera, frutta (banana pera pesche bianche), con qualche intuizione tropicale. Pulito come pochi, davvero protagonista il malto; suggestioni di assi di legno. Cocco e vaniglia. Ha il pregio di essere Glenlivet, e quindi pur se semplice riesce a essere pulito e fruttato con buona intensità. Dopo averlo assaggiato, notiamo anche una nota agrumata.

P: una trafila di stranezze, a partire da una dolcezza molto marcata e tuttavia non fruttata come ci saremmo attesi, né d’altro canto perdura la cremosità del naso. Si sente molto un malto zuccherino ancora imberbe, abbastanza alcolico ma ben retto da un corpo ben masticabile. Sa di… whisky! Un filo di cocco, poi legno, frutta secca, tra nocciola e mandorle. Con acqua, il palato si sfarina sul legno con note mentolate.

F: pulito, non lunghissimo, con frutta secca in deciso aumento.

Se non avessimo saputo la ricetta, avremmo parlato di un invecchiamento ex-bourbon carico e poco variegato, molto basato sul malto; sapendo che si tratta di botti probabilmente vergini condizionate in scotch, cogliamo suggestioni di “whisky alla seconda”, con i pregi di Glenlivet in bella mostra (frutta e pulizia). Di buona intensità, e però francamente di qualità complessiva niente più che media – 84/100 è il voto.

Sottofondo musicale consigliato: Micheal Jackson – Billie Jean.