‘Six Isles’ blended malt (2017, Ian McLeod, 43%)

Questo blended malt messo in commercio a partire dal 2008 da Ian MacLeod Distillers, tra le altre cose proprietari delle ottime Glengoyne e Tamdhu, ci ha sempre incuriosito per il concept molto accattivante su cui è basato. Il blend contiene infatti whisky proveniente da sei distillerie situate su sei differenti isole scozzesi. Considerando che su Arran, Talisker, Tobermory e Jura esistono solo le distillerie produttrici degli omonimi whisky, un piccolo alone di mistero rimane sulle isole di Islay (quale delle 8 distillerie?) e di Orkney (Highland Park o Scapa?). Chiarendo che, no, nessuno sarà mai in grado di ricavare la ricetta esatta usando i sensi, ci addentriamo con passi felpati nella recensione.

the-six-isles-whisky

N: fresco e piacevole, si mostra fin dall’inizio molto onesto, molto ‘trasparente’, improntato sui distillati senza apparenti ingerenze di legni. Il lato acidino e agrumato è quello fin da subito più evidente, con note di agrumi (limone, anche yogurt al limone) e di impasto per pane. Poi, merita una menzione speciale il carattere isolano, di qualsiasi isola si tratti: c’è una bella torbatura convinta, con un’affumicatura più da Islayer che da Talisker, per intenderci (a noi, senza che ci venga chiesto, viene in mente Caol Ila), e poi una notevole marinità, con note di olive nere in salamoia e aria di mare. Una ‘dolcezza’ astratta, da zucchero liquido, compare qui e là.

P: non propriamente esplosivo, un po’ ‘acquoso’ e per questo anche molto beverino, conferma per sommi capi le suggestioni del naso, forse qui ricordando descrittori più vicini al mondo della dolcezza (vaniglia e zucchero bianco, una dolcezza neutra ma più intensa; diciamo pure banana verde) e con minore acidità agrumata. Resta invece sugli scudi il lato più selvaggio, con un fumo smoggoso ma delicato e, soprattutto, una composta e sapida marinità.

F: non lunghissimo, piacevole però e molto pulito: ancora sul distillato, leggermente maltoso e con una torba marina persistente ma – di nuovo – molto delicata.

Tutto molto delicato, in sordina, leggero: e però buono, piacevole, beverino. Se poi aggiungiamo la simpatia di farsi un ideale tour delle principali isole scozzesi dove si produce whisky, stando magari comodi comodi in un parcheggio a Cologno Monzese, e ci aggiungiamo pure che si trova sugli scaffali a circa 35 euro, beh non è davvero possibile storcere il naso. Per questo e per altre insondabili ragioni, gli diamo 82/100. Ci sia concesso anche di ringraziare i ragazzi della milanese Corte dei Miracoli, che ci hanno omaggiato di un abbondante sample in coda a una delle loro matte serate di degustazione.

Sottofondo musicale consigliato: Iron Maiden – The number of the beast