Tasting Facile 2017

Come ogni anno, dopo l’estate ci piace ricominciare la stagione con un pomeriggio in compagnia davanti a bottiglie di un certo livello. I più smaliziati le definirebbero bottiglie “da collezionismo”. Lo facciamo per vedere gli ultimi pallidi ricordi della vostra abbronzatura che se ne va, digerire il fastidio dei primi venticelli freddi e per iniziare a pregustare le degustazioni che ci accompagneranno durante l’autunno e l’inverno. Non possiamo farci nulla, è più forte di noi.

Questo sarà il quinto tasting facile e volevamo festeggiare la ricorrenza in modo speciale. Speriamo di esserci riusciti con questa line-up:

  • Glendronach ‘Revival’ 15 yo (OB, 46%)
  • Bruichladdich ‘Cuvee E’ 16 yo(OB, 46%)
  • Tomintoul 1967-2000 (Gordon & MacPhail, 40%)
  • Macallan 18 yo (1971, OB, 43%)

La degustazione si terrà sabato 30 settembre dalle 16.00 all’Harp Pub Guinness di Milano (zona Piola). Costo: 35 euro. Per prenotare scrivete una mail a info.whiskyfacile@gmail.com e incrociate le dita affinché nessun impegno dell’ultima ora vi impedisca di esserci.

IMG-20170909-WA0005

Annunci

Port Ellen 1971 (1990, Gordon&MacPhail for Meregalli, 40%)

Due settimane fa abbiamo avuto il piacere di organizzare la quarta edizione del Tasting Facile: volevamo scrivere un post apposta (…), ma siccome il rischio è l’autocelebrazione scomposta, gratuita e immotivata, rimandiamo alle impressioni dei tanti amici venuti all’Harp Pub lasciate sul forum singlemaltwhisky.it (comunque, lasciatecelo dire: in quattro anni abbiamo aperto bottiglie mica male, eh?, a costo di peccare di hybris vi sfidiamo a trovare degustazioni di pari valore agli stessi prezzi…). Siccome lunedì scorso abbiamo compiuto 5 anni come blog, pensiamo sia giusto celebrarlo con una delle bottiglie che abbiamo aperto al TF2016: trattasi di un Port Ellen del 1971, imbottigliato nel 1990 da Gordon&MacPhail per lo storico importatore italiano, il nostro concittadino Meregalli. Questa bottiglia l’abbiamo trovata circa un anno fa, dimenticata su uno scaffale di un bar milanese assieme a tante altre chicche: non abbiamo saputo resistere all’acquisto, e la tentazione di aprirla era troppo forte, anche di fronte al valore collezionistico della boccia stessa… Quindi quale occasione migliore del Tasting Facile?

img_4737_3N: delicato ma intensissimo anche a 40 gradi e dopo 26 in anni in bottiglia. Come ci aspettavamo è molto complesso: la frutta ad esempio è imponente e variegata (mele gialle, pesche mature, cocco e persino una punta di frutta tropicale sfumata), non mancano gli agrumi (succo d’arancia dolce) e nemmeno un lato più propriamente zuccherino (vaniglia). C’è poi una bella patina di torba minerale e di iodio con un velo di fumo acre e di inchiostro, ma quella setosità vegetale tipica di molti Port Ellen ultrainvecchiati viene qui un po’ sottaciuta in favore di uno spirito più gagliardamente fruttato e profumato, come si diceva sopra. La sensazione è che ci sia qui un bell’apporto delle botti; il malto in realtà è ben presente- delizioso, per inciso- ma ricorda piuttosto un cereale caldo e dolce. Per il resto, sconfina volentieri nel ‘farmy’, in un gioco incantevole di riflessi tra frutta e isola.

P: i 40 gradi sono forse un po’ al limite e qualcosa cede in intensità. La trama però è ancora molto fitta e ben integrata: il lato più sporco, farmy e torboso è sicuramente in primo piano e si conferma pure una bella sensazione marina, di liquirizia salata. Incantevole poi è il sapore ancora una volta caldo del malto, le cui vene zuccherine sembrano un passo avanti a quella frutta che al naso avevamo percepito invece così rigogliosa. Cioè, meno frutta (mela gialla, tropicale misto) e più cereale, ma invertendo l’ordine degli addendi l’orgasmo non cambia, se ci è permesso dire.

F: lungo, ancora un crescendo di torba e cereale elegantemente zuccherino (formaggio dolce? Carruba?), in un’esaltazione sperticata del palato. Inchiostro e fumo di sigaretta.

Un naso super complesso e avvolgente, da 95 punti pieni; rispetto agli imbottigliamenti ufficiali più recenti che abbiamo potuto assaggiare, ha in più quel lato farmy, simile solo ad un altro PE bevuto, e ‘in meno’ un lato vegetale e fruttato, ‘verde’. Il nostro voto finale cede un paio di punti sul palato, che ripropone in una scala più in miniatura il capolavoro del naso e che forse ha perso qualche grado per strada: 93/100 come giudizio dunque, in uno scatto di sobrietà istituzionale. Grazie a tutti gli amici venuti al Tasting Facile, grazie a quanti ci hanno fatto gli auguri, e ovviamente… grazie a GP per la bottiglia!

Sottofondo musicale consigliato: Nick Cave & The Bad Seeds – Brother my cup is empty.

Glendronach 1990/2001 (Cadenhead’s, 57,9%)

Il primo malto del Tasting Facile di sabato pomeriggio era un single cask di Glendronach, imbottigliato nel 2001, quando la distilleria era chiusa (è rimasta silent tra il 1998 e il 2005). Si tratta di una singola botte refill-sherry, e – lo anticipiamo già – è stata la bottiglia meno apprezzata dai presenti: facile da prevedere, forse, vista la qualità del parterre…!

a0ni1iNiCFK6zgs1V-LOZnjy8bvkMT9wDHc7wvwFiVgN: nonostante la gradazione, non si nasconde, restando bello aromatico e svelando una certa maturità: il grande accordo tra botte e distillato trova un primo risultato in una pienezza più matura del previsto. Questo connubio unisce tante diverse sfumature di frutta, mai ruffiane: da note di frutta cotta (mela/prugna) a suggestioni eteree di frutti rossi (anzi: more, confettura di fragole); perfino arancia candita. Il malto, zuccherino e brioscioso, si accompagna a piacevolissime note di warehouse, di legno di botte, che ci pare a tratti dare note leggermente sporchine e tabaccose.

P: semplice ma intenso, ha la peculiarità di colpire in modo regolare, compatto, senza fiammate di sapore. Come al naso, attacca sullo zuccherino deciso e pesante, ma non eccessivo: qui le suggestioni sono di pesca sciroppata, zucchero di canna e caramello; ci pare di sentire frutta rossa un po’ in disparte, e invece ancora note di malto e legno, che ci rappresentiamo con una bella frutta secca (nocciola). Purtroppo sono presenti, avulsi da tutto ciò, anche pesanti ritorni alcolici che rovinano un quadretto altrimenti piacevole. L’acqua, da sconsigliarsi, sembra accentuare l’alcol e qualche sua connotazione vagamente metallica.

F: buccettina della mandorla. Amaro e maltosissimo.

Diciamolo senza scrupoli di sorta: il problema di questo Glendronach è il palato, lì l’alcol resta slegato dal resto, si sente molto più che al naso e l’acqua, invece di migliorare la situazione, la peggiora. Detto ciò, siamo di fronte a un whisky discreto, didattico, con un distillato più maturo della sua età grazie all’educato apporto di una botte per niente eccessiva, certo di buona qualità. Da annusare, soprattutto: 80/100.

Sottofondo musicale consigliato: Mogwai – Hardcore will never die, but you will.

Linkwood 40yo (1946/1986, Gordon&MacPhail for Sestante, 40%)

Ed ecco il secondo matusalemme del Tasting Facile: si tratta di un Linkwood del 1946, imbottigliato 40 anni dopo (!) ancora da Gordon & MacPhail per Sestante (leggi Ernesto Mainardi). Sappiamo che Linkwood è stata una delle prime distillerie ad avere rapporti commerciali con G&M (entrambe di Elgin), tant’è che l’azienda della famiglia Urquhart ha imbottigliato, negli anni, perfino un Linkwood del 1938. Sestante negli anni ’80 seleziona vari malti della distilleria (almeno 12 diversi) tramite G&M, e sono sempre etichettati con l’immagine della distilleria e il bordino viola; a cambiare è solo il colore della banda dietro la scritta ‘Linkwood’. C’è un altro 40 anni imbottigliato negli anni ’80, ma senza vintage dichiarato. Questo, invece, lo reca bello in evidenza su un’etichetta sotto al collo. Basta parole adesso; il colore è ramato.

Schermata 2014-10-16 alle 11.37.58N: di una forza quasi commovente, di una vivacità, intensità e ricchezza che quasi ti piegano le gambe. Il tempo sembra non aver rubato nulla. C’è in primo piano tutto lo splendore di una frutta maestosa e odorosa, soprattutto tropicale: maracuja, kiwi e lime; ma anche fragole profumate, frutta sciroppata pesca, ananas. Questo lato è ulteriormente sviluppato da una cremosità fragrante, tra la crema pasticciera, la crema al limone; torta alla frutta, avete presente? Molto borioso posò e caldo, in un contesto di grande generosità, molto zuccherino. Brioscine calde. C’è anche dell’altro, forse a testimoniare l’invecchiamento quarantennale: una patina di legno caldo, molto aromatica, e un pit di mentolato. Non è assente neppure un senso di affumicato, anzi piuttosto di tostato. Ma c’è un lato profumato e inusuale che non sapremmo definire: carta d’Eritrea? Ma poi uvetta, marron glacé (avete presente quella zaffata aromatica che ci investe in apertura di sacchetto?).

P: ok, rispetto al Talisker questo è intatto: il corpo è perfetto, non pare aver perso niente né come compattezza anni come intensità. Rispetto al naso, perde solo un po’ di quella cremosità avvolgente, conservando invece -e riproponendole con insistenza- le note più acidule e fruttate, assieme a una maltosità vegetale notevole. Quindi, dopo un attacco impreziosito da una delicata ma fantastica sfumatura di cera, inaspettata, ecco dispiegarsi una tropicalità dolce e asprina assieme (ancora maracuja come suggestione principe), con note ditte zuccherato, di frutta gialla a piacere: albicocca acerba? Una lieve nota quasi metallica, ma meno di quanto registri Serge, che noi interpretiamo piuttosto come un lieve eccesso alcolico, una sfumatura graffiante in più.
F: solo apparentemente cotto: in realtà prosegue lungo e in sordina, quasi nascosto, su note maltose pulitissime e vegetali, con sfumature tostate.
Fantastico, ancor più convincente del Talisker, se possibile; a impressionare sono la roboante cremosità e la gioia immensa della frutta… I 40 anni in botte e gli altri 30 in bottiglia non ne hanno scalfito la vivacità, non hanno neppure iniziato a graffiarne la fiancata: ma non è solo la carrozzeria ad essere intatta, anche il motore gira a pieno e ruggendo aggredisce la strada della degustazione tagliando il traguardo, ma con un’eleganza che al giorno d’oggi è cosa rara. È la qualità del malto a fare la differenza, un malto distillato mentre l’Europa si andava risvegliando dall’incubo del nazismo: si svegliava avendo sete, pare. Eccoci al dunque: 91/100 è il giusto compromesso tra un naso da panico e un palato ‘semplicemente’ molto buono. Mamma mia, che Tasting!
Sottofondo musicale consigliato: Mike Oldfield – Foreign Affair.

Tasting Facile (12-10-2013)

1. copertina

oh zio, tanta roba!

Sabato scorso abbiamo avuto il piacere di tenere la nostra prima degustazione assieme agli amici del forum singlemaltwhisky.it, con qualche settimana di anticipo rispetto al compimento del secondo anno di età di questo (splendido, magnifico, ben scritto, graficamente eccelso, musicalmente illuminante) blog. Era da tempo che cercavamo di radunare un parterre di bottiglie degno del pubblico cui era destinato, e alla fine ce l’abbiamo fatta: abbiamo incominciato col botto, con un Rosebank 12 anni Zenith Import imbottigliato tra fine anni ’70 e primissimi ’80; abbiamo provato a confrontare due Macallan 7 anni, uno importato da Giovinetti (metà anni ’90)  ed uno da Maxxium (2006 o 2007), per vedere se ci fossero differenze sensibili (e possiamo dirvi che sì, c’erano, sarà stato il Golden Promise?); poi un single cask di Mortlach (#4088) di 12 anni, imbottigliato da Wilson & Morgan nel 1996, ovvero proprio agli inizi dell’attività dell’azienda di Fabio Rossi; segue uno dei malti più attesi, ovvero uno Springbank 21 anni ‘Archibald Mitchell’, imbottigliato nel 1985; poi siamo saliti di gradazione con un Clynelish 15 anni Tartan Collection, selezionato da Claudio Riva, seguito dallo splendido Glendronach 1990/2013 Silver Seal, graditissimo (più che

splendida tovaglietta, purtroppo stampata prima di sapere del glendronach...

splendida tovaglietta, purtroppo stampata prima di sapere del glendronach…

graditissimo, da noi e da tutti i presenti) omaggio di Max Righi; abbiamo chiuso con della violenza senza quartiere, ovvero l’Octomore ‘Comus’. Sì, finalmente questa frase è terminata. Abbiamo dunque cercato di proporre un percorso coerente, sia da un punto di vista geografico (Lowlands > Speyside > Highlands > Islay) che, in un certo senso, storico (da un malto ‘leggero’ distillato negli anni ’60 alla bottiglia più contemporanea di tutte, un torbatissimo finito in botti di Sauternes); i presenti sembravano ubriachi, ehm, pardon, sembravano aver apprezzato, nonostante la nostra favella un po’ zoppicante… Ma d’altro canto, abbiamo rotto il ghiaccio, d’ora in poi sarà in discesa! Alcuni di questi malti li avevamo già assaggiati; gli altri li berremo con calma (sì, ci siam portati via i sample anche dalla nostra degustazione, è ‘na roba compulsiva) e nelle prossime settimane cercheremo di pubblicare le tasting notes.

giorgio d'ambrosio: c'era davvero!

giorgio d’ambrosio: c’era davvero!                           (foto di Fabrizio)

Per noi è stata una splendida esperienza, soprattutto perché abbiamo avuto il privilegio di parlare davanti a persone assai qualificate – certo più di noi! – nell’ambito del whisky: e a queste persone siamo infinitamente grati, senza retorica, perché oltre ad aver risposto a tutte le nostre sollecitazioni e ad aver poi speso belle parole nei nostri confronti, ci hanno permesso e sempre permettono di imparare, di arricchirci, di crescere nella nostra conoscenza dell’universo dell’acquavite di cereali che tanto amiamo. Quindi davvero grazie a Giorgio D’Ambrosio (capito? alla nostra degustazione è venuto Giorgio D’Ambrosio!), a Claudio Riva (scusa ancora per averti assillato con la storia degli alambicchi di Mortlach…) e a Elisabetta Scrimenti.

Schermata 2013-10-15 alle 15.36.09

(foto di Fabrizio)

Poi, un ringraziamento che coinvolge anche i già ringraziati: grazie a tutti gli amici del forum, che sono venuti numerosi, taluni da lontano, affrontando viaggi lunghi e perigliosi pur di tracannarsi otto whisky in compagnia; ché questa è la cosa che più conta, al di là di tutto, ovvero il piacere di trovarsi assieme a condividere una passione – l’abbiamo detto tante volte, ma dobbiamo riscontrare che il whisky riesce ad attirare attorno a sé persone umanamente splendide, con cui è sempre bello trovarsi a chiacchierare attorno a un calice (se i calici sono otto, beh, tanto meglio). Menzioni speciali per i Sacilesi, per Giancarlo e Walter che finalmente abbiamo conosciuto, per Federico (o mighty lord of night…), per Angus e Riccardo, per Biba e Ansalone, per Claudio e gli zii, per Fabrizio e per GP, per Bond, insomma, per tutti! Un ringraziamento speciale va poi a Monica e Filippo di Alcoliche Alchimie, il locale che ci ha ospitato con amicizia e cortesia, e con cui prossimamente organizzeremo ancora qualcosa… Ma per parlare di ciò avremo tempo; per ora, ci congediamo -provvisoriamente- con un bellissimo video che ha fatto per noi la Betty… Grazie, anche di questo. Ah, Davide: abbiamo i tuoi samples.