Michter’s US*1 Original Sour Mash (2019, OB, 43%)

Nel giorno del Thanksgiving, scegliere un whiskey americano sembra una scelta fin troppo facile… Ma se non lo facessimo dovremmo chiamarci WhiskyDifficile, o no? Mentre vi riprendete da questo esordio tristemente spumeggiante, eccoci a introdurvi la recensione del giorno: Michter’s Sour Mash, ovvero uno dei whisky del 2019 secondo The Whisky Exchange. Per “Sour Mash” si intende quando si aggiunge una quota dell’ultimo fermentato al nuovo mosto per avviare la nuova fermentazione – vi sentite arricchiti ora? Siete pronti a farcire il tacchino con un pollo per poi inserirlo in una faraona, in una splendida Matrioska di pollame? Bene. Assaggiamo.

N: un profilo molto particolare, con note floreali (poutpurri, lavanda) davvero inconsuete. Saremo condizionati dal Sour in etichetta ma sentiamo una nota acetica, che gli dà agilità e rende le note tipiche da bourbon (toffee, vaniglia, noce di macadamia) meno cafone. Tante spezie e tanto legno.

P: molto beverino, molto coerente, violentemente floreale e inoltre si aggiungono note erbacee tipo rabarbaro e buccia d’arancia essiccata. La parte dolce c’è ma non offende, con mandorle, nocciole e toffee.

F: medio lungo, tornano caramello e spezie tipo cannella.

Un bourbon in tutù, non certo da harleyisti. Forse il suo difetto sta proprio nelle mollezze floreali che esibisce, poco caratteristiche del distillato a stelle e strisce. È sfaccettato, gentile, però intendiamoci, è anche saporito come un bourbon proprio non può fare a meno di essere: 83/100. Certo, non costa poco ma conferma la buona qualità media dei distillati di Michter’s.

Sottofondo musicale consigliato: Metallica – American National Anthem.