Ledaig 18 yo (1998/2016, Wilson & Morgan, 62,7%)

Se mercoledì abbiamo deciso di recensire un Tobermory di un imbottigliatore italiano, oggi ricalibriamo le nostre pretese solo di poco, e assaggiamo un Ledaig (versione torbata di Tobermory, per i distratti) selezionato e imbottigliato da Wilson & Morgan, monicker dietro cui si cela l’azienda Rossi & Rossi di Treviso. Trattasi di un barile ex-sherry, con il vetro giunto a concludere degnamente una vita lunga diciotto anni; la gradazione è mostruosa, dunque sarà bene allacciare le cinture.

N: a grado pieno, appare molto chiuso e spigoloso: scalcia fortissimo note mentolate, tipo schiuma da barba, e di violetta; non manca l’aria di mare mentre la torba, a quasi 63%, resta un po’ in sordina. Par di trovare uno sherry appiccicoso, da zucchero bruciato, da pane caramellato; cannolo siciliano, con la sua dolcezza esasperata. L’acqua fa un effetto strano, amplifica una nota agrumata (limone soprattutto)

P: di nuovo, senz’acqua sembra un mix improbabile di schiuma da barba, pastiglia Leone e acqua di mare. Aggiungendo acqua, diventa più affrontabile e di nuovo pare aprirsi su una curiosa limonosità. Paradossalmente floreale nella sua brutalità (violetta ancora), del tutto privo di frutta e, diciamo, di dolcezza. Ancora incredibilmente balsamico, eucalipto.

F: lungo e persistente, finalmente la torba si sente appieno, acre e fumosa; lascia poi la bocca incredibilmente fresca e mentolata. 

Non sapremmo: di certo è un whisky difficile, forse fin troppo per noi – che in fondo siamo solo al nono whisky della serata (hey, bevete responsabilmente!). Quasi non sembra un Ledaig, non troviamo quel lato organico e chimico così tipico, né il celebre “chicco di sale”, imprescindibile hallmark per cui fummo bacchettati in passato. La combinazione riesce a trasfigurare questo Ledaig in qualcosa di ancora più strano rispetto al solito – un Ledaig oltre Ledaig? Difficile dargli un voto, veramente stranissimo – a noi forse non è davvero piaciuto, ma nel dubbio di non averlo compreso appiccicheremmo un 84/100. Prendete con le pinze, e se trovate assaggiate; ad esempio Giuseppe apprezza molto di più.

Sottofondo musicale consigliato: Mango – Come Monnalisa.

Tobermory 22 yo (1995/2017, Valinch&Mallet, 51,5%)

Negli ultimi due anni presso gli imbottigliatori indipendenti si sono letteralmente moltiplicati i single cask di Tobermory, amena e discussa distilleria dell’isola di Mull, soprattutto di metà anni ’90 – e questa è una fortuna per gli appassionati… Con Tobermory non ci si annoia mai, anche grazie alle molte imperfezioni del distillato! Oggi posiamo gli artigli su una release dell’anno scorso da parte di Valinch & Mallet, indie bottler italiano in costante “crescita reputazionale”, per usare una formula orrenda: tutto merito delle ottime scelte di Fabio Ermoli e Davide Romano, che peraltro ringraziamo per il campione. Questo whisky è un single cask di 22 anni maturato in sherry, imbottigliato al grado pieno di 51,5%.

N: mamma mia, che spettacolo – è uno spettacolo tutto sballato, situazionista, ma è bellissimo! Si parte con una serie di descrittori eccentrici: si va da sentori ‘carnosi’, molto  meaty, a un senso di aria di mare, iodio, fino a pacchi di cacao, di carruba; legno umido di cantina. Il tutto appare sì eccentrico, ma si ricompone inaspettatamente in un profilo nel complesso elegante. Troviamo anche scorza d’arancia e caramello – c’è poca frutta ma tanta, tanta personalità e tanta opulenza d’aromi.

P: rimangono degli accenti sicuramente molto personali, con ancora sfumature sulfuree e di carne, però si normalizza verso note più fruttate. Frutta gialla gradevole e zuccherina (tipo confettura d’albicocca), poi ancora molto cacao e arancia. Molto tagliente, sottile, e pure molto compatto come sapori. In generale, la botte si lascia molto assaporare, e scommetteremmo che si tratta di un refill – così ci permettiamo di immaginare note di legno esausto, umido.

F: lungo, persistente, iodio ancora, poi cacao e ancora un legno suadente e setoso.

Molto interessante e senza dubbio molto divertente: un po’ scombinato, con note del tutto incoerenti, ma al contempo complesso, pieno di sfaccettature. La fase olfattiva resta la più goduriosa, mentre il palato – a dirla tutta – resta un po’ esile come corpo, per quanto non difetti in varietà e complessità. Probabilmente dividerà, perché per apprezzarlo appieno bisogna non temere note sulfuree e di carne: noi però non ci noveriamo in quella schiera di pavidi, e dunque appuntiamo un convinto 86/100.

Sottofondo musicale consigliato: Charles Aznavour – She.

Monkey Whisky Night #6 (24.02.18) – Cadenhead’s

Con solo un mese di ritardo veniamo a rendere conto del sesto ritrovo del Monkey Whisky Club, ovvero l’incontrollabile creatura di un manipolo di appassionati di whisky e di semplici erotomani che organizzano degustazioni tematiche in una non meglio precisata abitazione milanese (sssh, location segretissima!!! Ma va’, scherziamo, per partecipare basta iscriversi al loro gruppo Facebook e giurare fedeltà alla Scimmia).
Questa volta il fil rouge della serata è stato l’imbottigliatore indipendente scozzese Cadenhead’s, che nel 2017 ha festeggiato i 175 anni di storia e ha fatto uscire una caterva di imbottigliamenti che a occhio e croce un assaggino lo meritano. I 5 whisky che abbiamo bevuto noi, a ogni buon conto, sono stati imbottigliati in annate precedenti nella serie ‘Small Batch’, quella con le bottiglie basse e schiacciate in stile vintage, per intenderci. Il clima era come al solito gioviale, tra il serio e il faceto senza disdegnare l’improbabile, l’assurdo, il grottesco e lo sconveniente; ciononostante siamo riusciti a prendere qualche nota di degustazione finché la rodata formula dell’auto mescita con refill libero per i 15 presenti non ha definitivamente tappato la vena descrittivista che ci contraddistingue. Ma andiamo di parterre!

light-creamy-vanilla-17-year-old-cadenhead-creationswhiskyCreations ‘Light creamy vanilla’ 17 yo (2014, batch #1, 46%): questo blended assemblato con whisky di Auchroisk, Clynelish, Ardmore e della defunta Caperdonich è piacione e facilone come l’Heineken su Tinder (qualsiasi cosa significasse, l’abbiamo scritto e fedelmente lo riportiamo). Vaniglia, torta paradiso e scorza di limone, con un discreto supporto sul lato terroso e oleoso delle distillerie Clynelish e Ardmore. È tanto saporito e un 85/100 ci sta tutto.

Dailuaine 11 yo (2016, 46%): frutta cotta, soprattutto pere. Le note di botte sherry in cui AA-Cadenhead2ha riposato per più di un decennio non sono così evidenti, e anzi si trovano sentori di whisky giovane (lieviti e canditi). Al palato è speziato e frizzantino. Sicuramente particolare ma si ferma a 84/100.

bowmore-13-year-old-2001-small-batch-wm-cadenhead-whiskyBowmore 13 yo (2014, 46%): qui si comincia a fare sul serio, con un Bowmore tipicamente marino e tropicale. Caucciù. Si presenta gentile ma non privo di una certa complessità. Il palato è molto spinto sulla dolcezza, con pacchi di liquirizia salata. Gradevole fino a 87/100.

Tobermory 21 yo (2016, 52,5%): i due bourbon hogsheads usati tobermory-21-year-old-1995-cadenheads-small-batchrestituiscono un whisky grasso, oleoso e tagliente. È un impasto compatto di noce di pecan, vaniglia, sale e cera. Al palato arriva un’ondata pazzesca di sapidità, assieme a frutta gialla e marzapane. Si percepisce una leggera torba e sul finale ci si ritrova il sale sulle labbra: semplicemente splendido. 90/100.

La serata si è poi conclusa in bellezza con un maestoso Bruichladdich 24 yo del 2016, di cui però non sopravvivono ricordi nitidi, al di là di una spiccata tropicalità, perché la convivialità e il consumo irresponsabile di alcol hanno decisamente preso il sopravvento. Sicuramente da riprovare in altri contesti, anche perché ci sembrava molto complesso.
Per concludere non possiamo che ribadire il nostro divertito assenso per il tipo di serata che il club della Scimmia del Whisky ha ancora una volta imbastito con molta naturalezza: un po’ degustazione domestica con qualche nozione a suggestionare i presenti, un po’ alcolismo smodato a suggestionare tutti. Avanti!

28378029_2118652891754704_6432750328876087128_n
shooting di fine serata by Laura Licari: all’insegna della sobrietà

“Mullevardier” – BLEND Whiskybar, Castelfranco Veneto

Con questo post inauguriamo una collaborazione – che porterà a frutti diversi e saporiti, ma ne parleremo a suo tempo – con il BLEND Whiskybar di Castelfranco Veneto: si tratta di una realtà nuova di pacca, dato che hanno inaugurato lo scorso settembre, ma che sta avendo un successo strepitoso e che fa dell’hashtag #whiskyrevolution il suo marchio di fabbrica. Per darvi un’idea, oltre ad una bottigliera con oltre 300 etichette di whisky aperti, ci sono diverse liste con twist su drink classici – tutti a base whisky, naturalmente. Avremo modo di tornarci sopra, in futuro: intanto, a partire da questo mese i ragazzi del BLEND, guidati dai barman Dario e Daniele che si alterneranno nelle preparazioni, avranno una sorta di rubrica fissa sul nostro sito, fornendoci una ricetta a base scotch a cadenza mensile – ma non sarà così semplice, perché risponderanno sempre a una nostra proposta di base, che talvolta potrà essere un po’ provocatoria. Questo mese inauguriamo con un drink a base… rullino i tamburi… Tobermory 10 anni!

A risponderci è Dario Cerantola.

MULLEVARDIER

 

Ingredienti

Tobermory 10 anni – 4cl
Vida mezcal – 2cl
Oscar.697 vermouth rosso – 1.5cl
Bitter Martini – 1.5cl
Bitter al cardamomo – 2 dashes
Affumicatura cherry oak

Raccogliamo la sfida Tobermory!
Nel nostro Mullevardier cerchiamo di esaltare la vivacità e la piccantezza di questo single malt conferendogli una dolce fumosità accompagnata da zenzero, cannella e banana dati dal Vida Mezcal… Il tutto irrobustito da un Vermouth dalle spiccate note di rabarbaro e liquirizia in contrasto ad un delicatissimo bitter speziato e floreale. Conferiamo una nota lunga in chiusura con qualche goccia di bitter al cardamomo. Il valzer al naso ce lo giochiamo con un’affumicatura dolce di cherry oak. A voi il giudizio!

Ledaig 11 yo (2005/2017, Signatory Vintage ‘CSC’, 57%)

Durante lo scorso Freak Show dicembrino abbiamo aperto questo single cask di Ledaig, versione torbata di Torbermory, distilleria dell’isola di Mull. Negli ultimi tempi si trovano in giro sempre più barili di Ledaig, soprattutto delle distillazioni di inizio / metà anni 2000, e gli appassionati stanno iniziando a celebrare la qualità di un produttore che fino a qualche tempo fa era relegato al contenitore delle cose bizzarre: in questo caso è Signatory Vintage ad aver messo in vetro un barile ex-sherry invecchiato 11 anni. Nessuna colorazione artificiale, gradazione piena a 57%.

N: impressionante. Ha note di peperoncino Chipotle (o di Habanero Chocolate), a testimoniare la compresenza di una nota di peperone, vegetale e acida, e di una torbatura intensa. Salsa barbecue e pancetta fresca. La cosa pazzesca e davvero spiazzante è che insieme a tutto ciò c’è anche un massiccio apporto della botte sherry, con uvetta, ciliegia macerata sotto spirito; anche un panettone artigianale, stracolmo di burro. Scorza di arancia?, o forse rende meglio l’idea dell’insieme la suggestione del panforte. Ha in generale una ‘grassezza’ davvero potente, di cioccolato, di toffee, di butterscotch. Ad aggiungere complessità, una nota di mix di erbe aromatiche per arrosti (timo? rosmarino?), e pure un po’ di pepe nero. Eccellente. Ah, cavolo, dimenticavamo: la torba è marina, è catramosa, profonda, aggressiva. L’acqua apre ulteriormente sulla carne: stecchette di maiale secco. Carruba, ulteriore, e anche una tonalità medicinale, torbata, da antisettico, da pasta per dentista.

P: esplosivo, deflagrante, complessissimo. Ha una nota iniziale, evidentissima, che ci ricorda una grigliata, col grasso di maiale che cola sulle braci e la salsa barbecue (o la Worchestershire, oppure ancora indiscutibile è un sentore di Tabasco Chipotle) vicina ad addolcire… E tabasco, e ancora peperoncino. Stando sulla dolcezza, rileviamo ancora una dolcezza in crescita, con frutta rossa (ciliegia e uvetta) ancora molto pesante, macerata, sotto spirito. Ancora erbe aromatiche, ancora il peperone: e l’acqua acuisce questa dimensione, con un peperone mai così evidente in un bicchiere di whisky. L’alcol diminuisce in aggressività ma non si perde neppure una dimensione di sapore.

F: in evidenza l’anima più wild, con tanta cenere, tanto peperone, una carne infinita… E un fumo devastante

Equilibrato nella sua sfrontatezza, nel saper coniugare sentori apparentemente incoerenti. Trovano un’inaspettata sintesi note piccanti e vegetal-torbate e la dolcezza liquorosa della frutta rossa di botte, e la dimensione più greve è sempre bilanciata da una freschezza di fondo. Semplicemente: molto buono. 91/100.

Sottofondo musicale consigliato: New Order – Shellshock.

Tobermory 20 yo (1994/2015, Cadenhead’s, 57,8%)

In questi giorni che annunciano malinconici la fine delle vacanze ci piace pubblicare recensioni di single cask selezionati da imbottigliatori indipendenti. Siamo fatti così, che ci volete fare. Abbiamo iniziato con l’italiana Silver Seal, per poi passare a Cadenhead’s,  storica realtà scozzese che quest’anno festeggia i 175 anni di attività con una serie di barili da panico. Noi, più modestamente ci siamo bevuti questo Littlemill 24 yo del 2016 e oggi retrocediamo di un anno andando sull’isola di Mull, appena sopra la ben più celebre Islay, dove la Tobermory produce whisky indisturbata da circa 200 anni. Spesso questa distilleria mostra un carattere arcigno, con un distillato pungente e molto particolare, fieramente spigoloso. Vediamo se da questo barile di sherry è scaturito il classico ‘impegnativo’ Tobermory.

W193_67351N: l’alcol non è pervenuto, e come prevedibile, ci si trova di fronte a un profilo “o lo ami o lo odi”. Ci sono in particolare due note, due mondi che emergono nitidi nella loro ‘sporcizia’: da un lato una componente sulphury, metallica, ruginosa, molto netta ed evidente; dall’altro, una dimensione costiera (aria di mare sferzante, aria di porto) ancora più urlata, intensissima. Sotto a queste guglie aromatiche, un’architettura di frutta rossa, anch’essa molto intensa, ma fresca, matura e succosa: ciliegie, duroni, more. Un sostrato appena accennato di polvere di caffè.

P: ripropone perfettamente questa impossibile ma felice fusione tra una frutta rossa intensa, intensissima anzi, ed un lato sporco, sulfureo e metallico, altrettanto deciso – e però rispetto al naso, forse, tra i due litiganti gode di più la frutta… Dunque ancora ciliegie, confettura di frutti di bosco, prugne nere succosissime; anche del cioccolato. E poi, appunto relativamente defilato, anche il metallo.

F: rimane a lungo quel concertone di frutta rossa e nera che sovrasta tutto, persino quel lato sulphury così presente al naso.

Siamo di fronte all’ennesima eccellente selezione per un imbottigliatore che, ne abbiamo conferma, non sbaglia quasi mai. Molto buono e, anche se certamente deve piacere lo stile così particolare, al palato difficilmente risulterà poco accattivante. Noi ci assestiamo su un massiccio 90/100, ma ad ogni modo corre voce che uno dei due organizzatori del Milano Whisky Festival, perentoriamente detto Il Gerva, se ne sia stipata una cassa, per dire.

Sottofondo musicale consigliato: Eric ClaptonChange the world

Piove whisky (anche d’estate)

Schermata 2016-07-27 alle 11.40.22Clynelish 13 yo (1992/2005, Ian McLeod’s Dun Bheagan, 46%)

La nostra cara Clynelish tradisce raramente: e infatti il naso è un bel lecca lecca di fragola e cera, al palato esplodono burro e panna cotta… E cera e frutti rossi sono ancora lì. Davvero un bel sogno burroso, che si merita tutto il suo 86/100.

Schermata 2016-07-27 alle 11.36.59Bladnoch 20 yo Cask Strength (1993/2013, OB, 55%)

Burro, erba tagliata, frutta gialla, limone… Al palato riesce ad essere sia cremoso che molto vegetale, paradossalmente nudo e davvero molto intenso. Sembra di stare su un prato, con la spiga in bocca, una torta paradiso e una bella donna. Cosa volete di più dalla vita? Beh, magari non quest’etichetta… 88/100

Schermata 2016-07-27 alle 11.41.20Ichiro’s Malt Double Distilleries (2015, OB, 46%)

Miscela di Hanyu e Chichibu: spaventosamente intenso, mirabilmente fruttato… Mostra benissimo la qualità dei malti di partenza, in un panorama che, a livello di descrittori, ricorda un tripudio di botti ex-bourbon: banana, frutta gialla, vaniglia, note di burro. Buono buonissimo. 87/100

tobermory19_drumlanrigTobermory 19 yo (1994/2013, Douglas of Drumlanrig, 46%)

Sporco sporco, non troppo carico ma pieno di spigoli, esibisce tutte le asperità dell’Isola di Mull e del suo distillato; sia al naso che al palato resiste una nota metallica molto peculiare che talora pare prendersi fin troppo spazio; per il resto, molto erbaceo e maltoso, con un’anima di uvetta. Non la vorreste anche voi un’anima di uvetta? 82/100

Tobermory 18 yo (1994/2013, Wilson & Morgan, 54,3%)

Tobermory è l’unica distilleria dell’isola di Mull, a nord di Islay, e dall’anno remotissimo della sua fondazione, il 1798, ha avuto una storia caratterizzata da continue chiusure e riaperture. Il tutto senza che il pianeta ne risentisse poi più di tanto. La distilleria produce anche distillato torbato, che imbottiglia col nome di Ledaig, e che come il suo cuginetto sembra oscillare tra imbottigliamenti davvero speciali e altri davvero dimenticabili. In questo caso il finish in una botte di sherry Pedro Ximenez, scelto per la serie ‘Barrel Selection’ di Wilson & Morgan, cosa ci regalerà?

87N: alcolico e affilato. Superata questa prima barriera, c’è un nuovo ostacolo: un muro di aromi di roba andata, tra la carne, il dado e il marsalato. Suggestioni di verdura cotta si fondono a pesanti legnate zuccherose e sherrose producendo un effetto molto strano, quasi straniante. Si tratta di un naso caldo, dove il finish si fa sentire ed emergono anche note maltate e un po’ di frutta rossa sotto spirito (ciliegie). Arance rosse. Noce moscata e un po’ di legno umido di botte.

P: l’alcol è leggermente meno aggressivo che al naso; si prosegue il percorso ardito del naso, solo meno sporco e più aranciato. Ancora carnoso ad ogni modo. Sembra a tratti metallico e tragicamente melassoso, come un rum dappoco. Brioche non fresca. Forse c’è qualcosa di cremoso, ma comunque senza troppo spessore. Fanta e frutta nera (mora).

F: si mantiene aranciato e vegetalmente maltoso. Sapore di alcol e ancora quel senso di metallo.

La domanda finale del cappello introduttivo purtroppo trova una risposta a nostro parere davvero a senso unico: questo Tobermory è pieno di spine, di particolarità spinte e sorprese spiazzanti, ma molto probabilmente non rimarrà tra i ricordi più piacevoli della vostra esistenza. Intendiamoci, non si può certo dire che sia un whisky scialbo o privo di personalità; anzi l’incrocio con il Pedro Ximenez sembra aver prodotto una creatura contronatura, un Frankenstein alcolico che di certo non passerà inosservato nel bicchiere. E non escludiamo nemmeno che certe palati possano essere affascinati da un profilo così importante. Per noi invece è 76/100.

Sottofondo musicale consigliato: The BeatlesAcross the universe

 

Tobermory 1972/1995 ‘De viris illustribus’ (Moon Import, 50%)

Dobbiamo mettere le mani avanti: questa recensione sarà molto lunga. Scusandoci già coi nostri ventisei lettori, promettiamo di essere rapidi nella premessa: e dunque, oggi assaggiamo una delle bottiglie più belle che ci siano mai capitate a tiro, ovvero un Tobermory del 1972 (anno magico del whisky, secondo Serge) imbottigliato nel 1995 dall’imbottigliatore italiano Moon Import (leggi: Pepi Mongiardino) nella serie ‘De viris illustribus’. L’etichetta è magnifica, e d’altro canto proprio Moon Import, con le sue serie di cinque/sei imbottigliamenti uniti da coerenza d’etichetta, ha imposto fin dagli anni ’80/’90 un modello di stile, oggi molto imitato (si pensi ai prodi tedeschi di Whisky Agency, ad esempio): a dimostrare una volta di più che gli italiani, quanto a gusto, non hanno rivali. Assaggiamo una bottiglia storica, perché qualche anno fa si è guadagnata un votone su whiskyfun: ed essendo Tobermory una distilleria non propriamente quotata tra gli esperti, la cosa ha fatto sì che le poche bottiglie rimaste in circolazione siano sparite subito, e a caro prezzo. Noi dobbiamo ringraziare Giuseppe del Milano Whisky Festival, che ne ha aperta una bottiglia alla scorsa riunione di Ospitaletto. Quindi: grazie, Giuseppe!

Schermata 2014-06-20 alle 11.09.23N: facile capire perché questa bottiglia sia nel mito: ti mette alla prova e quasi ti sfida a entrare nel suo mondo proteiforme. A livello generale, il pattern principale è di whisky estremamente fruttato e ‘dolce’, ma questo tema, già vario, intenso e levigato, è impreziosito e innalzato a livelli inusitati da una punta ‘sporca’, torbata e speziata, veramente eccezionale. Tutto è assieme, ma noi andiamo con ordine: si diceva di un bel cestone di frutta, intensa e succosa (albicocca, pesca, mela rossa; ma anche fichi secchi), ma troviamo anche marmellate, sciroppo d’acero, brioche e un gran miele. Poi la torba, che si sostanzia in lieve nota d’affumicato misto a un che di terroso, di pepe nero, di cenere di brace; poi ancora cera (sia candela che cera d’api), che nel complesso pare condurre quasi al farmy (pare di annusare un campo di grano…). Infine, un che di legno, con punte speziate ed erbacee (menta ed eucalipto secchi; cannella?). Insomma, un naso clamoroso: purtroppo la scrittura impedisce di rendere l’idea della simultaneità nervosa ma armonica di tutte queste suggestioni…

P: anche qui, andiamo prima di descrizione generale, perché la particolarità la esige. L’ingresso è ultradiscreto, anche nel corpo, e mette in evidenza il malto, ancora molto cerealoso e in più – inaspettatamente – molto limonoso; fin da subito una torba terrosa, affumicata e pepata. Ottimo, ma una domanda: e dov’è finito tutto il resto? La risposta, pochi istanti dopo; proprio inghiottendo esplode di nuovo tutto il lato fruttato, e continua a pulsare per secondi, quasi come un mal di denti: ancora frutta gialla a valanghe, un sacco di miele, mentre continuano le scorribande di un pepe raramente così acceso ma al contempo così integrato e poco urtante: esattamente come la torba ed il legno speziato (ancora cannella menta eucalipto). Fumo in aumento, che…

F: …si prende definitivamente la scena in un finale orgasmico e infinito, tra generose manciate di pepe e sommosse d’un malto d’antan (?).

Non sappiamo dire se sia opportuno spendere altre parole; forse l’unica cosa che va ribadita è che si tratta di un malto estremamente sfaccettato, affabile e nervoso, austero e morbido, intenso e beverino. Ci ricorda il profilo di certi Brora, e con questo abbiamo detto tutto; ah no, manca il voto: 95/100, e per oggi chiudiamoci in un rispettoso silenzio.

Sottofondo musicale consigliato: TrafficGlad.

Ledaig 10 yo (2012, OB, 46,3%)

Stiamo finendo le nostre italian sessions, per ora; abbiamo deciso di assaggiare un whisky che manca nella nostra lista, ovvero un Ledaig, la versione torbata della (non molto) quotata distilleria dell’isola di Mull, Tobermory. Nello specifico, abbiamo deciso di assaggiare un Ledaig del 1997 imbottigliato nel 2011 da High Spirits, storico marchio dietro cui si cela Nadi Fiori (di cui Davide ci parla un poco qui); siccome ci piace far paragoni, abbiamo pensato di sfruttare l’occasione per confrontarlo con un Ledaig ufficiale, il 10 anni di recente rilanciato. Buona norma vuole che i più giovani vengano seccati prima, e quindi, via: secchiamo ‘sto 10 anni. Il colore è dorato chiaro.

ID-ledaig-10-newN: avviso ai naviganti: qui siamo nel bel mezzo di un “o lo ami o lo odi”, e la soggettività sarà determinante. Ad accoglierci c’è una coltre acre di torba molto ‘organica’ (non molto affumicato, però), di stalla, dado, carne di maiale… Una nota iodata. Poi, ecco un altro protagonista, il malto: molto giovane e acerbo, con note di cereale macerato e lievito (ci viene in mente il porridge). Distinta, una traccia di scorza di limone, mentre l’unica altra suggestione fruttata è un che di new-makeish, zuccherino e candito: ma per trovarlo, bisogna impegnarsi… Col tempo – ma tanto tempo -, si apre un poco verso note diciamo vanigliate, biscottose, e decisamente diventa più rotondo.

P: qui si rientra nell’alveo dell’ordinario, con un gradevole profilo più tipicamente da “torbato”: l’affumicatura cresce, con acri note torbate intense, ma meno ‘urtanti’ che al naso. Ci sono ancora intense tracce di cereali (muesli) affiancate – questa volta – da una dolcezza zuccherina (zucchero di canna) piuttosto intensa e quasi cremosa.

F: non lunghissimo, su muesli, zucchero di canna, ‘gas di scarico di macchina’, che detto così pare brutto ma in realtà è meno spiacevole di quel che si pensi.

Con tempo e un po’ d’ossigenazione decisamente si arrotonda un po’, soprattutto al naso, che comunque resta ostico e senz’altro molto particolare. Il whisky più simile (relativamente) che ci è capitato di assaggiare è senz’altro il Longrow, ma comunque anche quest’ultimo è piuttosto distante e meno ‘organico’. Onestamente, ne abbiamo apprezzato la diversità e senza dubbio ne consigliamo un assaggio (secondo noi, alcuni potrebbero impazzire), ma non ci sentiamo di perdere la testa per questo imbottigliamento, che resta piuttosto semplice. A voler dire una sciocchezza senza rete, però, siamo ora curiosi di assaggiare versioni più invecchiate; probabilmente il tempo in botte influirà su certe asperità ‘giovanili’ e aggiungerà complessità, e chissà che non si arrivi a vette – per intenderci – broresche… Ma forse è solo un sogno. Il voto, comunque, sarà di 79/100, e Serge (che parla di “farmiest peat ever”) la pensa così. Grazie a Luca per il sample!

Sottofondo musicale consigliato: Guns N’ RosesCivil War.